Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘crescita’

L’epoca che stiamo vivendo è l’antropocene, ove la specie umana domina il pianeta ma lo fa applicando la religione economica capitalista, che ignora l’entropia e i suoi drammatici effetti negativi. Senza indugiare su equivoci culturali possiamo ammettere che l’epoca attuale è governata dalla stupidità, nel senso proprio del termine. Nelle istituzioni pubbliche siedono individui che applicano la religione capitalista, oggi trasformatasi nella forma liberista. Guerre, disuguaglianze, e distruzione degli ecosistemi sono caratteristiche di questa religione. Nei territori ove esistono, formalmente, sistemi democratici rappresentativi, gli individui si concentrano nelle aree urbane per inseguire un posto di lavoro ed avere un reddito. Questi, inseriti nella società capitalista, tendono a isolarsi e a perdere il senso di comunità, delegando il potere decisionale ai politicanti, i quali lo utilizzano per conservare lo status quo che favorisce il tornaconto delle imprese private. Conflitti sociali causati dal capitalismo, si ritrovano anche nei paesi “centrali”, poiché anche in questi contesti aumentano casi di sfruttamento e si riscontra l’aumento delle disuguaglianze, favorite dall’aumento della povertà e dalla riduzione dello Stato sociale. Il materialismo della società capitalista è evidente, e Marx suggeriva ai lavoratori di prendersi il controllo della società appropriandosi degli strumenti del capitale, togliendoli al padrone, per avere una gestione collettiva. Le condizioni sociali ed economiche nei territori sfruttati dalla globalizzazione neoliberista sono peggiorate, e non sembra esserci una tendenza al miglioramento poiché il nichilismo capitalista è ben presente fra la maggioranza degli individui e fra i ceti meno abbienti. Gli sfruttati non hanno una coscienza di classe, soffrono di ignoranza funzionale, di apatia politica, frustrazioni e invidia sociale, e così, spesso, questo risentimento negativo si riversa contro tutti i politici, senza rendersi conto di danneggiare se stessi. Lo sporadico momento del voto si trasforma in uno sfogo, ma diventa un trampolino di lancio per demagoghi e politicanti, che sfruttando le difficoltà altrui colgono l’opportunità di accedere alle istituzioni, e soddisfare il proprio tornaconto personale. Questa inciviltà occidentale impedisce un’evoluzione sociale. Per esser chiari, fra i soggetti politici che si contendono il potere, c’è anche chi millanta un cambiamento ma trascura l’idea di introdurre un socialismo ecologista. Non esiste, al potere, un soggetto politico capace di un’analisi realista del territorio europeo. La realtà mostra che la maggioranza delle opportunità economiche e sociali, e la maggioranza delle disuguaglianze si concentrano nelle aree urbane e rurali, e nessun politico è in grado di suggerisce politiche urbane bioeconomiche per ridurre disuguaglianze e sprechi, ma si limita a promettere aggiustamenti economici per far sopravvivere il capitalismo. Gli Enti a servizio della globalizzazione liberista sono le municipalità, e così si formano le capitali globali che attirano flussi di capitali, leciti e illeciti. La rete informatica di internet è strumento a servizio della borghesia liberista che decide gli spazi da colonizzare, sfruttare, gestire e investire. In questa complessità sparisce la democrazia per far prevalere gli interessi specifici degli investitori, i nuovi oligarchi feudali che trattano i territori come luoghi del vassallaggio. Negli ultimi dieci anni, chiunque sia andato al potere poi è stato delegittimato dagli elettori, e contestualmente sono cresciuti movimenti politici populisti sfruttando sia temi socialisti, contestando la globalizzazione neoliberista, e sia soffiando sul razzismo. La confusione politica è cresciuta, soprattutto in Italia. Fino ad oggi non è cambiato nulla, e le imprese multinazionali inseguono il proprio sfruttamento capitalista delle risorse limitate del pianeta.

UE crescita economica per Regione

Indice di crescita economica, fonte Eurostat.

L’Italia è ferma; perché? All’interno del liberalismo l’Italia non esiste più, rimane come concetto astratto. Esistono solo i territori ove l’élite vive e concentra le proprie attività in funzione della crescita capitalista. La stessa UE è nelle mani di questa borghesia. In questo contesto, noi cittadini siamo alla deriva, poiché non leggiamo più, e non studiamo più. Nell’ignoranza diffusa fra i popoli, la storia non può insegnarci come porre rimedio alla nostra inciviltà. Quando prevaleva l’idea che lo Stato fosse soggetto attivo nell’economia, le istituzioni politiche dialogavano con i professionisti e la società, e facevano scelte sia perché esisteva una classe dirigente in grado di parlare con esperti e cittadini, e sia perché aveva un’idea di futuro, esistevano le ideologie politiche, buone o cattive che fossero ma la cultura politica era un valore perché produceva idee, e su quelle idee i partiti litigavano e si dividevano. In quella fase storica, lo Stato faceva programmazione economica e investiva creando opportunità. Le ideologie politiche esistono ancora ovviamente, ma nel circo mediatico politico si recita il racconto del periodo post ideologico, per favorire il pensiero dominante: il liberalismo. Durante i decenni trascorsi, nel nostro Paese, le migliori opportunità sono state date alla solita élite borghese auto referenziale, ma poiché esisteva un’autonomia del potere politico, le istituzioni allargarono la base delle opportunità facendo uscire dalla povertà milioni di italiani. Quella fase è terminata per volontà politica, e l’attuale fase globalista ha consentito alle imprese multinazionali di prendere il controllo del pianeta. In questi decenni, gli economisti, che Dio ci salvi da questa categoria di sacerdoti ignobili, sostenuti dalle forze economiche di imprese e banche, sono riusciti a psico programmare l’élite occidentale, e divulgare la propria religione staccando l’uomo dalla natura, realizzando quella schiavitù che nell’Ottocento fu egregiamente fotografata da Engels e Marx.

La maggioranza degli italiani, avendo favorito i mediocri al potere non potranno sperare in un reale cambiamento. Riconoscendo il fatto che l’Italia è un concetto astratto, possiamo leggere dove e quali sono i territori che concentrano ricchezza sfruttando gli altri e le disuguaglianze. La borghesia liberista ha ripristinato la società feudale, e l’euro zona, in realtà, non funziona male poiché progettata per concentrare ricchezza materiale nei luoghi “centrali”. Queste oligarchie borghesi liberiste sono capaci di influenzare e determinare le condizioni economiche e sociali di tutti i cittadini, ricchi e poveri. E’ sufficiente tornare a pochi decenni indietro e osservare come la sovranità economica della Repubblica finanziava direttamente gli interventi pubblici necessari per lo sviluppo umano, e renderci conto delle differenze fra ieri ed oggi con l’aumento delle disuguaglianze. Il Dio mercato dei sacerdoti economisti “controlla” il destino dei cittadini, e così riscontriamo le disuguaglianze nei territori, particolarmente elevate nel meridione d’Italia, e nelle regioni di Grecia, Spagna e Portogallo, mentre nei paesi dell’Est d’Europa si aprono zone economiche speciali per favorire l’avidità delle imprese, sfruttando proprio le disuguaglianze di riconoscimento, cioè l’assenza di diritti sindacali e il divario economico salariale fra i territori europei. Come accadeva nell’Ottocento, è lo sfruttamento della schiavitù un elemento essenziale dell’accumulazione capitalista dell’élite borghese liberista. Nell’Europa più “vecchia”, le élites locali accumulano capitali con le rendite finanziarie e immobiliari, e in Italia è sempre la disuguaglianza a garantire lo status quo conservando la concentrazione industriale al Nord per vendere merci al Sud, spogliato di infrastrutture essenziali e di un’adeguata presenza di attività e funzioni, necessarie per garantire livelli dignitosi di vita. Le istituzioni politiche hanno creato volutamente un’area economica “centrale” e un’altra “periferica”, per applicare una tipica forma di sfruttamento capitalistico che da noi ha una radice storica, la guerra di annessione del 1860. Queste aree non sono le Nazioni ma sono ambiti territoriali più piccoli come Regioni e più precisamente le Provincie con le loro agglomerazioni. La ricchezza ha due dimensioni una territoriale e una virtuale, così come l’immorale e l’illecito hanno una dimensione sia territoriale e sia virtuale col mondo offshore.

