Dilettanti allo sbaraglio sulla pelle dei cittadini

Se Mattarella abbia travalicato il ruolo di Capo dello Stato, lo accerteranno i costituzionalisti. Ecco cosa scrissero i costituenti, il 9 gennaio 1947, circa questo passaggio istituzionale molto importante: «è ormai universalmente accettato il sistema di procedere in primo luogo alla designazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, lasciando a questi di condurre le trattative per la scelta dei Ministri, ed è assurdo pensare che il Presidente della Repubblica possa presumere di scegliere egli stesso i Ministri», lasciando intuire che il Presidente anche se firma il decreto di nomina, non può opporsi alla volontà politica di una maggioranza parlamentare costituitasi in Parlamento, quindi eletta dal popolo. Il professore Massimo Villone, interrogato sul meccanismo di nomina del Primo Ministro specifica qual è il ruolo del Capo dello Stato: «Professore, quali sono i margini di manovra del Presidente Mattarella? Limitati. L’architettura costituzionale si fonda sull’art. 92 (potere di nomina) e sull’art. 94 (voto di fiducia). L’equilibrio è dato dal sistema politico: se i partiti si accordano su una maggioranza che può garantire la fiducia, lo spazio del presidente della Repubblica si riduce. Non può rifiutare la nomina di un primo ministro perché non gli piace, né imporre un suo indirizzo politico. E dunque bene ha fatto a conferire a Conte l’incarico». In un intervento successivo il prof. Villone afferma che Mattarella, sul caso Savona, abbia commesso un errore rischiando persino «la fragilità sul piano costituzionale» che «si traduce in errore politico, e rischi per l’istituzione presidenza. Che potrebbe domani essere attaccata per aver difeso poteri forti e padroni occulti del paese che nel proprio interesse ci impediscono di decidere il nostro destino». E Villone ha ragione da vendere poiché è ciò che stanno affermando Salvini e Di Maio, dando il via alla campagna elettorale. Valerio Onida: «il Presidente della Repubblica può evidentemente esercitare una sua influenza, un magistrato di persuasione e di influenza, può dare suggerimenti, può dare consigli, può dare avvertimenti, può esprimere preoccupazioni, non ha un potere di decisione definitiva sull’indirizzo politico e quindi anche sulla scelta delle persone che devono andare a realizzare l’indirizzo politico di maggioranza» (ex presidente della Corte Costituzionale, Radio Radicale, 27 maggio 2018)L’Associazione Giuristi Democratici pubblica un comunicato che afferma l’errore di Mattarella dal titolo una grave sconfitta della democrazia. La costituzionalista Lorenza Carlassare, ricorda che la nostra Repubblica è parlamentare e non presidenziale, pertanto il Capo dello Stato non può imporre veti politici.

Paul Krugman (premio nobel dell’economia) afferma: «questo è realmente orribile», perché la scelta di Mattarella esclude dal potere chi non gli piace, nonostante gli euroscettici abbiano la maggioranza parlamentare.

Krugman su Mattarella
Krugman si dichiara inorridito per la scelta di Mattarella.

La mia personale opinione è che il Capo dello Stato, Mattarella, scegliendo di opporsi al nome di Savona, partecipa in maniera decisa alla crescita del sentimento di rabbia contro l’establishment, regalando altri consensi ai partiti definiti populisti. Perché Mattarella è stato certo sul fatto che Savona avrebbe causato problemi ai risparmiatori italiani? Mattarella ha detto: «la designazione del ministro dell’Economia costituisce sempre un messaggio immediato, di fiducia o di allarme, per gli operatori economici e finanziari», e che quel ruolo politico debba essere occupato da una persona che «non sia vista come sostenitore di una linea, più volte manifestata, che potrebbe provocare, probabilmente, o, addirittura, inevitabilmente, la fuoruscita dell’Italia dall’euro». Mattarella ha giustificato il suo veto perché preoccupato dell’opinione dei risparmiatori e degli operatori economici, preoccupato dell’aumento dello spread, e che tutto ciò è coerente col suo dovere di porre attenzione alla tutela del risparmio. Nelle sue conclusioni il Presidente ha espresso un invito a discutere pubblicamente della permanenza nell’euro zona «con un serio approfondimento». Secondo l’Associazione Giuristi Democratici: «quando il Presidente dichiara che: “la designazione del ministro dell’Economia costituisce sempre un messaggio immediato, di fiducia o di allarme, per gli operatori economici e finanziari”, facendone da ciò discendere il rifiuto della nomina di Paolo Savona, attribuisce agli “operatori economici e finanziari” un potere di interferenza nei meccanismi della democrazia costituzionale che non ha ragione di essere. Secondo il nostro ordinamento sono le scelte degli elettori che determinano la nascita del Governi, non le reazioni dei mercati finanziari». Il Governo della maggioranza parlamentare Lega-M5S non è nato per questo motivo. Una breve considerazione sullo spread: dopo l’episodio del 2011 (575 spread BTp-Bund), proprio per evitare speculazioni finanziarie e politiche, la BCE attraverso il famoso quantitative easing anestetizza la crescita del differenziale fra BTp-Bund. Mattarella, dopo Conte, incarica Cottarelli, economista di chiara collocazione neoliberista, per formare un governo che dovrà ricevere una fiducia dal Parlamento. Curiosità, chi scrisse una lettera pubblica a Napolitano per far dimettere Berlusconi a causa dello spread? Beppe Grillo, il 30 luglio 2011, scriveva: «lei ha il diritto-dovere di nominare un nuovo presidente del Consiglio al posto di quello attuale. Una figura di profilo istituzionale, non legata ai partiti, con un l’unico mandato di evitare la catastrofe economica e di incidere sulla carne viva degli sprechi», cioè il leader del M5S per opportunismo politico evocava il commissariamento; poi arrivò Monti. È già accaduto nel 2011, in Italia un indicatore finanziario licenziò il Presidente del Consiglio, Berlusconi, che fu eletto in Parlamento e sostenuto da una maggioranza politica, poi sostituito dall’uomo della Trilaterale, Monti; accadde in Grecia per Syriza e Varoufakis che dovette dimettersi nonostante fu eletto dal popolo greco per ristrutturare il debito pubblico. Oggi il popolo greco grazie ai piani strutturali neoliberisti stanno peggio di prima poiché è stato demolito il welfare state.

Il voto degli italiani e la maggioranza parlamentare costituita dopo il voto hanno fatto emergere nuovamente il conflitto politico all’interno dell’euro zona. Una istituzione come la Presidenza della Repubblica, dopo anni di recessione che ha cambiato il quadro politico italiano, dovrebbe stimolare il dibattito pubblico e il dialogo democratico, anziché limitare la volontà popolare.

È da molto che scrivo, convintamente, come il capitalismo neoliberista abbia restaurato un sistema sociale feudale basato sul vassallaggio; così come scrivo da molto tempo che i problemi politici non trovano soluzione votando PD, Forza Italia, Lega e M5S, ma ricostruendo una sincera e vera partecipazione democratica per cambiare i paradigmi culturali della società. Noi italiani siamo ancora lontani dalla soluzione perché abbiamo scelto di farci condizionare dalla rabbia e dalla paura, ascoltando o ragazzini auto referenziali, oppure i razzisti. Niente di più sbagliato e auto-lesionistico nell’affidarsi a soggetti politici non democratici.

La sostanza di questo conflitto politico è fra capitalismo e democrazia rappresentativa. Avevo già riportato un interessante dibattito su Capitalismo finanziario e democrazia, con le osservazioni di Galbraith: «la scala e la concentrazione delle banche è inevitabilmente concentrazione di potere e sovversione dello stato democratico». I nostri politicanti sembrano incapaci di avviare un dibattito, anche acceso, ma che enfatizzi la sospensione della democrazia rappresentativa per effetto del neoliberismo, e la risposta è il socialismo condotto sul piano bioeconomico, null’altro. Razzisti e grillini parlano di sovranità e autonomia, mai di neoliberismo contro socialismo, dimostrando di lottare su fronti politici inefficaci e fuorvianti, e confermando l’ipotesi che in realtà sono interessati al potere e non a risolvere i problemi. La congettura che la Lega abbia fatto un calcolo politico elettorale confermando Savona, può stare in piedi se e solo se Mattarella fosse stato d’accordo con Salvini nel recitare questo ruolo teatrale, perché l’unica maggioranza parlamentare finora trovata per formare un governo è stata quella fra M5S e Lega. Una simulazione dell’Istituto Cattaneo rivela che un’alleanza politico-elettorale fra Lega-M5S consentirebbe loro di avere quasi il 90% (ammesso che gli elettori del 4 marzo facciano le medesime scelte) dei seggi uninominali nelle due Camere. Infine, è difficile trovare un parlamentare nominato (della Lega e del M5S) dal proprio segretario che voglia tornare ad elezioni, dopo aver lottato per quel posto così redditizio. La conseguenza del conflitto Mattarella Salvini-Di Maio fa pensare a nuove elezioni politiche. Ahimè, pochi italiani faranno auto critica sul proprio voto espresso in precedenza, perché l’intera vicenda è stata condotta molto male da coloro i quali hanno ricevuto i maggiori consensi elettorali. Il potere mediatico ha avuto la meglio sui dilettanti grillini, che hanno mostrato la solita arroganza, superbia e narcisismo in diverse occasioni a favore di telecamere, cercate continuamente. Il peggio è emerso con la trovata pubblicitaria del famigerato “contratto di governo del cambiamento”, scritto male nella forma e nei contenuti, con le anticipazioni che hanno messo in preallarme i famigerati mercati, e sia i razzisti che hanno schiacciato il piede sull’acceleratore per aumentare visibilità e consensi. In tal senso sono appropriati i termini demagogia e populismo per un ceto politico che non ha un’adeguata strategia per il bene del Paese, sembrano elefanti in un negozio di cristalli. Stiamo pagando l’enorme danno politico, e quindi economico e sociale, di non avere un partito di sinistra, propriamente socialista condotto sul piano bioeconomico, capace di fare analisi politiche e interpretazione dei problemi suggerendo soluzioni concrete. Come ho scritto altre volte: il nulla governa.

Sul tema dell’euro zona, si riscontrano aperture sul dibattito, persino inaspettate, e così scrive l’economista Deaglio, marito di Elsa Fornero : «i dubbi di Savona sull’Europa sono in realtà molto diffusi. Savona li esprime spesso in forma polemica, pungente ed estrema ma questo non vuol affatto dire che nell’eventuale programma di ministro ci sarà l’attivazione di una procedura di uscita dall’euro o dall’Unione Europea. In ogni caso, tale procedura, come dimostra l’esperienza inglese, è lunga, incerta, pericolosa e costosa. Che Savona sia chiamato o no in campo, un processo di profonda revisione e rifondazione dell’Unione Europea è alle porte». Andrea Del Monaco spiega in maniera dettagliata com’è cambiata la situazione finanziaria circa il sistema Target 2, dal 2009 al 2018, fra i debiti e i crediti, e come l’Italia passa dall’avere un credito ad un debito. In conseguenza di ciò, secondo Del Monaco, alla Germania potrebbe convenire uscire dall’euro zona per incassare i debiti. Mattarella ha accusato la maggioranza parlamentare di voler uscire dall’euro zona con un “piano B”; il prof. Brancaccio rivela che un eventuale “piano B”, è già sul tavolo di discussione: «bisognerebbe ricordare che una proposta ufficiale di “piano B” era già stata resa pubblica diversi anni fa: è la soluzione di uscita della Grecia dalla moneta unica che venne avanzata dall’ex ministro delle Finanze tedesco Schauble e che l’Eurogruppo fece propria nel 2015. In termini ufficiosi, poi, si ragiona di “piano B” già da tempo tra gli addetti ai lavori, anche ai massimi livelli istituzionali. Chi reputa scandaloso un ragionamento sul “piano B” non ha capito molto dei problemi di tenuta dell’eurozona. Come a denti stretti riconosce persino il Presidente della BCE, sono problemi che restano in gran parte irrisolti e che inevitabilmente riaffioreranno alla prossima recessione, indipendentemente dal successo politico delle cosiddette forze anti-sistema. La questione, semmai, è “quale piano B”: ad esempio, quello di Schauble per la Grecia era da strozzinaggio, poiché pretendeva che i greci mantenessero i loro debiti in euro anche dopo aver abbandonato la moneta unica».

In questo contesto politico, anziché sfruttare l’opportunità di un ipotetico Governo euroscettico, le scelte di Mattarella mettono un freno al dibattito politico per riformare l’euro zona. Il Capo dello Stato, da un lato afferma che l’Italia deve restare nell’euro zona, e dall’altro lato invita a parlane pubblicamente. Nella sostanza, se esiste una maggioranza parlamentare e politica che vuole ridiscutere i Trattati o l’euro zona, il Presidente Mattarella pone veti sui ruoli ministeriali contro persone che hanno espresso opinioni diverse dalle sue. L’ipotesi secondo la quale Salvini volesse tornare al voto, resta tale poiché i Governi si giudicano dai fatti e non dalle intenzioni, o dalle congetture senza prove. Questo è un modo infantile per scaricare le proprie responsabilità nell’aver condotto male dall’inizio alla fine la trattativa per formare un Governo.

Il dramma culturale è tutto italiano, poiché negli altri Paesi si parla di crisi dell’euro zona, di socialismo e di neoliberismo, qui da noi, i politicanti sono ammalati di narcisismo ed egocentrismo traendo forza e sostegno sfruttando i problemi sociali ed economici degli italiani, i quali rispondono dando loro maggior consenso. È un noto meccanismo pubblicitario: vendere ciò che vuole il consumatore inconsapevole. È un processo di imbarbarimento incivile che dura da molti decenni, ed ha svuotato di senso compiuto il dibattito politico pubblico, che invece dovrebbe cambiare radicalmente affrontando l’ingiustizia che crea l’euro zona, così come una politica industriale italiana per creare nuova occupazione affrontando le disuguaglianze territoriali.

creative-commons

Annunci

Dopo trent’anni di liberismo, ancora tutti a destra!

È ormai matura l’analisi politica, persino condivisa negli ambienti responsabili dell’aumento delle disuguaglianze, che la cosiddetta crisi economica in realtà non è una vera crisi ma la normale conseguenza del capitalismo neoliberista che ha invaso il mondo intero. La globalizzazione dei capitali finanziari, del mondo off shore e delle zone economiche speciali, cioè degli spazi dello sfruttamento, ha trasformato la società occidentale eliminando le conquiste sociali del socialismo europeo, e riducendo al minimo i diritti civili e dei lavoratori. È assurdo ma sembra che il ceto politico abbia rimosso la lezione di Marx, favorendo i sogni più proibiti di un élite avida e incivile.

All’interno del cambiamento epocale, la maggioranza dei cittadini italiani è nichilista, individualista e di conseguenza usa il momento del voto come sintomo di uno sfogo. Milioni di italiani e la maggioranza dei meridionali delusi, hanno votato per questi due partiti: la Lega (che resta Nord) e il M5S. Entrambi, durante cinque anni di opposizione politica al PD, hanno attaccato i governanti con un linguaggio politico al limite della violenza verbale. Il linguaggio adottato si basa su un preciso ed elementare calcolo politico, promettere qualunque desiderio dei cittadini. Il linguaggio, come nella pubblicità fa leva sulle emozioni delle persone economicamente più deboli, soprattutto il M5S attraverso il famigerato “reddito di cittadinanza”, che non è un “reddito di cittadinanza” ma “condizionato”, una proposta ideata dai liberisti della scuola di Milton Friedman, e già in uso in Germania; mentre la Lega (Nord), sempre nel solco liberista, promette la famigerata “flat tax”, cioè una “tassa piatta” composta da una sola aliquota, palesemente incostituzionale, che consente ai ricchi di aumentare l’accumulo di capitali e di ridurre lo Stato sociale. Infine la cosiddetta “pace fiscale” che si traduce in un condono fiscale, ennesimo provvedimento immorale a favore di chi non ha pagato tributi allo Stato, confermando che in Italia sicuramente pagano le tasse i dipendenti salariati, mentre per gli altri, la collettività deve affidarsi alla civiltà altrui. Questi partiti sono diversi fra loro per come sono nati, ed hanno condiviso una feroce opposizione politica all’establishment, come si dice in gergo, contro l’UE, contro il “sistema”. La fotografia del M5S è stata fatta da due giovani giornalisti, Federico Mello e Jacopo Iacoboni, che in tempi diversi hanno pubblicato due saggi sul reale funzionamento dell’ex partito di Grillo, Il lato oscuro delle stelle e L’Esperimento. Entrambi sono utili per capire l’inganno che si cela dietro a determinati partiti apparentemente “nuovi”, che ricalcano schemi del comportamentismo degli anni ’50, ricalcano schemi televisivi, berlusconiani e non democratici ma utilizzano le nuove tecnologie per gestire l’azienda (il partito). La Lega Nord (già lombarda) è il partito razzista che nasce dall’antimeridionalismo per proporre la secessione dall’Italia contro Roma ladrona. Il linguaggio dei leghisti è costituito da decenni di propaganda razzista contro i meridionali. Nel corso degli anni la cronaca giudiziaria ha evidenziato la realtà dei fatti: i ladroni erano dentro quel partito e nelle istituzioni politiche del Nord da loro amministrate, dalle truffe nel partito razzista, passando per i Consigli regionali sino alle banche venete gestite dall’imprenditoria vicina ai razzisti. Il dramma culturale del nostro ceto politico è che un partito così ignobile abbia ricevuto una legittimazione dagli altri partiti, come Forza Italia e l’estrema destra, che l’hanno condotto persino al governo del Paese. In una comunità civile nessuno si sognerebbe di dare legittimità politica a chi propaganda il razzismo e l’egoismo più becero.

In tutto l’Occidente chiunque abbia svolto un ruolo politico all’opposizione del “sistema”, poi ha ricevuto un aumento dei propri consensi politici. Negli USA, come tutti sanno è diventato Presidente un imprenditore sfruttando temi legati alla crisi economica che ha fatto aumentare la povertà. In questa fase ove gli elettori cambiano i propri governanti, c’è un elemento a dir poco grottesco e contraddittorio. La cosiddetta crisi economica è innescata dal capitalismo neoliberista, e in Italia, anziché stimolare una mobilitazione di massa a favore del socialismo, gli elettori si affidano a una coppia di partiti che millantano di non essere né di destra e né di sinistra ma promettono politiche neoliberiste, cioè di destra con elementi di welfare di dubbia valenza.

Sintetizzando al massimo, negli ultimi anni, i partiti che hanno governato il Paese sono stati esecutori delle politiche neoliberiste, cioè di destra, e gli elettori hanno deciso di sostituirli con i soggetti che hanno millantato un cambiamento. Le politiche neoliberiste hanno favorito l’aumento delle disuguaglianze economiche e sociali, innescando e stimolando la crescita dei disagi sociali, favorendo rabbia e insoddisfazione nei confronti del ceto politico occidentale. Il contesto politico e sociale si caratterizza per la fine della partecipazione popolare e di massa nei partiti, e mentre accadeva ciò, i cittadini italiani, in una prima fase durante l’inizio del millennio, si mobilitarono nei cosiddetti “girotondi”, senza organizzare un partito democratico nuovo ma consegnando la legittima protesta al vecchio establishment. Fallisce l’opportunità di realizzare un’alternativa politica al liberismo, mentre col trascorrere degli anni la scelta di ridurre il ruolo pubblico dello Stato fa crescere l’insoddisfazione nei confronti della “casta”, poiché si riducono contemporaneamente e progressivamente sia il potere d’acquisto degli stipendi salariati e sia il welfare state, creando disagi sia alla media borghesia e sia ai ceti più deboli che aumentano di quantità. È nel ventennio berlusconiano, con i governi elitari sostenuti dai Tremonti, Bossi, Dini, Amato, Ciampi, D’Alema e Prodi che si realizza la svendita del patrimonio pubblico, la “liberal revolution”, meno Stato più mercato, con norme e provvedimenti ad edulcorare il principio della democrazia economia e favorire l’azionariato elitario nel controllo, e quindi nel profitto, dei servizi. Tutti gli Enti locali, Regioni, Province e Comuni, privatizzando tutto quello che c’è da privatizzare, di fatto usurpano la sovranità popolare, attraverso la creazione dei mostri multiutilities S.p.A. che firmano contratti di gestione dei servizi pubblici locali con la falsa promessa di migliorare le infrastrutture esistenti costruite con le tasse degli italiani (acqua, energia, autostrade, telecomunicazioni, poste, ferrovie). E’ negli Enti locali che si realizza la famosa austerità, dalle mani del più ignorante e incapace ceto politico italiano, rimbalzato alle cronache giudiziarie grazie ai reati contro la pubblica amministrazione e ai tagli dei servizi locali. Nel frattempo continua la privatizzazione dei profitti attraverso le rendite fondiarie e immobiliari, sottovalutando i problemi reali legati al rischio simico e idrogeologico, così da aggiungere altri danni alla collettività attraverso l’adozione di piani speculativi che aumentano le disuguaglianze sociali e il consumo di suolo agricolo.

Osservando la struttura capitalista italiana possiamo cogliere il senso delle politiche di tutti gli ultimi governi, che hanno favorito l’accentramento della ricchezza nelle mani di pochi, cioè i soliti pochi, le solite famiglie, sia quelle note al pubblico e sia quelle poco note ma presenti in tutti i centri urbani. Il capitalismo italiano è costituito soprattutto da rendite, finanziarie e immobiliari, controllate dalle solite famiglie di ricchi, capaci di influenzare il credito. Il fatturato delle imprese è generato soprattutto da rendite e attività terziarie. Parlamento e Governi italiani, anziché rimuovere ostacoli di ordine economico per favorire lo sviluppo umano, e dare a tutti le possibilità di cercare percorsi di evoluzione sociale, hanno aumentato drasticamente la differenza fra ricchi e poveri. Sempre più famiglie sono entrate nella soglia di povertà relativa e assoluta.

I disagi creati dal mercato hanno una dimensione territoriale precisa, e sono le periferie che hanno smesso di votare per i partiti filo establishment. Contestualmente si è ampliato il fenomeno della spoliticizzazione delle masse e la crescita della frustrazione collettiva, poiché gli individui non si sentono in grado di cambiare le scelte politiche italiane. Durante il ventennio berlusconiano, il legislatore contribuisce ad allontanare i cittadini dal processo decisionale della politica sia con la riforma degli Enti locali e sia con i processi di privatizzazione che favoriscono gli interessi delle imprese. Nel 2009, dopo cinque anni di tour seguitissimi, il comico Grillo catalizza la frustrazione e la rabbia popolare in un partito da lui fondato, il M5S. Dal 2005 al 2009, Grillo usa l’arte del teatro a servizio di un disegno politico, ed è la sua capacità di interpretare i problemi degli italiani a raccogliere milioni di voti nel 2013, consentendo a diversi sconosciuti, e anche taluni impresentabili e squallidi personaggi di entrare nel Parlamento italiano senza alcun criterio di merito politico. Mentre si realizzava un enorme trasferimento di consensi dai partiti del pensiero unico al partito liquido italiano, ancora una volta, nonostante le evidenze circa l’aumento delle disuguaglianze, nessun soggetto politico ha avuto la maturità di compiere un’auto analisi critica mettendo in discussione le politiche economiche neoliberiste, e la totale inefficienza politica dell’UE, costruita per soddisfare il mercato e non i bisogni delle persone. Di questa incapacità riflessiva, ovviamente, se ne approfitta chiunque critica l’euro zona e la “casta”, senza dover dimostrare alcuna capacità politica. Nel 2013, il risultato delle urne rompe lo schema del cosiddetto bipolarismo e non consegna un reale vincitore, perché esiste un terzo polo che ha lo stesso peso politico del PD e di Forza Italia. Le coalizioni si sfaldano, e nascono nuove maggioranze parlamentari sul modello chiamato grande coalizione per consentire la formazione di un Governo, in quanto il terzo polo strategicamente sceglie l’opposizione. Nel 2013, nonostante milioni di italiani sfiduciano l’establishment, quel voto non è utilizzato per cambiare lo status quo, e fra le tante conseguenze politiche, lo scontro fra il M5S e il PD ebbe quella di sostituire la classe dirigente politica nel PD, favorendo l’ascesa di un nuovo capo politico: Renzi, in continuità col liberismo. La nuova direzione del PD sposta l’asse del partito tutto a destra, e in una prima fase, il nuovo leader eletto attraverso le primarie aperte del partito, aumenta i consensi alle elezioni europee del 2014 toccando la soglia del 40%. Nel 2015 durante le elezioni regionali, il PD continua la crescita dei consensi ma sarà l’ultima volta, poiché da quel momento in poi, il partito di governo perderà milioni di voti arrivando a dimezzare il proprio consenso sul territorio nazionale. I 5 anni di legislatura saranno utilizzati dalla nuova maggioranza politica per approvare altre riforme neoliberiste togliendo diritti ai lavoratori, e cercando di cambiare la Costituzione per ampliare l’ideologia capitalista neoliberale attraverso una proposta di riforma costituzionale, Renzi-Boschi. Proposta bocciata dal referendum consultivo, il 4 dicembre 2016. In tutto ciò le disuguaglianze crescono, osservando l’aumento della povertà per effetto del mercato lasciato libero di agire secondo la propria avidità. L’assurdità del ceto politico consiste nel fatto che mentre aumentano le disuguaglianze, chi governa accresce le opportunità per alcune imprese multinazionali, anziché ripristinare politiche pubbliche socialiste.

Nel 2018, il risultato delle urne dice che la maggioranza degli italiani crede alle promesse di chi ha svolto un ruolo di opposizione, e sfoga la propria rabbia contro i vecchi partiti consegnando il Paese, sia al partito razzista italiano, la Lega (Nord), e sia al partito inventato da un ex comico e da una piccola azienda privata di social marketing, che oggi detiene il controllo diretto del primo partito italiano. Dopo circa 70 giorni di trattative politiche, agli italiani viene presentato un cosiddetto contratto di governo. Il linguaggio adottato ricalca lo schema di un programma elettorale, e non è un serio programma politico. Secondo i giuristi, del calibro di Zagrebelsky, si tratta di un contratto di potere fra alleati di governo che presenta caratteri di incostituzionalità, con possibili derive autoritarie. Questo nuovo programma elettorale chiamato contratto di governo è composto da un mix di elementi retorici dei due partiti, e così ritroviamo un po’ di razzismo, una visione securitaria dello Stato, posizioni euroscettiche, una visione più o meno assistenzialista, elementi ecologisti, ma soprattutto promesse molto complicate sul welfare circa la riforma Fornero e il reddito condizionato poiché insieme creano la banca rotta dello Stato. Un linguaggio più concreto si riscontra solo sui punti dedicati alla sicurezza.

Anche il cosiddetto “governo del cambiamento”, così chiamato come desidera la propaganda, appare come un governo della continuità nonostante l’euroscetticismo, poiché ignora la lezione di Marx e non compie un’analisi politica matura facendo riferimento ai mutamenti sociali innescati dal capitalismo neoliberista. Nonostante un legittimo euroscetticismo raccolto dalla pancia degli elettori, non c’è alcun piano industriale su specifiche attività industriali, ma la promessa generica di una banca pubblica a sostegno delle imprese, come insegna la scuola liberista. Non c’è un piano di investimenti su specifici territori deindustrializzati. C’è un’ambigua e superficiale riflessione circa il “sovranismo” etichettato dal giornalismo embedded, che rischia di rendere vana qualsiasi possibilità di restituire un potere economico alla Repubblica. Persino in Germania, che ha tratto i maggiori vantaggi dell’euro zona, si parla degli errori del sistema monetario unico, si parla di come ristrutturare i debiti pubblici, di come riformare i Trattati o come uscire dall’euro. In Italia, ci siamo dimenticati che il PCI fu contrario allo SME, e ci siamo dimenticati della visione romantica del manifesto di Ventotene. Questa rimozione dalla memoria collettiva, come gli slogan né destra e né sinistra, hanno contribuito a sostenere il nichilismo e aprire strade alle destre. Il tema della sovranità economica è senza dubbio cruciale per la ripresa economica del nostro Paese ma questo argomento è stato regalato ai partiti populisti, anziché essere argomentato seriamente dai partiti di governo, del resto proprio la Germania ha potuto fare investimenti utilizzando due leve, il surplus commerciale – violando le regole europee – e un sistema del credito pubblico secondo un programma industriale, che in Italia non c’è più, grazie alle scelte degli ultimi governi democristiani e dei primi governi neoliberali post tangentopoli, applicando il mantra del laissez faire al mercato, la famigerata rivoluzione liberale promessa da Berlusconi e condivisa dal razzismo leghista.

Nel contratto elettorale, ci sono le promesse elettorali che aiutano i ceti ricchi danneggiando la collettività tutta, dando un serio colpo allo Stato sociale previsto dalla Costituzione. Il voto di protesta della maggioranza degli italiani consegnato ai partiti anti-sistema può essere utilizzato per aiutare l’élite ristretta dei capitalisti italiani; infatti adottando un’aliquota massima del 20% si realizza un enorme trasferimento di ricchezza rubando alle casse pubbliche dello Stato, che non potrà più garantire determinati servizi soprattutto ai ceti meno abbienti. È noto da decenni che l’area più povera del Paese, il meridione, è deindustrializzata con carenza di servizi adeguati. Nel contratto fra M5S e Lega Nord non c’è una sola riga sulle disuguaglianze territoriali da affrontare con un piano industriale di investimenti, proprio nei luoghi più svantaggiati, per ridurre il tasso di disoccupazione e per stimolare la nascita di impieghi utili. In questo accordo di governo non c’è un piano o una politica economica che osserva la difficile realtà italiana, in questo nuovo programma elettorale non si dice concretamente come si agisce per migliorare il Paese e aiutare i ceti deboli. A seguito di questo contratto i partiti che hanno formato una maggioranza parlamentare si accordano di presentare al Capo dello Stato, un tecnico come Presidente del Consiglio, nel senso che è sconosciuto alle cronache politiche.

Con l’assenza di un’alternativa politica seria e preparata si conferma la crisi morale della società italiana. Fino agli anni ’80 il nostro Paese esprimeva una rilevanza autorevole mondiale grazie al più grande partito di sinistra presente nel blocco occidentale. Dopo il 1989, quando tutto il mondo scelse il neoliberismo, sparirono sia il PCI e sia l’autorevolezza dei nostri sindacati, che abdicarono al loro ruolo. Negli altri Paesi ove si lotta contro l’abuso dell’élite capitalista, i cittadini si ispirano palesemente al socialismo, in Spagna addirittura esiste un partito come Podemos che si ispira ad Antonio Gramsci, negli USA patria dell’imperialismo e del neoliberismo selvaggio, aumenta il consenso per le proposte socialiste suggerite da Bernie Sanders, in Grecia ove la recessione è violenta si stanno diffondendo forme concrete di mutualismo, di chiara ispirazione socialista, e persino in Inghilterra, raccoglie consensi anche nei concerti da stadio un signore come Jeremy Corbyn che parla pubblicamente di politiche socialiste. Fino ad oggi questi movimenti politici di sinistra sono all’opposizione di maggioranze che rappresentano l’establishment del neoliberismo che ha inventato questa globalizzazione totalmente deregolamentata e deresponsabilizzata.

Durante questo periodo sembra emergere una crisi di civiltà democratica per l’incapacità collettiva di costruire un sincero partito di sinistra, adeguato ai cambianti sociali e tecnologici che stiamo subendo. Questo enorme vuoto politico si traduce in un danno sociale, economico e politico ampiamente visibile nel meridione d’Italia ove si concentrano in maniera particolare e drammatica le disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento. Negli ultimi decenni queste disuguaglianze hanno raggiunto tutte le aree urbane e le periferie, ove certi quartieri sono in un degrado urbano e sociale. Attraverso le politiche neoliberiste, anche i territori interni e rurali sono costretti alla marginalità sociale.

Le persone oneste che si riconoscono nei valori costituzionali hanno l’obbligo di agganciarsi a una speranza futura, e augurarsi che il nuovo Governo sia composto da persone rispettose della Costituzione, dotate del senso dello Stato; appare incredibile viste le premesse, ma è rimasta solo la speranza. Dobbiamo augurarci che quel famigerato contratto sia solo l’ennesima trovata pubblicitaria, l’ennesima caduta di stile, come fu per la presentazione dei ministri M5S prima del voto, e che quindi legislatore e Governo, osservando la complessa realtà italiana affrontino le intollerabili disuguaglianze territoriali, la disoccupazione, la vulnerabilità del territorio e delle aree urbane, e la crisi ambientale con un approccio culturale nuovo: quello bioeconomico. Durante questi anni, dovremmo ricostruire una civiltà politica, con saggezza e democrazia.

creative-commons

Il cavallo di Troia nella città del volontariato

La nostra Costituzione poggia su un patto sociale, ove la cittadinanza e soprattutto i lavoratori attraverso il loro impegno garantiscono il funzionamento e il mantenimento delle pubbliche istituzioni, che hanno il compito di ridistribuire le risorse. All’interno di questo patto, oltre alle imprese di profitto esiste da sempre anche il volontariato, che oggi rischia di essere cancellato nella misura in cui il legislatore approva leggi che lo snaturano avvicinandolo sempre più alle imprese di profitto. La cattiva fede di provvedimenti così pericolosi risiede nel desiderio da parte delle istituzioni di orientare e sfruttare il volontariato stesso aumentando il controllo del consenso elettorale locale.

E’ noto dai bilanci pubblici e dalla consuetudine degli Amministratori che durante questi ultimi anni, gli Enti locali non si sono fatti scrupoli nel tagliare servizi alle persone pur di ripagare debiti e interessi alle banche, e pur di rispettare le stupide regole di Bruxelles. La finanza ha sostituito l’agire umano, e non è una macchina quella che governa il sistema, ma un’élite degenerata che sta muovendo una guerra geostrategica contro i popoli. Si tratta di piccole tessere di un puzzle: neofeudalesimo.

L’agire neoliberal sta includendo anche il volontario, e così mentre le forze politiche decidono di aumentare la pressione fiscale, ridurre i Trasferimenti agli Enti locali accade che gli Amministratori locali, attraverso regolamenti comunali che edulcorano il principio di sussidiarietà, la solidarietà e il Terzo Settore, favoriranno la sostituzione di lavoratori qualificati e correttamente retribuiti col volontariato in ambiti sempre più vasti circa la gestione dei servizi pubblici locali (attività socio assistenziali, educative e formative, sanitarie, protezione civile, attività culturali e di tutela e valorizzazione dei beni culturali, tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, tutele animali, custodia e vigilanza, manutenzione presso edifici pubblici, etc.). Persone non qualificate ma sfruttate, potranno sostituire i lavoratori. Questa è la maniera tipica degli imbroglioni per alleggerire i bilanci pubblici facendo credere di ridurre gli sprechi, ma consente di avviare nuove clientele e distribuire favori (sprechi) ai propri elettori, facendo aumentare la disoccupazione sfruttando dei volontari (aumento della povertà).

L’ambito più colpito da questa lenta e costante azione delle forze politiche è l’erosione del sistema sociale dello Stato, che secondo la Costituzione è un pilastro di civiltà della Repubblica italiana. Sin dagli anni ’90 le forze politiche, nel solco dell’ideologia di Adam Smith, hanno cominciato a legiferare norme e regolamenti per la gestione dei servizi pubblici per ridurre il ruolo e la presenza l’autorità pubblica, e aumentare la presenza di soggetti privati non secondo criteri di merito ma con metodi clientelari. Privati che entrano in gioco attraverso convenzioni, concessioni  autorizzati a drenare risorse pubbliche secondo logiche di profitto.

La recente azione politica, meno Stato e più privati, mira a stravolgere il ruolo del volontariato. La solidarietà è un rapporto obbligatorio condizionato dal vincolo di debito e/o di credito, in sostanza è il comportamento di chi è debitore nei confronti di qualcuno, oppure la condivisione di un senso di appartenenza comune. La solidarietà è divenuta sempre più il senso di condividere le responsabilità all’interno di una comunità attraverso un rapporto reciproco.

Il volontariato, cioè l’impegno civico, è una prestazione spontanea mossa da sensibilità personali. Volontariato e solidarietà non sono proprio la stessa cosa. E’ vero che il volontario può essere visto come l’azione civica solidale poiché è possibile donare tempo e servizi a chi ne ha bisogno, ma non è un’azione debitoria nei confronti di qualcuno, è un dono.

L’aspetto più vergognoso e incostituzionale di taluni politici italiani è quello di distruggere tutto quello che toccano: adesso vogliono distruggere anche il principio della cooperazione e del volontariato, in che modo? Mercificando il rapporto di reciprocità fra Enti locali e il Terzo Settore, e invitando le associazioni a spartirsi il budget che viene messo a disposizione in sostituzione di servizi svolti da lavoratori professionali. In questo modo finisce l’altruismo degli italiani travolto dal capitalismo che fa leva sull’avidità dell’individuo. In tal senso, sempre più persone interessate a raccogliere consensi e soldi pubblici entreranno nel terzo settore per assecondare i capricci dei Sindaci, e andranno a sostituire le persone che vivono e sanno cosa sia il volontariato, quello vero. Il renzismo può legittimare il più becero razzismo, in questo caso sinonimo di schiavismo, poiché la proposta governativa figlia del pensiero neoliberale consentirebbe agli Amministratori locali di avviare un nuovo rapporto fra terzo settore e forze politiche, ove le maggioranze politiche possono creare nuove clientele, favorire nuovi sprechi, sfruttare il volontariato e far gestire la cosa pubblica alle imprese, favorendone la diffusione del marchio attraverso le sponsorizzazioni. Il provvedimento mette nelle mani dei Sindaci un altro strumento per favorire il voto di scambio, oltre a quello già esistenze derivante dal ruolo stesso dei Sindaci (nomine dirette nelle società ex municipalizzate). Non spetta agli Amministratori locali progettare il volontariato, per ovvie ragioni etiche e costituzionali. Le nuove norme sul Terzo Settore inventano e favoriscono un rapporto subalterno fra maggioranze politiche locali e volontariato chiamato a svolgere attività secondo gli interessi degli organi politici e non più secondo l’autonomia delle associazioni. C’è un solo termine per individuare tale rapporto: vassallaggio. Il vassallaggio è il rapporto fiduciario fra il servo concessionario dei beni del feudo e il sovrano che l’ha delegato.

Non ci vuole un grande sforzo d’immaginazione per osservare la direzione che si propone (Terzo settore, impresa sociale e Servizio civile universale) secondo l’approccio “attivismo civico” figlio del neoberismo; Renzi da Sindaco di Firenze era dedito concedere l’uso dei beni pubblici alle imprese che hanno bisogno di rafforzare la propria immagine attraverso un finto mecenatismo. Fu clamoroso l’esempio della Ferrari su Ponte Vecchio, e il tentativo di Della Valle a Roma per il Colosseo. Nel caso del neoliberismo c’è uno scambio di ruoli fra sovrano e vassallo. Le imprese diventano sovrane e lo Stato schiavo, tutto a spese dei contribuenti e con l’effetto di aver distrutto uno degli stili di vita più belli e dignitosi degli italiani: il volontariato, fondamentale per ricostruire il senso di comunità andato in crisi per colpa del capitalismo che ha mercificato tutto, adesso tocca al volontariato.

La realtà, circa i famigerati fatti romani, ha già mostrato in che modo un gruppo di persone organizzate e vicine ai funzionari pubblici, ma estranee ai principi del volontariato, possano organizzare attività legittime e lucrare sulle persone rubando soldi pubblici. Immaginare di compensare la riduzione dei Trasferimenti statali agli Enti locali (austerità) promuovendo regolamenti sull’attività solidaristica è decisamente criminale, e soprattutto tradisce il patto sociale costituzionale poiché si palesa il fatto che le tasse dei cittadini sono mal distribuite, e indirizzate verso altri interessi, che guarda caso spesso sono quelli delle banche e delle imprese private. Le forze politiche stanno rinunciando persino all’ordinaria amministrazione.

creative-commons

Sul decreto Lupi circa il governo del territorio

Nonostante il tema del governo del territorio, ossia dell’urbanistica, sia ampiamente conosciuto e riconosciuto, studiato, e approfondito nell’ambito accademico e professionale, e nonostante sia noto e sia riconosciuto in tali ambienti il fatto che governare il territorio significa determinare la propria ricchezza, nel senso più ampio del termine, non solo materiale, ma anche culturale e spirituale, nonostante tutto ciò, assistiamo alla presentazione di un decreto immaturo e anacronistico rispetto al contesto della depressione economica nazionale generata da un paradigma culturale del tutto obsoleto. «L’urbanistica viene già individuata come una tecnica della prassi politica», per rimanere ancorati alla legge germanica del 1875 e dirla alla Manfredo Tafuri, e quindi con tutte le conseguenze del caso, noti i conflitti che l’urbanistica genera quando l’interesse generale viene sostituito dalla religione neoliberista. La proposta di nuova legge urbanistica nazionale del Governo nasce da un impianto culturale vecchio ed obsoleto, non affronta in maniera compiuta le esigenze degli abitanti e la complessità della questione urbana determinata da vecchi vizi: rendita e conflitto fra poteri, politica e istituzioni. Mentre da decenni altri Paesi investono in programmi adeguati, sperimentando ed innovando (Vauban a Friburgo, BedZED a Londra, Solar city a Linz, Hammarby Sjöstad a Stoccolma, eco-viikki ad Helsinki, Loretto e Mühlen a Tubinga, Jonction a Ginevra, Bullinger a Zurigo, Ecoparc a Neuchâtel), il mondo dei nostri dipendenti politici va in direzioni sbagliate, oppure è del tutto inerte alle esigenze degli abitanti che vivono nelle città ed è del tutto inerte di fronte alle opportunità di nuovi modelli decisionali dal basso. Spesso si è preferito la strada dei grandi appalti e dei grandi eventi, e spesso dietro questi appalti ed eventi si celava il noto e solito malcostume di politici e imprenditori. Nella sostanza la società civile con le proprie capacità creative ed i suoi bisogni si trovano su di un piano, mentre i dipendenti eletti vivono sul piano ideologico che rappresenta un’élite ristretta, ma non rappresentativa dei problemi veri della società.

Non si ha il coraggio di ripristinare il valore del disegno urbano restituendo dignità alla creazione culturale del piano che “organizza” la città nella sua interezza, uscendo dalla deriva politicizzata dei piani dei Sindaci declinati in interventi puntuali ed elettoralistici. Non si ha il coraggio di affrontare il problema della rendita ed il “regime dei suoli” (l’esperienza dell’ex Ministro Sullo fu significativa), non si ha il coraggio di definire un uso razionale delle risorse, e non si ha il coraggio di proporre una nuova visione culturale partendo dalla resilienza e dalla bioeconomia rispettando l’articolo 9 della Costituzione, sia per pianificare correttamente gli ambienti urbani già costruiti, e sia per conservare l’immenso patrimonio storico, architettonico e archeologico italiano.

Un’osservazione non di poco conto è la constatazione che da diversi anni il Parlamento, che ha il potere legislativo, abdica sistematicamente al proprio ruolo costituzionale lasciando che siano i decreti governativi a far nascere il “dibattito” parlamentare su temi vitali per la Nazione. Tale anomalia si ripercuote in maniera negativa sulla qualità democratica delle decisioni poiché le forze politiche, elette e pagate dai cittadini per legiferare, rinunciano al proprio diritto dovere, e troppe volte i decreti governativi diventano legge grazie al “voto di fiducia” sostenuto dalle maggioranze di turno. In tale maniera viene mortificato anche il diritto costituzionale delle minoranze di turno che intendono apporre emendamenti per migliorare le singole proposte. Sono diversi anni che le maggioranze parlamentari violano il principio di separazione dei poteri.

howard3bEntrando nel merito: I temi della “ricostruzione, recupero e riqualificazione” nascono come risposta alle cattive condizioni igieniche ed ambientali prodotte dalla rivoluzione industriale del XIX secolo. Dal secondo dopo guerra (D.L. 145/1945) nascono i piani di ricostruzione per far ripartire il Paese che diedero vita al famoso boom economico. In Inghilterra si cominciò sin dal 1938 (Green Belt Act), poi gli USA nel 1958 con il Federal Urban Renewal programm. Questi programmi politici furono influenzati dalle teorie utopiste dell’Ottocento ove si progettavano città nuove e sostenibili: garden city, city beautiful, etc. che ambivano a sviluppare una sensibilità ecologista. Una sensibilità che non fu accettata dai politici italiani piegati agli interessi delle lobbies della speculazione edilizia che mercifica i suoli. Negli anni ’60 l’esperienza di Fiorentino Sullo dimostra tutta la cattiva fede dell’ambiente politico, poiché la sua proposta attaccava la rendita attraverso l’introduzione dell’esproprio generalizzato dei suoli, tant’è che se fosse stata introdotta quella norma molti costruttori non avrebbero potuto distruggere e speculare contro gli ecosistemi e contro il diritto alla casa.

In Italia con la legge 457/1978 si avviarono i piani di recupero individuando le “zone di recupero” ed i “piani per il recupero del patrimonio edilizio esistente”. Negli anni ’90 c’è stata l’esperienza dei “programmi complessi” circa il governo del territorio che ha avuto le sue esperienze sul tema della “riqualificazione urbanistica”.

Il paradigma culturale che ha guidato la ricostruzione delle nostre città prima, e l’espansione urbana dopo, è stato quello del consumismo più sfrenato e la progressiva crescita del nichilismo, e tutt’oggi rimane il paradigma predominante di buona parte degli amministratori pubblici, nonostante la proposta dell’UrBES.

La proposta del Governo ambisce a sostituire la legge urbanistica nazionale, e non c’è alcun dubbio che l’intenzione sia fondata e meritevole, ma la proposta non scalfisce minimamente i problemi del governo del territorio condizionati dall’apatia e dal nichilismo dei cittadini, dalla corruzione, dalla rendita, dalla finanza e dall’obsoleto paradigma culturale della crescita infinita.

Fra le finalità del decreto (art. 1) esiste anche l’insano principio di concorrenza totalmente avverso ad uno dei principi della progettazione sostenibile: l’olismo. In tal modo il decreto avvalora ancor più la distruttiva consuetudine di mercificazione del territorio e dei beni immobili, tutto ciò che finora ha contribuito a distruggere gli ecosistemi e l’identità delle città. Aberrazione feudale: il comma 4 del decreto introduce un potere di mercato incostituzionale affidando ai proprietari degli immobili, non allo Stato e non ai cittadini, il diritto di iniziativa, in tal senso si torna indietro di molti secoli e si suggerisce di conformare una vecchia consuetudine scorretta che consiste nell’accorpare proprietà immobiliari prima dei cambi di destinazione d’uso. E’ con questo sistema che sin dagli anni ’50 in poi si sono create le rendite di posizione, le speculazioni, e si sono pianificati interi quartieri ghetto. Con questo principio feudale le rendite di posizione sono legittimate nel perseguire la propria avidità. Sicuramente il principio del coordinamento fra Enti istituzionali (art. 5 del decreto) aiuta la condivisione di valori e obiettivi strategici territoriali individuati in una Direttiva Quadro Territoriale (QDT), e tale approccio può essere utile per correggere elementi negativi emersi delle leggi regionali, così come cogliere elementi positivi emersi dalle stesse Regioni al fine di ridistribuire conoscenze e pratiche virtuose su tutto il territorio nazionale per tendere ad una maggiore coerenza costituzionale rispetto all’articolo 9 della Carta. Un’altra indicazione corretta è senza dubbio il riconoscimento di ambiti territoriali unitari che possono produrre piani adeguati ai Comuni ricadenti negli stessi ambiti. L’art. 6 sostituisce il DM 1444/68 che individuò lo zoning e la soglia minima attraverso lo standard ab/mq, mc/mq, e se da un lato l’art.6 annuncia lo standard di qualità, è del tutto pericoloso cancellare gli standard quantitativi ed il concetto di limite inderogabile poiché si apre l’opportunità a pianificazioni speculative, anche se di fatto già esistono pratiche speculative generate da conflitti di interesse e rendita. Cancellando il concetto di standard minimo si apre il rischio concreto che i Comuni, cioè lo Stato, non siano più obbligati a garantire servizi minimi quantitativi, e così che gli standard possono essere individuati in maniera soggettiva da ogni Comune rispetto alle esigue risorse che lo Stato centrale fornisce loro, ed inoltre gli amministratori spinti dall’obbligo di pareggiare il bilancio saranno legittimati a tagliare servizi e/o affidare i servizi ai privati secondo il principio di concorrenza con l’evidente conseguenza di escludere classi sociali dallo loro fruizione. Uno scenario inquietante: finora i Comuni erano costretti o ad espropriare o scambiare suoli con gli interessi privati per progettare i servizi minimi misurati con criteri oggettivi (ab/mq). Una volta eliminata questa misura minima (ab/mq) e sostituita con criteri soggettivi (un’opinione) accadrà che i privati potranno cancellare dai bilanci anche questa spesa “inutile”. Quando le Regioni avranno legiferato le proprie norme urbanistiche interpretando l’art. 7 nella direzione neoliberista, accadrà che i Comuni potranno deliberare piani col principio di “concorrenza” e “flessibilità”, il che potrebbe significare contraddire i principi ed i diritti dello Stato sociale previsti dalla Costituzione. L’art. 8 intende illusoriamente affrontare il tema della disparità di trattamento dei suoli (principio di indifferenza dei proprietari) innescato dal mercato delle aree edificabili. Il legislatore ed i Governi italiani preferiscono continuare ad ignorare le buone pratiche di alcuni paesi nordici, che hanno dimostrato l’efficacia di una corretta pianificazione e gestione pubblica attraverso il diritto di superficie che non cancella la proprietà privata degli alloggi, e consente all’Ente pubblico di perseguire una razionale organizzazione delle abitazioni con i servizi raggiungendo l’obiettivo dell’interesse generale.

Il decreto è costruito su convenzionali impianti culturali e tecnici di ordinaria amministrazione, dalla “trasferibilità e commercializzazione dei diritti edificatori” (art.10, 11 e 12) alle «politiche di rinnovo urbano per la rifunzionalizzazione, valorizzazione e recupero del patrimonio e del tessuto esistente, delle periferie, delle aree dismesse e per il ripristino ambientale e paesaggistico delle aree degradate» (art.16). Secondo il decreto il «rinnovo urbano si attua per mezzo della conservazione, della ristrutturazione edilizia, della demolizione, della ricostruzione di edifici e la ristrutturazione urbanistica, di porzioni di città, e di insediamenti produttivi ed è realizzato attraverso un insieme organico e coordinato di operazioni, finalizzate all’innalzamento complessivo della qualità urbana e dell’abitare, alla valorizzazione, alla rigenerazione del tessuto economico sociale e produttivo, nel rispetto delle dotazioni territoriali essenziali di cui all’art. 6, secondo principi di sostenibilità economica sociale e ambientale», questi sono i passaggi più “significativi” del decreto. L’art. 17 prevede strumenti coattivi ed inutili per raggiungere l’obiettivo politico soggettivo del “rinnovo urbano”, e tale processo può innescare dannosi processi di gentrificazione sorti nei paesi anglosassoni attraverso deregolamentazioni e privatizzazioni degli interessi urbanistici e già accaduti anche in Italia. Il decreto anziché copiare ed introdurre modelli partecipativi dal basso preferisce strumenti autoritari e conflittuali. Nell’art. 16 (commi 8,9 e 10) si prefigurano anche le procedure che possono produrre gentrificazione adottando i tradizionali processi amministrativi, per nulla maturi ed idonei a gestire obiettivi che prevedono “abbattimenti e ricostruzioni di porzioni di città”, ignorando completamente le esperienze virtuose dei bilanci partecipativi sorti a Porto Alegre già nel 1989. Il comma 7 dell’art. 16 prevede persino operazioni di rinnovo urbano realizzate in assenza di piano operativo previo accordo urbanistico fra Comune e privati. Tradotto in termini etico sociali si apre alla prospettiva antitetica del concetto generale ed elementare di pianificazione, si legalizza un’idea malsana di organizzare il territorio secondo cui chi dispone delle risorse può trasformare il territorio a suo piacimento e godimento, e pertanto si normalizza la consuetudine già esistente di presentare progetti speculativi avulsi dal contesto e dall’identità dei luoghi col risparmio netto sulla tangente da parte del corruttore.

In sostanza il decreto riprende principi di recupero del patrimonio edilizio esistente e rilancia una politica sull’edilizia popolare oggi chiamata sociale (art. 18 e 19), ma non c’è alcun elemento culturale innovativo. Non bisogna neanche dimenticare che a fronte di tale proposta la volontà concreta nel perseguire il recupero urbano si trova nella politica economica di Governo e Parlamento, ed è noto che queste maggioranze politiche si rifiutano di adottare il principio fiat money e ripensare l’obsoleto sistema bancario e fiscale dell’UE (patto di stabilità e crescita interno). Ad esempio, se confrontiamo Italia e Inghilterra notiamo che entrambi i paesi all’inizio del secolo novecento controllavano la propria moneta e la banca centrale (politiche autarchiche); ed entrambi i paesi investirono in politiche per costruire nuove città (con caratteri culturali diversi). L’Inghilterra costruì città secondo il modello delle garden city ed in misura minore accade anche in Italia, ma il fascismo eresse l’urbanistica a tecnica per imporre la propria ideologia, da un lato facendo danni nei centri storici e dall’altro costruendo nuove città (fra il 1890 e il 1900 accade anche negli USA il potere politico impose la proprie ideologia, ma essi imposero il modello city beautiful). Dopo la seconda guerra mondiale l’Italia perse la propria sovranità, ed oggi paghiamo ancora il danno politico di quella sconfitta. Dopo 71 anni è evidente a chiunque il profondo cambiamento della società. Nel 1978 in Inghilterra fu elaborato un “libro bianco” denominato Policy for the Inner city, con soldi pubblici, per promuovere politiche di “rigenerazione urbana”. Pochi anni dopo ci fu la svolta neoliberista, e la rigenerazione fu investita dagli interessi privati diminuendo/cancellando gli investimenti pubblici e causando fenomeni di gentrificazione. Dopo anni di politiche pubbliche (il prestito del piano Marshall), anche in Italia si avviarono progetti pubblici/privati con i “problemi complessi” durante gli anni ’90, ma a differenza dell’Inghilterra, senza una banca pubblica che fa gli interessi dello Stato è impossibile investire in politiche industriali di pubblica utilità (dal 1981 il Governo Forlani avviò il percorso di privatizzazione di Banca d’Italia). Dal 1948 al 1971 (fine del gold standard) la lira ebbe un comportamento simile al “cambio costante” col dollaro, e la Repubblica generò il boom economico. Dopo il 1971 cominciarono le politiche inflazionistiche e quando poi si avviò il progetto SME (oggi l’euro), i Governi italiani smisero di produrre politiche industriali nazionali abbracciando l’ideologia globalista e favorendo indirettamente e/o direttamente la crescita della Germania a danno dei cittadini che pagano le tasse. La stessa analisi che mette in luce l’importanza della sovranità monetaria e l’autonomia politica di scegliersi una politica industriale, può essere svolta leggendo le politiche promosse negli USA a favore delle città grazie all’influenza del Congresso verso la FED; ed ugualmente accade in Cina che investe in politiche urbane grazie all’energia della sovranità monetaria; un potere che non hanno i Paesi aderenti all’euro zona condizionati da interessi contrastanti interni (incapacità culturali dei propri Governi e indicatori obsoleti), ed esterni (debito estero, borse telematiche e agenzie di rating). Se l’Italia intende rilanciare le politiche urbane, così sembra attraverso il CIPU (Walter Vitali, Strategia europea 2020 e Agenda urbana nazionale), può farlo in maniera efficace e seria riformando profondamente l’UE cambiandone i paradigmi culturali (uscendo dall’economia del debito), oppure uscendo dal sistema dell’euro zona, poiché l’ideologia neoliberista e l’austerità (fiscal compact) dell’UE danneggiano anche il mondo delle costruzioni: “il Patto di stabilità interno, continua a penalizzare gli investimenti in opere pubbliche più utili al territorio come quelli per la difesa del suolo, per gli edifici scolastici e per la funzionalità della città” (ANCE, Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni, 8 luglio 2014, pag.10).

Sul profilo del “rinnovo urbano” l’impianto è condivisibile, ma il decreto che intende far ripartire le costruzioni sembra nascere dallo stesso piano ideologico che le ha fatte crollare: la crescita non finalizzata all’utilità sociale e al bene comune poiché non si coglie alcuna intenzione di uscire dalla speculazione edilizia. Non c’è alcun riferimento a cambiare la fiscalità locale per evitare che i Consigli comunali, pur di fare cassa e perseguire l’obbligo del pareggio di bilancio, rinuncino a mercificare nuovi suoli agricoli. Non c’è alcun riferimento alla resilienza urbana, nessun riferimento alla naturale connessione fra urbanistica ed energia, nessun riferimento all’introduzione di tecniche per il recupero del plusvalore fondiario, e nessun riferimento all’avvio di processi partecipativi popolari.

Sicuramente la pubblicazione del decreto può far nascere e sviluppare un dibattito su un tema fondamentale per l’economia e la qualità di vita degli abitanti della Nazione, e sicuramente il mondo accademico e professionale italiano ha le capacità per migliorare il testo e suggerire al legislatore integrazioni e modifiche per innovare l’indirizzo culturale del decreto. Gli addetti ai lavori sanno come “aggiustare” le città: Istituto Nazionale di Urbanistica, Uscire dalla crisi, le risorse per la rigenerazione delle città e dei territori. Il dubbio legittimo è che Governo e legislatore non abbiano alcun interesse nell’ascoltare le legittime proposte di urbanisti che sanno come governare eticamente il territorio, basti ricordare la storia delle proposta di Fiorentino Sullo.

Priorità:

  • Cambiare la scala territoriale osservando le nuove città (aree urbane estese) costituite da comuni centroidi e conurbazioni.
  • Osservando le nuove città: adottare piani regolatori generali bioeconomici che applicano il metabolismo urbano e si occupano di recuperare i centri e rigenerare le zone consolidate, senza nuove espansioni.
  • E’ necessario un processo di riordino, di armonizzazione e di semplificazione di tutte le leggi che condizionano e determinano il governo del territorio affinché sia chiaro a progettisti e pubblica amministrazione come applicare l’articolo 9 della Costituzione e sviluppare nuovi piani che rigenerano gli ambienti costruiti secondo i principi della sostenibilità forte.
  • Riscrivere la legislazione sugli appalti pubblici con grande attenzione all’etica e alla trasparenza.
  • Sconfiggere la rendita di posizione attraverso tecniche di recupero del plusvalore fondiario.
  • Avviare processi di partecipazione popolare per il governo del territorio e ricostruzione delle comunità attraverso esperienze di co-gestione fra Enti pubblici e cittadini (democrazia economica con l’azionariato diffuso popolare).
  • Sviluppare la resilienza urbana e territoriale.
  • Gestione dei processi  attraverso l’aggiornamento culturale di dirigenti e funzionari pubblici, e liberi professionisti, al fine di garantire la realizzazione delle trasformazioni in tempi ragionevoli, e gestire i servizi realizzati nel rispetto della tutela delle risorse finite, applicando la trasparenza e la partecipazione popolare.
  • Valutazione dei progetti aggiornando i criteri estimativi distinguendo beni e merci nel solco della bioeconomia, dando priorità alla convenienza ecologica dei progetti, affinché il territorio non sia più gestito come una merce, e siano individuati beni da sottrarre alle logiche mercantili.

Considerata l’inadeguatezza della classe politica, è necessario che i cittadini ispirati dalla valida esperienza culturale e imprenditoriale di Andriano Olivetti capiscano di dover fare a meno di certe categorie di individui inutili e dannosi allo sviluppo umano. Ricostruendo le comunità, cittadini possono auto governarsi e proporre le dovute modifiche ai piani comunali copiando le migliori pratiche ed esperienze già svolte nel resto del mondo (Vauban a Friburgo, BedZED a Londra, Solar city a Linz, Hammarby Sjöstad a Stoccolma, eco-viikki ad Helsinki, Loretto e Mühlen a Tubinga, Jonction a Ginevra, Bullinger a Zurigo, Ecoparc a Neuchâtel). I cittadini hanno, la forza e l’energia, se lo desiderano e se si appropriano con consapevolezza, responsabilità e maturità del governo del territorio, hanno il diritto, hanno gli strumenti giuridici (cooperative di comunità), ed hanno l’opportunità di pianificare comunità sostenibili attraverso la scelta di urbanisti dotati di certe sensibilità che attraverso l’approccio adeguato possono promuovere rigenerazioni dei tessuti edilizi con un adeguato disegno della morfologia urbana. I cittadini possono sfruttare gli enormi vantaggi delle odierne tecnologie con l’impiego di un mix tecnologico delle fonti energetiche alternative. Altre comunità nel mondo lo stanno facendo da tanti anni migliorando la propria esistenza verso un’evoluzione della specie umana. L’urbanistica e l’architettura rimangano comunque arti e mestieri testimoni delle capacità umane, siano essi segni che mostrano una regressione (le città nichiliste del consumo e dello spreco) o dell’evoluzione umana (le città della cultura e della tutela ambientale).

creative-commons

L’incantesimo svelato

Ho già commentato sul Grande Fratello orwelliano (facebook), a mio modesto parere le ragioni del perché nasce un altro governo liberista. Intanto, un piccolo ante scriptum sul Grande Fratello: donatevi un favore personale, non mettete la vostra vita personale su facebook perché usano quelle informazioni per chiedere i vostri risparmi, i vostri soldi, peggio delle carte di credito. Studiano la vostra vita come fosse un gusto per consigliarvi acquisti di merci inutili, di cui potete fare a meno. Se volete mettere in crisi il Grande Fratello, usate facebook per esprimere la vostra opinione politica, non le frustrazioni perché non serve a nulla, magari chiedendo un cambio radicale della società.

«Perché è nato il Governo Renzi? L’élite sa bene cosa fare e come fare. L’oligarchia europea teleguidata dagli USA sa bene che il progetto euro, figlio della seconda guerra mondiale è a rischio, e che bisogna riportare il consenso nella soglia di controllo. In Italia i “partiti” tradizionali hanno superato quella soglia di controllo avendo perso troppa credibilità politica, e pertanto bisognava anticipare i tempi di Renzi per consentirgli di mettere a segno qualche obiettivo popolare per riprendersi parte dei voti dispersi. In altri paesi europei l’élite sta operando in maniera analoga, produrre decisioni credibili. Se Renzi, prima del prossimo voto elettorale nazionale, porta a casa alcuni obiettivi già apparecchiati, allora l’élite si riprende quella parte di consensi che serve loro nel solco del disegno geopolitico europeista: feudalesimo».

Mentre un’élite degenerata va avanti coi loro programmi di regime, noi cittadini dovremmo scollegare i nostri pensieri dalle figure istituzionali, dalle autorità, perché abbiamo capacità e poteri per autogovernarci sperimentando progettazioni che ci consentono di eliminare questa dipendenza psicologica legata alle autorità (istituzioni “democratiche”, banche, multinazionali, servizi energetici, etc.). Continuiamo a credere, sbagliando, che i politici servano a risolvere problemi, quando non è affatto vero. E’ altrettanto nota la ragione secondo cui la maggior parte degli individui ripone ancora fiducia nelle istituzioni. E’ stato ripetuto l’esperimento Milgram circa il comportamento degli individui sotto una pressione dell’autorità. L’esperimento dimostra come funziona l’obbedienza, e quanto sia “difficile” ribellarsi di fronte a comandi che recano danni agli altri individui; l’esperimento mostra uno sconcertante aumento del cinismo. E’ altrettanto noto che in Italia la maggior parte degli individui non abbia capacità di interpretare correttamente le informazioni che riceve (La cultura degli italiani). Se uniamo il problema dell’ignoranza di ritorno coi risultati dell’esperimento Milgram possiamo renderci conto del perché sia difficile realizzare un cambiamento in Italia, ma non impossibile. Consci di questa situazione possiamo pianificare un’efficace rinascita delle coscienze addormentate, e pertanto sappiamo bene quanto sia importante svelare le credenze (PIL, monetarismo, crescita, petrolio) di una società immorale, e che l’evoluzione si realizza attraverso l’educazione e l’applicazione di modelli sostenibili utili a mostrare un confronto (felicità, bioeconomia, fotosintesi clorofilliana, scienza della sostenibilità). Il modello realizzato stimola curiosità, attenzione e riflessioni.

Alcuni cittadini che guidano imprese e fondi di investimento hanno deciso di applicare i principi delle ESCo (Energy service company)  al fine di realizzare riqualificazioni energetiche dei condomini esistenti, vi sono esperienze a Genova e Piacenza. Altre esperienze sono sparse in Europa e in Italia con ambizioni più importanti, ad esempio diventare produttori e consumatori (prosumer) di energia attraverso public company che gestiscono direttamente i servizi. Valutando attentamente la realtà italiana, disoccupazione e povertà, credo che la strategia più corretta sia la nascita di cooperative ad hoc che ambiscano a rigenerare quartieri popolari. Non possiamo limitarci alla qualificazione energetica, ma dobbiamo puntare all’auto sufficienza energetica grazie all’impiego di un mix tecnologico, sfruttando le fonti alternative e scambiando  i surplus energetici in una rete intelligente, tutto ciò è alla portata di tutti grazie alla corretta coordinazione delle azioni (cooperative) ed una buona gestione sia del credito che del risparmio. Queste azioni possono diventare un piano industriale, così come possono rappresentare l’azione, lo stimolo di cittadini ben organizzati, ben informati, che avviano dal basso la rigenerazione del proprio edificio, del proprio quartiere e della propria città. Gli esempi virtuosi abbondano, a partire dalle prime garden city fino ad Arcosanti di Paolo Soleri e la rivoluzione dell’energia dei cittadini di Schönau,  da Torraca (SA) la prima city Led al mondo passando per i quartieri autosufficienti fino alle città che stanno scoraggiando l’uso di inutili automobili.

Tornando sul piano politico generale, per l’Italia, oltre che l’auto sufficienza energetica, è ovvio che sia determinante finanziare un piano di prevenzione nazionale circa il rischio sismico e intervenire sul patrimonio storico-artistico con interventi di miglioramento e adeguamento, poiché si rende necessario applicare la prassi della manutenzione, presupposto primario della prevenzione. Non penso che la classe dirigente sia all’altezza del compito da svolgere per ragioni abbastanza evidenti, sono tutti coinvolti nell’ideologia della crescita, una religione materialista e nichilista che sta distruggendo l’identità del nostro Paese. Per realizzare il disegno della rigenerazione è necessario risvegliare le coscienze, per farlo dobbiamo puntare sulla bellezza e sulla cultura, non esiste altra via.

creative-commons

Sul governo del territorio

incontro_Milano_12_lug_2013

Quale membro del gruppo di studio: territorio e insediamenti umani del Movimento per la Decrescita Felice sono stato invitato ad esporre un’opinione durante l’incontro promosso dal Forum Nazionale Salviamo il paesaggio. Oggetto dell’incontro di Milano le recenti proposte di legge. Qui sotto l’intervento approfondito circa il governo del territorio.

Premessa:

Milano 12 luglio 2013_01Il problema del “governo del territorio” ha radici lontane ed ha caratterizzato il dibattito politico, tecnico e giuridico degli ultimi 70 anni, arricchito da visioni diverse e contrapposte fra loro. Le proposte di oggi suggeriscono una soluzione comune: “stop al consumo del suolo”. Condivido pienamente la sensibilità che sta dietro l’affermazione “stop al consumo del suolo”, ma ho alcuni dubbi circa la strada per raggiungere l’obiettivo che ci stiamo prefiggendo, ritengo che nonostante l’impegno annunciato l’obiettivo rimarrà solo un annuncio poiché i disegni in esame non costituiscono una proposta matura efficace rispetto all’obsoleto sistema dell’euro zona che di fatto impedisce un’evoluzione sul tema del governo del territorio. Il legislatore ha il dovere di applicare la Costituzione, e la recessione prodotta da un’ideologia sbagliata – noeliberismo – può essere l’opportunità di proporre un cambio di paradigma culturale. Oggi abbiamo le conoscenze, le tecnologie e gli indicatori corretti (BES) per misurare il benessere, ed abbiamo il dovere di restituire sovranità alle Nazioni e costruire giuste politiche industriali utili al Paese. Possiamo produrre un’evoluzione culturale e dare valore a progetti che tutelino la vita umana (prevenzione del rischio sismico ed idrogeologico), queste politiche vanno sostenute con moneta sovrana a credito. E’ sufficiente cambiare il sistema euro e decretare la fine dell’austerità per dare inizio a una epoca figlia della bioeconomia.

Il merito di questo forum potrebbe essere anche quello di scrivere una proposta matura che ripensi i criteri estimativi, riveda la contabilità pubblica locale, ricordi la proposta di Fiorentino Sullo, e sviluppi l’utilità sociale degli interventi pubblici con moneta sovrana non più a debito. Durante questo periodo il legislatore dovrebbe introdurre una norma transitoria che consente a diversi Enti di uscire dal “patto di stabilità”.

Il mio intervento è ad 1:43 minuti.

Nel 2013 il tema stesso “stop al consumo del suolo” è alquanto anacronistico poiché la distruzione territorio è già avvenuta, ed è del tutto paradossale che la stessa ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) sia favorevole alla “rigenerazione urbana”, segnale evidente che il sistema è imploso, e si fanno pressioni sul legislatore non per consapevolezza o sensibilità ecologica, ma per seguire la religione della crescita e dare respiro al settore auto-imploso. In questo senso il legislatore arriva molto tardi e gli strumenti proposti non serviranno ad applicare l’articolo 9 della Costituzione, anzi c’è nelle norme vi sono strumenti che aiutano l’interesse privato usando i capitali mobili dell’industria finanziaria.

La letteratura è ricca di spunti, e rileggendo le opinioni e le soluzioni proposte sul “governo del territorio” mi è parso di cogliere un aspetto determinante del tema che oggi affrontiamo.

La proposta del Governo è condivisibile negli intenti («priorità del riuso e della rigenerazione edilizia del suolo edificato esistente, rispetto all’ulteriore consumo di suolo inedificato»), ma non capisco come i Comuni possano trovare giovamento finanziario dalla rinuncia di oneri utili al riequilibrio del bilancio obbligatorio, con «la concessione di finanziamenti statali e regionali eventualmente previsti in materia edilizia?» Nella norma governativa è molto rilevante il vincolo dei proventi dei titoli edilizi «al risanamento di complessi edilizi compresi nei centri storici, a interventi di qualificazione dell’ambiente e del paesaggio, anche ai fini della messa in sicurezza delle aree esposte a rischio idrogeologico.»

In pochissimi casi alcuni piccoli comuni hanno saputo rinunciare agli oneri di urbanizzazione grazie all’uso di società Esco (Energy Service Company) pubbliche che hanno saputo abbinare una buona progettazione con gli incentivi del “conto energia”. Oggi, gli incentivi sono meno favorevoli per il raggiungimento della “parity grid”.

Urbanisti esperti, che fanno riferimento al sito Eddyburg, suggeriscono di aggirare il problema del “governo locale” proponendo come soluzione più immediata «la salvaguardia del territorio non urbanizzato, in considerazione della sua valenza ambientale e della sua diretta connessione con la qualità di vita dei singoli e delle collettività, costituisce parte integrante della tutela dell’ambiente e del paesaggio. In quanto tale, la relativa disciplina rientra nella competenza legislativa esclusiva dello Stato, ai sensi dell’art. 117, comma 2, lett. s) della Costituzione.» Mi sembra che l’intento sia quello di ripristinare una centralità dello Stato, e credo sia implicita una critica circa l’esperienza legislativa regionale in materia urbanistica.

La proposta del WWF presenta strumenti fiscali di incentivo e disincentivo legati ai permessi per costruire o di inutilizzo dei beni immobili, e reintroduce il vincolo per gli oneri di urbanizzazione che «non possono essere utilizzati per la spesa corrente», come prevede anche la proposta governativa. La proposta suggerisce come reperire fondi, «i comuni destinano i proventi derivanti dall’elevazione dell’aliquota dell’IMU di cui al precedente comma 1  ad un fondo per interventi per la cessione al comune delle aree dismesse o inutilizzate, di recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, di acquisizione e realizzazione di aree verdi o da destinare al soddisfacimento di interessi di pubblica utilità.» Il suggerimento si muove all’interno delle attuali regole contabili e fiscali e ci fa riflettere circa l’annoso problema del bisogno di moneta, e possiamo ricordare come questo sia il problema dell’area euro, e nello specifico dei paesi che hanno ceduto la sovranità monetaria privando gli Stati del principale potere di promuovere un’azione politica: stampare moneta per la pubblica utilità.

La proposta Realacci ritengo sia l’unica che contenga elementi contraddittori rispetto allo scopo di questo dibattito. Potrei essere in errore, ma appare nei suoi contenuti una legge che ricalca la logica della crescita, o meglio dell’ossimoro “sviluppo sostenibile”, ed enfatizza tutte le tecniche odierne che hanno soddisfatto la lobby delle costruzioni. Ad esempio, dalla proposta si legge questo di tipo di incentivo: «attribuzione alle aree interessate di quote di edificabilità da utilizzare in loco secondo le disposizioni degli strumenti urbanistici». Mi sembra, si adotti l’obsoleta logica che un danno ambientale possa essere ripagato con «compensazioni» e pertanto in buona sostanza il provvedimento consente il consumo del suolo. Sembra che l’iniziativa privata, con propri capitali, possa avere maggiori opportunità di creare servizi ed opere mentre l’Amministrazione debba contribuire solo aumentando al massimo le tasse locali.

La logica che sta dietro le proposte circa l’aumento degli oneri di urbanizzazione con l’intento di scoraggiare il consumo di suolo non raggiungerà l’obiettivo poiché consegnerà ai capitali mobili l’opportunità di edificare togliendola ai bisogni reali dei cittadini. Tant’è che già oggi alcune trasformazioni urbanistiche sono finanziate da capitali esteri, e da capitali “opaci”.

Nel dibattito politico contemporaneo alcuni citano la rinascita di Detroit, l’ex città dell’automobile che aveva, negli anni ’50, 1,8 milioni di abitanti e nel 2011 sono rimasti 1,1mln di abitanti. Tutti “sorpresi” da questa Amministrazione che sta recuperando suoli con progetti eco-sostenibili, tutti si compiacciono delle buone intenzioni che parlano di agricoltura e tutela dei suoli. Sembra che tutti gli osservatori italiani ignorino un fatto evidente e scontato, Detroit non è una città europea, non fa parte dell’euro zona e quindi non ha l’obbligo del pareggio di bilancio, non ha il patto di stabilità, e non si finanzia necessariamente dai mercati finanziari.

Milano 12 luglio 2013_02Mi pare di capire, ma posso essere in errore, che nessuna proposta in discussione ambisce a proporre un cambio radicale della materia estimativa dei beni immobili e dei criteri di finanza degli Enti locali, materia che ha sempre condizionato le scelte politiche di pianificazione, prima per motivi di avidità ed oggi si aggiunge anche l’obbligo del pareggio di bilancio. Ricordo che sia l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e sia l’Associazione Nazionale Piccoli Comuni Italiani (ANPCI) criticano fortemente il “patto di stabilità” imposto dell’Unione Europea. I piccoli comuni chiedono «esclusione dei comuni fino a 5.000 abitanti dal “Patto di Stabilità”.»[1]

E’ altrettanto noto che l’Italia è un “finanziatore netto” dell’Unione Europea, cioè le tasse dei cittadini che contribuiscono a finanziare l’UE rappresentano una cifra maggiore di quella che torna ai cittadini italiani come servizi ed opere, e come ciliegina sulla torta non bisogna dimenticare la scelta di finanziare il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), nonostante le note politiche di austerità abbiano danneggiato le famiglie italiane che dipendono da stipendi salariati.

Dunque focalizziamoci anche su questo paradosso, o se vogliamo su questo inganno: le tasse degli italiani finanziano un’istituzione, l’UE, che promuove una Politica Agricola Comunitaria (PAC) che aiuta il modello distruttivo dell’agri-industria e sfavorisce la cultura contadina, ignorando l’agricoltura sinergica. L’agri-industria sta distruggendo la capacità dei terreni di auto-rigenerarsi.

Il legislatore dovrebbe ascoltare idee di buon senso e curare gli interessi dei cittadini, ma dovrebbe focalizzare la propria attenzione non tanto sugli aspetti di tecnica urbanistica poiché in Italia ci sono progettisti capaci di fare meglio, ma sugli aspetti giuridici ed economici finanziari poiché questi ultimi determinano la destinazione dei suoli. Bisogna colpire gli interessi privati della speculazione urbana mirando al cuore del sistema proponendo un cambio radicale. Il problema è noto, lo stesso Edoardo Salzano (ideatore di Eddyburg), in Fondamenti di urbanistica, testo consigliato da tutte le facoltà di architettura parla di Italia SpA: «la trasformazione del patrimonio pubblico in moneta sonante per costruire infrastrutture spesso inutili e dannose»[2].

Governo e Parlamento dovrebbero fare l’interesse pubblico, prima di tutto, dovrebbero “sostituire” gli attuali indicatori, debito/PIL, con indicatori migliori come quelli racchiusi nel Benessere Equo e Sostenibile (BES). Governo e Parlamento, in sede europea e nazionale, dovrebbero proporre un cambio di paradigma culturale, e cioè “misurare” il reale benessere dei cittadini: stato psicofisico, salute, ambiente, istruzione e formazione, stile di vita, rapporti sociali, partecipazione al processo decisionale della politica, lavoro e conciliazione tempi di vita, e paesaggio e patrimonio culturale.

La storia della progettazione urbana è ricca di idee sostenibili conservate nei cassetti, poiché gli amministratori locali preferivano dare spazio a piani che sfruttassero al massimo la rendita urbana. La storia ci insegna che un bene comune come il territorio è stato considerato alla stregua di una merce privata, cioè in funzione del prezzo di mercato. Ma il concetto di valore è diverso dai concetti di costo e di prezzo, strumenti che oggi misurano le merci. Stimare significa attribuire un valore ed è un esercizio arbitrario, dipende dalla cultura e dalle intenzioni di chi determina la stima. Se oggi il pensiero prioritario dei Consigli comunali e dei Sindaci è quello di far quadrare il bilancio, altrimenti terminano il proprio mandato, mi pare evidente che la sensibilità degli amministratori non sia quella di tutelare gli ecosistemi, ma di comportarsi come dei ragionieri. Andando affondo, se i criteri di stima dei suoli oggi in uso sono tutti monetari, mi pare altrettanto chiaro che il paradigma che condiziona il governo del territorio siano la moneta e l’avidità, meglio conosciuti coi termini: speculazione e rendita immobiliare e fondiaria.

Tutti noi possiamo ricordare come nel 1962 fu boicottata la proposta di Fiorentino Sullo che sottraeva potere agli speculatori per darlo allo Stato che poteva diventare proprietario dei suoli col fine di indirizzarli ai reali bisogni dei cittadini. Lo storia insegna che anche lo Stato può essere un cattivo “progettista” e per questo motivo bisogna giudicare la qualità dei progetti, con nuovi “indicatori bioeconomici”. Il Comune di Parigi acquista alloggi in pieno centro, li ristruttura e li concede ai ceti meno abbienti con un equo canone, in buona sostanza in Francia c’è uno Stato che applica l’interesse pubblico. Parigi svolge il ruolo dello Stato così come Sullo aveva proposto.

Ritengo che per applicare meglio la Costituzione italiana, il legislatore debba incentivare il valore d’uso sociale nella pianificazione territoriale, per introdurre l’uso razionale delle risorse come metodo per valutare meglio il consumo dei suoli. Esistono diversi standard, com’è noto, l’impronta ecologica, l’analisi del ciclo vita etc. Pertanto mi pare chiaro che il problema non sia di natura tecnica, ma di natura etica, politica, giuridica ed economica.

Sappiamo bene che il Parlamento italiano aderendo ai Trattati internazionali ha tradito la Repubblica italiana poiché ha rinunciato al proprio ruolo di controllore del credito, violando l’articolo 47 e questo aspetto reca danni anche al “governo del territorio”. Amministratori e cittadini sono nelle mani dei capricci del “libero mercato”. Almeno dal 1981, anno del divorzio Banca d’Italia e Ministero del Tesoro, Governo e Parlamento cominciano a rinunciare all’idea di promuovere una politica monetaria ed una politica industriale per l’interesse pubblico e dei cittadini. Banca d’Italia non è più d’Italia, ma controllata da SpA private. Siamo stati consegnati a quelle SpA che coprono il valore di una “moneta debito”, più gli interessi, scambiata durante le aste dei Titoli di Stato.

Una delle tante conseguenze negative di questa rinuncia – sovranità monetaria – è che anche i Comuni pensano come le aziende private ed approvano piani urbanistici fondati sull’espansione, la crescita che aumenta il consumo del suolo agricolo, e da questi piani gli amministratori si aspettano di incassare oneri. Anche quando gli “standard minimi” (dotazione minime per abitante) sono già rispettati gli Enti applicano un giochino  molto semplice: usano il suolo agricolo come fosse una merce da vendere non un bene comune, gli attribuiscono un valore grazie al cambio di destinazione d’uso, e quel valore viene messo sul “libero mercato” per i privati che ne traggono profitto dallo sfruttamento dei diritti edificatori, delle superfici di vendita etc. Così vediamo la nascita di immensi centri commerciali, ed altri “non luoghi” che non rappresentano l’interesse pubblico, così assistiamo alla costruzione di nuovi quartieri di classe energetica A, ma che non saranno venduti poiché hanno prezzi fuori mercato.

Com’è noto l’analisi del ciclo vita non condiziona il valore dei suoli. Se la speculazione si avvale dell’energia del mostro della finanza di mercato, mi chiedo, come reperire i fondi per trasformare le città nei luoghi che un bravo progettista sa disegnare?

Ritengo che il legislatore debba intervenire per far uscire i Comuni dal ricatto dell’obbligo di pareggio di bilancio, perché questo criterio contabile aiuta la speculazione urbana costringendo gli Enti locali nel reperire risorse in ogni modo. La Corte dei Conti ci informa che alcuni Enti si sono comportati come giocatori d’azzardo tramite gli strumenti derivati pur di avere risorse immediate. Ho il legittimo sospetto che l’Italia sia il primo paese europeo per comuni firmatari del “patto dei sindaci” per il disperato bisogno di attingere ai fondi che la Banca europea degli Investimenti mette a disposizione per chi aderisce a determinate strategie di risparmio energetico. Comunque vada, dobbiamo essere felici poiché tutti questi amministratori si sono impegnati nel cancellare gli sprechi energetici.

Pertanto, a mio modesto parere, è necessario introdurre un criterio contabile opposto: il “non equilibrio di bilancio” per un periodo transitorio mirato a raggiungere un obiettivo importante: consentire di variare il proprio piano urbanistico su progetti virtuosi come il riuso, la rigenerazione urbana, l’auto sufficienza energetica con fonti alternative, il riciclo totale delle materie prime seconde, la prevenzione del rischio sismico ed idrogeologico.

Questi ultimi due obiettivi: prevenzione primaria del rischio sismico ed idrogeologico non sono raggiungibili con sistemi fiscali di incentivi o disincentivi, e neanche con un “conto energia”, ci vuole un pesante intervento dello Stato centrale, ma senza ricorrere all’indebitamento, ci vorrebbe una moneta sovrana a credito. Secondo una stima del Governo precedente, dell’ex Ministro Clini[3], «servono 40 miliardi per 15 anni per tutelare il territorio». Dove prendere questi soldi? Parlando ancora di soldi stanziati, il “piano città” approvava 28 progetti in 28 città diverse, che potevano usufruire di appena 318 milioni[4].

Mi sembra di capire che le strategie politiche e le buone idee non trovino il giusto apprezzamento a causa di un sistema economico condizionato da un potere sovranazionale che non sembra assecondare gli interessi nazionali. Premi nobel come Paul Krugman[5] e Joseph Stiglitz[6] criticano apertamente il sistema euro e mostrano le storture di una moneta a debito, non sovrana, poiché le Nazioni non decidono autonomamente del proprio destino. Krugman e Stiglitz dicono che il problema euro, prioritariamente, è politico per l’assenza di democrazia.

001
Fonte: Paul Krugman, Fuori da questa crisi, adesso!, pag. III, 2013

Pertanto Parlamento e Governo modificando le regole potrebbero consentire agli amministratori locali di trarre vantaggio nell’adottare il criterio del valore d’uso sociale affinché le città diventino un bene comune, e possano essere usufruite in maniera razionale. Si tratta di uscire dal ricatto del “libero mercato” per diffondere criteri non monetari, e pianificare con criteri di valutazione più importanti affinché non si sprechino risorse finite per le future generazione, del resto come vorrebbero fare le proposte oggi in discussione, ma personalmente consiglio di perseguire una strada un pò diversa, una strada più coraggiosa e radicale.

Fino ad oggi abbiamo stabilito arbitrariamente che un uso agricolo dovesse avere minore valore monetario rispetto all’uso abitativo, ma siamo liberi di ribaltare la convenzione ed aggiungerne altre partendo dai progetti virtuosi. Così come possiamo ricordare che l’obiettivo di un Comune non è quello di far quadrare un bilancio, ma migliorare il benessere dei cittadini, questo è l’obiettivo della Repubblica italiana. E’ sufficiente affermare un “nuovo” paradigma: la moneta è solo uno strumento, non è ricchezza e gli amministratori hanno l’obbligo di rispettare i principi costituzionali al fine di tutelare l’ambiente ed il paesaggio.

In conclusione ritengo che non si debba puntare al mero “stop al consumo del suolo”, ma avere una visone più organica del problema che ha origine nell’assenza di etica delle politiche del territorio. Mi vengono in mente tutti quei comuni che ancora oggi non hanno gli standard minimi previsti per legge, non possiamo dire loro “stop al consumo del suolo”, e mi vengono in mente tanti comuni nel Nord ove gli standard minimi sono rispettati, ma i piani sembrano essere disegnati dagli industriali locali scambiando ancora una volta l’interesse pubblico con l’interesse privato. Il legislatore dovrebbe avere questo tipo di visione, avere un’idea etica e qualitativa dei piani, e stimolare l’opportunità di cambiare svincolando la creatività virtuosa dagli sciocchi criteri di contabilità fiscale. Il legislatore può introdurre criteri qualitativi come quelli suggeriti nel BES, anche consapevole del fatto che oggi le Amministrazioni possono usare standard tecnici per misurare l’uso delle risorse finite.

Il Parlamento deve ripristinare il ruolo centrale dello Stato che promuove politiche monetarie libere dal debito e dagli immorali interessi, lo Stato deve promuovere politiche industriali, e le città possono essere il luogo di sviluppo di buone pratiche amministrative, dalla partecipazione democratica alla tutela dei beni comuni; la città è un bene comune. Stiamo vivendo la fine di un’epoca e possiamo immaginare e progettare l’epoca che verrà consapevoli degli errori promossi sia da politiche liberiste che da politiche keynesiane poiché entrambe figlie della crescita infinita, la prima è per una crescita veloce “controllata” dal “libero mercato”, mentre la seconda è per una crescita meno veloce controllata dallo Stato, o per l’ossimoro “sviluppo sostenibile”. Ritengo che bisogna transitare dal fare a prescindere al saper fare, ed oggi bisogna fare meno e meglio indirizzando le politiche pubbliche negli ambiti virtuosi sopra citati che creano nuova occupazione in mestieri utili all’Italia.

Democrazia, ecologia ed economia sono sinonimi, fratelli. La bioeconomia ci informa che le azioni politiche producono danni, a volte irreversibili. Frederick Soddy (1877 – 1956) ci informa che la reale ricchezza dipende dai flussi di materia e di energia prodotti dalla natura, e pertanto il danaro non può comportarsi come una macchina perpetua poiché contraddice il principio termodinamico dell’entropia. Sole e fotosintesi clorofilliana determinano la vita su questo pianeta, non la moneta. Progettisti e tecnici possono conoscere in maniera preventiva tutti gli sprechi ed i danni da evitare tramite l’analisi del ciclo vita. In buona sostanza i pianificatori possono programmare e coordinare l’attività antropica sul territorio coi lunghi tempi della natura.

La Repubblica italiana ha tutto il diritto ed il dovere di porre rimedio alla crisi che un avido ed obsoleto pensiero politico, aumentando disuguaglianza e povertà, ha creato. Lo Stato deve intervenire sulle città per tutelare la vita umana con la prevenzione del rischio sismico ed idrogeologico sull’intero patrimonio esistente e questo potrà accadere solo con l’uso di una moneta sovrana a credito, piuttosto che una moneta a debito presa in prestito. Potrebbe emergere un “piano città” con “progetti definitivi” di qualità piuttosto che di quantità, un piano finanziato con moneta sovrana libera dal debito. Bisogna farlo al più presto poiché non è più accettabile l’inerzia politica rispetto al bisogno concreto di intervenire prevenendo crolli e dissesti, danni ampiamente prevedibili, e che mettono a rischio la vita umana. Nel caso specifico possiamo esser certi che non sarebbe il sisma ad uccidere, ma l’inerzia di politici inadeguati rinchiusi nel recinto psicologico dell’economia del debito che impedisce di far lavorare comunità consapevoli pronte a prendersi cura del proprio territorio. Il prezzo della politica della stupidità, quella dell’economia del debito e del pareggio di bilancio stanno cancellando i diritti inviolabili dell’uomo, e stanno mortificando la virtuosa creatività di progettisti ed imprese artigiane locali che potrebbero tutelare efficacemente l’Italia: uno dei patrimoni più importanti dell’umanità.

Priorità per cambiare veramente

La buona politica è figlia dell’etica e della formazione culturale degli individui che la praticano. Ovvio? Non sembra affatto. La profonda crisi che attraversa l’Occidente mostra i limiti delle rappresentanze politiche, poco preparate, e forse poco consapevoli dei rischi che  stanno correndo per mezzo di scelte poco ragionevoli, poco partecipate e molto autoritarie. Il sistema euro è una prova di questo ragionamento, visto che finora ha aumentato le diseguaglianze economiche e sta conducendo i paesi “periferici” verso la miseria. L’obbligo del pareggio di bilancio è solo l’ultimo atto immorale. In Italia, il Parlamento dei nominati ha l’enorme responsabilità di affrontare problemi quotidiani che richiedono una velocità di decisione, ed ha la responsabilità di cambiare l’antidemocratica legge elettorale – il famigerato porcellum – affinché i cittadini possano tornare a scegliere gli eletti. Dal punto di vista della democrazia rappresentativa i cittadini italiani non hanno mai scelto i propri eletti, lo hanno sempre fatto i partiti per conto loro, e poiché i partiti hanno perso la credibilità ed il consenso popolare è moralmente doveroso introdurre una novità storica per selezionare i futuri dipendenti. Il Parlamento può introdurre una legge denominata “elezione primaria” ove i cittadini, e non solo i partiti, possono proporre direttamente i candidati “dal basso”, come si dice in gergo, che dovranno essere sottoposti al voto di tutti i cittadini. Nella sostanza la classe dirigente politica non verrebbe più selezionata esclusivamente dai partiti, ma direttamente dalla cittadinanza non militante, e le tecnologie di oggi consentono di farlo a costi vicini allo zero.

Oltre a questa novità, il Parlamento, può proporre un altro cambiamento: la creazione di una scuola politica pubblica, accessibile a tutti, ovviamente. I partiti, oltre ad avere la prerogativa di scegliere gli eletti hanno avuto anche la prerogativa di formare la classe dirigente. Se l’intenzione è quella di cambiare il sistema è doveroso proporre un percorso formativo innovativo per i futuri amministratori e politici con un programma formativo figlio del cambio di paradigma culturale. Non una scuola tradizionale, ma più un laboratorio con un approccio completamente diverso, persino opposto a quella che si vede nelle scuole e nelle università italiane. L’obiettivo è di stimolare la creatività, pertanto non si tratta di indottrinare, ma di mostrare e lasciar creare nuovi modelli. Questo laboratorio non formerà burocrati, ma politici creativi utili all’interesse pubblico per la soluzione di problemi pratici: energia, agricoltura, arte, storia, patrimonio culturale ed architettonico, e paesaggio.

Il Parlamento ha il dovere morale e politico di restituire sovranità alla Repubblica (politica monetaria ed industriale) e consegnare al popolo strumenti efficaci per partecipare al processo decisionale della politica. Il compito del Parlamento non si limita solamente ad applicare la Costituzione, finora disattesa, ma deve destinare risorse a quei Comuni italiani (residui passivi) amministrati male, e che oggi risultano insolvibili alimentando la povertà delle famiglie poiché numerose imprese falliscono a “causa” di crediti non riscossi dalla pubblica amministrazione (P.A.), un paradosso immorale. I Comuni non riescono a pagare chi ha lavorato e bisogna trovare subito circa 70 miliardi. Dove prendere i soldi? E’ banale, è sufficiente cancellare l’usura che i cittadini pagano tramite il sistema, “economia del debito”. Non bisogna pagare gli immorali interessi sul debito pubblico (circa 88 mld), ma spostare quei miliardi verso imprese e famiglie per ripagare il debito della P.A. a chi ha già lavorato.

Mentre le imprese chiudono per l‘implosione del sistema immorale, quindi è necessario proporre un nuovo modello, ed il legislatore deve indicare il Benessere Equo e Sostenibile (BES) come indicatore principale per conoscere la società e capire come prendere decisioni migliori rispetto al passato.

La ricchezza è la capacità creativa dell’uomo che progetta e trasforma le merci usando l’energia in maniera razionale, compatibilmente coi limiti della natura e delle leggi che determinano la vita su questo pianeta. La ricerca scientifica ci mostra quali tecnologie usare per evitare danni ambientali e biologici. Nella sostanza non sono i politici che risolvono i problemi, e tanto meno sono pagati per farlo, essi devono solo servire il popolo e fare in modo che cittadini, famiglie ed imprese abbiamo leggi e regole per realizzare la transizione tecnologica. Abbiamo una democrazia rappresentativa pagata col sudore dei lavoratori affinché i dipendenti in Parlamento diano risposte concrete ai problemi della Nazione, nulla di più e nulla di meno. I cittadini hanno il dovere di pensare nuove forme di partecipazione e riprendersi spazi decisionali per incidere direttamente poiché i partiti non hanno svolto il loro ruolo, i danni si vedono, inutile fare l’elenco. I cittadini stessi sono responsabili della crisi poiché l’apatia politica è servita ad alimentare feudi di potere che oggi vanno cancellati.

Un’intera classe dirigente ha inseguito un paradigma obsoleto: l’avidità e la stupidità, il liberismo dell’Unione Europea e la sostituzione dello Stato con le SpA. Oggi bisogna studiare e applicare il nuovo paradigma culturale attraversando un periodo denominato “decrescita felice” per arrivare alla prosperanza” per tutti. In questo percorso e nei progetti pratici della “decrescita felice” esistono tante opportunità di ricollocazione nella formazione e nel lavoro, nuovi impieghi utili saranno inventati per l’interesse pubblico. In diversi settori l’innovazione tecnologica consentirà la crescita di nuove professioni, nuove abilità per costruire la comunità, nuove abilità nell’artigianato e nella manifattura, e l’aumento dei salari consentirà una migliore distribuzione delle ore giornaliere da dedicare alla famiglia, ai figli ed alla costruzione di un futuro più bello, più sereno.