Démos e cràtos

Da diversi anni alcuni cittadini italiani stanno favorendo la nascita di sperimentazioni democratiche e donano il proprio tempo per condividere gli strumenti referendari e forme assembleari, convinti che i cittadini debbano sviluppare un interesse maggiore verso la res pubblica. Riteniamo che le odierne istituzioni e la società attuale così come viene percepita attraverso la democrazia rappresentativa non sia più il luogo ove il cittadino è libero di crescere e svilupparsi. L’obsoleto paradigma culturale di riferimento che permea le istituzioni politiche, le istituzioni finanziarie, ed i media esercitano un’influenza determinante nel processo educativo della società. Il periodo che stiamo vivendo è senza dubbio caratterizzato da un’assenza di democrazia nel senso più ampio del termine, sia perché gli italiani non scelgono i propri dipendenti parlamentari e sia perché le decisioni referendarie spesso sono disattese ed ignorate dai partiti e dalle istituzioni politiche, ricordiamo alcuni casi esemplari: i rimborsi elettorali, l’acqua pubblica ed il no al nucleare. I trattati internazionali che costituiscono l’Unione Europea e che hanno condotto gli italiani in un processo di riforma della società che assomiglia molto a quella feudale, non sono mai stati sottoposti al giudizio popolare.

La storia e la realtà odierna ci insegnano che esistono processi e forme di governo più corrette ed idonee per soddisfare i bisogni reali e perseguire l’interesse generale. Forme e processi che possono migliorare la rappresentanza politica ed il processo decisionale della politica. Finalmente dopo tanti anni di impegno civico si concretizzano giornate e processi che vanno nella direzione auspicata e costruita con fermezza e costanza.

Parma, 29 settembre 2013. E’ noto che nel progetto del M5S ci sia la democrazia diretta, e la maggioranza dei cittadini, votando e scegliendo, ha dato mandato elettorale per realizzare questo obiettivo. Dopo la sperimentazione di Ferrara promossa ed autogestita dagli attivisti del M5S, a Parma si replica la sperimentazione attraverso la legittimazione istituzionale favorendo l’avvio di un progetto culturale molto ampio. L’Amministrazione cittadina avvia un percorso nuovo per la cittadinanza, ed invita volontari a partecipare ad un processo “costituente”: scrivere le regole del gioco, modificare lo statuto comunale per introdurre forme e strumenti di partecipazione diretta ed assembleare.

Parma giornata democrazia 03

Ho partecipato alla giornata della democrazia svoltasi presso il palazzetto dello sport di Parma, e sono uscito con una bella sensazione, poiché i cittadini che hanno lavorato ai tavoli hanno saputo dialogare e proporre idee con l’entusiasmo e l’energia necessaria per cambiare le regole del gioco, prendendosi quella parte di sovranità sancita dalla nostra Costituzione, ma spesso osteggiata dallo status quo che non intende concedere spazi al popolo.

Parma_giornata_democrazia_02_bisPaolo Michelotto, il facilitatore chiamato ad organizzare i lavori della giornata ci ha regalato una straordinaria opportunità per sviluppare relazioni e creatività. Da diversi anni Paolo gira l’Italia per svolgere queste sperimentazioni per mostrare quanto la democrazia migliori la qualità delle decisioni politiche, e come i cittadini possano partecipare al processo decisionale. A Ferrara, lo stesso Michelotto, aveva predisposto una giornata simile per mostrare agli attivisti del M5S come si potesse svolgere un’assemblea cittadina utilizzando diversi metodi di partecipazione.

Ai tavoli cui ho lavorato tutti esprimevano il desiderio e l’auspicio che l’Amministrazione istituzionalizzasse questo tipo di assemblea cittadina, anche grazie al metodo di lavoro utilizzato, l’open space techology, che ha prodotto istant report, documenti, con una serie di priorità elaborate dai cittadini. L’organizzazione ha fornito strumenti culturali affinché chiunque potesse approfondire strumenti e forme di partecipazione, ognuno di noi ha ricevuto due libri: Vivere meglio con più democrazia, e Il Bilancio partecipativo di Thomas Benedikter.

Mi associo all’auspicio degli altri affinché questa giornata diventi un trampolino di lancio, e che al più presto nello statuto comunale ci siano tutti gli strumenti di democrazia diretta e partecipativa, i più efficaci, per garantire il diritto costituzionale di partecipare al processo decisionale della politica, perché è ormai scontato che i cittadini diventano più responsabili e più felici quando sono parte di un processo che gli garantisce di costruire la comunità e di controllare l’operato dei dipendenti eletti.

 

Annunci