La sfida urbana

rigenerazione-urbana-bioeconomica

La sfida della nostra società è cambiare il paradigma culturale che guida gli stili di vita degli abitanti nelle città esistenti. Una sterminata letteratura straniera parla di rigenerazione urbana, ma gli interventi di trasformazione realizzati in occidente hanno avuto conseguenze contraddittorie. Spesso hanno fatto prevalere gli interessi degli investitori e innescato processi di gentrificazione, sostituendo l’identità dei luoghi con persone più ricche e hanno cambiato gli stili di vita delle persone, limitandosi a cambiare l’aspetto dei quartieri. Viviamo nell’epoca urbana e le città italiane continuano ad essere luoghi ignorati dalla classe dirigente e mal pianificati. Nei pochi interventi urbani che si realizzano, i meccanismi economici delle trasformazioni escludono i ceti più poveri preferendo quelli economicamente più forti, mentre le città continuano a sprecare energie contribuendo a distruggere le risorse finite del pianeta, e lasciando un pianeta peggiore alle future generazioni. Abbiamo una sola certezza: l’aumento degli individui nelle aree urbane con stili di vita consumistici produrrà un aumento dell’impronta ecologica. Per rimediare a ciò è necessario un lungo e consapevole percorso nel ridurre gli sprechi (consumi inutili) e nel ridurre la dipendenza dagli idrocarburi. Questo percorso può funzionare solo col sostegno di politiche pubbliche e solo condizionando gli editori dei media che hanno una grande responsabilità politica attraverso la pubblicità.

Il territorio italiano si caratterizza con insediamenti urbani vulnerabili: disordine urbano; densità; scarsa accessibilità; carenza di servizi; disoccupazione ed esclusione sociale; dipendenza dagli idrocarburi; rischio sismico e idrogeologico; ciclo vita degli edifici. In Italia esistono 611 Sistemi Locali del Lavoro individuati dall’ISTAT.

Le comunità esistenti nelle aree urbane stanno perdendo la sfida di rigenerarsi per ragioni culturali. La popolazione non conosce l’urbanistica e non partecipa alla vita di comunità, è psico programmata dalla religione capitalista che ha saputo diffondere egoismo, apatia, nichilismo, ignoranza funzionale e di ritorno, favorendo la regressione della specie umana, oggi facilmente guidata dai capricci indotti dalla pubblicità.

Inoltre le istituzioni locali, Comuni e Regioni, sono del tutto obsolete ad affrontare i cambiamenti sociali consolidatisi negli ultimi trent’anni. L’industrialismo abbandonava le città mentre i politicanti locali deliberavano obsoleti piani di crescita urbana attraverso le speculazioni per inseguire i capricci delle imprese, e in questo modo hanno fatto esplodere le città italiane favorendo la cosiddetta dispersione urbana (sprawl) e consumando inutilmente suolo agricolo. Eleggere Sindaci e Consigli comunali è inutile. sia perché gli individui vivono e consumano in un’area più vasta chiamata “sistema locale”, cioè un’area funzionale dove si sviluppano le relazioni sociali ed economiche, e sia perché la religione liberale ha esternalizzato la gestione dei servizi a società di profitto. I veri Sindaci delle città sono amministratori delegati di SpA. Una seria riforma dovrebbe eliminare poltrone politiche inutili osservando l’esistenza dei “sistemi locali”, introdurre e sperimentare forme di partecipazione popolare diretta, e riorganizzare la pubblica amministrazione per deliberare piani urbanistici bioeconomici e sviluppare bioregioni urbane da rigenerare. Cittadini e pianificatori dovrebbero sperimentare la democrazia per costruire le bioregioni urbane dentro i sistemi locali per rigenerarli. Gli attuali strumenti di pianificazione, frutto di Enti obsoleti, sono previsioni inutili sia perché sono ancora pensati nella speranza di far crescere l’area urbana convinti che un mercato possa assorbire un’offerta di immobili non richiesti, e sia poiché rispecchiano un limite territoriale amministrativo ormai anacronistico. Anche per questo motivo stiamo perdendo la sfida urbana.

Nella migliore delle ipotesi, politici illuminati potrebbero proporre piani intercomunali bioeconomici fra i comuni centroidi e le loro conurbazioni all’interno dei sistemi locali. E’ un processo fattibile poiché i Comuni hanno l’autonomia per promuovere unioni, consorzi e ridisegnare il proprio territorio proiettandosi verso una bioregione urbana e seguire il bene comune. Questo percorso politico virtuoso può diventare un tema politico per rigenerare aree urbane e territori. E’ percorso lungo, dove le persone in maniera consapevole avviano processi di rigenerazione morale, politica e quindi urbana.

Pensiamo ad un esempio concreto: il sistema locale salernitano. La città capoluogo (comune centroide) ha una popolazione di circa 135.000 abitanti, mentre il SLL salernitano è costituito da 22 comuni con circa 500.000 abitanti. La nuova struttura urbana, la nuova città, è costituita dal comune centroide e le sue conurbazioni, e conta 11 comuni con circa 300 mila abitanti; ed è l’ambito territoriale da amministrare e gestire con un piano regolatore generale bioeconomico. I Piani urbanistici di questi comuni sono del tutto obsoleti di fronte agli stili di vita degli abitanti, e così c’è una sistematica carenza di servizi, dalla mobilità ai servizi di quartiere, dal consumo del suolo agricolo all’inquinamento, dalla disoccupazione alla qualità di vita. Per conoscere le difficoltà di un’area del Sud come Salerno, dobbiamo osservare e pensare in funzione del cambiamento culturale, e cosi non solo conoscere e analizzare il territorio con gli occhi della bioeconomia, ma possiamo anche osservare i nuovi indicatori come il Benessere Equo e Sostenibile. E’ con questo approccio che si produce nuova occupazione utile e restituisce vitalità ai luoghi urbani applicando i principi costituzionali di tutela e di valorizzazione del proprio patrimonio storico e ambientale.

bioeconomy-figure

Annunci