L’incantesimo svelato

Ho già commentato sul Grande Fratello orwelliano (facebook), a mio modesto parere le ragioni del perché nasce un altro governo liberista. Intanto, un piccolo ante scriptum sul Grande Fratello: donatevi un favore personale, non mettete la vostra vita personale su facebook perché usano quelle informazioni per chiedere i vostri risparmi, i vostri soldi, peggio delle carte di credito. Studiano la vostra vita come fosse un gusto per consigliarvi acquisti di merci inutili, di cui potete fare a meno. Se volete mettere in crisi il Grande Fratello, usate facebook per esprimere la vostra opinione politica, non le frustrazioni perché non serve a nulla, magari chiedendo un cambio radicale della società.

«Perché è nato il Governo Renzi? L’élite sa bene cosa fare e come fare. L’oligarchia europea teleguidata dagli USA sa bene che il progetto euro, figlio della seconda guerra mondiale è a rischio, e che bisogna riportare il consenso nella soglia di controllo. In Italia i “partiti” tradizionali hanno superato quella soglia di controllo avendo perso troppa credibilità politica, e pertanto bisognava anticipare i tempi di Renzi per consentirgli di mettere a segno qualche obiettivo popolare per riprendersi parte dei voti dispersi. In altri paesi europei l’élite sta operando in maniera analoga, produrre decisioni credibili. Se Renzi, prima del prossimo voto elettorale nazionale, porta a casa alcuni obiettivi già apparecchiati, allora l’élite si riprende quella parte di consensi che serve loro nel solco del disegno geopolitico europeista: feudalesimo».

Mentre un’élite degenerata va avanti coi loro programmi di regime, noi cittadini dovremmo scollegare i nostri pensieri dalle figure istituzionali, dalle autorità, perché abbiamo capacità e poteri per autogovernarci sperimentando progettazioni che ci consentono di eliminare questa dipendenza psicologica legata alle autorità (istituzioni “democratiche”, banche, multinazionali, servizi energetici, etc.). Continuiamo a credere, sbagliando, che i politici servano a risolvere problemi, quando non è affatto vero. E’ altrettanto nota la ragione secondo cui la maggior parte degli individui ripone ancora fiducia nelle istituzioni. E’ stato ripetuto l’esperimento Milgram circa il comportamento degli individui sotto una pressione dell’autorità. L’esperimento dimostra come funziona l’obbedienza, e quanto sia “difficile” ribellarsi di fronte a comandi che recano danni agli altri individui; l’esperimento mostra uno sconcertante aumento del cinismo. E’ altrettanto noto che in Italia la maggior parte degli individui non abbia capacità di interpretare correttamente le informazioni che riceve (La cultura degli italiani). Se uniamo il problema dell’ignoranza di ritorno coi risultati dell’esperimento Milgram possiamo renderci conto del perché sia difficile realizzare un cambiamento in Italia, ma non impossibile. Consci di questa situazione possiamo pianificare un’efficace rinascita delle coscienze addormentate, e pertanto sappiamo bene quanto sia importante svelare le credenze (PIL, monetarismo, crescita, petrolio) di una società immorale, e che l’evoluzione si realizza attraverso l’educazione e l’applicazione di modelli sostenibili utili a mostrare un confronto (felicità, bioeconomia, fotosintesi clorofilliana, scienza della sostenibilità). Il modello realizzato stimola curiosità, attenzione e riflessioni.

Alcuni cittadini che guidano imprese e fondi di investimento hanno deciso di applicare i principi delle ESCo (Energy service company)  al fine di realizzare riqualificazioni energetiche dei condomini esistenti, vi sono esperienze a Genova e Piacenza. Altre esperienze sono sparse in Europa e in Italia con ambizioni più importanti, ad esempio diventare produttori e consumatori (prosumer) di energia attraverso public company che gestiscono direttamente i servizi. Valutando attentamente la realtà italiana, disoccupazione e povertà, credo che la strategia più corretta sia la nascita di cooperative ad hoc che ambiscano a rigenerare quartieri popolari. Non possiamo limitarci alla qualificazione energetica, ma dobbiamo puntare all’auto sufficienza energetica grazie all’impiego di un mix tecnologico, sfruttando le fonti alternative e scambiando  i surplus energetici in una rete intelligente, tutto ciò è alla portata di tutti grazie alla corretta coordinazione delle azioni (cooperative) ed una buona gestione sia del credito che del risparmio. Queste azioni possono diventare un piano industriale, così come possono rappresentare l’azione, lo stimolo di cittadini ben organizzati, ben informati, che avviano dal basso la rigenerazione del proprio edificio, del proprio quartiere e della propria città. Gli esempi virtuosi abbondano, a partire dalle prime garden city fino ad Arcosanti di Paolo Soleri e la rivoluzione dell’energia dei cittadini di Schönau,  da Torraca (SA) la prima city Led al mondo passando per i quartieri autosufficienti fino alle città che stanno scoraggiando l’uso di inutili automobili.

Tornando sul piano politico generale, per l’Italia, oltre che l’auto sufficienza energetica, è ovvio che sia determinante finanziare un piano di prevenzione nazionale circa il rischio sismico e intervenire sul patrimonio storico-artistico con interventi di miglioramento e adeguamento, poiché si rende necessario applicare la prassi della manutenzione, presupposto primario della prevenzione. Non penso che la classe dirigente sia all’altezza del compito da svolgere per ragioni abbastanza evidenti, sono tutti coinvolti nell’ideologia della crescita, una religione materialista e nichilista che sta distruggendo l’identità del nostro Paese. Per realizzare il disegno della rigenerazione è necessario risvegliare le coscienze, per farlo dobbiamo puntare sulla bellezza e sulla cultura, non esiste altra via.

creative-commons

Annunci

Energia, basta poco /2 …

Rainews24 con le inchieste di Maurizio Torrealta torna ad informare gli italiani sull’opportunità straordinaria offerta dalla fusione fredda.

Già il 20 novembre del 2009, a Milano, ebbi la possibilità di ascoltare il convegno, “eppur si fonde“, promosso da ONNE sullo stato dell’arte circa la fusione fredda.

Nella sostanza, prima tramite le interessanti scoperte di Nikola Tesla sull’energia trasmessa senza fili e poi sull’elettromagnetismo e successivamente, le scoperte scientifiche, di oggi, tramite la fusione nucleare fredda, possiamo affermare che l’uomo ha tutte le conoscenze e le capacità di usare l’energia in maniera razionale. L’uomo può evitare di sprecare energia e sopratutto non produrre trasformazioni che generano inquinati tossici e distruttivi.

L’energia libera e pulita esiste!

L’idea che mi feci allora a Milano, circa la fusione fredda, è la stessa che potrebbe farsi chiunque informandosi su questi temi. Le SpA non hanno alcuna intenzione di consegnare tecnologie innovative che rendono le persone libere; libere di autoprodursi energia necessaria e sufficiente per soddisfare i propri bisogni senza pagare una somma (dipendenza).

Maurizio Torrealta: i tempi sono sempre così lunghi per avere una ingegnerizzazione, di elaborare una teoria che sia in grado di permettere una ingegnerizzazione di questi fenomeni?

Emilio Del Giudice: Bhé, lo stato della teoria non è cattivo, direi, quindi siamo abbastanza a buon punto. L’ostacolo maggiore, ovviamente, non è scientifico, ma è economico, sociale, politico. Cioè è necessario se si vuole passare dagli esperimenti alle applicazioni che ci sia la decisione di coltivare questa forma di energia. Quindi questo è al di fuori del controllo nostro. Per quanto riguarda la comprensione teorica di questi fenomeni, direi che siamo, abbastanza, sulla buona strada e che in capo a pochi anni faremo ulteriori progressi. Ma il problema essenziale questo è scegliere quale strada seguire, se la strada delle mega centrali costose, pericolose e così via, oppure  la strada di un’energia che elimini gli sprechi, che non sia pericolosa e che dia luogo ad una presenza diffusa sul territorio.

Anche il prof. Del Giudice auspica il passaggio dalle grandi centrali alla cosiddetta “generazione distribuita” tramite fonti alternative. Certo, Del Giudice va ben oltre le odierne tecnologie in commercio (fotovoltaico, solare termico etc.) poiché sa bene quali siano le potenzialità della fusione fredda.

Proposte intelligenti e coraggiose:

In Toscana, a Prato un consigliere comunale, Nicola Oliva, ha proposto di costruire un treno maglev che colleghi Firenze allo scalo di Pisa.

Calabria, Riace, l’accoglienza fa anche risparmiare. Si batte moneta locale per gli immigrati. Riace batte Mineo, dove gli italiani convivono con gli stranieri. Nel paese calabrese, per i rifugiati il sindaco Lucano si è inventato banconote con la faccia di Gandhi per sopperire alla lentezza dei fondi per l’asilo e dice: “A Mineo c’è un centro di detenzione che costa, noi con 24 euro a persona copriamo tutte le spese”.