Così come questa è l’epoca dell’antropocene con i mediocri al potere, è anche vero che la nostra specie è esosomatica, cioè la nostra evoluzione è condizionata dall’uso di strumenti esterni al nostro corpo, tecnologie. L’aratro per coltivare, la penna per scrivere e disegnare, il computer per scrivere, disegnare, calcolare, comunicare, condividere etc. Se fossimo consapevoli delle opportunità tecnologiche potremmo pianificare l’uscita dalla religione capitalista e costruire un futuro prosperoso. Le comunità, nel senso marxista, possono appropriarsi dei mezzi tecnologici che orientano il capitalismo, dalla produzione energetica al cibo, e si può gestire il territorio senza il dogma della crescita, dell’accumulazione poiché è inutile, non serve alla specie umana oltre che essere stupido. L’accumulo è l’ossessione capitalista dalla quale dobbiamo disfarci, perché in un pianeta dalle risorse limitate, è inutile parlare di crescita continua della produttività, mentre è utile parlare di sviluppo umano e di felicità in armonia con la natura. Le disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento realizzate dalla borghesia liberista sono utili a questa oligarchia auto referenziale per conservare il proprio potere e il controllo sui popoli. La maggioranza dei popoli rinchiusi in se stessi, scelgono di volta in volta i propri carnefici, mentre affrontando l’ignoranza funzionale e di ritorno, grazie all’accesso delle conoscenze, grazie a percorsi politici democratici, potremmo spendere tempo ed energie per riflettere su come rigenerare i nostri territori, attraverso l’appropriazione di tecnologie che ci aiutano ad applicare l’auto determinazione e tendere alla felicità. Noi siamo il problema e noi siamo la soluzione.

creative-commons

 

 

UE tasso di disoccupazione

Tasso di disoccupazione, fonte Eurostat.

Annunci

Read Full Post »

evans21

Foto di Walker Evans, anni ’30.

Il concetto più utilizzato da media, politici ed economisti per indicare un miglioramento è la crescita. La crescita è un mantra che viene ripetuto in maniera ossessiva compulsiva, tutti i giorni nei TG, ed è utilizzato per psico programmare i cittadini alla religione economica. La crescita è quella del Prodotto Interno Lordo, il famigerato PIL che misura l’aumento della produttività in denaro, scambiato in un anno solare. Questo indicatore economico è messo in rapporto con l’altrettanto famigerato debito pubblico. Secondo l’economia i fattori della produzione capitalista sono quattro: natura, lavoro, capitale, e organizzazione e sono trattati dalla funzione della produzione. Nell’economia neoclassica i quattro fattori sono considerati in maniera arbitraria e irrazionale, poiché è possibile un gioco di prestigio ove il capitale cresce sempre mentre gli altri  tre (natura, lavoro e organizzazione) possono diventare infinitamente piccoli, ed è ciò accade. Due contraddizioni tipiche del capitalismo: (1) la natura non è intercambiabile (entropia), e il suo esaurimento crea danni ambientali, mentre la riduzione del lavoro crea danni sociali (disoccupazione). L’evoluzione tecnologica e informatica stanno trasformando nuovamente la società, prefigurando l’ipotesi di transitare in un’epoca nuova. L’economista Piketty mostra che il capitalismo odierno si sgancia dal lavoro, perché l’accumulazione del capitale (la crescita) avviene anche senza il lavoro. Scommesse in borsa, informatica e umanoidi consentono l’accumulazione di capitali senza il contributo tradizionale dei lavoratori. Mentre l’élite finanziaria globale controlla banche e multinazionali, accade che in questa dinamica, il capitalismo italiano continua a voler accumulare capitale attraverso i tradizionali processi di urbanizzazione, con l’incongruenza dovuta al fatto che l’aumento della disoccupazione rende le famiglie più fragili, e incapaci di assorbire i costi delle stesse urbanizzazioni. Nell’attuale modernità tecnologica (robotica) e informatica, i tradizionali fattori della produzione subiscono scompensi e disequilibri, nel senso che natura, lavoro e organizzazione perdono il loro “peso” facendo spazio al solo capitale che si auto alimenta dal nulla. Questo processo auto referenziale è nelle mani delle imprese private: istituti finanziari; che hanno il potere di ricattare (spread) quegli Stati che hanno abdicato alla sovranità monetaria. La crescita aumenta senza l’occupazione, e si realizza per le multinazionali che sfruttano l’informatica e i paesi emergenti attraverso gli accordi commerciali transnazionali; ad esempio attraverso le zone economiche speciali – giurisdizioni speciali – espressione delle disuguaglianze di reddito e di riconoscimento. Si tratta di luoghi con bassi costi salariali e tassazione ridotta rispetto agli altri Paesi dell’euro zona, ma si traducono in luoghi della concorrenza sleale a danno dei lavoratori. La disoccupazione aumenta in quei paesi divenuti periferici per volontà politica, e così i territori indeboliti dipendono maggiormente dal sistema globale controllato dalle imprese private. Per essere ancora più chiari, le scelte politiche circa gli investimenti sono condizionate dalla infrastrutture fisiche e sociali presenti sul territorio, determinando le urbanizzazioni e le città regioni; tutto ciò influenza la produttività e quindi l’occupazione. Ad esempio, l’Asia diventa l’industria del mondo quando l’élite globale sceglie quei luoghi per costruire infrastrutture fisiche (porti, aeroporti, autostrade) e sociali (università, centri di ricerca) pagando tasse e costi minori rispetto all’Occidente. Sono state le politiche urbane asiatiche a condizionare gli investimenti e la distribuzione ineguale di ricchezza, poiché le regioni sono in concorrenza fra loro, ciò favorisce anche la bancarotta di talune città occidentali, o le condanna a ruoli di marginalità, cioè di periferia economica. L’ideologia liberale e neoliberale con l’ausilio delle giurisdizioni segrete (il sistema off-shore), le nuove tecnologie e l’informatica, sta favorendo un aumento delle disuguaglianze mai avvenuto nella storia dell’umanità, e svuota di senso le democrazie rappresentative occidentali. Circa 1,4 miliardi di persone vive negli slums e più della metà della popolazione mondiale è povera, mentre più del 60% della popolazione mondiale si sposta nelle aree urbane contribuendo ad un aumento dell’impronta ecologica. In Occidente le aree urbane sono instabili e il capitalismo tradizionale sembra essere incapace di sostenere l’occupazione. Le città occidentali (già industriali) si contraggono e diventano aree urbane, queste anziché essere i luoghi del cambiamento dei paradigmi culturali di una società sbagliata nel profondo, sono ancora pianificate da istituzioni politiche che favoriscono stili di vita dannosi per la salute umana. La gestione urbana si realizza in maniera contraddittoria, a seconda delle culture e tradizioni locali; nel Nord Europa c’è un maggiore controllo della pianificazione territoriale e urbana senza prevenire i fenomeni di gentrificazione sociale, e nonostante l’ideologia liberale, la pianificazione è indirizzata dallo Stato, tassando le rendite urbane. Nel Sud Europa il neoliberismo preda il territorio e ruba le risorse limitate a norma di legge, applicando un razzismo economico senza limiti. La geografia economica mostra i luoghi ove si sviluppano i modelli industriali concentrati nei paesi centrali. In buona sostanza, crescita economica e miglioramento non hanno lo stesso significato. L’unica strada per far aumentare l’occupazione e creare nuovi posti di lavoro, ed è quella di percorrere una scelta culturale e politica opposta al capitalismo neoliberista. Le istituzioni pubbliche devono riprendersi l’autonomia di decidere riducendo lo spazio politico del mercato e ripristinando il primato delle politiche pubbliche. Fatta la scelta del primato della politica sul mercato, le istituzioni devono programmare politiche pubbliche socialiste e stimolare l’identità dei luoghi, la storia e l’uso razionale delle risorse. Le istituzioni possono favorire studi e ricerche finalizzate al miglioramento tecnologico per manutenere il territorio, sia per l’ambiente costruito e sia per la tutela dei suoli agricoli ripristinando la sovranità alimentare. Questi obiettivi non possono esser priorità delle imprese private sostenute dall’ideologia liberale. Non è interesse del mercato finanziare investimenti indispensabili per le comunità umane (prevenzione del rischio sismico e idrogeologico), se lo fosse staremmo a discutere di filantropia e altruismo, che non sono prerogative degli imprenditori ma di individui civili e democratici, cioè caratteristiche tipiche di uno Stato sovrano che non c’è più. Ripristinando la Repubblica, questa dovrebbe sostenere la sostenibilità poiché crea occupazione. Uscendo dal modello industriale del Novecento finalizzato alla crescita, la Repubblica dovrebbe promuovere politiche bioeconomiche – investimenti – e favorire la diffusione di modelli autarchici e collegati in rete, copiando la natura. La classe politica dirigente dovrebbe adottare l’approccio post-keynesiano condotto sul piano bioeconomico. L’invenzione illuminista e liberale della crescita continua della produttività non è compatibile né con la natura, e né con la democrazia, poiché distrugge ecosistemi e specie umana. Anche l’ideologia socialista, venuta dopo quella liberale, nacque per sostenere l’aumento della produttività ma per ridistribuire il capitale. Oggi sappiamo che la crescita ha distrutto specie viventi e favorito il superamento dei limiti del nostro pianeta, oltre al fatto di non risolvere le disuguaglianze economiche ma crearne di nuove. L’obiettivo della specie umana è la felicità che si ottiene costruendo relazioni sociali (non mercantili), con la conoscenza, e con la gestione razionale delle risorse, ed oggi abbiamo le conoscenze per aggiustare i territori distrutti dal capitalismo. Un nuovo paradigma culturale suggerisce di ripristinare la democrazia in Europa, abbandonando l’approccio feudale dell’UE, e conducendo la macro economica sul piano della bioeconomia che preferisce approcci e valutazioni scientifiche e sociali. Si tratta di cambiare i criteri di giudizio degli investimenti dando prevalenza all’impatto sociale e ambientale di programmi, piani e progetti. Oggi i territori più poveri si concentrano nel meridione d’Italia, e solo una volontà politica socialista può determinare un cambiamento concreto per ridurre le disuguaglianze territoriali attraverso la creazione di politiche territoriali e urbane bioeconomiche, capaci di ripensare le agglomerazioni industriali e urbane rigenerandole.

creative-commons

Istat tasso di disoccupazione giovanile per Regione 2015

Read Full Post »

La prima lezione che viene dalla Cina è chiara e forte: è lo Stato sovrano che investe e consente alle persone di trovare un impiego nella direzione segnata dall’interesse pubblico. Nel caso cinese, l’interesse pubblico coincide con l’interesse del partito.

Come tutti noi possiamo ricordare la condizione politica essenziale per uno Stato sovrano è l’autonomia monetaria coerente con un interesse generale e l’investimento in una politica industriale nazionale. E’ sufficiente guardare indietro, sin dalla nascita dell’epoca industriale, nel Settecento gli Stati preunitari sperimentavano e investivano fino alla nascita dei primi sistemi di stato sociale, fra la fine dell’Ottocento e inizio del Novecento con l’esplosione dell’industrialismo seguirono diversi programmi d’investimento, sia negli USA e sia in Europa, in innovazione, programmi d’istruzione, politiche abitative. Il capitalismo finanziario dell’Occidente ha sostituito il concetto di Stato Nazione, di Paese e di popolo con quello delle persone giuridiche, le famigerate SpA.

Se non fosse ancora chiaro, la Cina con la sua autonomia monetaria insegue le proprie ambizioni, mentre l’euro zona, non essendo uno Stato sovrano ma un aggregato di Governi che hanno abdicato all’autonomia politica per favorire i capricci del mercato, ha alimentato le diseguaglianze e favorito aree di crescita (paesi centrali) e aree di recessione (paesi periferici). In Italia, le certezze dello stato sociale sono a rischio, mentre una generalizzata riduzione degli stipendi salariati e l’assenza di investimenti pubblici favorisce la distruzione delle comunità locali. Come sappiamo, sul tavolo politico dell’UE esiste la creazione della più grande area commerciale unendo USA ed UE. E’ questa la grande contraddizione politica e ideologica, un euro zona neoliberale che favorisce l’interesse di un’élite finanziaria mentre una Cina comunista sfrutta la stupidità neoliberale per acquisire proprio in Europa nuove conoscenze e nuove competenze in funzione dei propri interessi: trasformare quella enorme parte di popolazione contadina in consumatori. La Cina da paese assemblatore si trasforma in creatore di marchi e brevetti per stimolare la domanda interna e soddisfare quella straniera. La manifattura cinese diverrà la più potente al mondo. Dietro queste scelte politiche c’è una sola ideologia: la crescita, quella che ha sostituito la società della specie umana con i consumatori passivi e depressi. L’unica differenza fra Occidente e Oriente, è che in Occidente si favorisce la crescita delle SpA e in Oriente la crescita della Cina, ma sono tutti sullo stesso piano ideologico che sta portando al collasso il pianeta (se pensiamo anche alla crescita dell’India …), e in questo percorso di auto distruzione non c’è rimasto più tempo per discutere se e come cambiare direzione, poiché gli ecosistemi stanno sparendo e la specie umana è a rischio.

Di fronte a questa prospettiva c’è una sola salvezza: investire in programmi di cultura, nell’identità e nell’innovazione tecnologica finalizzata alla valorizzazione del nostro patrimonio esistente poiché non si può esportare, né copiare, è presente solo in Italia. Se l’euro zona rimane un’area commerciale senza sovranità monetaria, senza una saggia guida politica per tutelare i propri patrimoni e con scarsi investimenti nella rigenerazione urbana e territoriale, subirà la schiacciante pressione delle aziende americane e la forza di un gigante come la Cina. Gli investimenti pubblici della Cina in Italia sono uno schiaffo culturale a tutta la classe politica e imprenditoriale italiana, incapace di fare gli interessi della Repubblica e di riconoscere il valore delle capacità creative degli italiani ma apprezzate dagli stranieri. Se i soldi sono l’energia per sostenere piani e progetti, è fondamentale cambiare i Trattati europei a favore di un sistema politico bioeconomico ma sovrano, cioè un sistema che rispetta gli ecosistemi ma è autonomo e libero dai ricatti dei mercati globali. La povertà e la disoccupazione presenti in Italia sono a servizio di una logica di indebolimento delle comunità locali che favorisce gli interessi delle imprese alla ricerca di schiavitù a buon mercato.

L’Italia è già colonia commerciale di Cina e USA e sta diventando deserto imprenditoriale. In un sistema globale dove non puoi competere la salvezza è favorire ambiti di autarchia economica su quelli che sono chiamati asset strategici. Il dramma è che la classe dirigente politica, nei decenni precedenti, ha già svenduto le imprese pubbliche e i propri asset. Quali sono gli asset che dobbiamo tutelare? La sovranità alimentare ed energetica, e il territorio italiano. E’ finita l’epoca della produzione di massa di merci inutili. Dobbiamo favorire la democrazia e lo sviluppo umano: sufficienza energetica, rilocalizzare le produzioni, ridurre gli orari di lavoro e aumentare i salari, consumare ciò che si produce. Esattamente l’opposto di quello fatto finora (dipendenza energetica dagli idrocarburi, delocalizzazione, aumento dell’orario di lavoro e riduzione degli stipendi, importazione merci straniere).

All’Italia serve investire in settori utili come la prevenzione per tutelare la salute umana, il cibo, l’arte e la cultura. Le nostre priorità sono: mettere in sicurezza il territorio dal punto di vista idrogeologico; rifunzionalizzare i sistemi insediativi aumentando la biodiversità; riusare e riciclare le acque in area urbana; attrezzare i territori intermedi per il sistema agroalimentare locale; attrezzare le aree interne e le aree montane; valorizzare la mobilità sostenibile e lenta; e rigenerare le aree urbane per conservare i centri storici e le zone consolidate per impedire il consumo del suolo agricolo. Come detto prima questo è il nostro patrimonio, è il territorio italiano che non si può comprare e vendere e non si può esportare, i cinesi non investiranno mai in questo poiché non sono italiani; il Colosseo non è una merce, Pompei non si può smontare e rimontare a Pechino, Amalfi non è una confezione che si può comprare con Amazon. Da alcuni decenni, i cinesi grazie al design italiano e non solo italiano, stanno costruendo la crescita del proprio Paese. L’Europa è un continente già cresciuto pertanto ha una necessità opposta alla Cina, ed ha bisogno di intervenire per conservare e tutelare il proprio territorio sfruttando le innovazioni tecnologiche, ormai mature e consolidate, ma ha il sistema politico finanziario più stupido che si possa pensare. La seconda lezione dei cinesi? Non sono stupidi! Le classi politiche e imprenditoriale “italiana” hanno favorito l’emigrazione dei nostri laureati, hanno smantellato e venduto tutti gli asset strategici, hanno distrutto la scuola pubblica già in condizioni gravose, hanno sostituito i partiti con le aziende e stimolato l’apatia politica, da vent’anni circa hanno favorito la regressione culturale e stimolato l’analfabetismo funzionale. Se osserviamo la distribuzione della ricchezza in Italia, possiamo intuire un fenomeno inquietante, l’élite italiana non è stupida, è cinica, avida ed egoista, ha favorito se stessa distruggendo il Paese.

creative-commons

Read Full Post »

Il dibattito sul lavoro all’interno della bioeconomia assume una valenza importante e innovativa rispetto al paradigma predominante che usa la parola “lavoro” per nascondere un posto di schiavitù in un mondo di consumatori passivi. Il Capitale di Marx (che nessuno legge) ha egregiamente spiegato come il lavoro, all’interno della nostra società, è merce, e come tale viene trattata dalle imprese. Oggi le multinazionali riducono al massimo i costi attraverso le delocalizzazioni, il sistema offshore ed i paradisi fiscali. L’equivoco circa l’importanza sul lavoro nasce dalla stessa Costituzione ove c’è scritto che “l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”. Sappiamo bene che i dati sull’occupazione mostrano che l’obiettivo non è mai stato raggiunto, sia sotto il profilo della democrazia, poiché la forma adoperata è la democrazia rappresentativa degenerata in oligarchia, quindi mai verso il governo del popolo; e sia perché non si è mai raggiunta la piena occupazione. Dal punto di vista culturale l’articolo uno ha generato un limite culturale mostruoso poiché nel mondo occidentale si sono diffusi posti di schiavitù, e l’obiettivo di una società sana non dovrebbe essere quello di alimentare le diseguaglianze ma di porsi l’obiettivo della felicità. Il paradosso grottesco della nostra malsana società è che nonostante la Costituzione indica con estrema chiarezza che la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo e si pone l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano libertà, uguaglianza e lo sviluppo della persona umana; il legislatore dagli anni ’80 in poi ha fatto di tutto per violare i principi dello Stato sociale introducendo una giungla di norme che hanno aumentato le disuguaglianze, favorito l’accumulo di capitale privato in maniera immorale e impedito a fasce di popolazione sempre più ampie di vivere in maniera serena e soddisfacente. Questo meccanismo vizioso è sostenuto proprio dall’apatia dei cittadini, pisco programmati dalla pubblicità che ha creato la servitù volontaria.

Sappiamo bene che i fattori della produzione: capitale, natura e lavoro all’interno del paradigma obsoleto sono sfruttati per far crescere il capitale, indirizzato e custodito in banche e paradisi fiscali. Lavoro e natura sono compressi e resi infinitamente piccoli, e com’è ormai evidente, le incongruenze di questo sistema stanno portando al collasso il capitale naturale, mentre la schiavitù (il lavoro salariato) si è spostata dall’Occidente verso tutti i paesi emergenti innescando la recessione e la riduzione della domanda interna. Un allievo – Jeremy Rifkin – di Georgescu- Roegen scrisse un famoso best seller dal titolo, La fine del lavoro, riferendosi proprio alla fine dei posti di schiavitù che l’industria ha inventato per avviare una prima fase di massimizzazione dei profitti. Oggi il profitto è accelerato sostituendo gli schiavi con i robot e poi delocalizzando le produzioni ove la schiavitù è a costi più bassi (facendo aumentare i margini di contribuzione), ove la schiavitù non è condizionata da principi delle Costituzioni occidentali, e dove non ci sono obsolete organizzazioni sindacali che potrebbero rallentare le catene produttive. Del resto, se non fossimo distratti, la storia insegna che le principali potenze economiche hanno costruito le proprie ricchezze proprio sulla schiavitù: USA e Inghilterra. Quando gli operai hanno saputo promuovere efficienti organizzazioni sindacali, le imprese hanno saputo eliminare alcuni aspetti violenti, e camuffare le loro intenzioni sotto mentite spoglie, inventando persino un pensiero “filosofico” persuasivo da insegnare a scuola e nelle università: economia neoclassica e capitalismo. La storia di queste potenze è tutta costruita su violenze, omicidi, furti, usurpazioni e guerre, modus operandi abbondantemente accettato da tutti i popoli occidentali.

Se le classi politiche e sindacali credono ancora nella lotta al posto di lavoro, ma in realtà si tratta del posto di schiavitù, allora tali classi sono del tutto anacronistiche, inutili e dannose allo sviluppo umano. Multinazionali e industrie sono a un livello di conoscenze e di produttività che questi signori, o non conoscono, oppure potremmo ascriverli nella categoria “utile idiota”. Ciò non vuol dire eliminare i sindacati, ma compiere un’evoluzione anche nell’organizzazione sindacale trasformandoli in movimenti a servizio dei diritti umani per liberare gli individui dalla schiavitù SpA. Organizzazioni con un profilo culturale dell’epoca che verrà; pertanto è necessario che i loro rappresentati facciano un corso approfondito sulla bioeconomia per immaginare il lavoro del presente futuro, e non più sull’impiego di schiavitù. La società può evolversi assumendo un nuovo approccio culturale: guardare al lavoro come opportunità di crescita individuale, e chi non intende lavorare per farlo, è sufficiente che non intacchi l’autonomia e la libertà delle comunità sostenibili. Già oggi sappiamo che sarà impossibile dare lavoro a tutti, e non è neanche dovrebbe essere auspicabile poiché si produrrebbe un danno ambientale insostenibile. Chi ha bisogno di un salario minimo potrà averlo, cioè che conta realmente è lo stile di vita. Prima di tutto bisogna smetterla di puntare alla crescita del PIL, poiché la crescita tramite l’innovazione tecnologica ha distrutto posti di lavoro, ha favorito la globalizzazione e le accumulate risorse monetarie attraverso la distruzione degli ecosistemi. E’ sufficiente consultare il sito dell’Istat per controllare l’aumento costante dei valori assoluti del PIL e confrontarlo col numero pressoché costante degli occupati. Non c’è da meravigliarsi, Georgescu-Roegen aveva già dimostrato la fallacia delle teorie neoclassiche. Una stima dell’associazione taxjustice.net circa i capitali generati dalla finanza.

Pensare di usare le logiche delle lotte sindacali all’intero di apparati incancreniti, equivale a compiere il ruolo del criceto dentro la ruota. Le soluzioni sono solo radicali, non esistono vie di mezzo. Durante anni ’50 e ’70 il tasso di alfabetizzazione e specializzazione era talmente basso che gli operai difficilmente avrebbero potuto controllare le produzioni. All’inizio del nuovo millennio, come sappiamo, i laureati ambiscono a scappare dall’Italia per far crescere le multinazionali che hanno avviato la distruzione della nostra industria manifatturiera. Il lato positivo di questa vicenda è che le conoscenze che consentono di liberare l’uomo dalla schiavitù sono ampiamente disponibili, e questo consente ai laureati e agli operai di appropriarsi direttamente delle produzioni (un sogno prefigurato negli anni ’60, oggi è possibile). Secondo aspetto caratteristico: il tema qualitativo del lavoro, non tutti i lavori sono utili, non tutte le imprese sono utili. I Sindacati, sbagliando, hanno sempre difeso qualsiasi tipo di lavoro senza alcuna distinzione di carattere ambientale. Ormai dovrebbe essere noto che la bioeconomia apre opportunità a impieghi che si distinguono dagli altri per l’aspetto qualitativo ed etico, e per questa ragione chi propone una decrescita selettiva del PIL fa un discorso che ha due aspetti importanti uno morale e l’altro pragmatico, perché consente di eliminare dalla società tutti i consumi inutili, generati propri dagli impieghi che fanno regredire l’essere umano. Il lato pragmatico dovrebbe essere abbastanza facile da capire, un processo produttivo che elimina gli sprechi energetici è più efficiente, e se le trasformazioni sono programmate tutelando la capacità auto rigenerativa del capitale naturale, accade che il processo produttivo sarà destinato a durare per sempre. E’ implicito che tale processo ignora l’avidità, ignora la crescita del PIL, ignora la pubblicità e tutte le strategie inventate dall’epoca moderna delle multinazionali che stanno conducendo l’Occidente all’auto distruzione.

Le privatizzazioni d’infrastrutture e servizi strategici hanno rappresentato un attacco alla libertà e all’auto determinazione della sovranità popolare. Stato, operai e cittadini devono riappropriarsi di settori e indotti fondamentali per l’interesse generale, e devono espropriare fabbriche e industrie dotate di mezzi e tecnologie strategiche per la sopravvivenza del Paese, dalla meccanica all’informatica, dalla manifattura alle telecomunicazioni. La libertà e la capacità di restituire dignità agli italiani passa attraverso la piena applicazione della Costituzione italiana, prima che questa sia cancellata, e sotto il profilo pragmatico passa attraverso l’ampliamento del concetto di “bene comune” affinché le comunità di cittadini possano riprendersi il controllo dei servizi pubblici locali (acqua, energia, mobilità, riciclo dei rifiuti).

Nell’ambito della recessione che stiamo subendo le uniche attività produttive che hanno retto all’impatto della crisi economica, sono quelle ad alta innovazione tecnologica impiegata nell’uso razionale dell’energia, questo indotto ha persino frenato la crisi delle costruzioni edilizie, anche grazie agli incentivi delle detrazioni fiscali associate agli interventi di risparmio energetico. Sotto il profilo del pragmatismo vuol significare una sola cosa, all’interno della globalizzazione la risposta occupazionale più efficace proviene dalle politiche di bioeconomia in quanto garantisco processi produttivi ad alta efficienza e sostenibilità economica.

Un altro ambito che cerca di riprendersi è l’agricoltura capace di tutelare il territorio dandosi l’opportunità di produrre secondo cicli e regole naturali (agricoltura sinergica), capace di comunicare un messaggio fondamentale per vita umana: alimentarsi in modo sano vuol dire prevenire malattie e migliorare la qualità della vita.

Mettendo insieme tutti i pezzi del puzzle emerge l’opportunità di un cambiamento radicale della società ove le persone non dovranno più essere irreggimentate, ma potranno scegliere una vita più serena. Per consentire questa evoluzione lo Stato deve uscire dal capitalismo, riprendersi il controllo dello strumento monetario, introdurre la meritocrazia nella pubblica amministrazione (Enti pubblici, scuola, università) e consentire alle persone più capaci di formare una società che va ripensata partendo dalle fondazioni. E’ sufficiente osservare che intere comunità possono diventare auto sufficienti per cogliere il cambiamento radicale, e solo per realizzare questo obiettivo ci sarà bisogno di nuova occupazione utile. Stato e imprese devono appropriarsi dei mezzi tecnologici per tendere a questo obiettivo: liberare le famiglie dalla dipendenza degli idrocarburi e creare le condizioni culturali per sviluppare la creatività necessaria per tendere alla sovranità alimentare.

Una delle strade più concrete e alla portata degli italiani è proprio la rigenerazione dei centri urbani. Poiché le conoscenze per una conversione ecologica delle città sono quelle più diffuse, e contemporaneamente più osteggiate giacché le famigerate rendite di posizione e una giungla di leggi immorali e sbagliate non aiuta i percorsi di pianificazione partecipata; ma ciò non vuol che non ci si riesca, vuol dire che bisogna rimuovere gli ostacoli costruendo una massa critica fra gli abitanti, e usare le corrette progettazioni e le corrette tecnologie per migliorare la qualità della vita.

In questo discorso intorno a “decrescita e lavoro” c’è sempre un filo conduttore “nascosto” e molto importante per tendere alla felicità: la riduzione delle ore di lavoro per liberare l’individuo dalla schiavitù. In società ove l’uomo controlla le tecnologie queste servono a garantirgli vantaggi sociali, cioè coltivare relazioni umane di qualità, in famiglia e per dedicarsi ai propri interessi culturali ed artistici. La riduzione di ore di lavoro non significa un minore salario, cioè minore potere d’acquisto, ma al contrario lo Stato deve intervenire e riprendersi anche il potere di condizionare i prezzi e realizzare l’equilibrio fra salario, prezzi ed offerta. Facciamo un esempio: vivere in una casa autosufficiente significa auto prodursi l’energia, quindi eliminare i costi delle bollette e quindi ridurre posti di lavoro inutili. I posti “persi” vanno spostati verso la realizzazione dell’efficienza energetica e la bonifica di siti inquinati, ciò vuol dire investire in formazione e accettare il fatto di dover retribuire persone che probabilmente non potranno svolgere altri impieghi. Le tasse dei cittadini dovranno esser utilizzate per gestire meglio le risorse umane, garantire un sostegno e un’opportunità di inserimenti lavoratori in ambiti diversi da quelli precedenti attraverso la formazione. Sotto questo profilo le organizzazioni sindacali hanno un ruolo decisivo poiché il progetto – rigenerare le città – richiede manodopera maggiormente qualificata rispetto al passato, grazie all’uso di strumenti di misura più sofisticati che vanno dal rilievo per la conservazione del patrimonio esistente sino all’uso razionale dell’energia, fino all’impiego di materiali biocompatibili con la vita, tutto passando per l’analisi del ciclo vita che ci consente di capire l’impatto di piani e progetti. Altri due ambiti che stanno sviluppando progetti bioeconomici sono la manifattura del tessile e la mobilità intelligente. Per evitare che queste opportunità rimangano sogni irrealizzabili all’interno di un ambiente ostile poiché la maggioranza degli abitanti vive in condizioni di servitù volontaria, è necessario che, chi ha i mezzi culturali ed economici si convinca di fare massa critica, e concentrare le proprie energie in territori favorevoli, compatibili per concretizzare una società libera e sostenibile. Uno o più modelli realizzati sono gli elementi che generano il cambiamento per il resto della società.

creative-commons

Read Full Post »

L’élite porta avanti i suoi programmi globali con estrema efficacia e gli accordi commerciali TTIP (Transatlantic Trade Investment Partnership) e TPP (Trans Pacific Partnership) vanno avanti affinché le SpA rappresentate nel WTO possano giovare di accordi che sono l’espressione palese di un maggiore e migliore profitto attraverso la privatizzazione del mondo. L’Unione Europea dovrà solo ratificare accordi commerciali preparati dagli specialisti delle SpA. Oltre al TTIP le SpA propongono il TISA, un altro accordo commerciale globale che coinvolge altre aree geografiche.

I trattati si occupano di sicurezza degli alimenti, norme sulla tossicità, assicurazione sanitaria, prezzo dei medicinali, libertà della rete, protezione della privacy, energia, cultura, diritti d’autore, risorse naturali, formazione professionale, strutture pubbliche, immigrazione.

Nella sostanza si pensa di legittimare la creazione di aree a libero scambio che riguardano tutte le tematiche che influenzano la nostra vita. La volontà del WTO è quella di tutelare i diritti delle SpA e liberalizzare l’evidente sperpero di merci inutili; già oggi esistono aree libere commerciali, quella che si intende creare è la più grande al mondo mai proposta. La stessa UE è nata proprio per scambiarsi le merci, ed in tal caso il vantaggio sarebbe solo per le SpA americane che potrebbero distribuire le proprie merci nel mercato europeo con maggiore facilità. I danni economici sarebbero proprio per gli stati membri dell’UE che dovrebbero competere ancora di più con merci libere dai controlli. Se pensiamo all’agricoltura, anziché offrire garanzie ai nostri beni con determinati accordi metteremo a rischio la nostra sovranità alimentare.

Inoltre c’è il serio rischio che le SpA si sostituiscano ufficialmente alle pubbliche istituzioni dato che gli accordi – TTIP e TPP – dovrebbero introdurre un potere di denuncia a loro nome contro un paese firmatario la cui politica avrebbe un effetto restrittivo sulla loro vitalità commerciale. Nella sostanza un regime ove le aziende potrebbero opporsi alle politiche sanitarie, di protezione dell’ambiente e di regolamentazione della finanza reclamando danni e interessi davanti a tribunali extragiudiziari.

L’aspetto grottesco è che questi accordi si stanno chiudendo durante la fine di un’epoca ove il capitalismo ha dimostrato a tutto il mondo una capacità distruttiva per la sua intrinseca irrazionalità: economia del debito, deregolamentazione, neoliberismo, crescita del PIL e petrolio. Anziché realizzare una società dell’abbondanza fondata sull’equilibrio degli ecosistemi attraverso sistemi economici auto sufficienti (misura e gestione dei flussi energetici), l’élite persegue sulla strada sbagliata secondo una religione – la crescita infinita – che sta fallendo sotto gli occhi di tutti.

Read Full Post »

Nell’epoca del capitalismo nessun politico calato dall’alto avrà il coraggio di spegnere l’interruttore dell’immoralità. Mentre nessun partito pensa di riformare il processo decisionale della politica – riforma dei partiti, elezioni primarie per legge, democrazia diretta – per avvicinare persone libere, capaci e meritevoli alle istituzioni; persone che potrebbero svegliare altre coscienze addormentate, accade che dobbiamo ancora annoiarci col teatrino della politica, tutta. Una delle più grandi menzogne spacciate dai media e dai politici nostrani è che l’euro zona avrebbe promesso un miglioramento del benessere collettivo. I mantra della religione liberista sono crescita e competitività, com’è noto. Il cambio fisso dell’euro zona, il patto di stabilità e crescita, e il fiscal compact sono tutti strumenti che hanno sostenuto il processo di recessione avviato prima con lo SME, poi nel 1981 la separazione fra Tesoro e Banca d’Italia, e accelerato con la deregolamentazione bancaria e finanziaria, fino ad esplodere nel 2008 con la crisi dei mutui subprime che ha raggiunto l’euro zona. Gli Stati che aderiscono all’euro abdicano alla sovranità monetaria, cioè rinunciano ad una propria politica monetaria, e decidono di farsi condizionare dallo spread e dalle opinioni dei mercati finanziari. In Italia i soggetti politici sono persino incapaci di proporre piani industriali per creare nuova occupazione, nonostante l’aumento delle disuguaglianze economiche e sociali che colpiscono soprattutto il meridione abbiano raggiunto punte immorali e intollerabili.

I mercati finanziari hanno la loro religione: l’avidità e la crescita del PIL, pertanto accade che i fondi di investimento internazionali guidati da soggetti privati, favoriti dalla deregolamentazione globale, scelgono di investire i capitali seguendo la crescita del PIL, l’andamento demografico e lo sviluppo urbano dei singoli Stati. Rispetta a queste caratteristiche i fondi investono soprattutto nei paesi emergenti poiché garantiscono anche zone economiche speciali, infrastrutture fisiche e sociali rispetto ai capricci delle multinazionali. Pertanto i flussi sono indirizzati verso città regioni e paesi centrali. E’ sufficiente leggere le opinioni di questi investitori privati per scoprire l’acqua calda, i vantaggi di investire in Italia non ci sono poiché la globalizzazione sposta gli interessi verso i paesi emergenti. La disuguaglianza è pianificata. Il sito della Franklin Templenton Investments, oggi presieduta da Charles Bartlett Johnson e coadiuvata da un guru come Mark Mobius, può essere molto istruttivo per capire il pensiero dei mercati finanziari. Si tratta del più grande gruppo di management al mondo che sposta influenti capitali privati. Leggere i loro report può suggerire quali paesi cresceranno secondo le logiche del PIL. Sicuramente un personaggio come Warren Buffett rimane l’investitore più influente, noto anche come “il miracolo di Omaha”.

La scelta degli Stati  non dipende dalla loro democrazia, a volte sono regimi autoritari, monarchie, e spesso c’è un’assenza dei diritti sindacali e umani, poi c’è l’opportunità di sfruttare e usurpare risorse materiali; ecco questi paesi rappresentano una serie di vantaggi fiscali e di opportunità per massimizzare i profitti che non possono avere eguali rispetto agli USA e all’UE. I diritti civili e la cultura della democratica rappresentano un ostacolo oggettivo per i fondi d’investimenti privati. Consapevoli di questa enorme contraddizione fra avidità e democrazia, il progetto politico dell’euro zona rappresenta non solo una minaccia concreta per gli uomini liberi, ma è di fatto un progetto immorale, incostituzionale che pregiudica la sopravvivenza delle generazioni presenti e future. Non è tollerabile e tanto meno accettabile che la Repubblica italiana sia cancellata dalla storia per l’apatia dei cittadini stessi, manipolati, ingannati e traditi da dipendenti politici, nella migliore delle ipotesi incapaci e stupidi, nella peggiore traditori della Repubblica.

La depressione dell’euro zona e soprattutto dei paesi periferici dell’UE ha una radice politica culturale molto chiara: cessione della sovranità monetaria, assenza di una banca pubblica che faccia l’interesse pubblico, sgretolamento dello Stato sociale, un sistema contabile fiscale stupido perché i criteri della crescita impediscono di fare investimenti pubblici, assenza di una politica industriale utile allo sviluppo umano. Inoltre i famigerati mercati finanziari non hanno alcun interesse nel prestare capitali in luoghi ove non c’è la crescita secondo i dogmi della religione liberista. I paesi emergenti privi di regole sindacali e fiscali consentono opportunità speculative elevate, e quindi margini molto alti in poco tempo.

Nella sostanza, osservando la realtà possiamo constatare la fallacia della comunicazione politica che continua a blaterare di crescita e sviluppo, cerca solo di confondere le idee degli elettori, anche quando i politici si rivolgono in maniera patetica e ossequiosa verso i famigerati mercati. Nella realtà questi mercati ignorano le chiacchiere di questi utili idioti. L’UE così com’è non serve a nulla, neanche ai famigerati mercati, ma serve ai paesi “centrali” per drenare risorse (tasse), e serve a produrre disperazione, istigazione al suicidio, e povertà crescente nei paesi “periferici”. Quando i paesi “periferici” avranno raggiunto i livelli di povertà dei paesi emergenti, può darsi che i famigerati mercati finanziari avranno pietà e interesse nell’investire anche in Italia, in quel caso non ci saranno più gli italiani.

I paradisi fiscali e gli strumenti finanziari rappresentano il modo più efficace di far perdere le tracce e distribuire soldi per corrompere politici e, pagare la politica delle multinazionali SpA: guerre e controllo del debito. Intervista a Moisés Naìm, economista, direttore di Foreign Policy, già executive director della Banca Mondiale ed autore di Illicit:« Peccato anche che il numero dei territori che offrono servizi off shore cresca. Sì, arresteranno pure qualcuno, ma per ogni arresto “eccellente” ci sono mille nuovi canali illeciti che nascono, crescono e si riproducono alla velocità della luce. Non si tratta di catturare questa o quella persona, qui si tratta di un problema di sistema, “sistema mondo” intendo, che sta appunto minacciando l’equilibrio globale”»[1].

L’alta finanza ha creato paradisi bancari come Euroclear[2] e Clearstream[3] dove vige il segreto assoluto, conti su cui è possibile far comparire e scomparire il denaro occultandone la fonte di provenienza.[4]

L’organizzazione taxjustice.net ha creato un indice delle segretezza finanziaria, una ricchezza monetaria che sfugge alle regole fiscali nazionali, si tratta di un sistema globale che consente di non pagare tasse o pagarne poche grazie alle maglie larghe di leggi deboli e inefficaci. Secondo l’indice di taxjustice per il 2013 si è stimato che ci sono dai 21 ai 32 trilioni di dollari depositati nei paradisi fiscali, e si ipotizza che ogni anno circa 1-1,6 miliardi di dollari transitano illecitamente fra uno stato e l’altro. Si stima che, sin dal 1970, dall’Africa sono transitati senza pagare le tasse circa 1 trilione di dollari. Nella classifica mondiale della segretezza finanziaria nascosta al primo posto c’è la Svizzera con 2.000 miliardi di dollari confermandosi come il più grande centro off-shore al mondo con stime che arrivano a 7.000 miliardi di dollari, poi seguono Lussemburgo, Honk Kong, isole Cayman, Singapore, USA, Libano, Germania, Jersey, Giappone, Panama, etc. L’Italia è al 54° posto.

John Christensen:« […] Secondo le ultime stime, il capitale di privato depositato offshore è pari a 11.500 miliardi di dollari. Che cosa significa una cifra del genere? Questo esempio può darci un’idea della sua enormità: se questo capitale generasse un profitto modesto diciamo del 7% e se questo reddito fosse tassato a un’aliquota molto bassa, ad esempio del 30%, i governi del mondo avrebbero ogni anno un surplus di reddito pari a 250 miliardi di dollari, che potrebbero spendere per alleviare la povertà e raggiungere gli obiettivi di sviluppo fissati dalle Nazioni Unite.»[5]

Sicuramente in termini di giustizia sociale determinate istituzioni bancarie, grandi imprese e politici dovranno pagare il danno morale, sociale e ambientale che stanno causando a singole comunità, a singoli Stati, e all’umanità intera. Uscendo dall’inganno psicologico dell’economia del debito, mera invenzione e convenzione, sarà possibile ripensare le istituzioni, semplificandole e rendendole più efficaci. La soluzione a tutto ciò è il cambio radicale dei paradigmi di queste istituzioni obsolete, il ripristino della sovranità monetaria per favorire l’interesse della Repubblica e avviare un percorso di transizione, il passaggio della fine dell’era industriale verso una comunità fondata sul lavoro dell’equilibrio ecologico e non più sul profitto, un percorso volto a migliorare il nostro patrimonio culturale, architettonico e ambientale distinguendo il concetto di lavoro dal concetto di utilità. Un percorso che distingue i beni della merci e dove la comunità autoproduce e gestisce i beni direttamente.


[1] FERRUCCIO PINOTTI e LUCA TESCAROLI, Colletti Sporchi, BUR 2008, pag. 354
[2] www.euroclear.com
[3] www.clearstream.com
[4] MARCO PIZZUTI, Rilevazioni non autorizzate, Edizioni Il Punto d’Incontro, 2009 pag. 343
[5] in Report, Let’s make money, di Erwin Wagenhofer, andato in onda su RAITRE, 2012

Read Full Post »

Prima di ripetere cose scontate mi preme invitare giornalisti e politici che citano la “decrescita felice” di leggersi i testi che parlano dell’argomento per evitare loro figuracce. Prima di tutto, mai nessuno del Movimento per la Decrescita Felice (MDF) compie rinunce anzi è vero il contrario, cittadini che sperimentano ed accedono a nuove conoscenze utili alla crescita spirituale e materiale privilegiando la produzione di beni e la riduzione di merci inutili. Partiamo da un presupposto, i testi editi proprio dalle “edizioni per la decrescita felice” divulgano molte proposte che migliorano la qualità della vita dei cittadini, parlano di stili di vita, di tecnologie e di politiche. Non si tratta di idee innovative o nuove, ma di una filosofia politica ampiamente conosciuta poiché nasce dal concetto di “bioeconomia“, un concetto persino scontato dato che invita tutti a tener conto degli effetti negativi dell’entropia, principio fisico che si studia a scuola. Fu Aristotele a suggerire la distinzione fra economia e crematistica per spiegare come un’economia reale dovrebbe avere il fine ultimo la fabbricazione e lo scambio di beni utili agli individui ed alla società. Sappiamo bene che la televisione, la pubblicità, l’obsolescenza pianificata e la creazione del danaro dal nulla hanno come fine la soddisfazione dell’avidità di pochi. Gli ultimi trenta, quarant’anni sono stati caratterizzati dal nichilismo che mostra una società consumistica compulsiva spinta dall’industria finanziaria (bancaria) del fare senza scopo, comportamento ripetitivo inumano. Tutta l’economia classica ignora le leggi della fisica, e pertanto sembra persino banale mostrare come il pensiero politico occidentale delle rivoluzioni industriali abbia recato danni ambientali ampiamente prevedibili, e come sia del tutto scontato cambiare questo paradigma per tutelare i diritti degli individui poiché l’unica alternativa alla stupidità è la ragionevolezza, prerogativa degli esseri umani, cosi sembra. L’aumento dell’inquinamento industriale produce la morte per le specie viventi, col rischio di estinguere la nostra specie, mentre la Terra continuerà la propria evoluzione anche senza l’uomo. Prima delle rivoluzioni industriali l’impatto dell’uomo era commisurato alla capacità rigenerativa degli ecosistemi e la maggioranza delle attività antropiche usava energie rinnovabili, poi vennero le scoperte dei motori a combustione e l’opportunità di sfruttare questa energia nei settori industriali, e poi l’invenzione dell’automobile. Nikola Tesla mostrò nuove opportunità di sviluppo (corrente alternata, elettromagnetismo, trasmissione energia senza fili, etc.) con la diffusione di tecnologie intelligenti, ma le scoperte più interessanti furono scartate poiché avrebbero sostituito l’economia del petrol-dollaro, oggi quei brevetti sono serviti come spunto per altre tecnologie figlie delle sue intuizioni, mentre il “picco del petrolio” mostra la via inevitabile di un cambio epocale, ed apre le porte a scelte migliori e più sostenibili. La decrescita felice non è un obiettivo, ma l’inizio di un cambio di paradigma per approdare all’epoca della prosperanza, un’epoca dell’abbondanza frugale, non si tratta di un’opinione individuale, ma di una valutazione del periodo che stiamo vivendo, non si tratta di rinunciare a qualcosa, ma di vedere opportunità tenute nascoste dal potere invisibile. Oggi esistono tutte le tecnologie di cui gli esseri umani hanno realmente bisogno: auto produrre energia con fonti alternative, cibo (sovranità alimentare), mobilità intelligente, accesso alle conoscenze, abitazioni comfortevoli, tutto questo è possibile se la politica, se la polis intende prendersi lo spazio democratico che oggi non ha.

Fino ad oggi la tecnica brevettata (copyright e royalties), la tecnologia, è stata lo strumento per aumentare la produttività (impiego dei robot) e massimizzare i profitti degli azionisti grazie alla delocalizzazione industriale (sfruttamento di manodopera a basso costo ed “esternalizzazioni”), e l’invenzione di algoritmi matematici finanziari per scommettere sul destino delle Nazioni. Anche l’aumento della disoccupazione figlia dell’impiego dell’innovazione tecnologica era stata annunciata (Rifkin, la fine del lavoro). La tecnica delle regole bancarie è servita a produrre ricchezza dal nulla, usarla come un arma contro i popoli (economia del debito). Bisogna cancellare royalties e copyright e rifondare le istituzioni. Dal tempo dei greci sino al medioevo i popoli erano molto più liberi, l’invenzione delle banche, la televisione e l’uso odierno dell’informatica non hanno reso le persone più libere, oggi siamo ad un bivio: possiamo leggere la storia e capire gli errori del passato, ammettere la regressione mentale che stiamo subendo e ripartire svegliando le coscienze addormentate.

La quantità di energia che arriva ogni secondo sulla Terra è uguale al prodotto della costante solare per l’area di un disco che ha raggio eguale a quello della Terra (6370 km = 6,37×106m): 1350W/m2π(6,37×106 m)2 =170×109 MW. La potenza solare intercettata dalla Terra è 170 miliardi di megawatt. Energia per tutti, è tutta gratis. Abbiamo le conoscenze per usare al meglio questa energia, e dare lavoro in tanti ambiti ignorati e denigrati: conservazione dei beni culturali, rischio sismico, tutela del territorio etc. Tutte le specie viventi grazie a questo dono hanno un’esistenza normale senza la stupida invenzione dell’economia del debito, senza il fiscal compact o del patto di stabilità ribattezzato di stupidità, tutte idiozie create ad hoc dall’élite per schiavizzare i popoli. Anziché inventarsi l’immorale obbligo del pareggio di bilancio le istituzioni dovrebbero misurare l’uso razionale delle risorse, poiché la vita degli individui dipende solo da quello: dagli ecosistemi e dalla fotosintesi clorofilliana. La domanda non è quanto costa, ma ci sono le risorse per farlo? Fisica, chimica e biologia si insegnano nei Licei, cioè le conosce di base per una vita sana, semplice e razionale, sono ampiamente divulgate nei programmi di base. Le scelte politiche dei nostri dipendenti pagati con le nostre tasse non sono minimamente condizionate dalle conoscenze biologiche, anzi dicasteri dell’ambiente e dell’agricoltura sono senza “portafogli”, un dicastero della bioeconomia neanche ad immaginarselo. E questi giornalisti continuano a porsi domande demenziali: “a cosa serve la “decrescita felice”? C’è la disoccupazione in aumento figuriamoci la decrescita felice.”

Per essere maggiormente chiari possiamo lavorare 4, 5 ore al giorno (la domenica nessuno dovrebbe lavorare), ricevere un salario ugualmente dignitoso e trascorre ore coi nostri figli, perché il nostro scopo non è produrre merci inutili, ma raggiungere il benessere che non coincide con la massimizzazione dei profitti altrui, ma col nostro stato psicofisico e la qualità delle relazioni. Se viviamo in una città inquinata dai gas di scarico di auto e industrie figuriamoci cosa possiamo aspettarci, giusto? Come si concilia un salario di €2000/€2500 netti con 4 ore di lavoro? Si concilia, dipende solo dalla nostra volontà politica e dal proporre un cambio radicale. E’ sufficiente ricordare che negli anni ’60 fino agli anni ’80 le nostre famiglie erano prevalentemente monoreddito potendo accedere alla casa e fare un’esistenza più dignitosa di quella odierna. Non si tratta di tornare al capitalismo degli anni ’60-’80, ma di riconoscere che possiamo transitare ad un nuovo sistema che privilegia il fare bene rispetto al fare senza fine (vendere, vendere, vendere), e soprattutto in questo periodo fare meno e meglio (l’opposto dell’obsolescenza pianificata). Si tratta di un modello evolutivo – virtuoso – che rispetta le leggi della fisica e offre nuove opportunità di impieghi utili.

I danni di questa crescita infinita furono ampiamente preconizzati, oggi abbiamo l’opportunità di vedere questa crisi con maggiore consapevolezza e uscire da questa gabbia mentale invisibile creata da un’élite degenerata che ha saputo negarci un futuro sostenibile ponendo seri rischi sulle future generazioni. Possiamo riprenderci il nostro destino, se lo vogliamo!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: