Un danno economico incalcolabile: l’assenza di una scuola politica.

Quotidianamente, da decenni, siamo abituati a lamentarci della nostra classe dirigente e puntualmente, al momento delle elezioni, diamo il nostro consenso proprio a quella categoria di persone che disprezziamo. Mi pare ci sia una “psicosi collettiva” che coinvolge la maggioranza degli italiani, da ricercare nel processo di infantilizzazione innescato dal sistema capitalista. Gli adulti-bambini si lagnano senza fare alcun che di concreto per cambiare la società in meglio. E’ in crisi tutto l’Occidente che danneggia se stesso affidandosi a soggetti politici autoritari e teleguidati dall’élite dominante, che seleziona i mediocri per inserirli nelle istituzioni pubbliche.

In alcuni paesi esistono scuole pubbliche per formare la classe dirigente, in Italia, anni fa i partiti di massa (DC e PCI) avevano scuole interne per studiare la Costituzione e la linea del proprio partito.  La partecipazione politica si esprimeva attraverso questi organismi, ma oggi sono disprezzati dalla maggioranza degli italiani poiché nel corso dei decenni le persone che li organizzano e li frequentano hanno scelto di sfavorire la libera partecipazione, di eliminare una vera democrazia interna e preferito una condotta immorale per promuovere interessi personali, familiari e di specifiche imprese. La cultura capitalista che promuove egoismo e competitività ha saputo introdurre una buona dose di avidità ed ha logorato, col tempo, il ruolo della rappresentanza e del mandato elettorale attraverso la scelta di camerieri manovrabili (i mediocri) e la pubblicazione, sui media amici, di scandali ad orologeria sempre più grandi per colpire il nemico di turno.

Considerando la degenerazione che ruota intorno a noi, oggi sarebbe improponibile e anacronistico il modello partito, ma rimane il danno politico più grande che si possa pensare: l’assenza di una classe dirigente dignitosa, preparata, indipendente e capace di interpretare la transizione che stiamo vivendo. Mancando i partiti tradizionali di massa, mancano i luoghi fisici dove un cittadino appassionato possa fare politica liberamente. Scomparendo i luoghi della partecipazione politica, emergono i gruppi politici autoritari e auto referenziali espressione dell’egoismo e della società liquida descritta da Bauman. I soggetti politici italiani più votati (Forza Italia, Lega, M5S) sono di natura leaderistica, privatistica, dove emergono capi mediocri, e non i capaci e i meritevoli. Anche il Partito Democratico, degenera in un luogo auto referenziale. Il Paese naviga a vista non perché non esistano persone capaci e responsabili, ma perché non esiste un’organizzazione politica nazionale, sinceramente democratica, e capace di rappresentare i valori costituzionali e affrontare le disuguaglianze presenti in Italia, e le sfide che coinvolgono il popolo italiano. Appare inutile affidare ai partiti attuali PD, PDL, IDV, Lega poiché hanno dimostrato di non pensare al bene comune, ma di portare avanti gli interessi particolari delle SpA. La “novità” M5S ha il grave difetto di non essere democratica e trasparente, e a guardarlo bene, con gli occhi della scienza politica, perde anche l’aggettivo nuovo, poiché funziona esattamente come tutti i partiti contemporanei (modello Easton del comportamentismo). Questo partito si alimenta dell’ingenuità e delle emozioni delle persone in buona fede, sfrutta le difficoltà altrui per raccogliere un consenso elettorale ma impiega individui privi di una propria autonomia di pensiero dentro le istituzioni, per essere manovrati da una azienda privata. Il M5S funziona proprio come Forza Italia, sfrutta gli opportunisti, piuttosto che attrarre persone libere e talentuose, ed ha l’aggravio di essere intollerante nei confronti di persone meritevoli e capaci. Le relazioni interne si basano sulla lealtà verso il proprietario e sul conformismo, si usa la delazione per delegittimare le persone libere; non ha valori politici ma una mentalità. Credere che un soggetto autoritario, non trasparente e non meritocratico, possa essere lo strumento del cambiamento è tipico degli ingenui, aumenta i danni socio-economici del Paese e non costruisce un futuro sano per le generazioni che verranno. La risposta alla crisi delle rappresentanze politiche è tutta da costruire, e c’è una sola certezza: dovrà essere democratica, proponendo una visione politica oltre le vecchie categorie del Novecento ma risvegliando il socialismo utopico e partendo dalla bioeconomia.

Il popolo dovrebbe pretendere la nascita di una scuola politica pubblica, ove chiunque possa iscriversi e successivamente decidere di spendere una parte della propria vita nelle Istituzioni locali e nazionali. Non dovrebbe essere una scuola di burocrazia come potrebbe apparire dal nome, ma una scuola di creatività che ripensi le istituzioni a servizio del cittadino e non per asservire le SpA. Questa rivoluzione culturale richiede tempo, capacità, e risorse umane specializzate che si mettano a servizio della comunità.

Il centro direzionale del potere è stato trasferito dai parlamenti nazionali all’UE, e dall’UE a organizzazioni sovranazionali private, usurpando la titolarità giuridica della sovranità che risiede nelle mani del popolo. Un processo lento di rifeudalizzazione della società, che ha annichilito la democrazia rappresentativa e usurpato i popoli europei nel proprio diritto di partecipare la processo decisionale della politica. L’UE è un’organizzazione non democratica sta mostra al mondo intero cosa è capace di fare un’élite borghese liberista e degenerata.

Il periodo storico che stiamo vivendo richiede forze, risorse, capacità appropriate per restituire la democrazia al popolo, e pertanto si rende necessario progettare istituzioni capaci di immaginare comunità autosufficienti e veramente libere, applicando principi e comportamenti opposti alla diseducazione che viene inoculata nelle scuole e nelle università. Se i dogmi attuali sono: aggressività, competitività, crescita, avidità è banale ritenere che bisogna divulgare cooperazione, reciprocità, creatività, sostenibilità. Da una società monetarista bisogna passare a comunità consapevoli eco-efficienti, eco-sufficienti con l’uso delle tecnologie alternative, ormai mature e pronte all’uso, per avviare la transizione energetica. I poteri decisionali devono passare dalle mani di un’oligarchia inumana, alle mani del legittimo proprietario: il popolo sovrano.

Tale obiettivo può essere raggiunto solo con un’organizzazione preparata, pronta, capace e responsabile; consapevole della strada da percorrere e pronta a cambiare regole e leggi usando le giuste leve per tendere all’obiettivo generale. Una sfida del genere dovrebbe coinvolgere tutte quelle menti indignate e preparate che sono presenti anche in Italia, accomunate da valori condivisi e rispettose delle diversità altrui. Finora, in Italia, hanno prevalso l’ego e l’immaturità degli individui lasciando il paese allo sbando e al declino che stiamo assistendo, rimanendo cinicamente spettatori dei danni quasi irreversibili alle generazioni future.

La distruzione del Paese può accelerare facendo eleggere persone inconsapevoli che firmano atti immorali senza leggerli e legittimano i reati commessi da altri. Un colpo di spugna che assolve le responsabilità altrui e sporca le mani dei nuovi governi.

in “Qualcosa” che non va, pag.171

[…] In Italia abbiamo ascoltato sconcezze di ogni genere poi verificate con semplici domande ben documentate. L’ignoranza diffusa sulle conoscenze scientifiche dimostra l’incapacità di valutare di fronte ad evidenze sconcertanti come il caso dei rifiuti. E la maggioranza del popolo non è in grado di valutare neanche le scelte energetiche.

Valutare è uno sforzo di riflessione orientato a riconoscere il valore di oggetti e azioni: valori propri, in sé, e valori relazionati a contesti e processi. In questo sforzo un ruolo importante è svolto dalla comparazione. Comparare significa esercitare il giudizio personale, seguire convenzioni, applicare norme, testare ipotesi in modo libero o vincolato.[1]

Per questa ragione è doveroso un percorso di conoscenza condivisa affinché si possano riprendere le elementari basi civili dettate dalla Costituzione e da un cultura figlia di un approccio olistico[2], libero e non condizionato dal potere invisibile. Vi sono strumenti efficaci come l’open space technology[3]per raggiungere obiettivi che hanno permesso di avviare progetti creativi con ampia partecipazione. La scienza dell’organizzazione sembra essere il tallone di Achille dei popoli ma internet è lo strumento che può aiutare le comunità per condividere esperienze e conoscenze altrui. La rete di internet è più di un semplice specchio della società, è una realtà virtuale che può dare una visione futura del mondo poi, saranno i cittadini a scegliere in che società vivere, continuare con l’attuale: immorale e nichilista, o una diversa poggiata sullo scambio, sul dono, sulla cooperazione e sulla reciprocità?


[1] DOMENICO PATASSINI, in Valutazione dell’impatto ambientale, a cura di VIRGINIO BETTINI, UTET 2002, pag. 22
[2] La posizione filosofica dell’Olismo (dal greco “holon”, cioè tutto) è basata sull’idea che le proprietà di un sistema non possano essere spiegate esclusivamente tramite le sue componenti. Relativamente a ciò che può essere chiamato olistico, per definizione, la sommatoria funzionale delle parti è sempre maggiore/differente della somma delle prestazioni delle parti prese singolarmente. Un tipico esempio di struttura olistica è l’organismo biologico, perché un essere vivente dato, in quanto tale, va considerato sempre come un’unità-totalità non esprimibile con l’insieme delle parti che lo costituiscono.

[3] L’Open Space Technology è una metodologia che permette, all’interno di qualsiasi tipo di organizzazione, di creare workshop e meeting particolarmente ispirati e produttivi. È stato sperimentato negli ultimi vent’anni in differenti paesi del mondo, impiegato nella gestione di gruppi composti da un minimo di 5 a un massimo di 2000 persone, in conferenze della durata di una, due o anche tre giornate.

Annunci

Tutti a scuola

Prima o poi i nodi vengono al pettine, come dice un detto popolare! Eccoci qua, i gruppi élitari sconosciuti ai popoli, ma notissimi a chi segue attentamente la politica stanno portando avanti la propria agenda politica: le tecnocrazia senza legittimità politica come nelle peggiori dittature.

Oggi, un amico mi chiedeva: hai letto l’ultimo libro di Rifkin? R: Quale quello sull’empatia? No, un altro, molto interessante che parla di come internet e la democrazia possano cambiare il mondo. Davvero? Dico io, bhé Rifkin ha fatto ultimo, non c’era bisogno che egli raccontasse l’ovvio. Allora interrompo il racconto interessante del mio amico e gli mostro il “programma politico” che stiamo attuando. Apro un libro di filosofia del terzo anno di liceo, Logos, Einaudi scuola, 2005, e leggo a voce alta a pag. 40:

Tra Oriente e Magna Grecia: le prime indagini filosofiche. La città stato. Nel secolo VIII a.C. il territorio greco è caratterizzato dalla presenza di città-stato (poleis) politicamente indipendenti, dove si affermano forme di governo aristocratico. A differenza di quello che accade nelle monarchie incentrate intorno al palazzo-tempio, il potere non si raccoglie più nelle mani di un solo individuo, il monarca, ma è controllato da un gruppo, sia pure ristretto, di cittadini di ceto elevato. grandi proprietari terrieri. All’interno delle poleis, per la prima volta nella storia degli uomini, si afferma l’idea che gli affari di interesse generale possono essere discussi e le decisioni al riguardo deliberate nell’ambito di un pubblico dibattito, aperto a tutti (ovvero a tutti quelli che godono del diritto di cittadinanza), nel corso del quale le diverse posizioni si confrontano sulla base di ragionamenti argomentati. All’insindacabile giudizio del monarca si sostituisce la molteplicità di pareri, la discussione, la scelta comune tra ipotesi diverse se non opposte. Lo spazio che si apre così al confronto, al libero esercizio della parola, alla riflessione, favorisce lo sviluppo di  nuove forme di sapere. Acquista prestigio chi si dimostra in grande rendere conto delle opinioni, di valutare le alternative in gioco mettendone in luce le implicazioni, di fare riferimento se necessario a situazioni analoghe, già sperimentate. La figura del sapiente, già incarnata dal mago, dall’indovino, dal poeta, si trasforma lentamente in quella del filosofia, cioè di uomo che indaga la realtà usando gli strumento della ragione.

Questi cambiamenti si verificano in primo luogo nelle colonie ioniche (nelle città costiere dell’Asia Minore e nelle isole vicine), quindi nelle colonie della Magna Grecia. Perché nelle colonie? Probabilmente perché i fondatori di nuove città, pur facendo riferimento al modello della madrepatria, sono costretti a fare i conti con il “vuoto” che sta loro innanzi, cioè la mancanza di strutture di ogni genere. Essi provengono da città già “costruite”, dove gli edifici, pubblici e privati, sono disposti secondo un ordine nello spazio e dove gli uomini convivono sulla base di regole definite. Qui, nei nuovi territori, bisogna inventare, dare forma visibile a tutto ciò che serve alla vita comune: i confini e la mappa fisica della città, le leggi, la regolamentazione dei rapporti sociali e delle attività economiche. E’ un’esperienza che stimola a ripensare il passato e a guardare in modo creativo il futuro. Anche il contatto con altri popoli e cultura favorisce negli ambienti delle colonie un maggiore dinamismo rispetto alle città di origine, che hanno meno stimoli a mettere in discussione la mentalità e gli usi tradizionali.

Un nuovo modo di sapere. Al tempo stesso, il contatto con comunità “altre”, estranee e diverse, induce ad affrontare il problema della propria identità e della propria collocazione in mondo più vario, ricco e complesso di quello fino allora conosciuto. Accanto alle antiche, inesauribili domande sull’origine e il destino degli uomini, sorgono nuovi interrogativi nel tentativo di comprendere come mai il mondo, nonostante le differenze e le trasformazioni che lo attraversano incessantemente, appare come un tutto unitario. […] Le prime manifestazioni di un nuovo tipo di sapere, che si basa sull’analisi razionale e che ha per oggetto la realtà intera,hanno luogo appunto nelle colonie greche della Ionia e della Magna Grecia tra i secoli VII e VI.

E’ ovvio che ai popoli di oggi non serve il potere dei pochi ma la democrazia, ciò che dobbiamo copiare è l’atteggiamento positivo e sperimentale per riprenderci le vite.

Sembra il programma politico di Anonymous, di Occupy Wall Street, o degli Indignados spagnoli. Comunque è ciò che stiamo facendo da circa 5 anni con ParmainMoVimento. Le analogie sono impressionanti ma è ciò che serve al mondo: ripensare la società e la democrazia migliora le persone.

Il merito…

Se persino una piccola parte dell’élite fa autocritica, cosa dovrebbe dire il popolo? La lettera pubblicata da “La Repubblica”, giornale dell’élite, di Pier Luigi Celli direttore di un’università privata, la LUISS, scritta a suo figlio chiedergli di lasciare il Paese è davvero sconfortante. Il padre benestante facente parte del sistema che governa e conosce il sistema invita il figlio a lasciare l’Italia. Che il sistema Italia non usi il merito lo sanno tutti gli italiani e di certo non doveva spiegarcelo Celli. Ma l’argomento è sicuramente degno di nota.

La domanda da porci è un’altra perché i giovani non buttano giù dalla torre i loro padri? Perché non scoppia la rivoluzione?

Passi salienti della lettera:

Questo è un Paese in cui, se ti va bene, comincerai guadagnando un decimo di un portaborse qualunque; un centesimo di una velina o di un tronista; forse poco più di un millesimo di un grande manager che ha all’attivo disavventure e fallimenti che non pagherà mai. E’ anche un Paese in cui, per viaggiare, devi augurarti che l’Alitalia non si metta in testa di fare l’azienda seria chiedendo ai suoi dipendenti il rispetto dell’orario, perché allora ti potrebbe capitare di vederti annullare ogni volo per giorni interi, passando il tuo tempo in attesa di una informazione (o di una scusa) che non arriverà. E d’altra parte, come potrebbe essere diversamente, se questo è l’unico Paese in cui una compagnia aerea di Stato, tecnicamente fallita per non aver saputo stare sul mercato, è stata privatizzata regalandole il Monopolio, e così costringendo i suoi vertici alla paralisi di fronte a dipendenti che non crederanno mai più di essere a rischio.

Credimi, se ti guardi intorno e se giri un po’, non troverai molte ragioni per rincuorarti. Incapperai nei destini gloriosi di chi, avendo fatto magari il taxista, si vede premiato – per ragioni intuibili – con un Consiglio di Amministrazione, o non sapendo nulla di elettricità, gas ed energie varie, accede imperterrito al vertice di una Multiutility. Non varrà nulla avere la fedina immacolata, se ci sono ragioni sufficienti che lavorano su altri terreni, in grado di spingerti a incarichi delicati, magari critici per i destini industriali del Paese. Questo è un Paese in cui nessuno sembra destinato a pagare per gli errori fatti; figurarsi se si vorrà tirare indietro pensando che non gli tocchi un posto superiore, una volta officiato, per raccomandazione, a qualsiasi incarico. Potrei continuare all’infinito, annoiandoti e deprimendomi.

Per questo, col cuore che soffre più che mai, il mio consiglio è che tu, finiti i tuoi studi, prenda la strada dell’estero. Scegli di andare dove ha ancora un valore la lealtà, il rispetto, il riconoscimento del merito e dei risultati.

Bene, tutto vero ma non è un problema di adesso. Se proprio vogliamo migliorare il Paese è bene che i giovani facciano esperienze fuori di casa anche per diversi anni ma, è importante tornare per condividere le esperienze e cambiare il pensiero dominante. La crisi, è una crisi di coscienze.

Poi il discorso utopistico sulla meritocrazia può essere un punto di partenza ma di certo non si può immaginare di risolvere la questione morale dicendo di volere introdurre il merito e basta. I sistemi educativi italiani e non solo, sono tutti pianificati ad hoc per impedire lo sviluppo delle persone attraverso metodi valutativi immorali che addomesticano i pensieri dei ragazzi tramite scale di “non valori” come il voto. La maggior parte dei contenuti dei programmi “educativi” sono scelti appositamente per evitare una presa di coscienza per cui il “migliore”, sulla carta, dei laureati non necessariamente è una persona autonoma, libera e matura. E la cosa triste, è che le coscienze dei giovani non illusi dal sistema percepiscono questo aspetto alimentando insicurezze e danni culturali.

Le idee per cambiare il Paese non mancano, e neanche le capacità; manca il potere per farlo nel senso più ampio del termine. Per il momento, manca una massa critica consapevole per puntare l’indice contro il potere invisibile e demolirlo per costruire una società più equa e giusta di quella odierna. E’ necessario lavorare in tal senso ed informare, formare liberi cittadini, puri e duri.

Il popolo non può aspettarsi che la generazione comandante rinunci ai privilegi ottenuti in maniera illecita, per tanto il popolo deve trasformarsi da “bue”, “incivile” in liberi cittadini non divisi come spettatori di una partita di calcio ma uniti per il bene comune. Ci riusciremo?

Il documentario videocracy racconta il modello dominante della “non cultura” figlio del pensiero programmato dalle SpA amiche dei banchieri. Il pensiero dominante ha corrotto moralmente le giovani generazioni illudendole di arrivare ad un successo senza usare il cervello, senza leggere libri, senza impegnarsi. Si assiste allo svuotamento dello spirito umano, al nichilismo imperante. Quindi si hanno titoli comprati, competenze millantate, immagine, immagine, immagine…

Etica, “democrazia”, ricerca ed SpA.

Gli interessi delle corporation e quindi di pochi prevalgono nei confronti del bene comune, essi finanziano una ricerca scientifica a loro favore e sono assolutamente contrarie, le SpA, ad una ricerca libera ed indipendente che in Italia appunto non esiste o è di nicchia con pochi soldi in tasca.

Joel Bakan scrive l’ascesa al potere delle corporation, in la borsa o la vita corporationsaggi sulla globalizzazione, Feltrinelli Real Cinema, 2006: «Da una condizione di relativa oscurità, nell’arco dell’ultimo secolo e mezzo la corporation è assurta al rango di istituzione economica dominante su scala mondiale. Le corporation al giorno d’oggi controllano le nostre vite: decidono cosa mangiamo, cosa vediamo, cosa indossiamo, dove lavoriamo e cosa facciamo. Siamo inesorabilmente circondati dalla loro cultura, dalla loro iconografia e dalla loro ideologia. E, alla stregua della chiesa e della monarchia in epoche passate, si ergono infallibili e onnipotenti, auto celebrando si attraverso edifici imponenti e raffinati apparati simbolici. Le corporation esercitano un’influenza sempre più estesa sulle decisioni delle autorità preposte alla loro vigilanza e controllano settori della società un tempo saldamente in mano pubblica. La sensazionale ascesa al potere della corporation è uno degli eventi più significativi della storia moderna, se non altro in ragione degli infausti esordi di questa istituzione. […]Friedman ritiene che le corporation siano un bene per la società (e che l’eccesso di stato sia un male). Rifugge tuttavia l’idea che le corporation debbano cercare di fare del bene alla società. “Le corporation appartengono agli azionisti. […] I loro interessi coincidono con gli interessi degli azionisti. Ora, detto questo, è lecito che usino i soldi degli azionisti per scopi attinenti alla responsabilità sociale ma non giustificabili sotto il profilo dei bilanci? La mia risposta è no.” I dirigenti delle corporation, sostiene Friedman, hanno una sola e unica “responsabilità sociale”: massimizzare gli utili a vantaggio degli azionisti. Questo è l’imperativo morale. I manager che perseguono finalità sociali e ambientali a scapito dei profitti – ossia che cercano di agire moralmente – in realtà si comportano immoralmente».

Ma è proprio il sistema italiano che favorisce tutto ciò e si contraddistingue rispetto ad altri visto che il potere decisionale, nelle università, è in mano a pochi vecchi “baroni” che hanno conquistato il loro ruolo, scelti anche dalla cooptazione, e scalano i livelli di categoria grazie all’invecchiamento senza l’obbligo di sforzi per produrre risultati con una ricerca non sempre utile alla società umana. Non vi è possibilità di licenziare chi non produce risultati di qualità. La ricerca asservita alle corporation ed i suoi risultati hanno prodotto e producono ingenti danni culturali, di formazione e di preparazione, sia verso la classe dei futuri professionisti, che della classe dirigente di questo Paese. I dirigenti, anche se a volte in buona fede comunque non sanno scegliere, proprio per l’ingente letteratura italiana prodotta a favore di poche aziende SpA che fa pendere la bilancia delle scelte strategiche a favore dei più potenti gruppi ricchi di conflitti e concorsi di interesse. Secondo voi, un ingegnerie/medico/avvocato/economista che insegna all’università, siede nel consiglio di una SpA, siede in parlamento e coordina il proprio studio professionale, con quale criterio di merito può concorrere alle scelte di una ricerca? Solo lo sviluppo della rete di internet ha consentito di ricercare una letteratura scientifica più libera ed indipendente, che proviene da altri Paesi, alla portata di tutti gli studenti, di tutti i ricercatori, e da pochi anni si riescono a produrre valutazioni migliori proprio perché attingendo direttamente nelle università di tutto il mondo si ha la possibilità di consultare un pluralismo di idee che in Italia è quasi scomparso. Ma nonostante questo, una buona valutazione è sempre difficile a causa del preponderante ruolo e dell’ingombrante peso dei “baroni” che indirizzano gli allievi verso i loro interessi personali ed escludono o puniscono chi prende strade diverse, infatti anche tramite l’esame di stato essi, gli ordini professionali, controllano e punisco chi non si allinea. Certamente non tutti i docenti universitari sono al soldo delle corporation ma questi da un lato sono la minoranza assoluta e dall’altro non ricoprono ruoli strategici ed importanti per l’economica del Paese, visto che questo sistema in Italia va avanti da sempre. Non c’è da meravigliarsi se in Italia a volte gli allievi sono eticamente più bravi dei professori, essi sono mentalmente ed economicamente indipendenti dai poteri forti. Purtroppo gli aspetti corporativi prevalgono e la maggioranza dei cittadini italiani sono club-bilderberg-ariannavolutamente disinformati dal “potere invisibile”, sono tenuti allo scuro, abbuffati di finte lotte e divisioni fra destra e sinistra, conditi di intrattenimenti televisivi volutamente disinformatori che parlano la lingua delle SpA e difficilmente di diritti civili per non educare i popolo e per non risvegliare le coscienze addormentate. Le corporation controllano media, politica ed università e chi è informato rappresenta un minoranza troppo debole per cambiare le cose, di conseguenza la maggioranza dei cittadini esprime sempre un consenso politico sbagliato poiché i partiti rappresentano i mezzi migliori delle SpA per proporre leggi e norme a loro favore, e per il loro massimo profitto possibile, tutto a scala globale, come in Italia così in Europa e negli USA. Se l’Italia intende cambiare in meglio bisogna iniziare “dal basso”, ed i cittadini devono svegliarsi, dipende solo da loro. Tutti i settori sono intaccati dal malcostume, scuola e ricerca sono i primi da salvare. E’ tempo di democrazia diretta nei Enti Territoriali (Comuni, Province e Regioni).