Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘M5S’

Ho un sogno comune a tutti voi: cambiare la società, e vorrei cambiarla dalle fondamenta durante questo passaggio epocale, la fine dell’era industriale e l’inizio di una nuova che possiamo scrivere insieme. Ci sono una serie di analisi che vorrei condividere a tutti quelli che hanno voluto mostrarmi un attestato di stima rispondendo alla domanda se dovessi candidarmi o meno alle prossime elezioni europee 2014. Ritengo che io debba dirvi ciò che sento e provo per quel progetto di casa comune che sogniamo da tanti anni. Il sogno è vivo, e si aggiorna continuamente. Un’analisi importante riguarda la memoria di questo percorso che stiamo facendo, e il valore dell’integrità e la coerenza politica rispetto alle idee ed ai valori in cui crediamo, e su cui si è fondato questo percorso. Per capire bene chi siamo e dove stiamo andando è doveroso accennare ad alcuni passaggi storici del movimento, e molti di questi li ho vissuti personalmente. Il sogno che ho è costruire una democrazia matura, ove i partiti personali non esistono più, ed ogni cittadino meritevole e capace potrà esprimere liberamente la propria arte a servizio del bene comune.

A mio avviso un obiettivo del M5S doveva/dovrebbe essere quello di avvicinare la politica ai cittadini e viceversa, e non avvicinare i cittadini alle poltrone senza verificarne l’integrità morale e le giuste capacità. Negli ultimi tempi c’è molta confusione fra politica e poltrone, e c’è una crisi interna al movimento. La crisi è figlia di un’immaturità degli individui e per l’assenza di un’organizzazione efficace che ha fatto emergere i “giganti” della politica, grazie a un sistema pseudo-feudale. Eppure gli errori furono previsti, ad esempio sin dall’agosto 2012, nel portale ufficiale del M5S, chiesi di introdurre un criterio di pre-selezionare degli autocandidati da mandare a Roma, questo per misurare il livello culturale degli aspiranti parlamentari, suggerendo di dare un’idoneità, usando un minimo di merito e democrazia. Invece in maniera del tutto inaspettata G&C hanno deciso di scegliere i parlamentari fra i non eletti alle amministrative, tradotto con linguaggio grillesco: abbiamo mandato a Roma i trombati delle amministrative. Poi è successo che c’è stata una scarsa partecipazione alle parlamentarie. Nascondere questo errore è imbarazzante, poiché i nostri parlamentari nella sostanza non hanno avuto alcuna legittimità politica dalla base elettorale. In seguito, il sistema del porcellum e la campagna elettorale hanno sancito la nascita di un nuovo leader politico: Beppe Grillo! Il consenso politico del M5S non è stato raccolto attraverso internet, ma dalle piazze e dall’amplificatore dei media tradizionali: televisioni e carta stampata. Tutt’oggi se confrontiamo la partecipazione fra gli iscritti al blog beppegrillo.it e le primarie del PD, il raffronto è imbarazzante. Sicuramente pesa molto il digital divide ed il mezzo internet non va disprezzato, ma valorizzato. Dal punto di vista della legittimità politica e della vera democrazia, G&C dovrebbero riflettere sul fatto che escludere forme tradizionali di partecipazione (elezioni primarie vere, e assemblee legittimate da G&C) sia un autogoal per il M5S, poiché non riesce ad attrarre risorse umane che possono migliorare la società. Sembra che G&C credano nell’illusione politica che con la sola rete di internet e il ruolo del portavoce si possa proporre un nuovo modo di fare politica. Ma la storia e la tradizione democratica mostrano che non è così, poiché la politica è fatta dagli uomini e non dalle macchine. Grillo da uomo di spettacolo lo sa bene, i consensi sono arrivati grazie a lui, poiché ritenuto credibile e quindi depositario della fiducia degli elettori. Il fatto che i partiti tradizionali siano in crisi da trent’anni non legittima la scelta che è stata fatta, anzi aggrava la situazione italiana poiché il M5S corre il rischio inutile di affidare ruoli istituzionali a persone inadeguate ed a volte imbarazzanti. Un movimento politico come il M5S che raccoglie consensi politici dal disagio del Paese dovrebbe fare l’opposto di quello che ha fatto, e cercare di garantire una qualità dell’azione politica, scartando metodi selettivi irresponsabili. Fossi stato al posto di G&C dal giorno seguente, del risultato di febbraio 2013, mi sarei preoccupato di costruire un nuovo approccio selettivo avviando una scuola politica interna per formare candidati migliori per le future gare elettorali, così non è stato.

Adesso, a pochi giorni dalla consegna delle liste per le elezioni europee, nonostante l’errore marchiano delle elezioni politiche il portale ci invia un’e-mail per la candidatura, senza che il M5S selezioni le persone rispetto alla loro storia personale. Nel M5S gli aspiranti candidati emergono da un sito internet senza che qualcuno abbia definito un’idoneità politica rispetto ai valori etici, al programma, alla formazione individuale e agli obiettivi condivisi. Si crede illusoriamente che  la tecnica della followership sia un passo in avanti per orientare gli eletti sulle scelte da fare, una tecnica che nei sistemi di democrazia diretta non solo non esiste, ma è inutile poiché i cittadini decidono senza alcun filtro, e nei tempi lenti e giusti della vera democrazia per consentire una corretta informazione. Nel M5S non c’è nessuno che si prenda la responsabilità politica di capire se i futuri parlamentari avranno la stoffa politica necessaria a raggiungere gli obiettivi che coinvolgono il popolo sovrano, e non si capisce quale sia la strategia politica del M5S. Anzi la responsabilità della scelta viene rigettata agli iscritti stessi attraverso un modello simile ai talent televisivi. Ho cliccato SI per la curiosità di vedere i passaggi successivi, ma non firmerò alcun contratto irrazionale, illegale e incostituzionale come quello che ci viene imposto in maniera unilaterale, poiché puoi candidarti nel M5S se e solo se scambi la tua integrità in cambio di un posto in Parlamento. Credo nei valori della democrazia e per questo motivo rispondo NO, e non credo in un sistema informatico elettorale non trasparente, poiché server, software e gestione non sono nella mani del movimento stesso, ma sono nelle mani di un’azienda privata che abitualmente non si confronta con gli attivisti, e lo fa solo quando gli fa comodo. L’atteggiamento contrattuale è abbastanza evidente, noi G&C non ci fidiamo di voi, e dovete affidarvi a noi perché noi facciamo politica, mentre voi siete a nostro servizio; pertanto firmare un atto illegittimo è un gesto di fede, non un rapporto di stima e lealtà reciproca. Se G&C hanno bisogno di sapere cosa sia la recall e come si attua veramente, sono a loro disposizione. Non intendo deludere le aspettative di tantissimi cittadini che hanno chiesto la mia candidatura manifestandomi un pieno attestato di stima e per questo li ringrazio tanto, ma è necessario fare chiarezza sul reale funzionamento del movimento. Ieri sera a Parma abbiamo svolto l’Assemblea dedicata al tema delle europee e francamente sono sconcertato dall’atteggiamento autoreferenziale di alcuni cittadini; atteggiamento legittimo ma non lo condivido, che hanno deciso di candidarsi cliccando SI senza che questi abbiamo mai dimostrato di aver speso tempo ed energie per il progetto politico, dunque questa è la selezione del movimento, prima mi candido e poi faccio qualcosa per quel progetto, che bell’esempio, ed è la medesima dinamica avvenuta per le politiche nazionali. A mio avviso, non ci vuole coraggio e coerenza per cliccare SI, e poi andare a firmare un contratto immorale, a mio avviso ci vuole più coraggio e coerenza nel dire NO a un modo di intendere la politica, autoreferenziale dal basso e  aziendalistico padronale dall’alto, per tale modello c’è già Berlusconi, ed è ora di dire basta, è ora di tenere la schiena dritta e cambiare la società partendo da noi stessi, dai nostri comportamenti.

Poiché credo nei valori di cui parlo (decrescita felice e democrazia) ritengo di dover prendere le distanze da questi comportamenti. Da tanti anni invano chiedo che il M5S si occupi di formazione politica culturale al fine di avere dipendenti nelle istituzioni, capaci di realizzare quel cambiamento che in tanti auspichiamo. Da sempre chiedo che ci siano procedure e strumenti condivisi per applicare la democrazia interna e stimolare una migliore azione politica. Dopo tanti anni prendo atto che queste sensibilità non appartengono né alla maggioranza degli attivisti/eletti e né a G&C. Da tempo sappiamo bene che il clima nel gruppo parlamentare non sia affatto ideale, anzi ascoltando le testimonianze sembra che alcuni si divertono a produrre dossier, intimidire i colleghi, e impiegare energie mentali in attività indegne opposte allo spirito del M5S stesso. Sembra che il M5S stia prendendo una deriva estremista, e stia deragliando dal mandato politico elettorale. Gli obiettivi iniziali che condivido al 100% sono passati in secondo piano, ed il movimento sta arruolando persone e personaggi che rappresentano l’opposto dei contenuti espressi nei monologhi di Beppe Grillo. Il disinteresse di G&C nei confronti di ciò che accade nei territori è l’opportunità per sedicenti eletti/attivisti autoreferenziali nell’usare il movimento stesso per attrarre galoppini utili alla propria carriera personale, e questo aspetto degenerativo interno è tipico dei partiti tradizionali. In alcune aree geografiche il M5S andrebbe commissariato poiché è nelle mani di persone inaffidabili, nella migliore delle ipotesi. Ad oggi l’atteggiamento e la gestione del M5S coincidono con un certo tipo di modello aziendale, molto verticista sugli aspetti determinanti delle scelte politiche e totalmente libero/autogestito su aspetti ininfluenti (elezioni comunali, gruppi locali e meetup). Inoltre sembra che esista un cerchio magico anche nel M5S, e questo allontana persone che potrebbero e dovrebbero migliorare il progetto politico del M5S.  Un cerchio magico che da cattivi consigli a G&C.

Coerentemente con quanto auspico da tanti anni, ritengo che la buona politica si faccia con la cultura, col sacrificio e la sperimentazione, e non col primo che si presenta mettendoci la faccia, perché questo non è un criterio di merito, ma un criterio del cacchio. Non prevedendo il merito, si favoriscono avventurieri ed opportunisti, e personaggi del tutto autoreferenziali, e così si alimentano tutta una serie di problemi e conflitti interni, che possono essere ridotti all’osso, se e solo se si fosse puntato subito alla sperimentazione della democrazia interna e sui percorsi ad hoc per sviluppare abilità e capacità tramite la cultura politica interna, e sul sistema di rete. Il M5S dovrebbe diventare un’organizzazione a rete, e sperimentare le procedure di democrazia, quella vera. Non si tratta di costruire un partito politico verticista, più o meno di quanto non lo sia già oggi, ma si tratta di andare nella giusta direzione e dotarsi di un’organizzazione orizzontale efficace per fare politica attraverso la ricerca delle sperimentazioni democratiche che possono darci una maggiore qualità dell’agire politico. Tutto ciò se si tiene alla reale partecipazione politica che mira ad includere i talenti, piuttosto che allontanarli come avviene oggi. Il coinvolgimento di talenti avrebbe favorito la crescita qualitativa del movimento stesso. Quando accadrà che i vertici decideranno di avviare questa rete, sarò ben lieto di partecipare anche alle gare elettorali partecipando a vere elezioni primarie interne, fino ad allora darò il mio umile e modesto contributo più o meno di quanto non abbia già fatto in questi nove anni di volontariato. Sono convinto che gli attivisti/candidati del M5S debbano legittimarsi politicamente praticando una scuola politica interna, e che debbano dimostrare il loro valore politico sul campo (non dopo dentro le istituzioni, ma prima), attraverso un normale confronto democratico che può accadere in ambito locale/regionale/nazionale. Tutto ciò nel M5S non è mai accaduto, e gli eletti sono selezionati per caso o cooptati, siamo sinceri, su dinamiche interne basate anche su relazioni amicali, di simpatia/antipatia e di opportunismo politico. In questa fase, poiché gli eletti non hanno svolto quel naturale percorso di legittimità politica dal basso, e poiché sanno di non avere la fiducia degli elettori come ce l’ha Grillo, essi sgomitano per avere la visibilità nei media che gli può consentire di conservare la poltrona donata da Grillo stesso. Queste dinamiche non dovrebbero appartenere al M5S, ma oggi ci sono e sono evidenti, e quindi anche per questo motivo le “competizioni” cooptative non dovrebbero attirare cittadini che credono nel progetto del cambiamento, quello vero che parte prima da noi stessi. Gli iscritti non avranno il tempo e il modo di misurare il merito, le idee e le capacità dei candidati. Tutti dovrebbero avere le medesime opportunità, e gli iscritti dovrebbero conoscere i candidati nel senso politico del termine. L’approccio e le regole delle modalità delle parlamentarie politiche furono quelle televisive, ed anche oggi si ripete lo schema. E’ assurdo che un movimento politico che millanta e si vanta di usare il modello internet per fare politica, poi nella realtà questo stesso movimento adotta i tempi ed i modelli televisivi per selezionare i propri candidati. Internet da l’opportunità di cancellare spazio e tempo, e la parlamentarie del M5S costringono gli iscritti a dare “giudizi” con la tempistica di un telequiz. Ma ci rendiamo conto che già oggi internet consente a tutti noi, con un click, di arrivare a conoscere menti, idee e personaggi interessanti per migliorare la nostra società attraverso la blogosfera, e i social media? E cosa fa il M5S, in un tempo brevissimo si limita a chiedere agli iscritti se preferiscono Tizio o Caio? Probabilmente gli iscritti non sanno neanche chi siano Tizio e Caio, cosa abbiano fatto per gli obiettivi del M5S! Nessuno è messo nelle condizioni di conoscere e approfondire la storia di Tizio e Caio, nessuno secondo le proprie sensibilità, quelle che ognuno ritiene prioritarie, e quelle che il M5S stesso ritiene prioritarie, e quindi ancora un volta sarà la casualità/cooptazione a determinare la selezione nella migliore delle ipotesi; mentre le menti migliori, forse, non sono neanche iscritte al portale del M5S.

Per quanto riguarda le elezioni europee non ho capito quale sia il progetto politico, e cosa dovrebbe fare un parlamentare per conto del M5S?! I sette punti indicati a Genova? Punti che non sono stati proposti, discussi e votati dalla base. Quei punti sono palesemente contraddittori e alcuni sbagliati. Ad esempio, togliere il pareggio di bilancio è di competenza del Parlamento italiano che l’ha inserito in Costituzione (art. 81). Il M5S o forse bisognerebbe dire Grillo&Casaleggio, visto che i sette punti li hanno proposti loro, non hanno l’obiettivo di superare l’economia del debito, anzi proponendo gli euro bond dimostrano di essere quanto meno contraddittori, euro bond che dovrebbero essere coperti con le riserve auree della Banca d’Italia, insomma un danno per gli italiani. Certo gli euro bond, proposti illo tempore da Tremonti, cancellano lo spread, ma perché nel tuo blog parli del debito odioso? Forse sarebbe più corretto e coerente proporre prima l’azione legale del debito odioso, e poi uscire dall’economia debito, non credete? Attraverso un contratto illegale G&C chiedono un attestato di fede su sette programmatici imposti unilaterlmente, i punti sono contraddittori con quanto propaganda Grillo stesso, e sui quali qualcuno, non si sa bene come, potrà addirittura chiedere la revoca del mandato e imporre una sanzione, francamente questa faccenda come minimo è ridicola. Grillo parla di un’altra economia e usa i contenuti della decrescita felice, ma poi i suoi obiettivi di programma sono ambigui. La proposta di referendum sappiamo essere inutile, poiché è possibile solo una consultazione, poi decide sempre il Parlamento, e quindi bisogna avere la maggioranza parlamentare a Roma. Poi se si vuole cambiare l’UE all’interno delle istituzioni, bisogna tener conto che l’Ue lavora col principio della co-decisione, e che il Parlamento ha meno poteri di Commissione e Consiglio d’Europa, composto dai Governi degli stati membri. Con l’elezione del Parlamento cambierà anche la Commissione composta dai delegati nominati dagli Stati membri, e la Commissione ha il potere di iniziativa sulle direttive. Tutto ciò lascia intendere che ci vorrebbe una maggioranza politica per ogni Stato membro che compone la maggioranza politica nel Parlamento e nel Consiglio d’Europa, cioè ci vorrebbe una maggioranza politica transfrontaliera per avviare il percorso che porta alla ridiscussione dei Trattati. Insomma, dal punto di vista dell’azione politica sembra sia più facile uscire dall’euro zona, piuttosto che cambiare l’UE stessa dall’interno. Ciò non toglie che avere un voce critica interna al Parlamento non sia utile, anzi, ma si tratta di una voce singola poco coordinata con gli altri gruppi politici.

Dal punto di vista della strategia esiste un’altra strada per condizionare l’UE, e cioè coordinare l’azione politica dei paesi periferici e ottenere singoli obiettivi su MES, fiscal compact e patto di stabilità e crescita. Il M5S dovrebbe vincere le elezioni nazionali e far pesare la gestione del proprio debito estero mettendolo in discussione, e suggerendo la medesima strategia agli altri paesi periferici al fine di cambiare la natura fiscale di tutta l’UE, e cambiare le funzioni della BCE, della BEI e delle stupide regole contabili per superare l’economia del debito. M5S dovrebbe introdurre il principio della moneta fiat money per gli investimenti socialmente utili, e quindi essere liberi dal condizionamento dei famigerati mercati finanziari che inseguono la religione della crescita infinita, poiché il capitalismo giudica la convenienza degli investimenti rispetto al PIL, mentre lo Stato investe a prescindere secondo i bisogni reali dei cittadini. Bisognerebbe cambiare la natura dei Trattati togliendo il neoliberismo, e farli somigliare più alla Costituzione italiana che prevede la garanzia di uno stato sociale, e bisognerebbe puntare alla tutela de beni comuni, separando il concetto di bene da quello di merce e suggerire il concetto di valore non associato al lavoro, poiché non tutti i lavori sono utili. Tutto ciò non rientra nel programma del M5S che parla di strani sette punti, e questo mi lascia molto perplesso. Queste elezioni alle europee saranno solo una consultazione per capire se accelerare o meno sui progetti in corso d’opera, ed i trattati commerciali transatlantici rappresentano la dimostrazione del fatto che l’élite del WTO non ha ostacoli poiché ha ed avrà diversi fedeli nella Commissione e nel Consiglio.

Cosa dovrebbe diventare il M5S: il mio consiglio è che le risorse economiche del movimento siano concentrate su un progetto politico di ampio e lungo respiro, con un progetto organico ed omogeneo rispetto agli obiettivi annunciati. In Italia manca uno strumento democratico vero, un partito o un movimento sinceramente a servizio dei cittadini, e questa assenza impedisce la partecipazione politica di tutti quei cittadini onesti, capaci e meritevoli che potrebbero cambiare le sorti del Paese. La realtà sociale ed il futuro degli italiani non dipendono dalle prossime elezioni europee e non dipendono neanche dal M5S stesso. Gli italiani hanno bisogno di costruire un percorso al processo decisionale della politica nuovo e diverso, e fino ad oggi M5S non è stato all’altezza di questa aspettativa, il M5S è una speranza, non un progetto politico maturo ben costruito. A mio avviso la speranza deve trasformarsi in un progetto serio e concreto. Se io fossi al posto di G&C, sposterei le risorse mentali ed economiche nel costruire domani mattina una scuola politica che consenta ai cittadini italiani, non solo gli iscritti ad un blog, di partecipare ad un percorso ove si possano apprendere abilità e capacità per costruire una società fondata su nuovi paradigmi culturali. Già questa proposta mostra una visione diversa dall’attuale M5S, che non si limita a fare da sponda politica all’azione di chi governa, ma lavora sul territorio per favorire la nascita di un futuro migliore. I cittadini devono poter conoscere nuovi modi di partecipare, progettare, costruire, auto produrre e scambiarsi le eccedenze al di fuori del mercato monetario e mercantile. Anche gli eletti 5 stelle, mi danno l’impressione, spero sbagliata, di girare a vuoto e di non rendersi conto che hanno a disposizione l’opportunità di usare le ingenti risorse finanziarie di cui godono per fare qualcosa di diverso, ma non lo fanno forse perché non se ne rendono conto, visto il clima poco costruttivo, o perché non vogliono, o perché gli è impedito, francamente non lo so. L’Italia ha circa 8092 Comuni con le loro rappresentanze politiche da formare, e questo vale anche per i loro dirigenti e funzionari che vivono nel paradigma sbagliato, vogliamo farglielo sapere? Nessun partito politico ha pensato di divulgare in maniera efficace e capillare il cambio di paradigma culturale di cui noi tutti abbiamo bisogno, e stiamo sprecando energie nella direzione sbagliata poiché ci limitiamo a fare la corsa per prendere le poltrone quando il potere di cambiare il corso della storia, se abbiamo la coscienza per farlo, c’è già. Le Regioni fanno leggi ed hanno il potere politico a la responsabilità di realizzare i cambiamenti necessari, allora mi chiedo, ma perché il M5S non pianifica, prepara, forma e seleziona persone talentuose? E’ necessario che il movimento si dia una bella svegliata sull’organizzazione interna gestita dagli attivisti/iscritti per approdare in ambiti più umili, seri e professionali.

Per cui mi sarei candidato alle europee senza alcun dubbio e l’avrei fatto nel M5S per il M5S; caro Beppe quando deciderai di rinunciare a certi atteggiamenti e faremo nascere il movimento di cui abbiamo bisogno, fammelo sapere, e andremo tutti insieme, da pari, a mostrare la straordinaria opportunità di una nuova società, più equa, più giusta, più bella, più sostenibile e mostrare come noi nel M5S siamo coerenti con quello che promettiamo. Arrivederci caro Beppe, ti abbraccio Peppe Carpentieri, uno dei tanti che con umiltà e spirito di sacrificio ha inventato il movimento, consentimi di dirtelo: quello vero.

Read Full Post »

Festa politica di Traversetolo (PR), considerazioni politico culturali:

Il giorno 21 settembre durante il dibattito avviato dal titolo “economia, finanza e tasse” è emersa una tesi: il ritorno ad una “politica economica espansiva”. L’impressione ricevuta è che una rinnovata “politica economica espansiva” debba essere la politica economica del M5S. Nessun parlamentare ha avuto qualcosa da obiettare o correggere. A sostegno di questa tesi: la “politica economica espansiva”, sono state poste basi di carattere giuridico-politico e non economico, ad esempio: la sovranità monetaria. Condivisibili le critiche al sistema bancario, così come condivisibile la critica all’austerità imposta dall’UE all’interno del sistema euro. Numerose soluzioni del sistema euro suggerite durante il dibattito non sono di natura economica ma giuridica, ad esempio la scelta di aprire di un contenzioso partendo dal principio del “debito odioso”, e la cancellazione del fiscal compact, sono entrambi scelte politiche giuridiche molto condivisibili, ma non sono linee politiche economiche.

Ragionando per assurdo, se il M5S fosse maggioranza politica e trasformasse il suggerimento della “politica economica espansiva” in azione politica credo che non risolveremo alcun problema, anzi si aggraverebbe la crisi ambientale, com’è accaduto nel corso della storia. Il nostro paese sta ancora pagando i danni ambientali e sanitari delle “politiche espansive”: Ilva di Taranto, centrali Enel ed ENI e la speculazione edilizia degli anni ’50, ’60 e ’70. Inoltre l’aumento della disoccupazione è senza dubbio responsabilità di una buona parte della classe imprenditoriale italiana che sfrutta il sistema del credito, la delocalizzazione volontaria per massimizzare i profitti, e sfrutta i partiti per il proprio tornaconto di categoria a danno dello Stato. La soluzione della recessione può mai essere una politica economica degli anni ’20, ’30 prima, o quella degli anni ’50? A sostegno di questo suggerimento si citano gli USA ed il Giappone che per osteggiare la crisi hanno immesso liquidità nel sistema economico per limitare i danni. E’ vero che la disoccupazione negli USA è aumentata molto meno dell’area euro. Negli USA la FED ha salvato il sistema bancario, mentre Obama ha distribuito qualche aiuto alle imprese per contenere la disoccupazione. La BCE che non funziona come la FED ha salvato solo il sistema bancario prestando soldi alle banche commerciali per comprare Titoli di Stato. USA e Giappone, com’è noto, non hanno il patto di stabilità e tanto meno hanno MES e fiscal compact. USA e Giappone hanno anche diversi problemi sociali ed ambientali poiché anche questi Stati perseguono la crescita ignorando i limiti della natura. Gli americani vorrebbero tanto il sistema sanitario europeo, mentre i governi amano tanto privatizzare, come sta accadendo nell’euro zona, medesima ideologia.

Nell’euro zona è senza dubbio vero che l’austerità stia accelerando la recessione, e stia facendo impoverire gli italiani, ma limitarsi a suggerimenti generici dicendo che lo Stato debba tornare a spendere, si può essere d’accordo come principio, ma è del tutto anacronistico poiché la sovranità è stata ceduta a organi non eletti dai popoli, quindi la riposta corretta alla recessione è di natura politica, non economica. Se poi rileggiamo la storia economica possiamo notare che le “politiche espansive” hanno preceduto quelle liberiste nel solco dell’ideologia della crescita illimitata. Insomma criticare l’austerità è giusto e condivisibile, ma rimane il rischio che sia un dibattito improduttivo e riduttivo, poiché non si dice in quali settori investire e come produrre nuova occupazione. In Italia, buona parte delle infrastrutture strategiche sono state privatizzate, altre imprese storiche vendute, mentre altre grandi imprese hanno deciso di delocalizzare gli stabilimenti produttivi per sfruttare i vantaggi finanziari della globalizzazione e massimizzare i profitti. Nell’epoca della privatizzazione del mondo i profitti dei consigli di amministrazione delle multinazionali sono schifosamente milionari, mentre i salari dei dipendenti non coprono la sopravvivenza dei cittadini. L’industria finanziaria virtuale, la deregolamentazione, la globalizzazione hanno inventato dal nulla così tanta liquidità nelle casse delle SpA che potrebbero comprarsi due o tre pianeti, cosa significa? Il problema è etico, democratico e di giustizia sociale. E’ altrettanto noto che i governi italiani preferiscono usare i soldi pubblici per comprare armi piuttosto che tutelare il paesaggio e l’istruzione pubblica. Com’è altrettanto noto che negli Enti locali c’è uno scarso controllo politico sui piani esecutivi di gestione che diventano torte spartite fra dirigenti pubblici, imprese e politici incapaci e/o corrotti.

All’interno di questo sistema politico sappiamo bene che la nuova occupazione non può essere creata per legge dallo Stato, ma da una politica industriale figlia di un ampio progetto culturale, dall’innovazione tecnologica e da progetti creativi capaci di interpretare il “picco del petrolio” e la fine dell’era industriale. Se una parte importante dell’imprenditoria italiana ha deciso di distruggere il proprio Paese per ragioni di avidità, col tacito accordo della classe politica, forse bisognerebbe immaginare una nuova classe imprenditoriale figlia di una cultura diversa dall’avidità alimentata da ideologie economiche obsolete. Il lavoro che serve al paese si crea dalla volontà dei cittadini che capiscono come investire i propri risparmi valutando progetti sostenibili e rendendosi conto dell’enorme ricchezza del Paese Italia, pertanto, conoscendo bene gli errori della storia si tratta di fare un processo diverso dalle ideologie delle politiche espansive e liberiste. Le uniche attività imprenditoriali che resistono alla recessione riguardano le nuove tecnologie, sarà un caso? Persino i distruttori del territorio investono in efficienza energetica, riuso e riqualificazione urbana, sarà un caso? Le aree protette, i parchi ed il cibo oggi rappresentano beni culturali naturali di pregio, sarà un caso? Musei, aree archeologiche e monumenti sostengono un’industria turistica che regge ancora i mercati, sarà un caso?

Se non ci rendiamo conto che la crescita è il problema del sistema non riusciremo ad accettare il fatto che bisogna organizzare la società per consentire un equilibrio fra risorse ed esseri umani. Economia del debito, borse telematiche, IVA, spread e quant’altro non sono necessari per costruire una società più efficiente, più equa, migliore. L’accesso alla conoscenza, più democrazia, valutazioni razionali, curiosità, sperimentazioni, reciprocità e cooperazione sono caratteristiche indispensabili per progettare comunità sostenibili ed un’economia reale compatibile con l’ambiente. Per questi motivi ritengo che questi suggerimenti [politica espansiva] siano del tutto obsoleti poiché ripetono schemi e metodi già visti all’opera, e non hanno portato alcun miglioramento per la qualità di vita. Fino a quando i cittadini rimangono nel piano ideologico della crescita, e fino a quando accetteremo consigli che ignorando le leggi che governano questo pianeta commetteremo sempre errori marchiani.

Ciò che condivido circa il dibattito del 21 è senza dubbio il ripristino di una politica monetaria ed industriale sovrana, ma questo è un desiderio politico che dovrebbe essere sostenuto da un cultura adeguata ai tempi che viviamo. Condivido il fatto che lo Stato torni a fare lo Stato, ma bisogna comprendere che implica una riforma dell’architettura europea nel rispetto delle Costituzioni nazionali, oggi ampiamente non rispettate. Questo progetto dovrebbe essere sostenuto da soggetti politici indipendenti dall’influenza delle borse telematiche e dalle solite lobbies che possiedono i politici, ma anche questo argomento non è di natura economica, ma etica, giuridica, politica e culturale. Ritengo che questa recessione sia proprio il frutto di una crisi dell’etica, ed una crisi culturale poiché tutti i paradigmi odierni sono crollati: PIL, espansione monetaria e petrolio.

E’ vero che la classe politica dovrebbe decidere di ridurre le tasse per le imprese e per gli italiani, com’è vero che bisogna recuperare soldi dall’evasione, dall’elusione fiscale e dagli sprechi presenti nella pubblica amministrazione per assenza di controllo circa la congruità dei prezzi e la corruzione, com’è vero che bisogna ridurre i gradi di giudizio da tre a due, bisogna introdurre la vera class action, ridurre le camere del Parlamento ad una sola per ridurre i tempi legislativi, etc. Questo breve elenco di cambiamenti necessari rappresentano sfide che si possono vincere, ma sono piccoli passi di fronte al fatto che bisogna rifondare una cultura collettiva costruita sui vizi, sull’avidità, sull’egoismo, sulla competitività e sulla stupida crescita illimitata, una cultura che sta autodistruggendo gli esseri umani. Può sembrare strano, ma la strada più lunga: ripensare i paradigmi culturali, è senza dubbio la strada migliore da intraprendere poiché consente di sviluppare e realizzare progetti creativi più efficienti finora nascosti a buona parte dei cittadini.

Bisogna ricordarsi che è prioritaria la felicità degli individui e delle comunità, mentre la moneta deve tornare ad essere strumento [governato dallo Stato] non un fine, per questo motivo non è importante dare priorità al numero di merci prodotte in un anno, ma sapere come sono state prodotte, quanta energia hanno consumato, con quali materiali e la loro provenienza, etc. E’ importante che gli individui possano avere l’opportunità di sviluppare creatività ed impiegare il tempo in attività utili a preservare il bene comune, e migliorare le relazioni umane sviluppando abilità e capacità virtuose, quelle che usano razionalmente l’energia, l’artigianato, e danno l’opportunità di unire cuore e buon senso. L’economia è questo, ed auspichiamo che nasca un soggetto politico che abbia queste caratteristiche culturali, che si preoccupi di produrre norme e leggi affinché gli individui tornino ad essere liberi di evolversi facendo crescere spirito e mente. Per fare questo bisogna uscire dal monetarismo e dal materialismo, caratteristiche che appartengono a tutte le accademie economiche sia di destra che di sinistra, ideologie che vivono sullo stesso piano ideologico obsoleto, quello della crescita delle merci e del consumo compulsivo, poiché ignorano appositamente la bioeconomia e le leggi della fisica.

Bisogna uscire dall’obsolescenza pianificata e dell’inutile sovrapiù poiché possiamo fare meno e meglio riducendo l’impatto ambientale di merci inutili, facendo aumentare la produzione di beni auto prodotti, come ad esempio l’energia necessaria tramite fonti alternative con l’impiego di un mix tecnologico. I cittadini hanno a disposizione tutte le tecnologie per vivere in armonia con la natura. Bisogna avviare un processo culturale che consente agli individui ed alle comunità di fruire queste tecnologie, perché ci permetteranno di vivere meglio e trascorre più tempo con le persone che amiamo, tutto questo può accadere percependo un salario dignitoso ed adeguato.

Read Full Post »

La rielezione di Giorgio Napolitano ha tanti significati politici ed uno solo nello stesso momento: significa che PD-PDL, Lega e montiani hanno ignorato la volontà del popolo. E’ sufficiente cercare le dichiarazioni pubbliche, della recente campagna elettorale, dei leader politici per capire come questi parlamentari abbiano preso in giro il proprio elettorato di riferimento. (Bersani: “mai col PDL”; Alfano: “mai accordo col PD”) Hanno ignorato l’evidente segnale emerso dal recente voto di febbraio. Questi partiti non hanno alcuna legittimità politica nel rimettere le lancette del tempo indietro. Il M5S ha ricevuto 8.689.458 di voti, il PD 8.644.523 di voti, il PDL 7.332.972 di voti, la lista del premier uscente, Monti, ha ricevuto solo 2.824.065 di voti. Gli aventi diritto al voto erano 46.905.154, mentre i votanti erano 35.271.541  (75,19 %), quindi 11.633.613 di cittadini non sono rappresentati in Parlamento.

 calo_dei_voti

Il voto del Parlamento va rispettato, ma può essere criticato con motivazioni politiche, facendo riflettere i cittadini. I partiti tradizionali dal 2008 al 2013 hanno perso 12.826.273 di voti. Questi partiti hanno preferito rieleggere un uomo di 88 anni, un politico che li rappresenta e che non durerà 7 anni per ovvie ragioni anagrafiche. Una elezione condizionata dalla loro incapacità di cedere il passo al cambiamento, “bruciando” due loro scelte: Marini prima e Prodi dopo.

Le indicazioni di Berlusconi e le divisioni interne al PD hanno determinato la rielezione di Napolitano in evidente disprezzo verso l’opportunità di cambiare l’indirizzo politico nazionale che poteva essere raccolto con Stefano Rodotà come Presidente della Repubblica. Il recente impegno civico di Rodotà a tutela dei diritti costituzionali (acqua pubblica, no al nucleare, beni comuni) lascia intendere il contrasto interno al PD ove coesistono liberisti e social democratici, mentre il liberismo nel PDL è evidente con qualche scetticismo verso il sistema euro. Pertanto i partiti, spinti dalla forza auto conservatrice, hanno preferito Napolitano che ha recentemente sospeso la democrazia rappresentativa nominando Monti, l’uomo della Trilaterale, e respingere l’opportunità di cambiare rappresentata da un uomo che tutela i beni comuni, come Stefano Rodotà, che avrebbe aperto le istanze a un nuovo corso della politica italiana. Il significato politico della scelta è chiara: nonostante lo scetticismo dei cittadini verso il sistema euro, questi partiti non vogliono cambiare e agiscono contro  l’interesse pubblico. La sintesi politica non è tanto sul fatto euro si, euro no, quanto sul fatto che non esista ancora una maggioranza politica che abbia la forza necessaria per cambiare lo status quo. Le prossime elezioni sono importanti, ma bisogna preparare le risorse necessarie per governare la Nazione con umiltà, dedizione, sacrificio e creatività; gli slogan non sostituiscono le capacità necessarie e non presenti.

I cittadini che hanno votato PD e PDL, 15.977.495 di voti, posso ragionare sul fatto che i loro dipendenti hanno spostato le lancette del tempo indietro, a prima del voto di febbraio, impedendo un’evoluzione del nostro Paese distrutto da decenni di politiche sbagliate. Oggi hanno l’ennesima prova di quanto questi dipendenti siano fuori dalla storia. Invece gli elettori del M5S dovrebbero pretendere dai loro dipendenti maturità politica che oggi non hanno, maggiore capacità e più cultura democratica poiché per governare questo periodo di transizione ci vogliono capacità che oggi non si vedono o si vedono poco, e queste capacità sono ben presenti nella società italiana. Indignazione condivisa, entusiasmo e ambizioni personali non sono affatto sufficienti, anzi possono degenerare. Se si intende perseguire un progetto politico figlio del cambiamento con un nuovo paradigma culturale, le risorse umane andrebbero cercate e coltivate per il bene comune del Paese, anziché ignorarle o tenerle nascoste.  Anche questo aspetto dipende dalle sensibilità dei cittadini che anziché muoversi di “pancia” dovrebbero muoversi spinti dai valori costituzionali e dal raziocinio.

A questo punto il 25 aprile 2013 assume un significato importante e particolare per gli italiani. La resistenza volle liberare i cittadini dal fascismo, ma siamo proprio certi di essere liberi nell’Unione Europea del sistema euro? I partigiani sognavano la democrazia. Cos’è un’organizzazione democratica? Cosa diceva Montesquieu sulle forme di democrazia rappresentativa? Cosa diceva Rousseau sulla democrazia? Cos’è la sovranità popolare? Cos’è l’autoderminazione? Cos’è, oggi, la libertà? Confrontate la Costituzione col Trattato di Lisbona!!!

Misurare i politici sapendo come spendono le tasse: dal sito del dipartimento del tesoro, possiamo leggere un rapporto predisposto dal Ministro Barca. La dimensione del bilancio per lo sviluppo dell’UE è inferiore a quella degli Stati Uniti, sia in termini assoluti (58,3 miliardi di euro contro 252,7 miliardi di euro) sia in percentuale del PIL (0,5% contro 2,5%). La percentuale destinata a infrastrutture (trasporti, ambiente, energia), formazione, occupazione e servizi sociali è pressappoco la stessa. Il bilancio USA per lo sviluppo, d’altro canto, comprende una maggiore quota di spesa per l’edilizia e una percentuale assai maggiore per la sanità, mentre nel bilancio UE una quota maggiore è dedicata al sostegno alle imprese e alla ricerca (che negli USA sono in gran misura oggetto di intervento ordinario statale).

investimenti_UE_e_USA

Negli USA la popolazione residente è di 314.145.538, mentre nell’Unione Europea è di 499.723.520.

Read Full Post »

Mentre il Parlamento è prigioniero di se stesso e dei nominati, l’Italia va avanti, nonostante tutto. La grande percentuale di ricambio dei nuovi dipendenti, circa il 64%, crea un normale rallentamento delle attività. L’assenza di visione pragmatica e l’incomunicabilità fra parlamentari acuisce il danno economico agli italiani, e comunica l’incertezza del momento a tutti i cittadini che hanno votato durante le ultime elezioni politiche.

Cosa dovrebbe fare un politico che ama il proprio paese?

Comunicare la propria visione, le idee ed i progetti concreti per cambiare tutto. I cittadini non comprendono il silenzio e non comprendono la confusione attuale poiché i nuovi dipendenti sembrano impauriti e poco adeguati al ruolo a cui essi stessi si sono candidati, nessuno li ha obbligati, ma sono li a spese degli italiani. Com’è noto l’Italia ha seri problemi che richiedono risposte veloci poiché ogni giorno chiudono imprese a causa dei crediti piuttosto che dei debiti, ci troviamo in un vero paradosso frutto del sistema contabile e fiscale imposto dall’Unione Europea, inventato da PD e PDL. Per cominciare a risolvere i problemi odierni ci vogliono buon senso, umiltà, competenza, conoscenza e coraggio. Dopo un mese sembra che il Parlamento attuale non abbia queste virtù, almeno questa è l’immagine che percepisco, spero di essere in errore e lo capiremo presto, mentre famiglie ed imprese sono abbandonate al sistema europeo per nulla sociale e solidale, ma costruito soprattutto sulle tasse e l’ingiustizia degli stupidi indicatori: debito/PIL, spread, e moneta debito.

Questa Unione Europea va sostituita, l’hanno capito tutti ormai, meno che il nostro Parlamento? Il voto degli italiani ci consegna un Parlamento dove le forze politiche in campo hanno visioni diverse fra loro, dove chi ha distrutto il Paese cerca di sopravvivere a se stesso, e PD e PDL non comprendono che sono fuori dalla storia. Devo ammettere che anche il M5S è prigioniero della propria inesperienza.

Bisogna affrontare la contingenza e pagare i debiti della Pubblica Amministrazione verso i fornitori, le imprese che hanno lavorato stanno aspettando di mettere il piatto a tavola.

Bisogna comunicare che la religione della crescita è stata la rovina dell’Unione Europea poiché l’influenza delle SpA e dei serbatoi di pensiero – think tank – hanno indottrinato e diffuso con successo, un pensiero dominante obsoleto frutto dell’avidità, pertanto, il termine crescita è stato completamente edulcorato, manipolato ed è stato creato un mantra, un dogma ripetitivo ossessivo, dove i politici attuali hanno potuto perseverare nell’obiettivo dell’avidità, cancellando la democrazia rappresentativa e instillando un processo di rifeudalizzazione delle Nazioni sostituite dalla dittatura SpA messa al vertice dell’Unione Europea, fra l’altro l’UE è un’organizzazione non democratica poiché l’organo esecutivo ha maggiori poteri del Parlamento europeo, unico organo eletto dai popoli. Nel corso dei decenni la crescita del PIL ha prodotto maggiore disoccupazione, maggiore precarizzazione, ha ridotto i diritti dei cittadini, ha indotto il fenomeno della delocalizzazione industriale ed ha aumentato le disuguaglianze sociali ed economiche. La crescita ha reso le famiglie più povere e più insicure. Dopo quarant’anni di crescita l’Italia e l’Europa stanno decisamente peggio. Dal dopo guerra ad oggi si è esaurita la spinta della crescita infinita ed il sistema è imploso su stesso, da un capitalismo figlio dell’economia reale – dagli anni ’50 agli anni ’70 – siamo entrati nell’era della finanza – anni ’80 e 2000 – che ha distrutto la democrazia rappresentativa. I Governi non prendono decisioni politiche, ma assecondano i capricci del famigerato “mercato”, che non esiste nel senso proprio del termine, cioè non esiste un luogo dell’equo scambio delle risorse, ma ci sono software ove i broker e le SpA perseguono i propri interessi e basta.

Nel 2013 le decisioni più importanti per la specie umana non sono prese con metodi razionali, scientifici, morali e democratici. Nel 2013 la specie umana, quella che si ritiene migliore di tutte le altre, subisce le decisioni politiche inventate dai capricci di un “mercato” che non esiste, cioè il nulla governa la politica. Nel 2013 tutte le specie viventi di questo pianeta si godono la natura perché essa dona ogni giorno i propri flussi di materia, e nessuna specie spreca risorse, mentre quella umana ha bloccato la propria evoluzione e sta regredendo allo stato infantile poiché amministrata da una religione politica che adopera i propri mantra: crescita, PIL, competitività, avidità, obsolescenza pianificata etc.

La cosa più assurda della nostra specie è che ha tutte le conoscenze per cogliere le straordinarie opportunità delle tecnologie odierne, ma non riesce a vedere l’evoluzione poiché non ha occhi per vedere, non ha cervello per vedere. Speriamo che il tempo sia favorevole a questa generazione poiché è necessario transitare da un’epoca ad un’altra, altrimenti la nostra specie rischia l’estinzione mentre la Terra continuerà a vivere senza di noi.

Questa transizione epocale deve avere i suoi piloti, la sua classe dirigente capace di interpretare il momento politico e ci vuole formazione e cultura adeguata per farlo. La cittadinanza deve mobilitarsi per formare nuovi cittadini capaci di interpretare questo periodo denominato “decrescita felice” ed approdare alla “prosperanza“.

Un politico serio e consapevole, cioè un politico italiano normale chiama i colleghi europei e dice una cosa scontata: «l’invenzione dell’economia del debito non può essere il sistema su cui creare un governo politico, le generazioni che stanno subendo questa scelta storica non hanno dichiarato guerra a nessuno, la seconda guerra mondiale è finita, noi non siamo la colonia di nessuno. E’ giunta l’ora di riconoscere politicamente ciò che tutti sanno: l’energia che da vita a noi tutti è gratuita. Italia, Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo non potranno mai ripagare il debito pubblico, e questo lo sapete bene tutti voi che pensate di poterci tenere schiavi in un sistema immorale ed innaturale, poiché questo sistema non tiene conto delle leggi della fisica. Così come il sistema è frutto di una convenzione, di un’arbitrarietà, imposta dalla storia dagli eventi bellici, oggi possiamo riconoscere che quella scelta di colonizzare gli Stati fu sbagliata. Oggi possiamo stabilire una nuova convenzione su presupposti molto diversi e possiamo farlo partendo dalle leggi della natura, leggi che abbiamo sempre ignorato dalle valutazioni politiche.

Con questi presupposti le Nazioni potranno riavere uno strumento, una moneta sovrana e non più a debito, e potranno stabilire una propria politica industriale partendo dalle risorse reali e dai principi di bioeconomia per evitare i danni ambientali prodotti dal nichilismo e dalla miopia di politici inadeguati e corrotti dalle SpA tramite il sistema dei paradisi fiscali. Si tratta di un’evoluzione delle teorie politiche, né liberiste e né keynesiane, ma che tengano conto delle risorse limitate e dell’innovazione tecnologica delle fonti energetiche alternative. Si tratta di politiche che riconoscono la concreta opportunità di eliminare le diseguaglianze e di consentire a chiunque volesse farlo di vivere in equilibrio con la natura, gli Stati hanno il dovere di porsi questo obiettivo minimo. Mai più uno Stato condizionato dalle borse telematiche e dall’usura bancaria, mai più uno Stato condizionato dall’invenzione di sciocche regole finanziarie che stanno distruggendo ecosistemi negando l’autoderminazione dei popoli.

Bisogna integrare gli indicatori obsoleti con il Benessere Equo e Sostenibile (BES) e far decrescere gli sprechi figli di indirizzi politici sbagliati: ridurre le spese militari, sostituire le SpA che gestiscono i servizi locali con società public company (azionariato popolare diffuso) senza scopo di lucro, cancellare gli sprechi dell’inefficienza energetica con un piano di decrescita energetica delle fonti fossili e progettare la diffusione di reti intelligenti (smart-grid) con fonti alternative, sostituire gli inceneritori con gli impianti di riciclo totale, finanziare la prevenzione primaria nell’ambito sismico e idrogeologico, sostituire l’agri-industria con l‘agricoltura naturale, ridurre il numero dei motori a combustione per eliminare l’inquinamento da nanopolveri e ripensare la mobilità privata, spostare i soldi di grande opere inutili verso la ricerca e l’innovazione. Introdurre la vera class action. Bisogna adeguare la scuola e l’università ai nuovi paradigmi dell’educazione che non può essere più di tipo militare-industriale, ma di sviluppo creativo lasciando libero il “pensiero divergente”. E’ tempo di democrazia diretta

Read Full Post »

Gli italiani hanno deciso: non si fidano più di PD e PDL ed hanno scelto il «salto nel vuoto» offerto da Beppe Grillo col suo M5S. Un’efficacie e faticosa compagna di comunicazione, iniziata anni fa, una semina durata anni, cominciata nel 2005, ha portato i suoi frutti. Nell’indifferenza e nel menefreghismo del sistema massmediatico Grillo ha saputo costruirsi una credibilità, indirizzandola in un preciso progetto politico.

Mi sembra del tutto normale che la forza convincente del massaggio politico è stata trovata nella crisi di sistema che il potere ha creato. Crisi morale, crisi economica, crisi industriale e crisi ambientale. L’enorme incertezza economica e l’aumento della disoccupazione con l’assenza di risposta dei partiti tradizionali sono fra gli aspetti più determinanti di questa svolta. Fu Berlinguer, nel 1981, con estrema chiarezza, che disse «i partiti hanno degenerato e questa è l’origine dei malanni d’Italia», pertanto possiamo immaginare che la crisi morale non sia sul podio delle cause del cambiamento in corso, ma piuttosto la crisi del sistema produttivo (il lavoro e l’instabilità economica). Non c’è dubbio che oggi sia importante introdurre l’etica nella politica: eliminare i privilegi della casta, riformare le istituzioni per renderle più trasparenti e democratiche, e razionalizzare il sistema politico, non c’è dubbio. Questa sarà una priorità del legislatore.

Ma una volta cambiata l’organizzazione istituzionale rimane il dilemma: il lavoro?

La risposta è semplice, farlo un pò meno, ma per creare lavoro socialmente utile bisogna cambiare il sistema economico dalle fondamenta: dai suoi paradigmi obsoleti, dannosi e immorali.

In un noto libro, Rifkin raccontò «la fine del lavoro» in una società, la nostra, che poggia i suoi paradigmi sulla crescita, il PIL, il petrolio e la moneta. La previsione dell’aumento della disoccupazione nella società industriale è stata ampiamente azzeccata. Il maggiore impiego di tecnologie avanzate nel settore industriale ha ridotto drasticamente il numero di occupati, ed i politici non hanno saputo pianificare l’innovazione tecnologica verso settori socialmente utili. Mentre l’industria si avvaleva delle migliori scoperte e della delocalizzazione per aumentare i profitti degli azionisti, nessuno ha voluto preoccuparsi di dare una risposta concreta sia ai disoccupati in aumento, e sia ai nuovi laureati, maggiormente specializzati rispetto al passato, ma altrettanto disoccupati.

Il mainstream usa termini terroristici contro i popoli, come lo spread, e manipola questi strumenti per creare panico e danni materiali affinché i Governi continuino a rimanere schiavi del sistema denominato “economia del debito“. Non c’è nulla di reale in queste minacce, nel senso che la finanza non è ricchezza reale, ma una convenzione, un’arma che viene brandita per ricattare, rubare e conservare posizioni di predominio e di egemonia, stiamo parlando di pura alchimia medioevale, di poteri psicologici piuttosto che armi tangibili.

I famigerati mercati non hanno alcun interesse vedere le Nazioni in default, preferiscono la guerra civile, piuttosto che far dichiarare il fallimento. Nonostante chiunque abbia un pò di confidenza con qualche bilancio e indicatore può rendersi conto del fallimento della Spagna, o dell’Italia e della Grecia.  Abbiamo almeno due esempi: l’Argentina e la Grecia. L’Argentina dichiara fallimento e diventa libera. La Grecia non dichiara fallimento e viene tenuta nell’euro zona. Poiché il debitore fallito non ti pagherà più non conviene far dichiarare fallimento. L’Argentina non solo ha potuto negoziare il debito restituendo meno, ma adesso è libera. Ma la storia insegna altri esempi e come i debiti siano stati rimessi, negoziati, tagliati, cancellati.

Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda possono negoziare il proprio debito. Non si tratta di non di mantenere le promesse, ma di pagare il giusto. Il sistema finanziario usurario sta trasformando il debito delle Nazioni, in Stati insolvibili, alcuni sono già insolvibili, e questo i mercati lo sanno bene. Un politico onesto e responsabile, consapevole di tutto ciò non dovrebbe continuare a strozzare i propri concittadini, ma dovrebbe convocare i colleghi europei ed alla luce di tutto ciò, dovrebbe fare una cosa semplice e di buon senso. I mercati potranno assicurasi di vedersi ripagati i prestiti, ed i cittadini potranno tornare a lavorare certi di un salario assicurato e non più minacciati dagli indicatori finanziari usurai.

La crisi del sistema può essere affrontata e risolta uscendo dai vecchi schemi mentali, uscendo dagli indicatori obsoleti meramente quantitativi, e possiamo cominciare a misurare i valori che ci interessano veramente, con criteri qualitativi che misurano come si producono le merci e perché si producono. Nel solo periodo di transizione, ove si pone rimedio agli errori imposti dal sistema odierno dovranno crearsi migliaia di posti lavoro. Bonifiche, risparmio energetico, mobilità intelligente, tutela e conservazione del patrimonio, etc.

L’energia che serve a questi progetti può arrivare da un modello di pensiero economico realista che riconosce il limiti fisica della Terra (la natura), e che riconosce alla Repubblica, allo Stato, la sovranità e il potere supremo di creare uno strumento di misura delle risorse sfruttate in maniera proporzionale ai bisogni reali, cioè la moneta è strumento, non ricchezza. Prima la bioeconomia diventa criterio di misura e prima potremmo prendere decisioni più responsabili.

Il sistema non dipende né dalla Banca Mondiale, né del FMI, né dalle borse telematiche, né dalle banche commerciali, né dall’emissione di Titoli, né dalle banche centrali privatizzate, ma funziona unicamente dalla fonte primaria di misura del valore, la fiducia. La condivisione di conoscenze socialmente utili (uso razionale dell’energia e beni comuni) che crea relazioni e la fiducia nelle comunità e produce scambi: economia reale.

L’Europa può trasformarsi da un sistema liberista, qual è oggi, in un sistema di economia reale e l’approvvigionamento di merci prodotte con risorse non presenti sul territorio può essere scambiato con un’altra convenzione stabilità dai paesi che stringono accordi. Ad esempio si può creare una riserva di valore per misurare gli scambi fra Europa, Cina e India.

leggi anche:

I chiacchieroni che governano da sempre, 28 febbraio 2013
Il futuro dell’Italia?, 27 febbraio 2013
Lo stolking delle SpA, 19 febbraio 2013
Politica industriale, 15 febbraio 2013
La ricchezza degli italiani, 23 gennaio 2013
Finanziarie la prevenzione, come? 22 gennaio 2013
Tecnologie del buon senso, 6 gennaio 2013
Il bivio, 12 dicembre 2012
I luoghi della decrescita felice, 20 novembre 2012
Tecnologie della decrescita felice, 19 novembre 2012
debito e soluzioni, 13 novembre 2012
Il buon senso che cresce, 28 marzo 2012
Uscire dalla “crisi”, 2; 5 marzo 2012
Come uscire dalla “crisi”, 28 febbraio 2012
Soluzioni e idee per un Paese più bello, 19 gennaio 2012
(Ri)Lanciare l’economia reale col buon senso, 11 gennaio 201
Decrescita e architettura, 19 ottobre 2011
Ripensare la società insieme ai cittadini, 3 ottobre 2011
Decrescita felice e qualità della vita, 30 giugno 2011
Immaginare il cambiamento, 14 giugno 2011
Far ripartire il Paese con moneta sovrana (a credito), 26 maggio 2011
Possiamo farcela, 11 aprile 2011
Energia, basto poco … , 28 marzo 2011
Agire direttamente, 10 febbraio 2011
Rompere l’incantesimo, 18 gennaio 2011
Capitano, siamo un faro. 12 gennaio 2011
cambiamo tutto, 3 novembre 2010
Cambio i miei pensieri, 7 ottobre 2010

Read Full Post »

In un paese normale, non stiamo parlando dei politici italiani, chi perde le elezioni fa autocritica e lascia il posto di potere. In Italia il segretario del partito più potente, nel senso che amministra comuni, province e regioni, anziché ammettere la sconfitta, cosa fa? Sfida verbalmente il leader non eletto e non candidato di un soggetto politico “anomalo”, nel senso che non è un partito strutturato, ma un movimento di opinione che porta avanti idee e progetti concreti.

In un paese normale, Bersani, durante la sua conferenza stampa post elezioni, avrebbe dovuto ammettere la sconfitta entrando nel merito perché egli è l’immagine della sconfitta, ed una persona che vuole bene al suo paese avrebbe detto che lasciava il vertice del partito avviando un periodo di transizione. Bersani doveva analizzare il voto in profondità perché c’è il 25% del M5S, ma c’è anche il 25% di chi non ha votato. PD e PDL non hanno più la legittimità politica dalla maggioranza degli italiani, essi sono minoranza.

Poiché il risultato politico ha sconvolto e sconvolge i politici navigati mi permetto da dare gratuitamente qualche consiglio: primo non cercate alleanze col M5S poiché rimarrete scottati. Secondo consiglio: dedicato agli amministratori politici, Sindaci e Presidenti di Regioni, prendete il programma del M5S ed applicatelo: sostituite tutti gli inceneritori con gli impianti di riciclo totale, fate un piano di decrescita energetica per ridurre la dipendenza dagli idrocarburi e sviluppate reti smart-grid, avviate processi di partecipazione popolare al processo decisionale della politica, aiutate i comuni che hanno difficoltà di bilancio per mezzo dello stupido patto di stabilità, sostituite il PIL col Benessere Equo e Sostenibile come criterio per conoscere la società.

Nella sostanza chi amministra conosce bene le proposte del M5S, sono note da anni, se avete capito il voto degli italiani dovete semplicemente eseguire la volontà popolare, i dipendenti eletti sono pagati per fare questo, meno chiacchiere e più fatti concreti di buon senso, ripeto buon senso.

Un politico intellettualmente corretto avrebbe preso atto che gli italiani hanno scelto il programma del M5S e in questi giorni i leader di PD e PDL anziché accusarsi a vicenda della sconfitta elettorale e dell’emorragia impressionante di voti avrebbero dovuto prendere il telefono per fare cose concrete copiando il programma del M5S, lo stanno facendo? No, ma potreste farlo, bhè fatelo, anziché terrorizzare gli italiani con indicatori finanziari obsoleti e fuorvianti.

Read Full Post »

Il 12 febbraio 2013 nel mio blog ho scritto quanto segue: «I partiti attuali non hanno più legittimazione politica, e non esprimo più la volontà popolare, questa è la sintesi. Il popolo comunque ha bisogno di fare politica, anche quando non si esprime, continua a fare politica.

Se la logica ci indica che non esiste una maggioranza politica legittimata è ragionevole pensare che bisogna trovare legittimità altrove. L’unica è la democrazia, il governo del popolo. In questa sintesi logica è naturale attendersi la trasformazione della Repubblica in un sistema democratico più maturo ove il cittadino possa avere strumenti efficaci per governare direttamente e insieme agli organi elettivi.

Tolta la fiducia ai partiti, i cittadini devono riporla in se stessi e nella comunità. E’ prevedibile ritenere che le elezioni non daranno un governo stabile, ma daranno una risposta politica, antropologica e sociale: bisogna cambiare le regole che organizzano la società per adeguarle ai cambiamenti in corso. Una risposta in linea con la Costituzione è la rinascita della convivialità, delle agorà e delle forme partecipative collettive che possono promuovere la volontà popolare. Le esperienze costruttive di metodi e forme di partecipazione sono presenti nel mondo interno, è necessario che in Italia si cominci a sperimentare e migliorare i processi nel corso tempo.»

Molti avevano previsto l’ingovernabilità. Oggi esiste un’opportunità ed auspico che il M5S faccia quanto promesso da Grillo: primo non accettare i compromessi, secondo sfruttare il potere delegato dal popolo per fare l’intesse pubblico e tutelare la Repubblica. Gli italiani non tollereranno l’ennesimo tradimento e le conseguenze sarebbero pesantissime. Integrità e coerenza non sono mai state le virtù dei dipendenti eletti, ma in questa occasione non penso che gli italiani farebbe sconti ad un soggetto politico nato e cresciuto sulla “pancia” degli italiani.

L’ingovernabilità che viene descritta come condizione negativa offre una grande opportunità a chi ha occhi per vedere. Il M5S ha il dovere di usare questa grande energia per far del bene, e deve prendere atto, a differenza di tutti i partiti tradizionali, che il problema dell’Italia siamo noi italiani. In questi mesi di ingovernabilità questa energia andrebbe usata per far crescere il livello culturale del paese avviando e stimolando modelli efficaci di partecipazione politica.

Solo il 20 per cento degli adulti italiani sa veramente leggere, scrivere e contare.
Cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un’altra, una cifra dall’altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, un grafico con qualche percentuale è un’icona incomprensibile. Secondo specialisti internazionali, soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea. Questi dati risultano da due diverse indagini comparative svolte nel 1999-2000 e nel 2004-2005 in diversi paesi. Ad accurati campioni di popolazione in età lavorativa è stato chiesto di rispondere a questionari: uno, elementarissimo, di accesso, e cinque di difficoltà crescente. Si sono così potute osservare le effettive capacità di lettura, comprensione e calcolo degli intervistati, e nella seconda indagine anche le capacità di problem solving. I risultati sono interessanti per molti aspetti. Sacche di popolazione a rischio di analfabetismo (persone ferme ai questionari uno e due) si trovano anche in società progredite. Ma non nelle dimensioni italiane (circa l’80 per cento in entrambe le prove). Tra i paesi partecipanti all’indagine l’Italia batte quasi tutti. Solo lo stato del Nuevo Léon, in Messico, ha risultati peggiori. I dati sono stati resi pubblici in Italia nel 2001 e nel 2006. Ma senza reazioni apprezzabili da parte dei mezzi di informazione e dei leader politici.[1]

Adesso che la “pancia” degli italiani è stata riempita, bisogna dare soddisfazione alla testa degli italiani che deve avere l’opportunità di conoscere una nuova visione del mondo, una visione ragionevole che si fonda sul cambio di paradigma culturale.

L’enorme consenso che gli italiani hanno dato al M5S dovrebbe essere usato per far del bene.


[1] TULLIO DE MAURO, ANALFABETI D’ITALIA, Internazionale 734, 6 marzo 2008 http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&thold=-1&mode=flat&order=0&sid=4403

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: