Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘nichilismo’

Il tema non è nuovo, anzi è contemporaneo ed affrontato egregiamente da uno storico dell’architettura fra i più bravi e brillanti, il prof. Renato De Fusco scrisse un libro tal titolo eloquente Architettura come mass medium. De Fusco non usa la definizione di “nichilismo urbano” ma si rifà ad Heidegger, Durkheim, Adorno e la scuola di Francoforte e molti altri critici della società dei consumi per condurre le sue indagini sulla semiotica dell’architettura. Nel testo troviamo le chiavi di lettura di molti fenomeni urbani di quest’epoca tremenda, dal punto di vista sociale, economico, urbanistico e per l’appunto architettonico.

Non sorprende che una capitale europea come Roma non sia amministrata e governata degnamente, e come molti osservatori hanno già scritto questa crisi viene da lontano, mentre i cittadini non sono affatto innocenti poiché i loro rappresentanti sono stati votati.

Dal punto di vista urbanistico e architettonico, l’ormai famigerato caso della speculazione di Tor di Valle, è l’ennesimo tassello dell’epoca odierna: il capitalismo neoliberale che produce nichilismo urbano. Questo è un fenomeno occidentale molto diffuso e applicato dagli amministratori locali, i quali non sono più chiamati a pensare e dialogare con i cittadini. Da molti anni si è consolidata una prassi che troviamo in tutte le città globali e anche nelle periferie economiche. I capitali privati decidono dove e come investire mentre il territorio è merce a loro disposizione. Gli investitori si affidano alle cosiddette archistar che hanno l’opportunità di esprimere il proprio ego e le proprie sperimentazioni stilistiche auto referenziali. Il mondo capitalista è lo spirito del tempo che sfrutta la pubblicità e i medium di massa per imporre il proprio nichilismo. In questa regressione culturale spariscono sia l’architettura e sia l’urbanistica, e restano le costruzioni della pubblicità ma soprattutto i simboli delle multinazionali, i loghi, i marchi, il brand. Nell’accezione economica liberale, le costruzioni edili sono merce che creano “ricchezza” per accumulare capitale e porre garanzie sui debiti privati. In buona parte degli Enti locali non siedono uomini di cultura capaci di leggere l’urbanistica e l’architettura, ma troviamo mediocri amministratori, utili a vendere la merce dei padroni.

La storia dell’urbanistica, se fosse letta anche dai cittadini, insegna che per garantire diritti a tutti gli abitanti, il territorio non deve rispondere alla religione economica, poiché esso è sia una risorsa finita e sia luogo per costruire diritti e servizi utili allo sviluppo umano. Uno dei padri dell’urbanistica, Howard, mostrò che attraverso il sistema delle cooperative si potevano realizzare città intere, indirizzando il profitto delle rendite alla costruzione dei servizi collettivi e sfruttando il diritto di superficie per i residenti con un canone sufficiente a pagare gli investimenti e costi di gestione. Era un sistema dove i soggetti privati si prendevano cura della cosa pubblica non per trarne profitto ma per realizzare diritti senza scaricare i costi sullo Stato. Poiché tale sistema è figlio di un’idea socialista se non addirittura comunista (condivisione del bene comune), esso è stato appositamente scartato dai liberali, i quali hanno saputo psico programmare tutto l’Occidentale con lo slogan laissez faire al mercato, con l’intento opposto ai socialisti di incarnare il vero spirito capitalista, cioè accumulazione, profitto e l’avidità. Da circa trent’anni, tutte le nostre politiche urbane sono forgiate dall’avidità dei privati che applicano il laissez faire, nonostante sia noto a tutti che tale religione è la radice della gentrificazione urbana, della crisi sociale e del degrado urbano, oltre che della rapina economica dei privati contro la collettività.

letchworth

Letchworth, fondata da Raymond Unwin e costruita secondo il piano Ebenezer Howard

 

creative-commons

 

Annunci

Read Full Post »

La società che vediamo rispecchia esattamente lo spirito del tempo. Se abbiamo l’impressione che la società sia governata male e buona parte dei governanti appaiono come personaggi immorali, è proprio perché essi rappresentano lo spirito del tempo: il capitalismo. In tal senso possiamo anche affermare che la società non è governata male, ma addomesticata secondo le regole e il costume del tempo: usurpare, prevaricare, uccidere, violentare, mentire, rubare, ignorare e regredire. Sia chiaro che, se gli italiani sembrano essere campioni di autolesionismo e disistima propria, è lo spirito del tempo di tutto il mondo occidentale presente in tutti Paesi “avanzati” che si manifesta in ogni decisione politica, uno spirito che sorge a partire dall’età barocca e giunge al termine nel secondo Novecento, creando il caos che stiamo assistendo poiché il capitalismo si sposta nei territori dei paesi “emergenti”. L’ultima usurpazione espressione dell’idiozia capitalistica è la famigerata Expo milanese, ove un tema vitale come “nutrire il pianeta” è divenuto il brand foraggiato dalle multinazionali della “merda”, come direbbe l’oncologo Franco Berrino, che ha mostrato come la prevenzione dei tumori si attua attraverso il cibo. All’interno dello spirito del tempo è giusto che McDonald, Cocacola siano i padroni del tema “nutrire il pianeta”, anche se ogni essere umano sa bene che si tratta solo di un’idiozia funzionale al mantra: vendere, vendere, vendere. Nell’era di internet ove in tanti si rendono conto del vero obiettivo dell’iniziativa, promuovere una fiera globale sponsorizzata dal diavolo è solo l’ultimo affronto di un’élite degenerata e arrogante. Per fortuna un tema fondamentale come nutrire il pianeta viene affrontato dai contadini e dall’impiego delle conoscenze frutto di tecnologie naturali utili a sfamare i popoli, mentre proprio le famigerate multinazionali di Expo disseminano rischi per la salute umana attraverso merci figlie dell’ingegneria genetica. L’aspetto più ridicolo per gli italiani ospitanti della fiera, è che nel mondo globalizzato si è sviluppato il luogo comune secondo cui l’Italia e gli italiani siano i detentori del corretto life style grazie al cibo, e lo sponsor principale di Expo non è la dieta mediterranea ma McDonald. Ed anche questa contraddizione se osservata sotto la lente del capitalismo è un’azione corretta, poiché secondo lo spirito dominante i rapporti si misurano attraverso il capitale e non secondo valori universali, quindi basta pagare per avere visibilità. Persino Carlo Petrini, presente ad Expo con Slow Food, non lascia spazio all’immaginazione: «abbiamo accettato di stare dentro l’Expo, ma ci stiamo in maniera critica: l’Expo non ha anima, deve mettercela altrimenti non serve al sistema Paese. Da quando l’hanno presentato, si è trasformato in un evento che non ha nulla a che fare con il cibo, con la nutrizione e con il pianeta». Luca Chianca su Expo, inchiesta Report Grasso che cola. L’obiettivo sembra chiaro: formare nuovi consumatori attraverso le “droghe” del cibo ed offrire un assist all’industria del farmaco per “guarire” i nuovi consumatori obesi.

In Italia, in maniera confusa si può scorgere una reazione alla patologia cancerosa del capitalismo nichilista attraverso la lettura sia del rito sporadico del voto elettorale che manifesta un chiaro dissenso consapevole e sia osservando l’economia reale, cioè quelle attività volontarie dei cittadini che si organizzano in consumi critici e consapevoli, e in forme di auto produzione. Non c’è dubbio che queste attività economiche siano l’espressione più seria e più forte di un cambiamento radicale e sostenibile espressione di un nuovo spirito del tempo, quello che verrà. Il Movimento per la Decrescita Felice prova a dare il proprio contributo attraverso i circoli territoriali, espressione di cittadini organizzati in numerose attività di auto produzione proprio come il cibo, ma non solo, incontri e dibattiti culturali che suggeriscono lo sviluppo di stili di vita sostenibili e programmi politici sulla decrescita selettiva del PIL. Mi soffermerò solo sul dato elettorale. Alle elezioni europee del 25 maggio 2014 gli elettori erano 49.256.169, i votanti 28.908.004, cioè il 58,69% degli aventi diritto al voto, una percentuale decisamente in calo rispetto alle elezioni politiche del 24 febbraio 2013 ove parteciparono il 75,2% (35.270.926 votanti) degli aventi diritto al voto. Sei mesi fa, il 23 novembre 2014, in Emilia-Romagna i cittadini disgustati si sono comportati in questo modo: elettori 3.460.402; votanti 1.304.841, solo il 37,71%; mentre in Calabria: elettori 1.897.729, votanti 836.531; cioè solo il 44,08% ha votato. Traduzione, nessun partito rappresenta la maggioranza degli elettori e l’Assemblea legislativa regionale rappresenta solo una ristretta minoranza, svuotando di senso democratico l’elezione regionale stessa che governa senza legittimazione popolare della maggioranza degli aventi diritto al voto. L’alta percentuale dell’astensionismo (che supera il 50%+1) è il segnale politico più forte contro tutti i partiti. Sia chiaro che i non votanti non hanno espresso un dissenso al capitalismo ma una sfiducia ai partiti. Il segnale politico di maturità è quello di trasformare il dissenso in progetto politico figlio della decolonizzazione dell’immaginario collettivo dominante, cioè uscire dall’omologazione planetaria creata dal capitalismo. Il percorso è ancora lungo ma ci sono segnali incoraggianti nel resto d’Europa ove i cittadini hanno espresso un dissenso nei confronti di tutti i partiti che hanno costruito il sistema neoliberista europeo indirizzando il proprio consenso a forze nuove, e cosiddette di anti-sistema. Per il momento, all’appello di una rinascita mancano solo gli italiani, ma c’è la possibilità che anche nel nostro Paese nasca un movimento simil Podemos espressione di un’alternativa politica al neoliberismo, ma lo stesso Podemos deve offrire una soluzione politica e culturale figlia della bioeconomia. La bioeconomia è antitetica allo spirito del tempo che volge al termine, e ciò si realizza se e solo se i cittadini escono dall’inganno psicologico costruito negli ultimi secoli. Gandhi disse che «sulla terra c’è abbastanza per soddisfare i bisogni di tutti ma non per soddisfare l’ingordigia di pochi». In questa affermazione viene sintetizzata una visione sociale e politica fondamentale per ribaltare il paradigma culturale dello spirito del tempo e proporre nuovi paradigmi culturali che ci consentiranno di vivere in prosperità osservando le leggi della natura. La bioeconomia è la soluzione ormai nota, e si percorre in un periodo di tempo chiamato decrescita felice che ci consente di indicare la decrescita selettiva del PIL grazie a investimenti mirati in attività virtuose. Nel 2013 il Perù approva un programma per installare pannelli fotovoltaici per i ceti meno abbienti, nel 2015 è la California a seguire l’esempio. L’obiettivo è rendere le persone libere uscendo dal nichilismo della crescita e puntare allo sviluppo umano che si può manifestare in numerosi impieghi utili: l’auto produzione di energia sfruttando le fonti alternative, la sovranità alimentare, la conservazione del patrimonio esistente e la prevenzione dai rischi idrogeologici e sismici, il riciclo totale delle materie prime seconde, etc.

Domani milioni di italiani saranno chiamati a votare per rieleggere il Presidente e l’Assemblea regionale. Domani milioni di italiani decideranno di andare al mare o trascorrere la giornata in altri modi poiché disgustati dal comportamento di tutti i partiti. Chi vive in Italia può comprendere questo clima di sfiducia, ma ciò che non si capisce da diversi decenni, è perché questo dissenso non si trasforma in qualcosa di positivo, come prendersi cura del proprio Paese attraverso la partecipazione diretta. Se non ci si sente rappresentati è legittimo non esprimere una delega in bianco, ma se a questo comportamento comprensibile non corrisponde una partecipazione attiva, diventa meno legittimo indignarsi poiché si è complici del problema politico. Si tratta di trasformare l’indignazione da comportamento irresponsabile a comportamento responsabile, facendo nascere e stimolare una passione politica nel senso proprio e puro del termine e riprendendosi dignità all’interno di un nuovo percorso.

Come accennato prima il cambiamento radicale si esprime con azioni concrete sui consumi, eliminando l’acquisto di merci inutili vendute dalle multinazionali e favorire la rilocalizzazione delle produzioni. Con questo semplice gesto si favorisce il lavoro e l’economia locale e con una guida sui principi della bioeconomia e della sostenibilità si raggiunge il massimo risultato producendo beni e merci di qualità.

creative-commons

Read Full Post »

C’è un sistema che rimane generalmente sconosciuto e incompreso dalla maggioranza dei cittadini: è la creazione della moneta. La moneta e il capitalismo sono sistemi a servizio del potere trasformati in credenze, in fede in egual misura delle religioni monoteiste. Nella nostra società moderna le persone sono persuase, condizionate e diseducate all’egoismo, alla competitività ed al nichilismo. In questo modo è più facile addomesticare un individuo nichilista poiché egli è svuotato di ogni valore morale, pronto a sopravvivere come consumatore e non come persona. Gli individui addomesticati si prestano spontaneamente a servizio della società nichilista come ingranaggi del capitalismo compulsivo.  Non c’è bisogno di comprarsi un politico perché sono essi stessi che si prestano ben consapevoli di poter entrare nel sistema dei paradisi fiscali. C’è ancora qualcuno che pensa ai privilegi dei politici, o della casta? L’argomento dei privilegi è solo un mezzo per aumentare l’apatia politica ed allontanare le persone dalla politica. Il sistema finanziario è talmente affinato che non esiste, oggi, un modo efficace per rintracciare i soldi che i politici incassano dai banchieri e dalle SpA. Possiamo solo immaginare le gigantesche cifre partendo dal valore delle scommesse dei derivati, una cifra 12,5 volte il PIL mondiale (di tutte le SpA e di tutti gli Stati). Col valore delle scommesse i banchieri possono comprarsi i politici di 12 pianeti. Quando avremo iniziato a capire che la corruzione è solo un mezzo per usurpare i diritti vorrà dire che le ridicole sciocchezze della casta non ci riguardano più e saremo passati oltre. I politici sono solo ripetitori di decisioni prese altrove, ignobili esseri che vivono grazie al nostro sostegno, grazie alla nostra ignoranza, grazie alla nostra apatia. Il peggior servo è quel cittadino che con un certo orgoglio dice di non occuparsi di politica perché è una cosa sporca e non gli interessa. Fissate bene l’immagine di quel tizio, egli è il vero nemico dello Stato e l’amico dei potenti. Il potere gode con le persone ignoranti ed apatiche. Il potere vuole che le persone non si interessino di politica. (Il club dei nove)

Ecco la distribuzione della ricchezza monetaria secondo gli obsoleti indicatori, quelli che oggi creano e sostengono le diseguaglianze: 20 dati statistici che provano che la ricchezza mondiale viene riversata nelle mani dell’élite – lasciando il resto del mondo sventuratamente povero”

  1. Secondo la UN Conference on Trade and Development (Conferenza dell’ONU su Commercio e Sviluppo), il numero di “paesi meno sviluppati” è raddoppiato negli ultimi 40 anni.
  2. I “paesi meno sviluppati” hanno speso 9 miliardi di dollari per importazioni di alimenti nel 2002. Nel 2008 questa cifra è salita a 23 miliardi di dollari.
  3. Il reddito medio pro-capite nei paesi più poveri dell’Africa è sceso a 1/4 negli ultimi 20 anni.
  4. Bill Gates ha un patrimonio netto dell’ordine dei 50 miliardi di dollari. Ci sono circa 140 paesi al mondo che hanno un PIL annuo inferiore alla ricchezza di Bill Gates.
  5. Uno studio del World Institute for Development Economics Research (Istituto Mondiale per la ricerca sull’economia dello sviluppo) evidenzia che la metà inferiore della popolazione mondiale detiene circa l’1% della ricchezza globale.
  6. Circa 1 miliardo di persone nel mondo va a dormire affamato ogni notte.
  7. Il 2% delle persone più ricche detiene più della metà di tutto il patrimonio immobiliare globale.
  8. Si stima che più dell’80% della popolazione mondiale vive in paesi dove il divario fra ricchi e poveri è in continuo aumento.
  9. Ogni 3,6 secondi qualcuno muore di fame, e 3/4 di essi sono bambini sotto i 5 anni.
  10. Secondo Gallup, il 33% della popolazione mondiale dice di non avere abbastanza soldi per comprarsi da mangiare.
  11. Mentre stai leggendo questo articolo, 2,6 miliardi di persone nel mondo stanno soffrendo per mancanza di servizi sanitari di base.
  12. Secondo il più recente “Global Wealth Report” di Credit Suisse, lo 0,5% di persone più ricche controlla più del 35% della ricchezza mondiale.
  13. Oltre 3 miliardi di persone, quasi la metà della popolazione mondiale, vive con meno di 2 dollari al giorno.
  14. Il fondatore della CNN, Ted Turner, è il più grande proprietario terriero privato negli Stati Uniti. Oggi, Turner possiede circa 2 milioni di acri [più di 8.000 Km quadrati – NdT] di terra. Questa quantità è maggiore dell’area del Delaware e di Rhode Island messe assieme [come l’intera superficie dell’Abruzzo – NdT]. Turner peraltro invoca restrizioni governative per limitare a 2 o meno figli per coppia nell’ottica di un controllo della crescita demografica.
  15. 400 milioni di bambini nel mondo non hanno accesso all’acqua potabile.
  16. Circa il 28% dei bambini dei paesi in via di sviluppo sono considerati malnutriti o hanno una crescita ridotta a causa della malnutrizione.
  17. Si stima che gli Stati Uniti detengano circa il 25% della ricchezza totale del mondo.
  18. Si stima che l’intero continente africano possegga solo l’1% della ricchezza totale del mondo.
  19. Nel 2008 circa 9 milioni di bambini sono morti prima di compiere i 5 anni. Circa 1/3 di tutte queste morti è dovuto direttamente o indirettamente a scarsità di cibo.
  20. La famiglia di banchieri più famosa al mondo, i Rothschild, ha accumulato montagne di ricchezza mentre il resto del mondo è stato intrappolato nella povertà. Ecco cosa afferma Wikipedia a proposito delle ricchezze della famiglia Rothschild:
Si è sostenuto che nel corso del 19° secolo, la famiglia possedeva di gran lunga il più grande patrimonio privato del mondo, e di gran lunga la più grande fortuna nella storia moderna.

Abbiamo capito cosa significa quando il valore dei derivati supera circa 12,5 volte il PIL mondiale? Secondo una delle teorie economiche più diffuse nelle scuole e nelle università il valore sarebbe costituito anche dal costo di produzione. La matematica finanziaria ha cancellato questa teoria poiché, oggi, una scommessa (strumento finanziario derivato) vale più del lavoro prodotto dagli esseri umani. Un’altra teoria economica ci racconta che l’aumento di produzione di servizi, merci maggiori della domanda crei inflazione, e che se circola più moneta rispetto alla domanda la stessa perda valore. I derivati sono moneta, i mutui sono moneta, l’energia è moneta etc. Attraverso un perverso meccanismo di controllo politico, non scientifico, la BCE racconta agli Stati di tenere l’inflazione annua sotto il 2% mentre nello stesso momento, le SpA che scommettono nelle borse telematiche hanno accumulato gigantesche ricchezze da usare contro i popoli. Un esempio? Scommettere sui fallimenti degli Stati e poi coi soldi creati dal nulla comprare economia reale: isole, terreni, case, semenze, tecnologie innovative (Argentina docet, Grecia docet). Questo, diciamo, è il signoraggio al cubo. Un diabolico meccanismo matematico, tenuto nascosto alla maggioranza dei popoli e svelato a chi intende partecipare al banchetto dell’avidità. In Italia questo comportamento si chiama associazione per delinquere. Secondo la carta dei diritti dell’uomo si chiama crimine contro l’umanità.

Oggi, le banche attraverso le fondazioni politiche sostengono economicamente gruppi di pensiero per studiare e produrre consenso. I media fanno eco a tali gruppi. Le fondazioni si auto-alimentano per mezzo del signoraggio bancario (riserva frazionaria e prestiti dal nulla) poiché raccolgono e concentrano il 3% degli attivi di ogni singola agenzia spostandolo verso le fondazioni. Tali gruppi studiano le direttive dei gruppi sovranazionali. Persino l’Unione europea sostiene le fondazioni politiche, soldi erogati alle fondazioni dal 2008 al 2012 e soldi erogati ai partiti dal 2004 al 2012.

Per esser ancora più espliciti, la maggioranza delle persone ogni mattina si alza perché deve andare al lavoro e non perché amino lavorare otto ore al giorno, nella migliore delle ipotesi, ma perché devono pagare l’affitto di casa, le bollette e le spese quotidiane. Alcuni di questi cittadini perdono anche la vita per lavorare. Invece, una ristretta oligarchia di politici e banchieri attraverso l’invenzione del debito pubblico e privato, e grazie all’usurpazione della sovranità monetaria si attribuiscono ricchezze create dal nulla senza alcuna fatica. Tale meccanismo grazie alla matematica finanziaria ha avuto una forte crescita ed oggi questi soggetti, al soldo delle SpA, possono rubare economia reale a norma di legge. Bisogna cancellare tali norme e ripristinare i principi di uguaglianza e legalità introducendo l’etica nella politica. All’estero esiste maggiore consapevolezza collettiva e si propone una riforma che restituisce la sovranità monetaria al popolo e si usa la moneta come strumento e non come ricchezza assoluta. Gli Enti locali, applicando l’articolo 47 della Costituzione possono creare moneta credito e costruire servizi pubblici. Con una riforma federale, copiando la Svizzera, è sufficiente integrare la democrazia rappresentativa e spostare la tassazione verso l’ambito provinciale. Comuni e province sono gli Enti più vicini ai cittadini e le tasse devono servire alla costruzione dei servizi locali. Aumentare l’uso di moneta per costruire servizi, come avremmo dovuto intuire non genera inflazione. Anzi, grazie alle asimmetrie informative e le borse telematiche, alcuni banchieri ed SpA giocano contro l’autoderminazione dei popoli per creare disuguaglianze da sfruttare a proprio vantaggio.

Come spezzare questo sistema immorale? Sapendo che noi esseri umani possiamo vivere e sostenerci cambiando modo di pensare e sapere che siamo parte della natura e la stessa vive grazie all’energia e non grazie alla moneta. La ricchezza non è l’accumulo di merci. Con la condivisione delle conoscenze possiamo ri-progettare la società applicando i principi della fisica. Con un atteggiamento olistico e permaculturale possiamo passare dalla schiavitù del sistema debito al sistema della moneta credito in società democratiche ed autoderminate. Noi possiamo scegliere, liberandoci dalle credenze indotte dal potere. Noi possiamo cambiare ed iniziare a vivere da esseri umani. L’ambiente è ciò che condiziona le nostre percezioni e cittadini uniti dall’etica possono costituire una massa critica per cambiare la percezione dell’opinione pubblica perché la coscienza umana è la fonte energetica più forte del condizionamento negativo indotto dal dogma del capitalismo nichilista. Il potere (banche e organizzazioni sovranazionali) teme le persone informate ed unite dall’etica.

Read Full Post »

scarica l’articolo: “Qualcosa” che non va

Le persone percepiscono che c’è qualcosa che non va, lo sentono e lo vedono nel quotidiano, sentono che i politici sono dei bugiardi ma difficilmente si spingono verso la ricerca di una verità. Le persone sono continuamente minacciate e ricattate sul lavoro, non si fidano di nessuno e cresce l’apatia politica. Paure ed insicurezza vengono indotte sin dai tempi scolastici attraverso una diseducazione decisa dai Governi ed, i docenti si limitano ad applicare i programmi calati dall’alto. «Nella realtà, i nostri diritti di apprendere sono già circoscritti», afferma il premio nobel Robert B. Laughlin.
Può capitare di reagire e svegliare la propria coscienza quando siamo coinvolti in prima persona, e questo può avvenire se percepiamo un abuso di potere da parte di un’autorità o di un Ente. Alcuni esempi possono essere: una multa contestata, un furto subito, un’ingiustizia subita ad un concorso pubblico ed altri ancora. In questi casi sentiamo la nostra indignazione ancora più forte perché un nostro interesse personale è osteggiato da quello altrui.
Non riusciamo a comprendere pienamente dove sia il collegamento fra un’amministrazione ingiusta ed i nostri disagi quotidiani circa il costo della vita, per cui spesso torniamo ad essere egoisti e cinici: domani è un altro giorno.

Eppure, il processo deliberativo del Parlamento italiano è condiviso interamente nella rete di internet, cittadini informati sulle procedure possono cercare e trovare i responsabili dei provvedimenti incostituzionali, illegittimi e privi di etica. Alcuni giornalisti indipendenti fanno ampio uso della rete per cercare atti pubblici e commentarli col fine di spiegare gli emendamenti non corretti.
Altri cittadini ben informati conoscono l’influenza politica di riunioni segrete circa gruppi sovranazionali e non rappresentativi degli interessi pubblici quali, il Gruppo Bilderberg e la Commissione Trilaterale. Giornalisti ed investigatori cercano di raccontare le decisioni prese in queste riunioni che determinano le linee politiche nel mondo dato che vi partecipano le più influenti corparations, ministri, banchieri, giornalisti e tanti politici. La globalizzazione è stata decisa in questi ambiti e, stiamo parlando di incontri i cui contenuti non vengono divulgati ufficialmente perché i promotori non vogliono far conoscere all’opinione pubblica quali interessi siano in gioco. Il semplice fatto che i popoli vengano tenuti all’oscuro di tutto ciò è una chiara violazione dell’etica e di comportamenti democratici, soprattutto se pensiamo alle persone che ricoprono incarichi pubblici.

Esistono altri gruppi internazionali che influenzano le scelte, alcuni sono ufficiali ed altri meno. Pochi cittadini sono informati sul fatto che esistono banche internazionali come la BIS, Banca dei regolamenti internazionali, che è al vertice della Banca Mondiale (BM) e del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e facente da tramite a tutte le Banche centrali. I membri esecutivi di queste banche partecipano ad incontri ufficiali e meno ufficiali e determinano ricchezza e povertà dei popoli. Queste persone non rispondono alla democrazia ma ad interessi particolari di varie SpA multinazionali.
Nella scena teatrale della democrazia rappresentativa i candidati si mostrano interessati e discutono a volte dei problemi dei popoli ma nessun media nazionale italiano ha mai approfondito l’influenza delle società segrete e dei gruppi internazionali che ricattano i Governi. Mai nessun programma televisivo, in prima serata, e per lunghi periodi ha investigato sul ruolo e sulla funzione di persone non elette dai popoli ma che determinano la vita dei cittadini.
La privatizzazione del mondo è stata decisa da queste persone ed indicata ai Governi col fine di usurpare i beni demaniali dei popoli, ed ancora, i diritti di copyright ed i brevetti sulla ricerca scientifica, la privatizzazione della salute e la privatizzazione delle guerre sono tutte linee politiche non ideate dai Parlamenti ma avviate da gruppi sovranazionali come il Bilderberg e la Trilaterale dove alcuni banchieri ed imprenditori si dividono il mondo.
La dittatura SpA finirà quando i cittadini smetteranno di lasciarsi dividere fra “destra” e “sinistra” e quando adotteranno un approccio pragmatico dei problemi. Non dare più fiducia alla televisione, smettere di sostenere il sistema, e smettere di credere ai quotidiani può essere un buon inizio. Partecipare attivamente alla vita della propria comunità entrando nel merito delle questioni e documentarsi da fonti indipendenti è un modo corretto per orientarsi e farsi un’idea. Discutere, confrontarsi e cooperare per il bene comune può aiutare chiunque di noi ad ottimizzare i tempi in un percorso di conoscenza non condizionata dai dogmi del potere.

Le organizzazioni qui citate hanno un’evidente influenza psicologica sugli stili di vita di tutti i cittadini eppure non rispondono di fronte alle legge circa le loro scelte poiché, Parlamenti corrotti hanno costruito una maschera nel corso degli anni, fatta di leggi che tutelano gli affari e non la vita degli esseri umani. Un esempio recente è la mancata introduzione della vera class action, voluta sola da liberi cittadini ed osteggiata sia da Prodi, noto manager banchiere ed amico dei massoni e, sia da Berlusconi noto imprenditore legato alla massoneria e vicino all’Opus Dei.
La maggioranza dei cittadini non è minimamente a conoscenza del reale concetto di ricchezza e di economia, non conosce il meccanismo di creazione della moneta e neanche i principi elementari della Costituzione. La nostra ignoranza è questo enorme muro di gomma che il potere ha saputo costruire nel tempo con programmi scolastici diseducativi. Non importa se una stretta minoranza sia informata sui meccanismi criminali che tengono in schiavitù i popoli, ciò che conta per il potere è avere il controllo delle masse per mezzo di strumenti persuasivi (scuola, televisione, cinema) che incidono sugli stili di vita e, così in tutte le città vi sono piccoli vassalli, Sindaci e Presidenti, che sono parte di una casta autoconservatrice che sfrutta la maggioranza dei propri concittadini e, che ogni tanto include nei club nuove forze per continuare a rubare a norma di legge. E’ sufficiente comparare le organizzazioni (Statuti) degli Enti territoriali di oggi con quelle medioevali per comprendere in che società viviamo.

Proviamo ad analizzare l’istituzione che ci governa. In questo periodo il sito ufficiale della Banca Centrale Europea (BCE  – http://www.ecb.int/ecb/educational/pricestab/html/index.it.html ) ha condiviso un cartone animato e dei documenti per spiegare ai docenti delle scuole ed ai suoi allievi la propria funzione all’interno dell’Unione Europea.
Quel cartone animato è una buona applicazione di Programmazione Neuro Linguistica (PNL), in questo caso indottrinamento, per introdurre un programma sbagliato (disinformazione) nella testa dei ragazzi. Il cartone racconta mezze verità, non dice tutta la verità, del resto è realizzato dalla BCE che non ha interessi pubblici ma quello delle sue filiali, ed in Italia sono le SpA. La BCE è un istituto autonomo e non trasparente poiché non ha obblighi di rivelare tutti i contenuti delle proprie delibere. Il video propaganda della BCE dice che: per mantenere la stabilità dei prezzi a medio termine sotto il 2% essi seguono due fattori:

1)      crescita economica (PIL) e prezzo del petrolio
2)      quantità di moneta circolante

E’ interessante questo discorso poiché essi ammettono, in sostanza, che non puntano ad una reale stabilità dei prezzi ma tendono a conservarla sotto il 2% a medio termine. Essi intendono farlo ma non ci riescono.
Prediamo in considerazione i due fattori: 1) il PIL come indicatore economico non misura la qualità della vita ma, la produttività industriale. Esso fu criticato già quando fu ideato. Più malati di cancro ci sono e più sale il PIL, più armi si vendono e più sale il PIL. Petrolio: nessuno al mondo può conoscere e comprendere il prezzo del petrolio perché, nessuno al mondo conosce il quantitativo di greggio nei giacimenti e dove siano i nuovi con esattezza. La teoria più affidabile, ma per l’appunto si chiama teoria, è il picco di Hubbert che si basa sulla domanda e sull’offerta di petrolio. Essa dice che se la richiesta (consumi) di greggio supera l’offerta (giacimenti, estrazione) allora ci troviamo in un punto di picco (di massimo), questo punto dovrebbe rappresentare un periodo di crisi economica. Le aziende petrolifere non hanno interesse nel dichiarare con esattezza la reale capacità produttiva (giacimenti). Esistono solo stime (ipotesi) diffuse fra i media e nel mercato turbano periodicamente da queste dichiarazioni. Anzi, il prezzo degli idrocarburi (petrolio e gas) è strettamente legato ad interessi bellici col fine di controllare e scoprire nuovi giacimenti. Non è un caso che l’11 settembre 2001 abbia portato enormi profitti alle SpA petrolifere. Non è un caso che il prezzo dei barili di greggio salga e scenda continuamente con differenze anche di 100 dollari e che lo stesso coinvolge anche il prezzo del gas anche se non dovrebbe farlo poiché sono fonti energetiche diverse. Le ragioni sono politiche e non scientifiche.

2) Moneta circolante. In tutti i libri di economia si spiega la domanda e l’offerta di moneta e la relativa formula (moltiplicatore monetario) che regola l’espansione monetaria, essa non tiene minimamente conto dell’obiettivo della stabilità dei prezzi anzi, è formulata con l’obiettivo contrario per una banale ragione, le banche sono SpA e l’interesse degli azionisti è uno solo: prestare soldi e creare debito. Il sistema a riserva frazionaria – metodo del prestito – consente di creare moneta “infinite” volte col conseguente aumento generalizzato dei prezzi e la creazione certa di inflazione. In sostanza, impoverimento sicuro del salario di tutti i dipendenti pubblici.

Ecco un semplice esempio del funzionamento della riserva frazionaria: un signore A deposita 100 euro in banca, un signore B può chiedere in prestito 92 euro (riserva frazionaria all’8%, accordi Basilea II). Ora nella banca risultano esserci 100 euro di A (lavoro) più 92 prestati a B, “creati dal nulla” e caricati di interessi. Se A tornasse indietro per ritirare 100 euro fisici (di carta) non li troverebbe. Cosa significa “creati dal nulla”? La banca emette un prestito per mezzo di una riserva obbligatoria stabilita per legge ma, nel contratto di prestito non esiste l’equo scambio. In un contratto di mutuo la banca non ci perde niente mentre il mutuatario potrebbe perdere la casa (economia reale), tali contratti si definiscono “impossibili”. Tu chiedi pezzi di carta caricati di interessi e rischi economia reale, la banca rischia aria fritta. I termini quantitativi, la ripetizione, di tale processo è stabilito dal “moltiplicatore monetario” e, non dalla ragionevolezza che potrebbe derivare dalla misura di un certa produzione o dallo stile di vita (consumi).

Possiamo concludere con estrema certezza e “confortati” dalla realtà che la BCE poggia le sue analisi e l’obiettivo della stabilità dei prezzi su dati contraddittori ed incerti, non misurabili scientificamente per tante ragioni. Ciò che essi comunicano nelle propria propaganda è l’esatto contrario di quello che accade da sempre. I prezzi aumentano sempre, l’inflazione aumenta sempre, i popoli si impoveriscono ed i banchieri si arricchiscono.

La Storia che si ripete, già molti decenni fa, Alexander Del Mar dimostrò quanto fossero fantasiose e maliziose certe teorie economiche, oggi tradotte e stampate anche in Italia, in storia dei crimini monetari: «La pietra angolare di questa teoria secondo cui “il valore di ogni oggetto o servizio richiesto dipende dal costo di produzione o di approvvigionamento dello stesso» (Londra, Camera di Commercio, estratto dalla replica dell’on. Del Mar al prof. Rogers, 1890). Nel caso del signoraggio (profitto derivante dall’emissione di moneta) o demonitizzazione dei soldi si dimostrava quanto e come chi avesse il potere di emettere moneta rubava ricchezza attraverso la differenza fra il valore nominale ed il costo di creazione delle monete. A quei tempi, si trattava di quanto oro ed argento ci fosse realmente nelle monete circolanti in rapporto al valore nominale. Le Zecche stabilivano un rapporto ed il crimine era perfetto, pochi rappresentanti politici capivano come funzionava la truffa. Del Mar dimostrò in sedi pubbliche quanto tale crimine influenzasse l’economia del popolo americano poiché nessuno poteva stabilire con certezza il reale costo di estrazione (produzione) dell’oro e dell’argento, nessuno conosceva la quantità di materia prima che poteva essere estratta. Del Mar dimostrò che erano i banchieri attraverso trucchi contabili e col signoraggio a stabilire la Misura del Valore delle monete e non la malsana teoria economica del costo di produzione.

In Italia il prof. Giacinto Auriti, ha saputo dimostrare, anche nelle sedi giudiziarie, che non è chiara la proprietà della moneta. Dopo la sua scomparsa, nel 2006, i giudici hanno ribadito che la Repubblica  ha il potere di emettere e controllare la moneta, come prescrive l’art. 47 della nostra Costituzione. Ma Auriti, come accennava anche Del Mar ha ristabilito un principio giuridico ed economico: «la moneta è un bene immateriale di valore convenzionale e, allo stato attuale dei regimi monetari, gravata di debito. La moneta ha valore perché misura il valore dei beni. Poiché ogni unità di misura è convenzionalmente stabilita, la fonte dello strumento monetario è la convenzione.»
Ricordiamoci che l’economia e la moneta sono invenzioni. Estratto dal discorso di Capo dei Pellirossa Capriolo Zoppo nel 1854 al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pirce: “Ma come potete comprare o vendere il cielo, il colore della terra? Questa idea è strana per noi. Noi non siamo proprietari della freschezza dell’aria o dello scintillio dell’acqua: come potete comprarli da noi?”
Da allora fino ad oggi le analogie dei crimini monetari sono impressionanti poiché da quando (1971) la moneta si stampa senza alcun controvalore in oro, il nuovo riferimento è il petrolio. Ma oggi come allora nessuno può stabilire il reale costo di produzione, nessuno. Cambiano i riferimenti ma i crimini continuano, con mezzi più efficaci (moltiplicatore monetario), internet (moneta elettronica) e, studi in economia. Oggi rubare a norma di legge è diventata persino un’aspirazione per taluni economisti ed avvocati. Nei secoli passati il banchiere era visto, giustamente, come un mestiere non nobile, egli è un usuraio, in Italia abbiamo avuto banchieri diventati Capi di Stato. Nel Regno d’Italia creare moneta dal nulla era un gravissimo reato penale, oggi, si insegna all’università. Lo scandalo della Banca Romana (1893) racconta di crimini monetari come stampare moneta dal nulla per speculazioni edilizie e da li a poco nacque la Banca d’Italia che coprì lo scandalo. Oggi, nel nostro sistema bancario, inventato dalla FED, il denaro è debito ed il debito è denaro. Siamo a livelli di schiavismo tali che se una pubblica amministrazione non eroga servizi essenziali indicati dai principi costituzionali è perché essa deve sottostare a indirizzi politici di un organo non eletto e non controllato dai popoli, la BCE, che agisce sul tasso di interesse (debito). Addirittura la non cultura umana, quella degli economisti, obbliga Enti pubblici a rispettare un patto di stabilità pena il commissariamento.  Intanto l’ISTAT misura la soglia di povertà ed in Italia ben l’11,3% delle famiglie sono povere.

Nel luglio del 2008 senza alcun dibattito pubblico, il Parlamento italiano approvava l’antidemocratico Trattato di Lisbona dove la Commissione ed il Consiglio hanno maggiori poteri rispetto il Parlamento, unico organo eletto. Al fine di far approvare il Trattato, i governi hanno deliberatamente disinformato i loro cittadini circa i contenuti e la necessità del Trattato di Lisbona. Nel trattato si “legalizza” l’usurpazione della sovranità monetaria. Quando il potere esecutivo ed il potere legislativo coincidono non esiste alcuna democrazia rappresentativa e si parla di dittatura dell’oligarchia di un regime totalitario quali il fascismo o il comunismo sovietico-cinese.

Il giornalista Piovesana sul sito di Peacereporter, il 20 novembre 2009 ha documentato chiaramente l’influenza delle organizzazioni sovranazionali: «La decisione di nominare presidente permanete della nuova Unione europea disegnata dal Trattato di Lisbona il premier belga Herman Van Rompuy – membro del partito dei Cristiani Democratici Fiamminghi e appassionato di poesia giapponese – è stata presa la sera del 12 novembre in una cena a porte chiuse nel Castello di Hertoginnedal, alle porte di Bruxelles. A organizzare la cena, cui ha partecipato lo stesso Van Rompuy, il famoso Bilderberg Club: il più potente, riservato e discusso organo decisionale privato del mondo che dal 1954 riunisce i vertici politici, finanziari, industriali, militari e mediatici dei paesi occidentali.»

Su tutti i media rimbalzano le indicazioni del presidente della Bce Jean Claude Trichet e dello stesso Herman Van Rompuy per cercare di contenere la crisi finanziaria mondiale ed il debito pubblico della Grecia per evitare che qualcuno possa pensare di stampare moneta pubblica e non della BCE.
Jean Claude Trichet, sottolinea che frena l’andamento dei prestiti bancari a imprese e famiglie nell’area euro. «L’inasprimento delle condizioni di finanziamento, dovuto all’acuirsi delle tensioni finanziarie, ha contribuito al rallentamento del flusso dei prestiti delle istituzioni
finanziarie monetarie al settore privato non finanziario».  (Fonte: sito web de “ilsole24ore”, 22 gennaio 2009). Ancora oggi, nel febbraio 2010 dobbiamo leggere dai media dichiarazioni anacronistiche di Mario Draghi, governatore della Banca d’Italia, al Forex: «Finché la flessione dell’occupazione non s’inverte permane il rischio di ripercussioni sui consumi, quindi sul Pil». Ed ancora «Stiamo ora uscendo dalla crisi con un tasso di crescita basso, ai minimi europei» ha aggiunto Draghi, mettendo in evidenza come «una crescita economica sostenuta sia base di benessere» e come per questa «ne siano condizione le riforme strutturali, la cui mancanza ha segnato la perdita di competitività del Paese che dura da un quindicennio». E’ evidente l’enorme distanza fra banchieri ed esseri umani. Per i primi contano la crescita del PIL, l’aumento dei consumi e, la competitività, concetti obsoleti che trovano ampio spazio all’università ed alla televisione. Eppure, già nel 1972 istituti di ricerca sostenuti anche dai banchieri ipotizzarono un rinnovamento coraggioso e profondo della società, attraverso trasformazioni ecologiche, culturali e istituzionali volte ad impedire che l’impronta ecologica superasse la capacità di carico del pianeta Terra.

I politici, come hanno spiegato Alexander Del Mar, Ezra Pound, Abramo Lincoln, JF Kennedy, Giacinto Auriti, Jean Ziegler, sono i migliori camerieri dei banchieri ed essi hanno conservato un potere poiché la maniera per comprarsi le persone è ben nota a chiunque abbia l’umiltà, la passione e l’interesse di scoprire la verità del perché c’è “qualcosa” che non funziona nella globalizzazione.  I paradisi fiscali ed gli strumenti finanziari rappresentano il modo più efficace di far perdere le tracce e distribuire soldi per corrompere politici e, pagare la politica delle multinazionali SpA: guerre e controllo debito. Tratto da Ferruccio Pinotti e Luca Tescaroli, Colletti Sporchi, BUR 2008, pag. 354 (intervista a Moisés Naìm, economista, direttore di Foreign Policy, già executive director della Banca Mondiale ed autore di Illicit Peccato anche che il numero dei territori che offrono servizi off shore cresca. Sì, arresteranno pure qualcuno, ma per ogni arresto “eccellente” ci sono mille nuovi canali illeciti che nascono, crescono e si riproducono alla velocità della luce. Non si tratta catturare questa o quella persona, qui si tratta di un problema di sistema, “sistema mondo” intendo, che sta appunto minacciando l’equilibrio globale”» I banchieri non hanno bisogno di soldi: li stampano dal nulla. Anche Norberto Bobbio, nel 1984 disse chiaramente che qualcosa non funzionava: «il Parlamento non è più nella società industriale avanzata il centro del potere reale, essendo spesso soltanto una camera di registrazione di decisioni prese altrove». Fu Bobbio, in Italia, a parlare di videocrazia, plutocrazia, cleptocrazia. Può darsi che io sia particolarmente influenzato da quel che accade in Italia, dove la presenza del potere invisibile (mafia, camorra, logge massoniche anomale, servizi segreti incontrollati e protettori dei sovversivi che dovrebbero controllare) è, permettetemi il bisticcio, visibilissima.
Alle prossime elezioni regionali del Lazio, marzo 2010, il “centro sinistra” candida Emma Bonino che ha partecipato al Bilderberg. Globalizzazione tradotto in termini pratici ed etici, significa rubare i diritti umani per arricchire qualcuno e controllare i popoli. L’UE è fondata anche su questi principi. Senza regole morali siamo tutti potenziali mercenari del miglior offerente, ovvero servi obbedienti e compiacenti della cupola di banchieri che controlla sia l’informazione (in primis quella scientifica) che la ricchezza globale (tratto da Marco Pizzuti, rivelazioni non autorizzate, Ed. Il punto d’Incontro, 2009, pag. 370)

Le persone percepiscono che c’è qualcosa che non va, lo sentono ma dovrebbero porsi domande semplici: se i soldi sono nostri perché ce li prestano? Ed andare fino in fondo nelle ricerca delle risposte ai mali che ci affliggono tutti i giorni.

Le persone percepiscono che c’è qualcosa che non va, lo sentono e per questa ragione dovrebbero riappropriarsi della vita e rifiutare di essere schiavizzati in stupidi mestieri pre-confezionati dalle SpA ma riscoprire il piacere di vivere realmente, riscoprire chi siamo e dove stiamo. Noi abbiamo bisogno di alimentarci con cibi sani e quindi dovremmo tutelare i nostri territori ed i nostri luoghi, dovremmo sapere che la Terra ha limiti fisici ben definiti. Siamo il Paese del Sole e del mare e non sappiamo curare tali risorse poiché abbiamo delegato tutto ai nostri amministratori impegnati a servire contratti ad un banchiere o per un costruttore. La Natura è già interconnessa; banchieri, finanzieri ed amministratori non sono connessi con la Natura ma solo con l’avarizia e da troppo tempo sfruttano l’umanità. Oggi, la reale contrapposizione politica non è fra “destra” e “sinistra” ma, fra totalitarismo e democrazia e, libertà. Vi è un’élite che governa e controlla i popoli e vi sono alcuni cittadini che tentano di condividere informazioni vitali per la sopravvivenza e la libertà di tutti

Read Full Post »

Se persino una piccola parte dell’élite fa autocritica, cosa dovrebbe dire il popolo? La lettera pubblicata da “La Repubblica”, giornale dell’élite, di Pier Luigi Celli direttore di un’università privata, la LUISS, scritta a suo figlio chiedergli di lasciare il Paese è davvero sconfortante. Il padre benestante facente parte del sistema che governa e conosce il sistema invita il figlio a lasciare l’Italia. Che il sistema Italia non usi il merito lo sanno tutti gli italiani e di certo non doveva spiegarcelo Celli. Ma l’argomento è sicuramente degno di nota.

La domanda da porci è un’altra perché i giovani non buttano giù dalla torre i loro padri? Perché non scoppia la rivoluzione?

Passi salienti della lettera:

Questo è un Paese in cui, se ti va bene, comincerai guadagnando un decimo di un portaborse qualunque; un centesimo di una velina o di un tronista; forse poco più di un millesimo di un grande manager che ha all’attivo disavventure e fallimenti che non pagherà mai. E’ anche un Paese in cui, per viaggiare, devi augurarti che l’Alitalia non si metta in testa di fare l’azienda seria chiedendo ai suoi dipendenti il rispetto dell’orario, perché allora ti potrebbe capitare di vederti annullare ogni volo per giorni interi, passando il tuo tempo in attesa di una informazione (o di una scusa) che non arriverà. E d’altra parte, come potrebbe essere diversamente, se questo è l’unico Paese in cui una compagnia aerea di Stato, tecnicamente fallita per non aver saputo stare sul mercato, è stata privatizzata regalandole il Monopolio, e così costringendo i suoi vertici alla paralisi di fronte a dipendenti che non crederanno mai più di essere a rischio.

Credimi, se ti guardi intorno e se giri un po’, non troverai molte ragioni per rincuorarti. Incapperai nei destini gloriosi di chi, avendo fatto magari il taxista, si vede premiato – per ragioni intuibili – con un Consiglio di Amministrazione, o non sapendo nulla di elettricità, gas ed energie varie, accede imperterrito al vertice di una Multiutility. Non varrà nulla avere la fedina immacolata, se ci sono ragioni sufficienti che lavorano su altri terreni, in grado di spingerti a incarichi delicati, magari critici per i destini industriali del Paese. Questo è un Paese in cui nessuno sembra destinato a pagare per gli errori fatti; figurarsi se si vorrà tirare indietro pensando che non gli tocchi un posto superiore, una volta officiato, per raccomandazione, a qualsiasi incarico. Potrei continuare all’infinito, annoiandoti e deprimendomi.

Per questo, col cuore che soffre più che mai, il mio consiglio è che tu, finiti i tuoi studi, prenda la strada dell’estero. Scegli di andare dove ha ancora un valore la lealtà, il rispetto, il riconoscimento del merito e dei risultati.

Bene, tutto vero ma non è un problema di adesso. Se proprio vogliamo migliorare il Paese è bene che i giovani facciano esperienze fuori di casa anche per diversi anni ma, è importante tornare per condividere le esperienze e cambiare il pensiero dominante. La crisi, è una crisi di coscienze.

Poi il discorso utopistico sulla meritocrazia può essere un punto di partenza ma di certo non si può immaginare di risolvere la questione morale dicendo di volere introdurre il merito e basta. I sistemi educativi italiani e non solo, sono tutti pianificati ad hoc per impedire lo sviluppo delle persone attraverso metodi valutativi immorali che addomesticano i pensieri dei ragazzi tramite scale di “non valori” come il voto. La maggior parte dei contenuti dei programmi “educativi” sono scelti appositamente per evitare una presa di coscienza per cui il “migliore”, sulla carta, dei laureati non necessariamente è una persona autonoma, libera e matura. E la cosa triste, è che le coscienze dei giovani non illusi dal sistema percepiscono questo aspetto alimentando insicurezze e danni culturali.

Le idee per cambiare il Paese non mancano, e neanche le capacità; manca il potere per farlo nel senso più ampio del termine. Per il momento, manca una massa critica consapevole per puntare l’indice contro il potere invisibile e demolirlo per costruire una società più equa e giusta di quella odierna. E’ necessario lavorare in tal senso ed informare, formare liberi cittadini, puri e duri.

Il popolo non può aspettarsi che la generazione comandante rinunci ai privilegi ottenuti in maniera illecita, per tanto il popolo deve trasformarsi da “bue”, “incivile” in liberi cittadini non divisi come spettatori di una partita di calcio ma uniti per il bene comune. Ci riusciremo?

Il documentario videocracy racconta il modello dominante della “non cultura” figlio del pensiero programmato dalle SpA amiche dei banchieri. Il pensiero dominante ha corrotto moralmente le giovani generazioni illudendole di arrivare ad un successo senza usare il cervello, senza leggere libri, senza impegnarsi. Si assiste allo svuotamento dello spirito umano, al nichilismo imperante. Quindi si hanno titoli comprati, competenze millantate, immagine, immagine, immagine…

Read Full Post »

europe_not_without_peopleEcco qua tutti a gioire per la bocciatura del Lodo Alfano. Tutti pieni di soddisfazione per la Corte Costituzionale che ha fatto semplicemente il proprio dovere, almeno questa volta.

Eppure nell’assordante silenzio dei media, la nostra Carta Costituzionale è stata “bocciata” nel luglio 2008, all’unanimità, dal Parlamento italiano approvando l’antidemocratico Trattato di Lisbona, già criticato dalla Corte Costituzionale tedesca, già bocciato dai popoli: francese, olandese ed irlandese; quest’ultimo ha poi cambiato idea dopo appena un anno. Il popolo della sinistra cinicamente gioisce per un evento normale – bocciatura lodo Alfano – ed ignora totalmente sul fatto che la dittatura orwelliana è in corso di realizzazione. All’appello dell’Europa dei 27 Stati, per il trattato, mancano solo Repubblica Ceca e Polonia poi, addio diritti e Costituzione.

Nessuno sembra rendersi conto della gravità dei fatti eccetto quei giuristi che da tempo dibattono e scrivono sulle enormi differenze fra la nostra Costituzione che tutela realmente i diritti e la futura Costituzione europea che tutela prima di tutto gli interessi dei banchieri e delle SpA. Dunque, i Governi hanno deciso di ratificare un trattato che scavalca le costituzioni nazionali senza consultare il popolo sovrano e già questo aspetto dovrebbe far nascere una rivoluzione prima di domani mattina. Da sottolineare il fatto che i cittadini chiamati a votare sul trattato, per mezzo di regolare referendum, hanno bocciato l’antidemocratico trattato e successivamente i Governi hanno violato la volontà del loro sovrano, solo questo aspetto è inquietante.

Da brividi gli iniziali commenti sul trattato della prof. A. Algostino (Università Torino): La cessione di competenze e sovranità all’Unione europea comporta l’attribuzione di una sfera di decisione ad un governo sottratto sostanzialmente al controllo dei governati, contravvenendo il principio di sovranità popolare e l’essenza della democrazia, consistente nell’identità governanti-governati (art. 1 Cost. it.). Il Parlamento europeo, organo rappresentativo dei cittadini, è estremamente debole. Il Trattato di Lisbona amplia le ipotesi di codecisione fra Parlamento e Consiglio, ma il potere legislativo, violando il classico principio liberale della separazione dei poteri, resta sempre non solo condiviso con l’esecutivo, ma vede in posizione di preminenza l’esecutivo stesso, come è evidente solo che si consideri come titolare del potere di iniziativa legislativa sia la Commissione. Viene violato altresì un altro classico principio della democrazia liberale (borghese): no taxation without representation [nessuna tassazione senza rappresentanza], visto la debolezza o l’esautoramento del Parlamento nel controllo sul bilancio e nelle scelte relative all’imposizione fiscale, a favore dell’esecutivo e di una Banca centrale politicamente irresponsabile e con l’obiettivo primario e imprescindibile del «mantenimento della stabilità dei prezzi». Essenziale poi per la garanzia delle libertà dei cittadini è l’indipendenza del potere giudiziario dall’esecutivo: [invece] nell’Unione i giudici sono nominati dai governi degli Stati membri. Non è solo la democrazia sociale che manca nell’Unione europea, ma quella liberale, ovvero l’Unione europea non è tout court democratica (come osserva il liberale Dahrendorf: «se l’UE facesse domanda di essere accolta nell’UE, questa domanda dovrebbe essere respinta per insufficienza di democrazia»).

Dopo circa 15 anni gli italiani si lasciano ancora prendere in giro dal teatrino dell’antisistema SpA contro il male assoluto Silvio Berlusconi, puntualmente votato quando si tratta di partecipare al ridicolo rito del voto una tantum. Buona parte degli italiani “moralisti” non parla mai nei media di sovranità monetaria, mai di democrazia diretta, mai di vera class action e mai di decrescita felice.

In questi anni il potere invisibile sta accelerando la formazione dell’unico stato fascista europeo (Unione Europea) mentre il popolo è continuamente manipolato ed orientato su questioni meno rivelanti addomesticato al gossip dei politici ed, ignorante sulle questioni importanti, sui diritti civili. Forse, la drammaticità sociale italiana è rappresentata anche dall’assenza di un movimento politico forte e consapevole capace di far ragionare. La maggior parte degli ambienti accademici, quelli dotati di competenza e conoscenza sembrano anch’essi addomesticati o per lo meno incapaci di comunicare valori etici per informare il popolo sui rischi derivanti da un’apatia ed un cinismo politico-sociale che forse ha già superato la soglia di una patologia psichica collettiva.

Eppure la ripresa civile è possibile. Condividere, usare internet in maniera virtuosa può aiutarci nel creare quella rete di persone capaci di produrre innovazioni civili e sociali utili alla vita degli esseri umani.

Giulietto Chiesa  – ANCORA SUL TRATTATO DI LISBONA E LA PENA DI MORTE – 21/6/08Il Trattato prevede la pensa di morte? Non esattamente. Anzi, alla lettera la esclude categoricamente. Prevede però che le forze dell’ordine possano legalmente uccidere un cittadino europeo, al di fuori di ogni regolare giudizio, in condizioni eccezionali, certo, ma la cui definizione è affidata a organi di Stato al di fuori di ogni possibile verifica giurisdizionale. Vediamo come stanno le cose. […]

Dunque gli elementi di grave minaccia al diritto umano alla vita, e di grave minaccia alle libertà democratiche, rimangono all’interno del Trattato di Lisbona nella sua formulazione attuale, seppure nascosti in un protocollo.

Ma la ricostruzione di questa storia denuncia la tremenda distanza tra la democrazia e questo tipo di giurisprudenza, che rende estremamente difficile ogni trasparenza e concede ai poteri reali, politico-burocratici, strumenti subdoli di eversione. Cosa sia imminente tempo di guerra, cosa sia insurrezione, è lasciato al loro giudizio. La pena di morte è solennemente esclusa, ma si prevede l’uso della forza in termini tali che un cittadino europeo può essere ammazzato (non giustiziato) dai pubblici poteri. Ripeto: di questa Europa gli europei non hanno bisogno.

da Francesco Amelio: Attenzione! Questa e’ la convenzione del 1950. Non e’ la versione attualmente in vigore. Infatti, come giustamente ricorda Giulietto Chiesa, nel frattempo il consiglio l’ha emendata, ovvero modificata, attraverso dei protocolli.
Sullo stesso sito, infatti trovate il protocollo 13, che modifica quell’articolo come segue: Articolo 1 – Abolizione della pena di morte La pena di morte è abolita. Nessuno può essere condannato a tale pena né giustiziato.Articolo 2 – Divieto di deroghe Nessuna deroga è autorizzata alle norme del presente Protocollo ai sensi dell’articolo 15 della Convenzione.

Giulietto Chiesa pero’ aggiunge: Tutto sembra ora a posto. Salvo che non tutti gli Stati membri dell’Unione Europea hanno ratificato questo protocollo n.13 della Convenzione. Dunque la Carta (dell’UE) non ha potuto o voluto inserirlo nel testo del Trattato di Lisbona. Il quale è dunque rimasto fermo al “memorandum esplictativo del protocollo n.6.

E’ qui che si sbaglia! Il protocollo 13 della convenzione, all’articolo 7 recita:

Articolo 7 – Entrata in vigore: 1. Il presente Protocollo entrerà in vigore il primo giorno del mese successivo alla scadenza di un periodo di tre mesi dopo la data in cui dieci Stati membri del Consiglio d’Europa avranno espresso il loro consenso ad essere vincolati dal presente Protocollo in conformità alle disposizioni del suo articolo 6. Quindi affinche’ il protocollo entri in vigore, basta la ratifica da parte di 10 stati membro. Se verifichiamo la pagina dello stato delle ratifiche del protollo 13, possiamo constatare che siamo bel al di sopra delle 10 ratifiche. Per cui, possiamo stare tranquilli, almeno per quanto riguarda la pena di morte.
Sono ben altri i punti del trattato di Lisbona che dovrebbero preoccuparci.
Se volete approfondire vi consiglio di leggere l’ottima analisi di Paolo Barnard in merito.

Read Full Post »

Il nichilismo da wikipedia: Il termine nichilismo (dal latino nihil, nulla, da cui nihilismo, secondo una dizione desueta e dal latino medioevale nichil dello stesso significato) designa in senso generico l’atteggiamento o la dottrina volti a negare in modo definitivo e radicale l’esistenza di qualsiasi valore in sé e l’esistenza di una qualsiasi verità oggettiva. Nella sua versione più estrema, il nichilismo considera la realtà stessa come radicalmente inconoscibile.

Viviamo in una società che non è più una società unita e coesa, ma un massa di automi rincoglioniti che inseguono falsi miti e l’egoismo più sfrenato. La negazione dell’evidenza o peggio l’assuefazione alla realtà impedisce sostanzialmente che questo “Paese” possa darsi un regolata, una svolta, una presa sui valori costituzionali negati, oltraggiati dagli attuali rappresentanti politici. E’ chiaro che le corporation detengono il reale potere e fanno fare ciò che vogliono e quando lo vogliono ai noi sudditi. Quello che non è chiaro, perché i cittadini informati, illuminati non riescono ad organizzarsi in maniera tale da azzerare questo Paese gravemente ammalato?

Il V-Day ha dimostrato che quando si vuole si può. Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa, approvare la Class Action vera e riprenderci i governo degli Enti Locali attraverso Liste Civiche vere che introducano la democrazia diretta e governino con la filosofia della decrescita felice. Insomma la soluzione esiste, ma bisogna coltivarla. Non è sufficiente sostituire gli attuali dipendenti, non è sufficiente tagliare i partiti dagli Enti Locali, bisogna sapere bene cosa fare altrimenti si torna indietro. E’ necessario cambiare lo Statuto del proprio comune, e nello stesso tempo coltivare la partecipazione del basso, partendo dalle scuole, e dalle associazioni. E’ necessario creare dibattiti ed informare circa le decrescita felice. E’ necessario informare che ci troviamo in un punto del non ritorno, i disastri sociali ed ambientali causati dalle corporation li pagano le generazioni future, non quelle che governano oggi, ed è per questo motivo che i giovani devono scendere in campo e pensare al proprio futuro. Sono un illuso può pensare che il cinquantenne o settantenne di oggi si preoccupi realmente dei ragazzi fra i venti ed i trent’anni.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: