Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fascismo’

Consultando il manuale di Storia di Banti, L’età contemporanea, al capitolo sull’avvento del fascismo si leggono le “leggi fascistissime” che istituzionalizzavano il mutamento del sistema politico, fra gli anni 1925 e 1926. Una legge riprendeva la regola dello Statuto Albertino, ove il Parlamento non aveva più il potere di dare fiducia al Governo, poiché questo rispondeva al Re e non più al Parlamento. Un’altra norma consentiva al Governo di emanare leggi; un’altra aboliva le istituzioni elettive degli Enti locali per introdurre Podestà e Consulte; un’altra reintroduceva la pena di morte per chi attentava la vita dei regnanti o del capo del Governo, e istituiva i Tribunali speciali per i processi politici come emanazione del partito fascista. Un’altra norma ancora prevedeva che le associazioni sindacali fossero riconosciute solo dal Governo e vietava gli scioperi; mentre l’ultima, annullava l’opposizione politica, dichiarandone decaduti i deputati eletti dal popolo. I regimi autoritari hanno sempre avuto la prerogativa di gestire il potere per conto proprio con la degenerazione di favorire gli interessi dei pochi, e nascondere le responsabilità delle proprie azioni per ovvie ragioni, cioè evitare di dar conto ai popoli circa la gestione delle risorse pubbliche. Il regime fascista fu un modello di corruzione esemplare, in quanto la dittatura servì ad accumulare ingenti capitali per tutti coloro i quali governavano o erano vicini al Duce. Già nel 1920, il partito di Mussolini, Fasci di combattimento, fu scelto dagli industriali padani e dai proprietari terrieri come strumento politico da finanziare per esprimere i propri interessi. In questo modo nacquero le prime squadre d’azione che usavano violenza contro le organizzazioni sindacali e contro i socialisti. La borghesia italiana scelse il partito fascista. Ancora oggi possiamo osservare analogie e forti legami fra il mondo delle imprese private, il capitale, e l’organizzazione dei soggetti politici come mezzi per osteggiare i diritti umani, contro i principi di uguaglianza sociale ed economica. Rispetto agli anni ’20 il mondo è cambiato: il capitalismo è la religione che guida tutte le istituzioni, e tutti i partiti (di governo e di opposizione) concorrono a realizzare un mondo orwelliano più sofisticato, dove la violenza (fascista) assume strategie e forme nuove (psico programmazione, programmi scolastici, pubblicità, consumismo).

E’ sempre vera la frase che la Storia è maestra di vita, ovviamente se fosse studiata. Se riflettiamo sull’andamento del nostro sistema politico degli ultimi venticinque anni potremmo porci dubbi, domande e perplessità e osservare diverse analogie fra fascismo e le scelte politiche dei nostri partiti. Prima di tutto, dubbi e perplessità sul sistema maggioritario che non coincide col fascismo, ma possiede alcuni aspetti che lo rendono simile per la sua attitudine nel concentrare poteri in un solo partito di minoranza. E’ altrettanto vero che oggi il Parlamento intende ripresentare un sistema misto fra maggioritario e proporzionale, sicuramente più democratico.

Poi, l’anomalia circa il conflitto politico fra Unione europea e Costituzione repubblicana. L’Unione è un’istituzione politica anomala poiché non è uno Stato democratico rappresentativo, in quanto non rispetta il principio di separazione dei poteri fra organo esecutivo e legislativo. L’UE non è neanche una Repubblica federale. L’UE è un’organizzazione feudale caratterizzata da una forte gerarchia, da una scarsa trasparenza e una cattiva gestione del proprio bilancio. Il potere è nelle mani di un’oligarchia di individui non eletti, come la BCE, il MES, l’euro gruppo, il Consiglio e la Commissione, in maniera tale che gli interessi del capitale privato siano garantiti ma a danno dei popoli. Com’è noto, Governo e Parlamento italiano aderirono volontariamente firmando i Trattati. Leggendo i Trattati europei emergono conflitti con i principi Costituzionali. I più grandi conflitti politici riguardano gli elementi essenziali circa l’autonomia di uno Stato democratico: la sovranità monetaria, il controllo del credito e l’interesse generale circa le politiche industriali nazionali. L’UE è un’istituzione politica volutamente condizionata dal mercato, mentre la Repubblica italiana ha il dovere di attuare uno Stato sociale, non solo liberale. Le direttive europee valgono per tutti i cittadini e il Parlamento italiano ha il dovere di applicare prioritariamente la Costituzione, e non le regole imposte da un’organizzazione sovranazionale. Per questo ruolo esiste una commissione speciale che armonizza le norme. Come potremmo intuire e osservare ci sono profonde analogie e continuità fra regime fascista e interesse del capitale. Nel ventennio fascista, grazie al regime, determinate imprese private riuscirono ad occupare i Ministeri per accumulare capitali privati. Oggi le imprese non hanno più la necessità di occupare direttamente Ministeri poiché ricattano tutta l’euro zona attraverso il debito e i mercati telematici.

Le analogie più evidenti col fascismo circa l’agire politico sono riscontrabili nell’azione di Governo degli ultimi anni. In Italia, spesso il Parlamento abdica al proprio ruolo di legislatore affidandosi al Governo per produrre leggi attraverso il famigerato voto di fiducia posto sui decreti.

Voti di fiducia

Fonte immagine Openpolis, Il Governo al tempo della crisi, mini dossier, feb 2015.

Questa scelta divenuta consuetudine viola la Costituzione Repubblicana, e coincide con l’auspicio fascista nel prevedere che sia l’esecutivo a scrivere le leggi e non più gli eletti dal popolo. Oltre a ciò, è impressionante osservare i dati raccolti da Openpolis circa le leggi approvate e notare che l’80% sono d’iniziativa del Governo e non del Parlamento. E’ proprio grazie a questa consuetudine fascista che i Governi italiani hanno introdotto norme incostituzionali riducendo la sovranità della Repubblica italiana, garantendo l’interesse delle imprese – proprio come accadde durante il fascismo – togliendo certezze al lavoro, e privando i cittadini di poter coltivare il proprio sviluppo umano (come accadeva nel fascismo), tali norme hanno aumentato le disuguaglianze, e la povertà che si concentra soprattutto nel meridione d’Italia. Uno dei principi fondamentali della Repubblica italiana è la rimozione degli ostacoli economici per favorire lo sviluppo umano. Dopo vent’anni di autoritarismo imposto dalle stupide regole europee, i meridionali sono più poveri di prima, e milioni di italiani sono a rischio povertà, mentre talune imprese localizzate nelle solite aree geografiche hanno aumentato i profitti. E’ in questo processo di rifeudalizzazione “fascista” della società che si riscontra nuovamente il disancoramento del cittadino che non riesce a partecipare al processo decisionale della politica. Negli ultimi anni, si riscontrano due reazioni negative al disancoramento legate all’inciviltà in aumento: l’astensionismo, e i nuovi partiti populisti incapaci di affrontare i problemi del paese.

Un’altra tendenza contemporanea che coincide col fascismo è l’annullamento dell’azione politica dei Sindacati, ampiamente avvenuta sia escludendo o riducendo drasticamente la partecipazione dei Sindacati all’interno delle aziende, e sia infiltrando i Sindacati stessi attraverso rappresentanti che assecondano l’ideologia neoliberale preferita dalle imprese. Sotto questo aspetto l’atteggiamento di alcune multinazionali e talune imprese locali è abbastanza chiaro: applicare la teoria fascista che vieta il diritto di sciopero ed eliminare la presenza sindacale. E infine, in un certo senso anche i Tribunali speciali sono realtà contemporanea, poiché da diversi anni si hanno processi politici attraverso i media, a completamento di un desiderio o di una profezia fascista che annullava la contesa politica con la violenza, e oggi si può raggiungere lo stesso obiettivo ma con mezzi diversi. Oggi si consuma un’altra forma di violenza: l’insulto, lo sfottò, la denigrazione e la calunnia contro i politici scomodi.

La dittatura fascista fu introdotta dalla monarchia italiana e agiva in maniera indisturbata senza alcuna possibilità di contraddittorio. In maniera del tutto analoga l’Unione europea si è appropriata di sovranità attribuitagli dai Governi nazionali, ma durante questo decennio di recessione sembra che essa agisca proprio come i fascisti contro l’interesse e la felicità dei popoli, resi più poveri e più fragili dal capitalismo e dall’autoritarismo europeo.

Alla luce di queste osservazioni è “strano” che in Italia riemergano movimenti politici fascisti che millantano un’opposizione al regime europeo dato che fu proprio il nazi-fascismo ad alimentare le disuguaglianze sociali, oltre alle inutili e sanguinose guerre che tutti ricordano. L’altra anomalia culturale italiana è che non esistono più comunisti che si oppongono alle disuguaglianze, ormai i partiti sono tutti liberali e neoliberali. Poiché gli italiani sono sempre più fragili economicamente non sorprende osservare i movimenti estremisti occupare spazi sociali, ma sorprende l’inerzia dei Governi che li favorisce lasciandoli liberi nel gestire i disagi e speculare sulle disgrazie altrui. E’ altrettanto noto che Hitler e Mussolini costruirono il proprio consenso sfruttando la recessione economica e millantando prosperità per tutti. Poiché tali fenomeni non sono nuovi, osservando la conduzione del potere in Italia, i partitini neofascisti dovrebbero esseri fieri dei Governi neoliberali, anziché contestarli con osservazioni palesemente socialiste. Probabilmente queste contraddizioni sono possibili poiché viviamo nell’epoca della decadenza, e dove i mediocri sono classe dirigente. Oggi insistono almeno due fattori che alimentano partiti anacronistici: il primo è l’ignoranza funzionale delle masse, e il secondo è il capitalismo neoliberale poiché aumenta le diseguaglianze che servono ai partiti di destra come elemento sociale trainante dei ceti più fragili e meno abbienti. Le disuguaglianze innescano frustrazioni, rabbia e invidia sociale e questi sentimenti sono strumentalizzati per togliere o creare consenso politico. Il maggior consenso si realizza, in particolare nelle grandi città come Roma, Napoli e Milano ove esistono gravi problemi sociali e di degrado delle periferie, e in generale nel meridione col tasso di disoccupazione più alto. Questo clima di incertezza e fragilità economica è il fiume che alimenta frustrazioni che spesso si traducono in odio e proteste. Nei territori della marginalità, i problemi e le emozioni negative guidano le scelte degli italiani. Le politiche neoliberali, attraverso i famigerati tagli, hanno ridotto la presenza dello Stato sociale, e questo spazio è stato occupato dagli speculatori politici e dalla criminalità. Nei territori marginali restano i problemi: il disagio e l’esclusione sociale. Taluni partiti hanno capito che, in determinati contesti, possono lucrare consensi elettorali e fomentare l’odio razziale. E’ altrettanto evidente che dove c’è cultura di base, lavoro e Stato sociale tali speculazioni politiche non possono esistere.

L’aspetto più grottesco di noi italiani è che, insieme ai greci, siamo fra i più colpiti dalla recessione, e nel nostro Paese dovrebbe nascere il più grande partito socialista a trazione bioeconomica per programmare l’uscita dal capitalismo, ma siamo fra i più inutili in assoluto, poiché abbiamo gettato la nostra frustrazione o nel populismo, o nell’astensionismo. In altri paesi si parla apertamente di crisi del capitalismo, e persino negli USA sono più avanti di noi su questa consapevolezza, mentre qui non sappiamo neanche cosa sia perché ignoriamo Marx.

creative-commons

 

 

openpolis-lavoro-in-europa

Fonte immagine Openpolis, Piove sempre sul bagnato, mini dossier, apr 2015.

 

Annunci

Read Full Post »

Una nuova e immensa onda mediatica e manipolatrice invade i pensieri degli italiani e poiché il mantra dei media difficilmente si divulga per migliorare la società, possiamo stare tranquilli che tutto cambierà per non cambiare nulla. Mi riferisco agli impulsi emotivi generati dalla ridondanza degli scandali nella pubblica amministrazione. Non facciamolo sapere in giro ma la corruzione è un fenomeno che riguarda gli individui e non le istituzioni, questa piccola osservazione di carattere culturale ovviamente esprime un linguaggio e una comunicazione di senso molto diversa dal linguaggio dei partiti politici che raccolgono consenso non per merito proprio ma per demerito altrui. I media stessi aumentano i propri introiti pubblicitari e il proprio reddito solo attraverso l’ampliamento e l’enfasi di racconti scandalosi, che parlano alla pancia dei consumatori.

Non fatelo sapere in giro, ma tutta la pubblica amministrazione è stata riformata negli anni ’90 ed il processo di privatizzazione si è completato nei primi anni del nuovo millennio. Non fatelo sapere in giro ma se oggi sembra che ci sia più corruzione è solo una percezione e la rappresentazione di un sistema relazionale presente in tutte le istituzioni pubbliche e private. La corruzione era presente già nel Regno d’Italia, si amplifica col regime fascista e si consolida nel secondo dopo guerra. Fu il regime di Mussolini che coniò il motto: “il fascismo si serve non serve” e fu così che le imprese come Fiat, Ansaldo e molte altre poterono ampliare i propri dividendi occupando direttamente i Ministeri, e dopo la fine della guerra la preoccupazione dei politici era quella di evitare che i nuovi occupanti, le imprese americane, decidessero direttamente del destino degli italiani. I fatti storici raccontano come i gerarchi fascisti agivano nei propri interessi personali, fra i più corrotti ci sono Roberto Farinacci, Giuseppe Volpi, Costanzo Ciano, Leandro Arpinati, Edmondo Rossoni, Edmondo Balbo, Ulisse Igliori, Emilio De Bono. Il regime fascista mostrava come il famoso conflitto di interessi toccava direttamente i vertici delle istituzioni politiche, visto che politici e imprenditori coincidevano, abusando dei propri ruoli per usare i soldi pubblici a fini privati. Lo stesso Mussolini sapeva usare bene il denaro pubblico per mantenere il potere.

La corruzione è stata sfruttata come strumento per chiudere i partiti. In buona sostanza i fascisti rubavano direttamente agli italiani mentre fino all’esistenza dei partiti, i politici rubavano agli italiani per ridistribuire secondo gli interessi dei partiti, oggi rubano per interesse personale e per conto delle multinazionali. Possiamo riassumere secondo tali slogan: “la monarchia e il fascismo si servivano e non servivano al popolo“, “i partiti servivano ai gruppi“, “i politici di oggi sono asserviti alle multinazionali“. Se questa può apparire una semplificazione troppo veloce, in effetti lo è, poiché dal secondo dopo guerra, nonostante tutto, ci sono anche buoni esempi di amministrazione ma l’attenzione vuole essere indirizzata su noi stessi, complici di buone e cattive azioni poiché la nostra apatia ha favorito la trasformazione dei fenomeni corruttivi. L’onda mediatica serve a conservare questa apatia per impedire un risveglio delle coscienze, ed i demagoghi e populisti sono funzionali a processi di trasformazione della società verso i regimi autoritari. Fateci caso, i mass media danno ampia pubblicità proprio ai demagoghi.

Non fatelo sapere in giro, ergo la corruzione è un fenomeno che riguarda gli individui, e tali individui quando ricoprono ruoli istituzionali si comportano di conseguenza, dai sistemi medioevali e feudali, passando per la monarchia ed i sistemi rappresentativi. E’ certo che i sistemi gerarchici: feudi, monarchie e regimi siano sistemi viziosi in quanto tali, poiché le decisioni sono auto referenziali, poiché prive di quel carattere democratico tipico dei sistemi parlamentari ove c’è confronto e dialogo, a meno che non siano governate da uomini illuminati e altruisti, condizioni più uniche che rare. Fateci caso, il nostro Parlamento non decide più niente, si limita a ratificare le proposte del Governo.

Non fatelo sapere in giro, ma le democrazie rappresentative stanno per essere cancellate ed il comportamento di numerose istituzioni, apparentemente democratiche rappresentative, mostrano già il passaggio al neofeudalesimo poiché le decisioni sono prese dagli organi esecutivi (mai elettivi) e le stesse istituzioni portano avanti gli interessi delle multinazionali (“i politici di oggi sono asserviti alle multinazionali“). E’ il tipico caso dei Comuni, ormai organizzazioni feudali ove i cittadini delegano a una sola persona il ruolo di gestire i servizi locali. E’ nei Comuni che si presentano le prime occasioni di clientele. In tutti i livelli istituzionali Comuni, Provincie e Regioni, gli eletti non fanno politica ma si limitano ad approvare scelte preparate da dirigenti e funzionari, e le aziende fornendo le linee guida proprio ai dipendenti pubblici possono facilmente guidare la politica, senza alcun disturbo. Il paradosso è che i dirigenti e i funzionari pubblici ricevono premi monetari proprio sul raggiungimento dei risultati, come in un’azienda privata, e spesso gli obiettivi sono gli interessi delle aziende. Questo processo fu preconizzato e scritto in un testo molto eloquente: Strategia del colpo di Stato; Manuale pratico. Non fatelo sapere in giro ma la corruzione è legale!!!

Non fatelo sapere in giro, ma da quando i processi amministrativi sono stati privatizzati gli organi esecutivi locali deliberano secondo criteri privatistici e di massimizzazione dei profitti, ergo la corruzione è stata legalizzata poiché il finanziamento alle attività politiche provengono da imprese private, spesso imprese che gestiscono i servizi pubblici locali in regime di monopolio di fatto, ergo la corruzione è legale, ma non fatelo sapere in giro.

Tutti coloro i quali parlano di scandali e tutti i coloro i quali raccolgono consensi dall’indignazione dei cittadini, non solo non hanno interesse nel proporre cambiamenti circa la pubblica amministrazione (nei loro programmi non esiste alcun punto su questo argomento), ma fremono nel sostituire i politici corrotti per accedere a uno stipendio fisso, nella migliore delle ipotesi, mentre nella peggiore saranno i servi degli interessi privati di aziende che si occupano di fare impresa come previsto dal proprio programma elettorale. In tal senso non esiste un politico che sia in grado di fare l’interesse generale poiché la formazione e la selezione del politico, come accade negli USA, è frutto di un processo selettivo mediatico guidato direttamente e indirettamente dagli interessi particolari delle aziende. Ergo, non fatelo sapere in giro la corruzione è già stata legalizzata. Non fatelo sapere in giro ma nessun partito si preoccupa e si occupa di applicare processi selettivi interni attraverso il merito e la cultura, la ragione è banale: a nessuna azienda interessa interloquire con persone libere, e soprattutto con persone capaci di interpretare e applicare valori etici universali poiché questo aspetto non rientra nella logica del fare profitto. Non fatelo sapere in giro!!!

Se gli italiani intendono ridurre la corruzione, soprattutto se il primo partito quello del non voto, intende scendere in campo deve creare un soggetto nuovo: un movimento politico culturale che applica il merito e si liberi dell’invidia sociale e dell’avidità, un soggetto che conosca, valorizzi e sperimenti la democrazia interna, un soggetto che formi leaders e che usa la cultura per creare progetti socialmente utili e soprattutto studiare la bioeconomia. In questo modo gli italiani potranno avviare un cambiamento radicale, scevri dalle derive neofeudali e autoritarie che stanno appestando tutti i partiti politici, sempre più simili ai regimi d’inizio secolo Novecento, basti ascoltare il linguaggio, osservare i comportamenti e soprattutto il vuoto culturale che rappresentano. Non fatelo sapere in giro!!!

Mussolini: soldi, sesso, segreti. La grande storia.

La Grande Storia, programma RAI

Read Full Post »

Questo periodo elettorale ha acceso le luci dei media nazionali su un personaggio molto discusso: Vincenzo De Luca. Ahimè, le ragioni non sono nobili.
Non so come i cittadini salernitani sentano e percepiscano tale dibattito che, da un lato non fa certamente bene all’immagine della cittadinanza ma, da un altro lato potrebbe far entrare un po’ di luce e speranza nelle coscienze addormentate di tanti apatici cittadini.
Salerno può essere vista, e non è la prima volta che accade nella sua storia, come esempio di declino morale e civico; forse più in basso di così non si potrebbe andare e pertanto come tutte le crisi, passato il periodo, si potrebbe costruire una solida struttura civica. Gettare tutte le colpe e cercare il capro espiatorio è il modo più infantile per non parlare del problema: assenza di etica e di educazione civica.

Tullio De Mauro, principe dei linguisti italiani, torna alla carica con una nuova edizione del suo libro “La cultura degli Italiani”. I suoi dati dicono che il 70% degli italiani è pressoché analfabeta o analfabeta di ritorno: fatica a comprendere testi, non legge niente, nemmeno i giornali. Per il sapere un 70% di somari `e una maggioranza deprimente; e per la politica costituisce un’asinocrazia travolgente e facile da travolgere.

Insomma, sembra che gli italiani non abbiano capacità di processare parole e concetti.

Il popolo italiano appese in pubblica piazza il corpo esamine di Benito Mussolini ma, la maggioranza fu fascista e sostenne il regime, il popolo gettò le monetine su Bettino Craxi ma, tutti sapevano dell’assenza di trasparenza nella gestione dei partiti e della cosa pubblica, Silvio Berlusconi è certamente indegno di rappresentare un Paese ma è stato eletto più di una volta. Facendo i paragoni dimensionali, per il numero di cittadini, a Salerno esiste lo stesso regime autoritario sostenuto da una volontà popolare e questo aspetto se indagato in fondo dimostra come in Italia non esiste alcuna democrazia rappresentativa ma solo comitati di affari che periodicamente si competono la poltrona della dittatura SpA. La democrazia, spesso lo dimentichiamo, è il governo del popolo ed il metodo democratico è quello che consente di scegliere le migliori idee e persone, in Italia non esiste nulla di tutto ciò. I cittadini non possono decidere direttamente ed i partiti non sono associazioni trasparenti. In Italia, periodicamente i cittadini si recano alle urne, anche con percentuali alte ma nessuno può scegliere i propri candidati all’interno dei partiti, essi votano persone che non conoscono e che rispondono alla volontà di altri soggetti, spesso SpA o comitati di affari che vogliono la legge ad hoc o la delibera ad hoc. Questo accade in Italia da sempre, mentre in altri Paesi magari i cittadini votanti saranno anche di meno ma, quelli attivi sono tanti e si fanno sentire attraverso strumenti di democrazia diretta. All’estero esiste una partecipazione al processo deliberativo più efficace e reale mentre in Italia i cittadini sono più ignoranti e disinformati sia sulla politica in generale e sia sui candidati circa i loro conflitti di interessi. All’estero esistono dibattiti politici pubblici sui poteri occulti mentre in Italia le persone non sanno neanche cosa sia la sovranità monetaria e cosa sia la massoneria. Molti, in tema di massoneria, i più “informati”  pensano alla loggia P2 e non sono capaci di andare oltre. Purtroppo, in Italia il consenso politico viene costruito con la televisione. La percentuale media di lettori italiani è molto bassa rispetto al resto d’Europa, poi a Salerno è drammatica. In un contesto del genere è sembrato ovvio e facile per un populista come De Luca e per chi lo sostiene aver creato un’apposita televisione che parlasse la lingua del potere e, lo ospitasse costantemente senza alcun contraddittorio per manipolare la percezione dell’opinione pubblica, tutto in perfetto stile come da propaganda nazi-fascista. In 15 anni e più l’impatto sui salernitani è evidente.

Le istituzioni salernitane: il Comune ed il Tribunale, sono state coinvolte in scandali che hanno avuto un  pesante impatto circa la loro credibilità in relazione ai principi costituzionali (Salerno fuori legge, feb 2006). Nel corso degli anni non ricordo un dibattito serio e genuino circa il fenomeno dell’apatia politica delle masse che interpretasse il distacco dalla vita politica come un serio declino democratico per la gestione della cosa pubblica anziché preferire di partecipare solo al rito sporadico del voto.
I cittadini non si rendono conto che non partecipando attivamente, non informandosi da fonti indipendenti dal potere, essi così facendo sono i primi nemici di se stessi. In un clima del genere, a Salerno, è possibile addomesticare facilmente qualsiasi gruppo di cittadini col sistema di sempre: voto di scambio. Il candidato promette un’assunzione in una SpA creata ad acta e famiglie intere si prodigano nella ricerca dei voti. In Italia funziona così.

Democrazia diretta e partecipativa, decrescita felice, sovranità monetaria sono argomenti sconosciuti alla maggioranza dei cittadini che non riescono ad immaginare una società diversa da questa e nonostante paghino tasse e servizi a caro prezzo non riescono a capire che il male della loro condizione siede nella loro ignoranza ed inciviltà.
I salernitani si lamentano per il costo esagerato dei parcheggi pubblici ma non fanno nulla, si lamentano perché la città è inquinata ma non fanno nulla, si lamentano del traffico ma non fanno nulla, si lamentano di essere poveri e circa la scarsa occupazione ma non fanno nulla. Potrei continuare. Il dissenso anche se legittimo raramente è accompagnato da discorsi ben strutturati, sostenuti da indagini e da proposte politiche alternative. Vi è una seria incapacità di cooperare e costruire una risposta politica genuina mettendo al centro gli interessi pubblici e non i soliti comitati di affari. Anche chi osteggia lo status quo di De Luca non sembra farlo per interessi condivisi e collettivi ma a sostegno di altri interessi non palesati. A Salerno manca la politica “dal basso”, dei cittadini e, gli stessi sembrano incapaci di organizzarsi. Non conosco le ragioni profonde dell’assenza di un attivismo civico che abbia la volontà di farsi ascoltare e comprendere e, che mostri un’alternativa ma, la realtà politica salernitana sembra essere un deserto dove qualsiasi potere nascosto ed autoritario può dirigersi per mete tranquille. Auspico di essere in errore.

E’ possibile che lo “sconfinamento” di De Luca possa far cadere le gabbie mentali dei salernitani poiché costretti a vedere il vero volto del loro guru per quello che egli rappresenta realmente: totale incompetenza, arroganza, ignoranza e cattiva fede nell’amministrare la cosa pubblica. A partire dalle clientele messe in opera nelle SpA che gestiscono i servizi pubblici locali, che sono un enorme spreco di danaro pubblico ricadente sulle bollette di tutti, la gestione dei rifiuti, il piano urbanistico ed altro ancora.

Xenofobia e razzismo esistono da sempre anche nel Sud, ma la manifestazione di questa grave forma di ignoranza non toccava i rappresentanti del popolo. Non c’era un Bossi o un Borghezio del Sud, per intenderci.
Il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca che qui vedete urlare nei confronti di un extracomunitario: i documenti caccia i documenti, consente di prendere una misura della sua arroganza e violenza. De Luca violento e forte con i deboli e silente col vero potere. La piazzata che è stata condivisa su youtube non è l’unica fatta ma solo una delle tante.
La tristezza e la miseria umana di questa persona è cosa di poco conto se sappiamo che egli stato sempre eletto quando si è candidato, perché come in ogni regime che si rispetti gode di un totale asservimento dei media locali che lo hanno aiutato e sostenuto nel far credere che il problema dei salernitani è rappresentato da alcuni ambulanti. La vera miseria umana è questa credenza.

Il Sindaco vigila l’operato della polizia giudiziaria (municipale) e esplica le funzione della stessa. L’ipotesi documentata dal video è di abuso di ufficio.

De Luca: … ma sono perché la magistratura non mi rompa le scatole quando decido di fare una variante urbanistica nel Consiglio comunale della mia città, è chiaro?!…

Per il momento, in questo Paese, esiste ancora la separazione dei poteri e l’indipendenza della magistratura. I Consigli eletti sono sovrani e deliberano in ossequio alla Costituzione. I magistrati sono soggetti alla legge come tutti i cittadini italiani. I giudici, o meglio gli inquirenti (Pm) intervengono solo se c’è notizia di reato. Queste cose De Luca le conosce bene e quando alza la voce, come spesso accade, è per difendere interessi, nascondere qualcosa e manipolare l’opinione pubblica. Ormai, tutto ciò dovrebbe essere chiaro.

Read Full Post »

dittatureParma, 14 giugno 2009. Campagna elettorale, ballottaggio per le elezioni provinciali. Discorso politico di Vincenzo Bernazzoli, presidente uscente e candidato, accompagnato da Debora Serracchiani, neo eletta al Parlamento europeo. Alla fine del comizio, Marco chiede se è possibile porre domande. La moderatrice risponde che i politici scesi dal palco potranno confrontarsi in separata sede poiché il comizio era volto al termine.
Bernazzoli si avvicina a Marco, il quale si presenta e pone le sue domande. Il Presidente uscente risponde solo alla prima domanda sulla gestione dei rifiuti poiché interviene un signore a distrarlo e portarselo via.

Leggete pure, con i nostri soldi la Provincia di Parma che tipo di propaganda compie.

Poi, Marco volge verso Serracchiani accerchiata dalle persone per firmare autografi, egli attende e nella folla pone una domanda sul Trattato di Lisbona. All’improvviso rispunta il signore di prima che aveva distratto Bernazzoli ed inizia una vera messa in scena. La neo eletta viene accerchiata da militanti del PD per portarla via, non comprendiamo la ragione, e inizia una sorta di inseguimento. Alcuni militanti spingono, e strattonano ed afferrano per le mani e le braccia Marco e Vincenzo per impedire loro di porre una semplice domanda alla dipendente pubblica Debora Serracchiani che nonostante la palese violazione di norme etiche, comportamentali e del codice civile acconsente al maltrattamento di due ragazzi che volevano porre una semplice domanda. A nulla sono avvalsi gli appelli alla Costituzione italiana, diverse persone hanno deciso di insultare, intimidire ed accerchiare quattro persone che civilmente hanno posto legittime domande ai loro dipendenti intervenuti in una pubblica piazza e per giunta in una campagna elettorale pronti a raccogliere voti e consensi. Lo spiacevole episodio ha messo in luce un’enorme crisi di coscienze e l’assenza di cultura democratica di parte degli intervenuti all’assemblea pubblica. In un Paese civile è normale porre domande a candidati politici e dipendenti pubblici. Siamo rimasti sconcertati ed atterriti per la reazione di una parte del pubblico “violento” ed addomesticato e, pronto a violare i diritti costituzionali. Una parte dell’elettorato del PD che, a questo punto non conosce le più elementari regole democratiche.

Read Full Post »

Irish do it again. Vote No on the Lisbon Treaty. Irlandesi rifatelo.

Il 2 ottobre 2009 gli irlandesi ri-voteranno NO o SI sul “Trattato di Lisbona”, un documento anticostituzionale che prefigura uno Stato fascista ed uccide le libertà di tutti, che non ripudia la guerra, legalizza la violazione di sovranità monetaria, tutela le SpA e non gli esseri umani. Nel luglio 2008 in Italia, i dipendenti eletti hanno votato all’unanimità senza referendum popolare, ignorando la nostra opinione. Speriamo che gli irlandesi votino NO anche per la nostra libertà.

Nessun media italiano ha avviato un dibattito pubblico sul Trattato di Lisbona invitando i costituzionalisti seriamente preoccupati.

Sta nascendo lo stato fascista europeo preconizzato da Orwell con 1984, si sbagliò solo di due decenni.

La “casta”, gli “onorevoli” non vogliono che la maggioranza dei cittadini legga il Trattato di Lisbona e lo comprenda perché nascerebbe una rivoluzione prima di domani mattina. I media non sono una fonte attendibile poiché divulgano le opinioni della “casta” e, la colpa è anche di noi cittadini apatici alla politica.

La violenza non si manifesta solo con azioni fisiche ma oggi,  soprattutto con azioni di manipolazione e controllo del consenso politico. Ben tre popoli, francesi, olandesi ed irlandesi hanno già bocciato l’idea di un unione delle SpA contro i diritti degli esseri umani (= Trattato di Lisbona scritto dall’élite). In maniera del tutto violenta ed oppressiva a distanza di poco tempo, ora, ripresentano un altro referendum popolare agli irlandesi perché l’élite ha bisogno dell’unanimità per la validità del Trattato (entrata in vigore) e per cancellare anche la nostra Costituzione ed i nostri dipendenti l’hanno già fatto, nel luglio del 2008.

Giustamente, i cittadini quando informati sono contrari alla rinuncia di diritti fondamentali e sono a favore di un’unione dei popoli rispettando le libertà altrui, tutto ciò è contro la linea politica della BCE che osteggia l’autoderminazione dei popoli.

Read Full Post »

Costituzione cestinata?

Speriamo, perché di speranza si tratta che la Corte Costituzionale ed il Presidente della Repubblica facciano il loro dovere, li paghiamo per questo.

la costituzione spiegata a mia figliaStavo leggendo ieri sera un libricino davvero semplice ed importante allo stesso tempo, di Giangiulio Ambrosini (magistrato di Cassazione), la Costituzione spiegata a mia figlia, Einaudi; quando leggo circa il principio di uguaglianza:

i regimi autoritari ignorano (o meglio calpestano) il principio di uguaglianza. Il fascismo per primo che ha cancellato attraverso le sue leggi quel tanto (o quel poco) che su questo terreno lo stato liberale aveva riconosciuto.
La Costituzione ha inteso realizzare nel modo più ampio il principio di uguaglianza, proclamando in primo luogo una eguaglianza – come dire – “formale” o “giuridica”, secondo cui tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge.

ambrosini-eguaglianza

tema quanto mai odierno visto che Silvio si comporta da Re.
conflitto con il Quirinale e coi pm, tutto come cinque anni fa
via alle norme salva premier
Berlusconi attacca: contro di me toghe di sinistra
Non intendo governare sotto ricatto dei giudici
il cavaliere rispetti la carta costituzionale
siamo tornati al 2001
stop ai procedimenti? Si, ma per tutti
lodo schifani, salva premier

il blocca processi è anticostituzionale

da voglioscendere

Nei giorni scorsi abbiamo illustrato i danni che il ddl Berlusconi-Ghedini-Alfano sulle intercettazioni provocherà sulle indagini e i processi. Ora è il caso di occuparci di noi giornalisti e di voi cittadini, cioè dell’informazione

da l’Italia dall’esterto

Berlusconi sospende il proprio processo (dal Belgio)

da lesoir.be

Sei settimane dopo essere ritornato al potere, Silvio Berlusconi ha ricominciato la propria guerra contro i giudici imponendo la sospensione per un anno di alcuni processi, tra i quali il proprio.

Si tratta di una misura senza precedenti, denunciata dalla sinistra che vede in essa una violazione dei principi dello Stato di diritto a fini personali.

“Berlusconi sospende i processi”, “Giustizia: Berlusconi all’attacco”, annunciava martedì la stampa italiana a proposito dell’emendamento depositato lunedì dalla maggioranza, subito ribattezzato dall’opposizione “Salva Premier”

Berlusconi difende una legge che sospenderebbe il suo processo a Milano (dagli USA)

dall’international Herald Tribune

Il premier Silvio Berlusconi si è scontrato ancora contro nuove accuse di usare il pubblico ufficio per proteggere i propri interessi privati, martedì in una battaglia su una legge che sospenderebbe il suo processo per corruzione. Le critiche hanno soprannominato la legge misura “salva-premier”, ma il sempre combattivo leader italiano ha dichiarato che questa mira al bene di tutti i cittadini e si è scagliato contro i magistrati “di estrema sinistra” che hanno montato “falsi processi” contro di lui per scopi politici.

Ha anche proposto di reintrodurre una controversa legge sull’immunità che impedisce alle massime cariche dello stato di essere perseguite. “Eccolo di nuovo” ha scritto martedì La Stampa, un quotidiano moderato.

Berlusconi ha trascorso la maggior parte del suo ultimo mandato dal 2001 al 2006 a respingere le accuse di dedicarsi ai propri interessi piuttosto che a quelli della nazione.

Nuovo Ordine Mondiale

G. Edward Griffin viene intervistato ad un programma radiofonico americano (Alex Jones Show) e spiega di cosa si discute nella segretissima Conferenza Bilderberg che si tiene annualmente in località top-secret e a cui partecipano i personaggi più potenti del mondo.

J: Di cosa parleranno questi 125 leader mondiali?

G: Hanno due impegni principali. Uno è portare a conclusione il Nuovo Ordine Mondiale il più velocemente possibile. L’altro è impedire a gente come me e te di mettergli i bastoni tra le ruote.

J: Con la rete sta diventando sempre più difficile per loro…

G: Certo. Sapevano che ci sarebbe stata opposizione, ma credo che in passato abbiano sottovalutato le potenzialità della rete. La rete dà la possibilità alla gente di aggirare i principali media che controllano l’informazione…. E’ per questo che stanno tentando di mettere le mani su internet… Vogliono prevenire il dissenso politico, la distribuzione di informazioni e fatti e vogliono farlo “in nome della sicurezza” dicendo di voler proteggere la gente. Così la gente dice: “O bene! Meno male che ci siete voi!”. Ma il vero motivo, lo sappiamo, è quello di controllare il flusso di informazioni in modo da poter controllare internet nello stesso modo in cui controllano la radio e le TV.

J: A loro piace apparire come “i nostri salvatori”. Questa gente trama per distruggere la nostra economia in modo da mettere in atto il Nuovo Ordine Mondiale. Abbiamo gente come Bush, Chaney, Blair, Brown, Kissinger che usano questo termine ambiguo: “governo globale“.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: