Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘partecipazione’

A Roma, il 18 giugno 2017 Tomaso Montanari e Anna Falcone lanciano un’iniziativa politica molto importante per favorire l’avvio di un processo (progetto, programma) di nuova rappresentanza politica.

D’accordo con l’analisi di Montanari sia nei contenuti e sia nel partire dai territori locali, vorrei focalizzarmi su un aspetto trascurato ma importante, e cioè affrontare l’annosa questione dell’ignoranza funzionale e di ritorno che alimenta l’apatia politica degli italiani. Non è vero che gli italiani non votano più solo perché non si sentono rappresentati (da una certa sinistra), mentre si ambisce a rappresentarli costruendo una nuova rappresentanza. Quasi un italiano su due non è in grado di capire un discorso politico, e sicuramente non sarà stato comprensibile il discorso di Montanari, non perché è stato complicato ma perché nel corso dei decenni i sistemi politici istituzionali e mediatici hanno favorito la regressione delle masse spoliticizzandole. Alle masse non interessa la politica, poiché sono intrinsecamente nichiliste e disinteressate. Sempre secondo il mio modesto parere, in un contesto ambientale e culturale regredito come il nostro Paese, un nuovo partito di sinistra è probabilmente poco comprensibile alle masse, sempre perché ritengo che le masse ormai nichiliste sono avvelenate dall’individualismo e dall’egoismo, e perché proprio i più oppressi sono anche i meno istruiti, e manipolabili attraverso le loro emozioni, spesso votano o la destra razzista, o la destra neoliberale che li opprime. Il potere è saldamente nelle mani dei ricchi perché i poveri votano per i loro carnefici. I partiti stessi non esistono più poiché sono stati svuotati, e perché fanno fatica a trovare persone altruiste. Chi oggi ambisce a fare politica è additato negativamente, proprio dai più poveri e dagli oppressi che votano per i loro carnefici. Nel nostro Paese, poiché esiste una diffusa regressione culturale, le parole socialismo o comunismo sono percepite come parole negative. E’ questa la reale vittoria dei ricchi neoliberali: il controllo delle masse attraverso l’inciviltà. La consapevolezza che la società è un organismo complesso, è tipica delle persone colte e istruite, non della maggioranza degli elettori italiani.

Per invertire la rotta e riconquistare la fiducia è necessario sperimentare veri e sinceri processi democratici, per educarci alla democrazia stessa come strumento civile al processo decisionale della politica. Ci vuole pazienza, entusiasmo e molta energia, e soprattutto la volontà politica di investire nella democrazia e nella costruzione di un nuovo paradigma culturale considerando la bioeconomia come grande opportunità di creare un’occupazione utile per il nostro territorio.

In Italia, fino ad oggi ogni progetto politico di “cambiamento” è fallito, poiché probabilmente chi l’ha avviato o non voleva cambiare alcun che, o perché non aveva le capacità per cambiare le cose, nel senso di migliorare le condizioni di vita degli italiani, sia aiutandoli a conoscere il proprio territorio e sia aiutandoli a trascorrere una vita serena e tranquilla, in armonia con la natura. Fare politica, in maniera seria, è difficile e ci vogliono abilità, attitudini, professionalità, oltre che onestà e capacità di visioni nuove e utili al Paese. In questo paese, probabilmente è ancora più difficile perché nessuno spende soldi per fare altruismo e nessuno, in politica, si affida a persone meritevoli e talentuose ma preferisce narcisisti e mediocri da controllare e addomesticare.

Montanari rispondendo a Mieli chiarisce le sue distinzioni da una certa “sinistra”, e rivendica la necessità di voler partire dal basso. Il basso che cita Montanari, se è quello dell’associazionismo presentato anche a Roma, è senza dubbio un basso già convinto, ma dal punto di vista elettoralistico e della rappresentanza politica citata nel suo discorso, è un basso che non consente di vincere gare elettorali poiché quantitativamente ridotto, mentre il basso degli apatici che non votano (citato nel discorso), è completamente scollegato dall’associazionismo, ed è quello che viene conteso in ogni gara elettorale poiché determina vittorie e sconfitte. E’ un basso apatico e non militante, emotivamente orientabile, e che entra in empatia coi soggetti politici in un modo molto particolare.

L’appello di Montanari e Falcone dice anche che «la scandalosa realtà di questo mondo è un’economia che uccide: queste parole radicali – queste parole di verità – non sono parole pronunciate da un leader politico della sinistra, ma da Papa Francesco. La domanda è: «E’ pensabile trasporre questa verità in un programma politico coraggioso e innovativo»? Noi pensiamo che non ci sia altra scelta». Io dico che ci vuole un soggetto politico che abbia il coraggio di programmare l’uscita dal capitalismo e progettare una società umana partendo dalla bioeconomia.

Riporto un piccolo stralcio dell’intervento di apertura di Montanari: «la nostra idea di democrazia è quella che Michel Foucault leggeva in Aristotele: “La risposta di Aristotele (una risposta estremamente interessante, fondamentale, che entro certi limiti rischia forse di provocare un ribaltamento di tutto il pensiero politico greco): è che è il potere dei più poveri a caratterizzare la democrazia”. Ebbene, oggi è vero il contrario. Il potere è saldamente nelle mani dei più ricchi. E, come ha scritto Tony Judt, “i ricchi non vogliono le stesse cose che vogliono i poveri. Chi dipende dal posto di lavoro per la propria sussistenza non vuole le stesse cose di chi vive di investimenti e dividendi. Chi non ha bisogno di servizi pubblici (perché può comprare trasporti, istruzione, e protezione sul mercato privato) non cerca le stesse cose di chi dipende esclusivamente dal settore pubblico. … Le società sono organismi complessi, composti da interessi in conflitto fra di loro. Dire il contrario (negare le distinzioni di classe, di ricchezza, o di influenza) è solo un modo per favorire un insieme di interessi a discapito di un altro”. Oggi tutto il sistema serve a perpetuare una radicale negazione della democrazia, bloccandoci in gated communities: gruppi divisi per censo e ben recintati, culturalmente, socialmente e materialmente. Gruppi dai quali è impossibile evadere. Oggi si parla di una Sinistra rancorosa. Se ci si riferisce ai regolamenti interni di un ceto politico autoreferenziale e rissoso, sono d’accordo. Non sono d’accordo, invece, se ci si riferisce alla sacrosanta rabbia che in molti proviamo per questo stato delle cose. Una indignazione che è la molla fondamentale per ridiscutere i fondamentali di una politica profondamente corrotta, in tutti i sensi. Occorre rovesciare il tavolo della sinistra, per tornare a guardare le cose dal punto di vista di chi è caduto a terra: non da quello di chi è garantito. Noi oggi siamo qua per fare nostro questo punto di vista. Il punto di vista di chi è caduto, di chi non si è mai alzato. Quando è stato chiaro che ciò che pure si continua a chiamare ‘sinistra’ sarebbe stata sotto il controllo di una oligarchia senza alcuna legittimazione dal basso, e intimamente legata al sistema, abbiamo detto: ‘basta’. Se l’unica prospettiva della sinistra era tornare ad allearsi, in qualunque forma, al Pd di Matteo Renzi, ebbene noi non avremmo nemmeno votato. Io ed Anna Falcone abbiamo deciso di invitarvi a venire qua oggi, quando l’ennesimo amico ci ha detto che alle prossime elezioni politiche non avrebbe votato. Quando noi stessi ci siamo confessati un identico stato d’animo. Milioni di persone ­– tra cui moltissimi giovani – che il 4 dicembre erano andati ai seggi per dire no a quel progetto di oligarchia, ora non vedono niente a cui dire sì con un voto. Nessun progetto di giustizia ed eguaglianza. Solo giochi di potere: autoreferenziali, incomprensibili. Senza futuro: morti».

Read Full Post »

Il capitalismo delle rendite immobiliari prima e il neoliberismo dopo, hanno peggiorato le condizioni di vita nelle nostre città e favorito piani urbanistici speculativi che hanno costruito il degrado che osserviamo in diverse città. La deindustrializzazione e la delocalizzazione produttiva hanno innescato un lungo processo di cambiamenti sociali e ambientali. La nostra classe dirigente, anziché favorire programmi per trovare soluzioni e prevenire danni sociali e ambientali, ha scelto di ignorare tale fenomeno. Nonostante la stagione dei “programmi complessi”, le nostre città non offrono luoghi urbani adeguati ai cambiamenti sociali; per aggiustare le aree urbane ci vuole una volontà politica e una consapevolezza per attivare un coordinamento istituzionale e un’agenda urbana bioeconomica. E’ necessario cambiare le modalità culturali che giudicano gli investimenti, poiché bisogna porre rimedio alle cattive espansioni urbanistiche cominciate sin dal secondo dopo guerra. L’attuale paradigma dominate distrugge economie locali e il futuro di diverse generazioni di persone, soprattutto nel meridione d’Italia. L’inerzia politica del legislatore aumenta le disuguaglianze economiche e sociali, apparendo quasi criminogena. Il territorio è la risorsa principale del Paese, noi dipendiamo dall’energia della campagna e dalle relazioni nelle aree urbane. L’armatura urbana italiana è mutata, oggi viviamo in città estese che rendono obsoleti gli attuali livelli amministrativi. Questo cambiamento di scala territoriale è completamente ignorato dalle classe dirigente incapace di programmare adeguati investimenti pubblici. Le città assurgono all’attenzione dei media solo quando la natura si manifesta con calamità che causano morti e danni ai suoli antropizzati. Il crimine dell’indifferenza è tipico degli idiotes, soprattutto quando l’inerzia politica riguarda la risorsa che ci tiene in vita. Una priorità del genere non dovrebbe neanche essere oggetto di dubbi o discussioni, ma i nostri dipendenti, se fossero persone dotate di un banale buon senso, dovrebbero agire per conservare il nostro patrimonio, unico al mondo, senza fiatare. La classe dirigente non ha voluto proporre nuovi paradigmi per governare il territorio e prevenire la disgregazione sociale che assistiamo, la recessione sta facendo abbassare i livelli della qualità di vita degli abitanti, ma all’élite va bene così.

In quasi trent’anni, le città sono cambiate con una velocità inimmaginabile per i secoli passati. Questa velocità è direttamente proporzionale all’evoluzione del capitalismo che si sta sganciando dal lavoro. La degenerazione culturale dell’Occidente è favorita dall’informatizzazione piegata ai capricci del capitale, basti osservare il fenomeno dell’immorale mondo offshore collegato anche all’attività dei piani di riqualificazione urbana a debito, poiché così si nasconde la corruzione, mentre emergono e si diffondo prezzolati servi e adoratori d’internet. Ovviamente internet è l’ennesima tecnica, e non rimane indifferente di fronte alle ingiustizie sociali e alla fame dei popoli, semplicemente le sfrutta poiché rispecchia il nichilismo dell’epoca moderna. Grazie alle giurisdizioni segrete e l’evoluzione dei sistemi informatici, il sistema bancario ha corrotto persino le mafie, e attrae i peggiori criminali del pianeta che possono compiere le proprie immorali transazioni grazie a internet, e i Governi lo sanno benissimo. I politici preferiscono favorire l’industria del grande fratello – google e facebook – per raccogliere informazioni sugli stili di vita dei cittadini e sfruttarle per l’industria delle merci inutili, piuttosto che cancellare le giurisdizioni segrete e incriminare le banche che spostano capitali generati illecitamente, e comprano e vendono armi.

città in contrazione

Il contesto urbano e territoriale che ereditiamo è complesso, contraddittorio. Abbiamo tutte le principali città italiane – ben 26 – che sono in contrazione (perdita di abitanti) e le rendite hanno favorito la crescita della cosiddetta regione urbana, poiché hanno espulso i ceti meno abbienti dai principali centri urbani e si sono trasferiti nei comuni limitrofi. Questi abitanti usano e vivono un territorio più vasto della città, facendo crescere il volume degli spostamenti pendolari, che realizzati con mezzi privati aumentano l’inquinamento. I piccoli e medi comuni sono cresciuti, deliberando piani urbanistici espansivi hanno consumato suolo agricolo. Nonostante i principali centri urbani siano stati coinvolti dal fenomeno della contrazione hanno approvato piani espansivi con la speranza di incassare soldi attraverso gli oneri di urbanizzazione contribuendo a consumare suolo agricolo. In questo contesto drammatico si intuisce che nessun comune italiano, ripeto, nessuno ha deliberato piani urbanistici rigenerativi secondo i paradigmi della bioeconomia. La rigenerazione urbana è auspicata da tutte le categorie professionali che si occupano di urbanistica ma viene proposta una tecnica che ricade nell’obsoleta cultura delle crescita (perequazione e premi volumetrici), anziché compiere un’evoluzione dettata dalla bioeconomia. Esempi di rigenerazione si trovano soprattutto nel mondo anglosassone che ha conservato una propria sovranità monetaria. La letteratura straniera è molto vasta e mostra aspetti contraddittori poiché da un lato si sono favorite le rendite e dall’altro c’è stata una sensibilità a conservare le risorse naturali. Le tipologie insediative sono generalmente caratterizzate da tessuti urbani con densità che imitano la città classica europea. In Italia ci si è limitati, dove è stato possibile, a recuperare le aree industriali dismesse senza avere il coraggio di intervenire nei tessuti urbani esistenti e costruiti male dalla speculazione. Tutti gli urbanisti sanno bene che la soluzione del problema si trova nella proprietà dei suoli e nella rendita immobiliare, tutti sanno che la cosiddetta municipalizzazione dei suoli avrebbe ridotto i rischi della speculazione capitalista ma il legislatore italiano preferì favorire la lobby degli immobiliaristi. Ci sono proposte di riforma che auspicano la separazione fra la proprietà dei suoli e il diritto alla casa, all’alloggio. Separando il suolo dall’alloggio possiamo immaginare di scomporre e ricomporre parti di città per realizzare una corretta morfologia urbana. E’ fondamentale che il disegno urbano si liberi di discipline negative come la finanza e la proprietà. Fatto ciò, bisogna portare l’urbanistica nell’alveo della bioeconomia poiché ci consente di misurare correttamente i flussi di energia e materia. In tal senso l’edilizia è ormai matura, un pò meno l’urbanistica, ma l’approccio della scuola territorialista che fa uso della bioeconomia riempie il vuoto culturale, anche se l’ambito d’intervento è quello territoriale vasto e non la città. L’unico ambito finora rimasto scoperto è quello che riguarda i piani regolatori generali in vigore e gli strumenti giuridici finanziari che valutano i piani. I criteri di valutazione, cioè gli indici finanziari ed economici non servono per giudicare la qualità progettuale, e pertanto le decisioni politiche sono condizionate da orientamenti fuorvianti e persino dannosi. E’ la qualità urbana e dei progetti che bisogna imparare a valutare ed è necessario sostenere criteri bioeconomici, di bellezza e di decoro. E’ necessario partire da un approccio conservativo, partendo da analisi dirette, funzionali, morfologiche, percettive e bisogna avere l’ambizione e l’obiettivo di riportare la bellezza e il decoro nelle città. Dobbiamo abbattere le rendite immobiliari e di posizione, trasformare le leggi introducendo il concetto di bene nell’accezione bioeconomia per togliere dal mercato i valori del nostro patrimonio e poi favorire interventi di trasformazione urbana che hanno il coraggio e la virtù di aggiustare i tessuti urbani costruiti dalla speculazione. Secondo l’economia neoclassica tali trasformazioni che hanno il coraggio di recuperare standard, non sarebbero economicamente sostenibili ma attraverso l’aumento di carichi urbanistici, cioè speculando, potrebbero esser convenienti poiché si offrono al mercato le superfici che ricoprono i costi delle trasformazioni. Questa logica della crescita figlia dell’ossimoro sviluppo sostenibile è fallita anche nelle città, e contraddice il concetto stesso della rigenerazione.

Nel Novecento la città di Ulm tagliò la testa al mostro del capitalismo. L’Amministrazione acquistò i suoli per costruire alloggi e poi li cedette a prezzo di costo ai ceti meno abbienti; “a prezzo di costo“!!! Il Comune di Ulm non fece alcun profitto e agevolò persino le famiglie che non potevano pagare il prezzo di costo, vendendo gli alloggi a rate ma applicando un interesse del 3%. Quando esiste una volontà politica per aiutare le persone più povere, politici seri e civili prendono le giuste decisioni.

Le nostre città, cresciute dagli anni ’50 fino agli anni ’80, hanno costruito anche periferie orrende e anziché prendere le giuste decisioni e aiutare i più poveri, i politici hanno favorito le speculazioni e le rendite di posizione. Bisogna porre rimedio con soluzioni radicali e favorire la rigenerazione urbana bioeconomica che come l’esempio di Ulm ignora il profitto ma favorisce la tutela dei diritti e lo sviluppo umano. Il denaro è un mezzo, un banale strumento di misura, l’obiettivo è rigenerare le aree urbane favorendo nuova occupazione, rilocalizzando servizi e attività. Il punto di partenza sono i progetti secondo l’approccio bioeconomico cioè concentrarsi nelle zone omogenee B, cioè i tessuti urbani esistenti, e studiarli secondo “l’unità di vicinato” (cellula urbana), cioè verificare se sussistono le regole della corretta composizione e inserire le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, raggiungendo una maggiore qualità urbana, la bellezza e il decoro, e una sostenibilità duratura nel tempo. Già negli anni ’70 a seguito del DM 1444/68, i Comuni furono costretti a deliberare piani per recuperare gli standard mancanti, ma il risultato in generale, fu che i consiglieri comunali non si schierarono contro le rendite e vinse il disegno urbano speculativo. Fortunatamente ci furono anche casi ove i Comuni progettarono un corretto equilibrio fra spazio pubblico e privato costruendo i servizi in maniera adeguata, ma ciò avvenne ove esisteva una corretta cultura urbanistica a tutela dell’interesse generale.

In questi anni 2000, le città hanno accelerato la propria crisi poiché il capitale si trasferisce nei Paesi emergenti e innesca la recessione che colpisce il potere d’acquisto dei lavoratori salariati. La soluzione alla recessione è sul piano dei nuovi paradigmi culturali col ripristino della sovranità monetaria. Per avviare questa transizione nelle nostre città, e anche nelle città europee, non servono le mance proposte dal Governo ma una seria riforma del sistema economico europeo. Bisogna cambiare i Trattati e le funzioni della BCE per uscire dall’economia del debito. L’aborto politico chiamato UE è un sistema idiotes che sta danneggiando i popoli e adotta un’agenda urbana fatta di indicazioni e buoni propositi sotto il profilo energetico ma culturalmente carente sotto il profilo urbanistico e territoriale. Lo stesso Governo italiano manifesta una carenza culturale per governare il proprio territorio e i centri urbani, nonostante la creazione del Comitato Interministeriale per le Politiche Urbane. I documenti pubblicati dalle agenzie istituzionali manifestano diverse carenze circa le forme urbane che si sono sviluppate e trasformate negli ultimi trent’anni. E le proposte legislative, come il DDL sulla riforma urbanistica, sono addirittura pericolose per la tutela del nostro patrimonio poiché lasciano intuire un aumento dei rischi favorito dall’approccio neoliberale. Possiamo comprendere che al di là della carenza culturale chi ha il potere di decidere preferisce favorire un capitalismo da rapina piuttosto che applicare la Costituzione.

Dal punto di vista di una politica urbana seria e responsabile, è necessario ampliare i principi di tutela e conservazione ed estenderli a tutta la progettazione urbana, cioè fare l’opposto di quello fatto finora attraverso i piani espansivi per trasformarli in piani rigenerativi. E’ necessario incentivare il sistema dei parchi e ampliare gli ambiti territoriali circa la tutela della biodiversità, portando il concetto di “bio distretto” nelle aree urbane. Solo per l’Italia servirebbero circa 60 miliardi per intervenire e risolvere definitivamente problemi rimasti insoluti negli ultimi quarant’anni, questo solo nelle 26 città in contrazione. Ovviamente bisogna fissare un orizzonte temporale, ad esempio 20 anni/30 anni, e distribuire la programmazione economica per gli anni che fissano obiettivi intermedi e a lungo termine. Quest’atteggiamento cambia la politica nazionale ed europea, cambia la visione e costruisce un presente e futuro fatto di prosperità poiché rigenerare i centri urbani per i prossimi 20 anni con l’approccio conservativo significa risolvere i problemi occupazionali, riequilibra il rapporto uomo e natura in quanto tutela l’ambiente e favorisce lo sviluppo umano. La cifra di 60 miliardi è solo un’indicazione ricavata da scenari progettuali di rigenerazione (un modello), che tengono conto di una certa quantità demolizioni e ricostruzioni; arredo urbano; conservazione; ristrutturazione; riattamento; servizi (verde pubblico, scuola, teatro, biblioteca); sufficienza energetica e mobilità dolce. La cifra varia rispetto ai singoli progetti, ma l’indicazione è utile a capire le dimensioni della programmazione economica che si discosta dagli spiccioli stanziati da una classe dirigente che si pone altre priorità, ma lascia insoluti i problemi sociali delle aree urbane. E’ fondamentale che i cittadini stabiliscano la priorità di riprendersi le città, poiché sono la nostra casa. Bisogna farlo riportando l’architettura e l’urbanistica al centro della politica, come avvenne nel mondo classico della magna Grecia, nel Rinascimento e nell’Ottocento, e stabilire l’uscita dal becero consumismo sostituendolo con la cultura e la bellezza.

creative-commons

Read Full Post »

Sono trascorsi molti anni da quando l’evoluzione di determinate tecnologie ha consentito, e consente tutt’oggi di osservare e misurare le attività antropiche con maggiore precisione. Dal punto di vista filosofico e scientifico sappiamo benissimo che le attività produttive e le trasformazioni di materia hanno un impatto sugli ecosistemi (Aristotele docet), lo sappiamo poiché è la termodinamica che lo insegna, così come sappiamo bene che solo negli ultimi decenni una letteratura ha mostrato i rischi di una società che dipende prevalentemente dalle fonti energetiche fossili, cioè le cosiddette fonti non rinnovabili. Le fonti fossili sono sempre meno reperibili, con costi ambientali e sociali non più sostenibili. La continua ricerca di tali fonti genera conflitti geopolitici e bellici distruggendo comunità umane e interi ecosistemi. Spesso l’impiego delle fonti fossili è persino irrazionale generando sprechi evitabili. Mentre è accaduto tutto ciò, e accade tutt’oggi, negli ultimi trent’anni le tecnologie che usano le fonti rinnovabili sono divenute sempre più efficienti e a buon mercato. Il settore che registra la maturazione compiuta è proprio quello più energivoro: il mondo delle costruzioni, mentre nell’ambito della pianificazione territoriale l’approccio territorialista si ispira palesemente alla bioeconomia al fine di favorire la sostenibilità delle risorse finite.

In questo clima di sensibilità emergenti circa l’ecologia, cioè l’economia reale, sono sorte metodologie per misurare il consumo del suolo che mostrano gli effetti della politica territoriale sui sistemi urbani e agricoli.

Riassumiamo: da un lato, se lo desideriamo, possiamo vivere in abitazioni alimentate dalle fonti energetiche alternative e addirittura possiamo costruire una rete intelligente per scambiarci i surplus energetici gratuitamente, mentre in ambito territoriale conoscendo le nostre risorse territoriali che ci donano la vita e misurando l’uso del suolo – il suo consumo – possiamo pianificare una rigenerazione e consentirci di vivere in prosperità.

Da qualche anno è stato finalmente favorito l’approccio circa l’analisi dei sistemi territoriali andando nella direzione, corretta, dei sistemi di rete, imitando i processi naturali. I territori sono osservati rispetto alle dinamiche delle attività antropiche (basti ricordare la teoria delle località centrali di Christaller), cioè tramite le relazioni. Intrecciando le letture dei sistemi naturali con quelle relazionali dell’uomo (attività produttive, servizi, lavoro, mobilità, etc.) possiamo interpretare più correttamente il territorio per proporre un uso del suolo più sostenibile, eliminare gli sprechi, e proporre persino modelli sociali ecologici e creativi rispetto alle capacità degli ecosistemi uscendo dalle logiche di profitto per tendere all’auto sufficienza dei sistemi locali.

Ritengo sia necessario proporre l’approccio rigenerativo per i sistemi locali individuati dall’ISTAT affinché si arresti lo spreco di risorse, inteso sia come consumo del suolo e sia come progressiva riduzione dalla dipendenza degli idrocarburi. Un approccio rigenerativo per consentire lo sviluppo di impieghi virtuosi come la conservazione dei centri storici e il recupero delle periferie, la rigenerazione dei piccoli centri rurali, l’impiego della mobilità dolce nei tessuti urbani e l’avvio di fattorie auto sufficienti per alimentare i sistemi locali stessi. Si tratta di realizzare l’approccio collaborativo uscendo da quello competitivo e prevaricatore stimolato dal desiderio di profitto. Le reti collaborano e non competono. Per realizzare la rigenerazione dei sistemi locali è necessario che sia modificato l’impianto amministrativo liberandolo da malsane logiche prevaricatrici nei confronti del territorio stesso come la mercificazione dei suoli, le rendite di posizione, la perequazione suggerita dai Comuni ma usata dai privati per creare e aumentare le rendite immobiliari, l’assenza di processi popolari per pianificare i luoghi urbani e l’immorale uso degli oneri di urbanizzazione per pagare la spesa corrente. Si tratta di uscire dal governo del territorio speculativo, poiché è questa la consuetudine di decenni di amministrazioni locali che hanno dimenticato i principi della Costituzione. Poiché, ormai, il legislatore ha privatizzato i processi decisionali della politica locale – basti osservare che i servizi locali sono gestiti da SpA – è necessario che siano i cittadini ad organizzare un cambio di paradigma culturale volto a chiedere trasparenza, partecipazione attiva e reale secondo l’etica, quindi fuori dal profitto, secondo l’uso razionale dell’energia che ci consente di vivere in prosperità e in sicurezza per la salute umana.

Per favorire e programmare la rigenerazione dei sistemi locali in senso bioeconomico è determinante una regia pubblica, che in ambito territoriale adotti l’approccio della scuola territorialista, cioè la bioregione urbana, e in ambito urbano adotti la rigenerazione urbana bioeconomica, tutta da studiare e scoprire, ma in sostanza si tratta di trasformazioni urbane fatte con piani di recupero senza l’aumento dei carichi urbanistici, ma un riequilibrio delle densità con trasferimenti di volumi e con una morfologia figlia della qualità urbana, partendo dalle analisi urbanistiche dei tessuti urbani esistenti e proponendo l’approccio conservativo (scuola Muratori) e la composizione della cosiddetta “cellula urbana”, puntando alla bellezza e al decoro.

ISTAT consumo del suolo nei sistemi locali 2011

Istat, consumo di suolo nei sistemi locali, 2011.

creative-commons

Read Full Post »

Uno degli aspetti più controversi nella vita in città è il nichilismo urbano. Buona parte degli abitanti non è interessata a conoscere come sia sorto, nato e sviluppato il luogo ove vive, molti di essi non lo sapranno mai, e oggi molti di noi non hanno la conoscenza su come la pubblica amministrazione gestisca la nostra vita direttamente e indirettamente. Tutto ciò, nonostante sia abbastanza evidente che la città influisce positivamente e/o negativamente sulla qualità di vita, sulla nostra salute e la nostra psiche. Nella nostra cultura cittadina, a partire dal secondo dopo guerra, non esiste alcuna tradizione moderna legata alla partecipazione attiva circa la costruzione e la trasformazione dei luoghi urbani, a parte alcuni episodi sperimentali; è invece nota, ahimé, l’enorme pressione di pochi soggetti privati, mossi dalla rendita fondiaria e immobiliare, che hanno influenzato la costruzione delle città poiché attraverso le rendite, appunto, hanno saputo rubare diritti e risorse alla maggioranza degli abitanti che hanno solo subito l’avidità di piccole oligarchie feudali.

Per rigenerare le città è necessario che questo conflitto diventi pubblico, aperto e condiviso. In tutte le città d’Italia esistono rendite di posizione che vanno abbattute. In numerose di queste realtà, le nostre città, troviamo problemi legati alla salute, all’uso dell‘energia, alle densità e alla mobilità. Tutti questi problemi hanno una e più soluzioni progettuali, che possono diventare corretta morfologia urbana se e solo se i cittadini diventano i committenti della rigenerazione urbana scavalcando l’industria immobiliare e affrontando il conflitto delle rendite di posizione attraverso processi di partecipazione, piani di recupero e forme societarie di azionariato diffuso popolare coordinate da una regia pubblica. Serve un processo di impronta bioeconomica per migliorare la qualità della vita, rimanendo all’interno dei principi costituzionali e uscendo da consuetudini obsolete come le espansioni e l’aumento dei carichi urbanistici, che sfruttano le tecniche perequative per favorire il ritorno economico degli interessi privati, che di per sé non sono sinonimo di qualità e tanto meno di tutela dell’interesse generale.

Il fallimento delle città è divenuto palese quando il capitalismo ha mostrato il suo volto nell’accezione più sincera: economia del debito (usurpazione della sovranità monetaria), matematica finanziaria, borse telematiche, paradisi fiscali e società off shore. La cultura liberista sostituisce lo Stato sociale (diritti e doveri), privatizza i processi, “nasconde” i reali interessi a ignari cittadini elettori, e accumula capitali sia attraverso le rendite (fondiarie e immobiliari) e sia attraverso gli strumenti finanziari (scommesse e fondi privati investimento). Architettura e urbanistica sono cancellate e sostituite dai processi economici e giuridici poiché tali discipline sono state psico programmate nel corso dei secoli, e sono la fonte ispiratrice di una secolare tradizione politica e culturale espressione del nichilismo e del materialismo imperante nell’intero mondo occidentale, e consente a imprenditori e governanti di accumulare ricchezze nel modo più semplice, più veloce e più efficace tenendo all’oscuro le masse, che addirittura attraverso il voto legittimano processi immorali e distruttivi dell’ecosistema (servitù volontaria). Nel secolo ‘900 l’urbanistica stessa viene edulcorata, favorisce le rendite di pochi privati e costruisce la città capitalista che sviluppa la regressione della specie umana. Da questa osservazione critica della realtà, i cittadini possono partire per ripensare la città contrastando la regressione ma favorendo lo sviluppo umano e progettare la città fatta per la specie umana.

Uno dei temi più studiati è proprio il riuso e il recupero urbano per conservare e tutelare città e territorio, e l’inclinazione culturale più efficace è quella bioeconomica che suggerisce la costruzione di bioregioni urbane, e il riequilibrio del rapporto fra uomo e natura. Per avviare un nuovo rinascimento è sufficiente conoscere la storia e partire proprio dalla cultura, dalla letteratura e dall’architettura. E’ noto che la religione chiamata capitalismo è incompatibile con la fotosintesi clorofilliana e la vita del pianeta Terra, non si tratta di un’opinione ma una realtà scientifica determinata dalla termodinamica. L’aspetto più straordinario è che dalle conoscenze scientifiche sono sorte tecniche costruttive e tecnologie a buon mercato che realizzano edifici e città sostenibili. Nel mondo occidentale, Ottocento e Novecento sono stati i secoli del capitalismo nichilista e le città sono l’immagine di quello spirito del tempo che oggi volge al termine. Il capitalismo stesso sta lasciando il territorio conquistato nei secoli scorsi e si radica nei paesi emergenti. Le città europee sono in trasformazione e l’impianto istituzionale è a dir poco inadeguato e obsoleto rispetto ai capricci ed ai cambiamenti condizionati dall’avidità degli azionisti, giocatori d’azzardo nel mercato globale. Rispetto alla complessità della società, è auspicabile che una massa critica di cittadini consapevoli possa mostrare una concreta speranza di aprire l’epoca che verrà costruita sulla bioeconomia, e non più sul capitalismo violento della globalizzazione. Si tratta di un atto volontario, cioè un’evoluzione culturale ove l’avidità non rientra più nel governo del territorio, ma è la qualità del progetto al centro delle priorità, qualità giudicata e valutata dai cittadini consapevoli di dover migliorare la qualità della vita rispetto ai principi bioeconomici.

Sul concetto di qualità urbana è necessario concentrare le risorse mentali poiché in altri ambiti le teorie bioeconomiche stanno proponendo precetti già maturi, ad esempio la scuola territorialista con la bioregione urbana. E’ necessario portare la bioeconomia nelle città, cioè nei tessuti urbani per sostenere rigenerazioni degli ambienti costruiti esistenti ma aggiungendo qualità, cioè decoro e bellezza liberate dalle logiche mercantili.

creative-commons

Read Full Post »

In passato avevo già condiviso informazioni relative alla partecipazione attiva nel senso più ampio del termine, e soprattutto sulla partecipazione intelligente e consapevole al fine di abbandonare il becero qualunquismo e capire come funziona la pubblica amministrazione pagata con le tasse dei cittadini. Per invertire la regressione incivile è necessario studiare il funzionamento della macchina e successivamente entrare nel merito delle scelte rispetto ai principi Costituzionali. Un popolo saggio e maturo dovrebbe essere in grado di giudicare l’operato dei politici rispetto agli obblighi costituzionali e un popolo consapevole e visionario è capace di indicare la giusta strada per migliorare la società.

Dal 2009 i cittadini possono e devono giudicare l’operato di dipendenti eletti, dirigenti e funzionari i quali hanno l’obbligo di condividere sui siti istituzionali piani, bilanci e strategie affinché i cittadini possano controllare il loro comportamento. I cittadini devono poiché dal loro giudizio dipende la qualità della PA.

I cittadini, a metà del mandato elettorale o per dissesto economico, sono chiamati a giudicare le promesse elettorali e votare l’eventuale revoca. I cittadini, non il partito, giudicano il lavoro del dipendente eletto attraverso criteri ben precisi. E’ possibile misurare l’attività del singolo parlamentare poiché gli atti sono pubblici e si trovano sul sito internet del Parlamento. Ad esempio l’attività parlamentare è composta di atti concreti (disegni di legge, mozioni, emendamenti) e verbali (interrogazioni) e lavori nelle Commissioni. E’ possibile misurare l’attività di un intero partito politico e capire quali interessi sta portando avanti. Sulla base degli atti un cittadino ha le informazioni necessarie per misurare l’impegno di un dipendente pubblico, e giudicarlo rispetto ai principi costituzionali (uguaglianza, libertà, partecipazione, tutela del patrimonio, ambiente, salute, democrazia economica), rispetto al programma elettorale, e sia alle proprie sensibilità culturali, le priorità, constatando quali temi sta portando avanti quel dipendente.

Mentre la Svizzera rimane la più grande e originale tradizione democratica in Europa con un’esperienza di ben 150 anni, il resto dell’Europa è palesemente governata da un sistema feudale che si regge soprattutto sulla manipolazione mentale attraverso la televisione ed i programmi scolastici governativi, ed oggi con internet ed i sistemi mobili si cerca di migliorare il controllo sulle masse. In questo contesto cominciano a proliferare sperimentazioni di followership, cioè di condizionamento dei partiti attraverso il sistema di sondaggi continui attraverso l’impiego di algoritmi informatici. Così come gli algoritmi informatici elaborano informazioni delle borse telematiche e tali informazioni condizionano multinazionali, banchieri, giornalisti e politici, in un modo analogo gli stessi sistemi condizioneranno i “leaders” politici attraverso i suggerimenti delle masse e della società nel suo insieme. Ma se i sondaggi vanno ad ascoltare gli umori di masse immature, quale sarà la qualità delle opinioni espresse? Quale sarà la qualità delle decisioni politiche? E’ del tutto evidente che in questo modo i leaders politici abdicano al loro ruolo di rispettare le Costituzioni, e di tutelare i diritti, poiché si andrà ad affermare una nuova consuetudine plebiscitaria controllata dai vizi delle masse immature che potranno suggerire norme inadeguate.

Nonostante le difficoltà che tutti noi possiamo riscontrare, associazioni e istituzioni hanno aperto un varco poco conosciuto. Il lavoro migliore viene svolto da open polis tramite open bilanci, mentre le istituzioni hanno creato soldipubblici.gov.it ed opencoesione sui flussi finanziari europei.

E’ fondamentale che i cittadini conoscano la Costituzione e sviluppino sensibilità civiche rispetto a valori universali, solo in questo modo potrà cominciare un processo civile autentico ove la società potrà migliorare grazie alla partecipazione consapevole, e si potranno effettuare cambiamenti radicali per introdurre l’etica nella politica. Se i cittadini continuano a tacere sui fatti della politica e continuano a rifiutarsi di partecipare con consapevolezza, avremo sempre politici che esprimono tutta la nostra inadeguatezza e incapacità, e spesso l’immoralità dei nostri atteggiamenti e del nostro nichilismo.

creative-commons

Read Full Post »

Una città come Salerno non può permettersi il lusso di attendere un cambiamento calato dal cielo, e tanto meno può permettersi un nuovo “messia” che faccia il proprio tornaconto personale. Gli ultimi vent’anni hanno mostrato e credo dimostrato che il male di Salerno, come spesso accade quando la democrazia sparisce, è rappresentato dall’apatia dei cittadini nei confronti della polis. La maggioranza dei cittadini ha sviluppato una ceca fiducia nella delega a dir poco sconveniente e patologica, poiché quando i cittadini rinunciano alla partecipazione e si affidano al capo accade che emergano regimi feudali, autoritari, favoritismi di ogni genere, corruttele, clientele, sprechi, malversazioni e danni ai servizi pubblici. E’ del tutto difficile, forse è impossibile, trovare un cittadino che sappia esprimere in maniera precisa, chiara ed esaustiva un giudizio politico amministrativo nei confronti del proprio Sindaco che risponda al vero, nel senso obiettivo del giudizio, quello che si può costruire solo leggendo gli atti della pubblica amministrazione, i bilanci del Comune e l’organizzazione della città rispetto ai principi della Costituzione italiana e all’etica politica. Ad essere ancora più espliciti, è difficile per qualsiasi cittadino italiano esprimere una valutazione politica matura e corretta nei confronti del proprio amministratore politico, poiché negli ultimi trent’anni è accresciuta la patologia del nichilismo italiano e la regressione culturale degli individui; pertanto Salerno non è immune, anzi il livello di apatia politica forse è maggiore rispetto ad altri territori. Il rapporto fra gli individui e le istituzioni circa l’attuale società è ascrivibile al vassallaggio feudale.

andamento_spese_cultura_Com_Saleno

Per la cultura, biblioteche e musei il Comune spende €0

Negli ultimi vent’anni i salernitani hanno preferito delegare il destino della città all’uomo che più li ha rappresentati, e quest’aspetto ha le sue radici nella storia della città che per quarant’anni è stata male amministrata, e nell’assenza di un’alternativa politica più valida. L’affermazione più frequente espressa dai sostenitori fedeli al capo è: “meglio Salerno com’è oggi rispetto agli anni precedenti” (ci si riferisce agli anni della DC). Come dare torto a tale convincimento? L’artificio mediatico che ha consolidato un dominio assoluto è fondato sull’immagine e sulla comunicazione ossessiva e pervasiva di una visione politica, indipendentemente se fosse vera o meno, se fosse giusta o meno per i cittadini. Vent’anni senza alcun contraddittorio e con i media a proprio favore, in questo modo si convince qualsiasi cittadino distratto, poco accorto alla cosa pubblica e per nulla partecipe. Un aiuto importante e indiretto, è fornito dall’inconsapevolezza diffusa circa la reale provenienza della visione politica, poi edulcorata, e poi sconfessata e contraddetta dallo stesso “messia”. Una verità storica circa il ciclo ventennale del periodo che si chiude può emergere solo dagli atti della pubblica amministrazione, e dai comportamenti dei protagonisti di un periodo storico determinante, quello che parte dagli anni 70 fino agli anni ’90, poiché è in quel periodo che la Sinistra costruisce la visione politica della città futura, e quella visione sarà premiata dai cittadini. Buona parte di questa verità non è stata comunicata alla cittadinanza e la responsabilità è anche dei protagonisti del mondo culturale politico e professionistico che non ha saputo raccontare quel periodo.

bilancio_comune_Salerno_01

Non esiste altra strada per migliorare la qualità della vita se non quella dell’educazione civica e politica dei cittadini. Spetta alle persone sensibili avviare un percorso genuino che sviluppi conoscenze e sperimentazioni democratiche volte a informare e formare le persone al fine di avviare quel processo democratico che manca, e senza non sarebbe possibile sviluppare una comunità più civica e consapevole delle opportunità virtuose che il territorio può cogliere.

Una nuova visione politica si può costruire con i processi partecipativi e con una corretta selezione dei propri dipendenti eletti che prevede, per la prima volta a Salerno, il far prevale il bene  comune rispetto agli interessi privati, sarebbe un’evoluzione sociale che i cittadini meritano, ma è un’evoluzione dal basso, cioè sono i cittadini stessi che dovrebbero rinunciare alla propria avidità, ed all’invidia sociale di prevaricare gli altri, imparando per la prima volta a giudicare rispetto al merito con altruismo, per sostenere una visione politica forgiata dalla bioeconomia introducendo così valori finora mai messi in pratica.

Read Full Post »

Spesso ho preferito soffermarmi sul fatto che la società attuale è così iniqua, immorale poiché siamo noi cittadini a sostenere questo status quo, e non mi discosto da questa un’autocratica. E’ assolutamente vero che la nostra ignoranza e il nostro nichilismo sono le fondamenta dei nostri problemi, ma è altrettanto vero che la possibilità di ribaltare lo status quo risiede nel nostro cervello dotato di neuroplasticità. Negli ultimi tre secoli il capitalismo si è radicato nei nostri pensieri, ma abbiamo la capacità di elaborare nuovi schemi mentali (neuroplasticità) che rispecchiano una società diversa da quella attuale. Osservando la nostra società fondata su vizi e credenze obsolete possiamo attingere alla nostra coscienza e proporre nuovi paradigmi.

Soffermiamoci su alcune di queste credenze: i partiti. Il modello predominante è chiamato modello Easton (comportamentismo politico), cioè dotato di regolatori di accesso (gatekeepers) attraverso cui selezionare le domande che entrano nel sistema stesso, la scatola nera (black box) dove vengono prese le decisioni. I regolatori di accesso sono sia di tipo strutturale, i partiti, che culturale ossia l’insieme di quelle norme, regole e procedure che connotano la società politica (la televisione). Il flusso di domande così filtrato giunge alla black box (centro decisionale del sistema) dove operano tre componenti: la comunità politica, il regime, l’autorità.

Tale modello viene adoperato da tutti i regimi, compresi quelli non democratici, e nel corso degli ultimi anni le élite racchiuse nel WTO stanno favorendo e sostenendo un efficace processo di rifeudalizzazione della società tramite organizzazioni politiche autoritarie, la televisione, e l’istruzione. Esempi concreti sono presenti anche in Europa, è sufficiente osservare i partiti e sedicenti movimenti alternativi che usano il modello Easton con derive autoritarie. Ad esempio, si stanno sviluppando movimenti populistici con leader carismatici caratterizzati da un’ideologia non ben definita, con l’obiettivo di raggiungere una mobilitazione di massa, l’impiego di una politica di “paura” mista a ricompense, decisioni arbitrarie e l’assenza del pluralismo. Questi movimenti rientrano palesemente nei regimi autoritari poiché si caratterizzano sul pluralismo limitato e non responsabile, e l’assenza di un’ideologia ma con la presenza di una mentalità, ossia l’insieme di credenze, valori ed atteggiamenti “rivoluzionari” che vengono coltivati per giustificare e sostenere il leader ed il movimento stesso. Le nuove tecnologie informatiche sono ampiamente usate da certi movimenti, ma non per diffondere la democrazia, ma per consultare e testare la fede dei partecipanti e giustificare le scelte determinate dai regolatori di accesso nella black box (followership). Nella sostanza l’attuale panorama politico è fermo agli anni ’50 ed è regredito in oligarchie tecnologiche (Forza Italia, PD e M5S adoperano le stesse dinamiche e gli stessi strumenti).

Aristotele, Platone, Socrate, Machiavelli, Montesquieu, Bodin, Weber, Heidegger, Arendt potrebbero ridere e/o dispiacersi osservando la nostra società totalmente avvolta e travolta dal capitalismo, e regredita allo stato infantile per essere facilmente plasmata dalla pubblicità. Socrate e Platone sapevano benissimo che bisognava stare attenti a coloro i quali parlavano alla pancia del popolo, così com’è noto che solo la cultura ci consente di compiere scelte consapevoli, mentre l’etica è la guida delle scelte.

Uscendo dalla retorica dei demagoghi dovremmo focalizzare un fatto: l’élite che controlla e governa l’Occidente ha una sua ideologia: capitalismo, ed il suo contrario si chiama bioeconomia. La bioeconomia è soprattutto un’evoluzione del sistema produttivo che rispetta le leggi della natura consentendoci di prosperare; dunque è necessario costruire un movimento politico capace di rappresentare tale evoluzione. Un aspetto sottovalutato dal sistema, dallo status quo, è il dissenso consapevole che sta crescendo, cioè il cosiddetto partito del non voto che dovrebbe organizzarsi anziché lasciare indisturbata l’élite. Dissentire nei confronti di una società iniqua è corretto, ma è altrettanto fondamentale pensare un nuovo paradigma per costruire la società che desideriamo, in questa transizione è necessario sostituire le credenze basate su vizi e capricci, e introdurre un sistema di valori ben riconoscibili, chiari e basati su razionalità e diritti umani.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: