Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘comunità’

Il capitalismo in quanto tale – l’implosione del sistema su stesso – e la cattiva organizzazione politica dell’Unione Europea stanno favorendo la disgregazione sociale delle comunità, e stanno aumentando le diseguaglianze a favore dei cosiddetti paesi “centrali”. La religione liberista adottata dall’UE aumenta le disuguaglianze territoriali, mentre la competitività capitalista favorisce l’agglomerazione in determinati Sistemi Locali a danno di altri. Determinate aree urbane estese accumulano i capitali (Sud Germania, pianura padana, area di Parigi, Barcellona e Londra, e talune zone economiche speciali in Polonia) mentre accelera l’abbandono delle aree rurali, con conseguenze sul rischio idrogeologico. Anche all’interno delle aree urbane aumentano le disuguaglianze economiche, e sociali con lo stimolo di zone marginali (le periferie prive di servizi e opportunità). L’UE è un organizzazione politica che lavora male sia perché applica l’ideologia neoliberista e sia perché non è un’istituzione democrazia rappresentativa, il potere è nelle mani di organi non eletti (BCE, Commissione, Consiglio, Euro gruppo …). L’ipocrisia e la contraddizione più evidente dell’UE sul proprio territorio è la coesistenza di zone economiche speciali (zes) espressione dello sfruttamento capitalista, con l’illusione di politiche di coesione per sostenere i territori depredati dal capitalismo stesso. Inoltre gli Stati si fanno concorrenza sleale, violando le regole che si sono auto attribuite (surplus commerciale, patto di stabilità, paradisi fiscali …). Gli sprechi nell’UE sono evidenti: un bilancio fuori controllo e poco trasparente, un budget insufficiente, la moltiplicazione di funzioni governative e di luoghi istituzionali non rappresentativi dei popoli ma influenzati dalle lobbies. L’UE dovrebbe essere un istituzione democratica con politiche socialiste e un’organizzazione federale dotata di strumenti di democrazia diretta. L’attuale UE liberista è destinata a sparire grazie all’indignazione popolare che potrebbe innescare un cambiamento delle istituzioni politiche, oppure una degenerazione e disgregazione generale. Un’altra ipotesi è che non cambierà proprio nulla grazie all’apatia dei cittadini, mentre i partiti populisti aumentano i consensi sfruttando i problemi sociali ed economici degli ultimi, e l’ignoranza funzionale delle masse.

Com’è noto il modello più democratico che esiste in Europa, è fuori dall’UE ed è quello Svizzero. In Svizzera esiste un equilibrio fra estensione geografica e amministrazione politica, vi sono ben 26 Cantoni autonomi con una propria Costituzione, che si auto governano integrando democrazia rappresentativa con strumenti efficaci di democrazia diretta, e fiscalità locale e generale ridistribuita ai Cantoni.

Per rimediare all’aumento dei disordini sociali e all’aumento delle disuguaglianze economiche prodotte dal pensiero neoliberista, chi guida le istituzioni europee dovrebbe proporre la riforma dei Trattati e introdurre politiche pubbliche socialiste, cioè la sovranità economica e politica dell’UE. Questo processo è molto complicato poiché la riscrittura dei Trattati abbisogna del consenso di tutti, anche di quei Governi che stanno traendo vantaggi economici dalle disuguaglianze economiche e di riconoscimento, come la Germania e quei piccoli Paesi dotati di zone economiche speciali. L’incapacità di auto riformarsi e queste contraddizioni favoriscono la crescita di forze politiche razziste e disgregative dell’UE. Un sincero percorso di auto riforma da parte di chi guadagna dallo status quo appare ingenuo. In questo contesto egoistico e conflittuale i cambiamenti sociali ed economici avvengono ugualmente. In Europa le agglomerazioni urbane si sono trasformate, e pertanto sarebbe saggio riconoscere il fatto che i sistemi locali rappresentano la più appropriata geografia politica per stimolare la coesione sociale, e per applicare la bioeconomia. I sistemi locali possono essere visti come i Cantoni svizzeri. In Italia esistono 611 sistemi locali, e all’interno si trovano le aree urbane estese (nuove strutture urbane, città nuove, in crescita) e le zone rurali in stato di abbandono. Si tratta di costruire il rescaling delle aggregazioni politiche locali (comuni), e in queste aree funzionali favorire lo sviluppo locale applicando principi e politiche bioeconomiche. Queste politiche sono capaci di contrastare le disuguaglianze poiché valorizzano le risorse locali partendo da un nuovo paradigma culturale, che rispetta l’ambiente e applica il metabolismo urbano e territoriale. La bioeconomia è un’innovazione culturale capace di produrre nuova occupazione, investendo in ricerca applicata per tutelare il patrimonio locale e introdurre tecnologie innovative frutto della manifattura leggera. Un esempio culturale maturo è rappresentato dalla famosa scuola territorialista, capace di elaborare piani di bioregioni urbane, e dare risposte interpretative molto corrette sia per le aree urbane estese e sia per le aree rurali, oggi in abbandono. Ad esempio, secondo Alberto Magnaghi, il piano della bioregione individua nuove categorie interpretative dei valori patrimoniali dell’ambiente, del territorio, del paesaggio e del milieu riferite all’intero territorio, come elementi fondativi di modelli socioeconomici autosostenibili; il piano propone nuove forme di rappresentazione identitaria (sperimentazione di tecniche grafiche, di poetiche, di stili descrittivi e comunicativi), che selezionano nella descrizione gli elementi costitutivi dell’identità dei luoghi costruita nei processi di territorializzazione di lunga durata; il piano compone il corpus di regole statutarie che definisce le condizioni genetiche e di riproduzione delle identità dei contesti locali, nel loro percorso coevolutivo fra insediamento umano e ambiente, espresse da invarianti strutturali, figure territoriali, norme figurate, ecc. Magnaghi enuncia che la trattazione integrata e interscalare degli elementi che compongono la bioregione urbana è essenziale per produrre progetti di territorio fondati sulla valorizzazione (piuttosto che sulla semplice conservazione) delle identità territoriali quali beni patrimoniali in grado di generare un nuovo “valore aggiunto territoriale”. Il compito progettuale riguarda il disegno di una organizzazione territoriale che sia in grado al contempo di riprodurre in modo equilibrato il proprio ciclo di vita e di elevare la qualità dell’abitare, urbana e territoriale, armonizzando fra loro fattori produttivi, sociali, ambientali, culturali, estetici per la produzione di ricchezza durevole, a partire dal riconoscimento delle nuove forme conflittuali e/o solidali e conviviali dell’abitare connesse alla crescita di “coscienza di luogo” e alla cura dei beni comuni che si danno nella galassia delle urbanizzazioni regionali.

L’UE dovrebbe riformarsi per abbandonare l’insensata religione della crescita infinita e adottare politiche bioeconomiche attraverso un sistema federale non più condizionato dal mercato. La banca centrale dovrà essere a servizio dello Stato, creando credito per gli investimenti socialmente utili (manutenzione del patrimonio esistente, rischio sismico e idrogeologico, scuole e ricerca), mentre le istituzioni dovranno affrontare le disuguaglianze con una riforma degli Enti locali territoriali. Non serve “l’Europa delle Regioni” ma l’Europa dei sistemi locali sotto le Province, poiché sono questi gli ambiti territoriali che possono favorire la rilocalizzazione delle attività produttive per ridurre le disuguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento. Istituzioni e collettività devono imparare a riconoscere il valore delle persone, e programmare piani e progetti capaci di affrontare problemi sociali e ambientali, perché sono indispensabili per lo sviluppo umano e ridurre le disuguaglianze territoriali. Se da un lato il capitalismo produce disuguaglianze e sottosviluppo, solo uno Stato civile che interviene nell’economia può ridurre questi squilibri. In questo modo si riduce la disoccupazione e si affrontano i problemi sociali, economici. Sono necessarie politiche pubbliche che solo uno Stato democratico può programmare per tutelare i patrimoni e finanziare la riduzione del rischio sismico e idrogeologico, così come sostenere i servizi sociali.

L’Unione europea, contrariamente a quanto si professa, non è un’organizzazione democratica ma è un ambito regionale centralizzato sotto il ricatto dei famigerati mercati e di un’élite degenerata. L’UE è la peggiore organizzazione politica che si possa pensare, sia perché gli Stati aderenti all’euro zona cedono la propria sovranità monetaria, e sia perché smettono di produrre politiche industriali virtuose secondo gli interessi generali. Il regime europeo è di tipo finanziario, ignora le leggi della natura e detesta l’auto determinazione dei popoli.

Per favorire un sistema politico efficiente, cioè che risponda ai diritti dell’uomo compatibilmente con le leggi della natura, è necessario copiare i sistemi biologici poiché ricalcano il metodo democratico fondato sul dialogo e sullo scambio reciproco. E così i sistemi locali possono essere ripensati in chiave bioeconomica favorendo interazioni spaziali di complementarietà che valorizzano le risorse e il sapere locale. Per sostenere il potere del popolo (democrazia) è necessario favorire l’auto determinazione e decentrare poteri e funzioni per poi federare i sistemi locali.

Dobbiamo prendere atto che nell’UE il reale rapporto che c’è fra spazio e potere è il controllo dell’élite europea circa gli interessi dei mercati finanziari, che si basa sullo sfruttamento capitalista di un mercato europeo di circa 500 milioni di persone costrette a comprare le merci delle multinazionali. Tutto il resto, cioè libertà, diritti umani, civili e politici e altro, è accessorio o d’intralcio. L’inganno del sistema politico europeo non si limita ad aver tolto sovranità agli Stati, ma ha contribuito a far credere e legittimare forme elettorali rappresentative dove gli eletti non hanno gli strumenti per governare i territori e non decidono sul destino dei popoli (deterritorializzazione). I cittadini italiani, eleggendo direttamente i propri Sindaci credono che costoro possano fare politica quando nella realtà essi sono solo amministratori. Il reale potere è nei contratti giuridici delle SpA locali che gestiscono i servizi pubblici. Inoltre sappiamo bene che i parlamentari sono nominati, e non sono mai stati scelti direttamente dai cittadini. Infine, le direttive europee sono scritte da tecnocrati (Commissione e Consiglio) mentre il Parlamento europeo non ha il potere esclusivo di promulgare le leggi. L’UE rappresenta un’oligarchia di poteri (MES) e professa la rifeudalizzazione della società; l’élite professa la competitività e la crescita continua (accumulo di capitale), ma la natura non compete resta in equilibrio e ricicla, la natura non accumula capitale e dona l’energia poiché è gratis. Secondo la religione neoliberale la globalizzazione deve favorire le multinazionali che predano le risorse locali.

Cambiando la natura giuridica dello strumento monetario a favore della teoria endogena, e federando i sistemi locali applicando la bioeconomia, accade che mutano le relazioni spaziali poiché si rafforza l’interesse delle comunità e l’economia reale dei territori. E’ in questo modo che si favorisce una politica di coesione sociale e si crea occupazione utile. Un primo passo concreto è la sperimentazione di bioregioni urbane nei sistemi locali e la riorganizzazione delle competenze territoriali dove un ufficio di piano progetta il piano urbanistico intercomunale bioeconomico. Il cambiamento dei rapporti di potere a favore dell’auto determinazione e degli interessi locali avviene proprio attraverso il progetto che prevede processi di riappropriazione e uso razionale delle risorse (rigenerazione urbana, cibo, energia, acqua, trasporti, cultura, connettività).

La politica di globalizzazione neoliberista dell’UE deterritorializza e distrugge l’economia reale locale, invece una politica bioeconomica territorializza e favorisce l’economia reale locale creando occupazione utile.

Per avere un’idea verosimile del peso economico, e cioè degli investimenti necessari solo in Italia è sufficiente ricordare che il Governo stesso nel 2011, solo per intervenire sulla riduzione del rischio idrogeologico, stimò circa 40 miliardi di euro. Intervenire nelle 26 città in contrazione servirebbero circa 56 miliardi (stima a ribasso) per rigenerare i quartieri di edilizia moderna (il famigerato boom economico), mentre intervenire nei sistemi locali servirebbe il doppio degli investimenti immaginati per le città in contrazione. Per la prevenzione del rischio sismico, nel 2013 gli ingegneri hanno stimato 93,7 miliardi per le case di tutti gli italiani, mentre l’Oice ha stimato 36 miliardi per interventi di adeguamento. Restando nel piano ideologico dell’economia del debito non ci saranno questi investimenti, basti osservare gli spiccioli a debito del famigerato piano Junker, ed è necessario, non solo ripristinare la sovranità, ma uscire dalla religione della crescita, poiché gli investimenti che servono alla specie umana non necessariamente creano un ritorno economico per gli investitori. La moneta dovrà essere a credito. In tal senso una parte della letteratura economica che riconosce i limiti dell’economia neoclassica ortodossa (ignorare l’entropia), immagina di collegare la teoria bioeconomica di Georgescu-Roegen con la teoria post-keynesiana (moneta endogena e domanda effettiva) al fine di proporre un modello macro economico e politico migliore di quello attuale che crea squilibri, povertà e recessioni. Ad esempio, le necessità sopra elencate (prevenzione del rischio sismico e idrogeologico) rientrano nella domanda effettiva che si può sostenere solo con investimenti pubblici a credito.

creative-commons

sistemi-locali-tra-centralita-territoriale-e-dinamica-economica

Annunci

Read Full Post »

Vi ricordate la famosa frase il lavoro nobilita l’uomo? Oppure il mantra dei sindacati il lavoro produce ricchezza! Sono slogan che appartengono a un’epoca che sta terminando. Il capitale si sgancia dal lavoro, come è stato documentato da Piketty. Sarà la fine del lavoro, come preconizzò Rifkin? L’affascinante teoria è anticipata dai romanzi sui robot con Isaac Asimov nel 1950, poi è proseguito con le prime automazioni nelle fabbriche durante gli anni ’70, e poi le prime linee produttive informatizzate durante gli anni ’80. Oggi le macchine sostituiscono tutti gli operai nelle linee produttive e di assemblaggio, i prossimi licenziamenti ci saranno in tutta la logistica, sostituiti da umanoidi e anche nell’esercito, successivamente troveremo umanoidi anche nell’industria delle costruzioni, e nell’assistenza medica e sociale (lo so sembra un ossimoro robot sociale). Il film L’uomo bicentenario non è utopia, così come il film Elysium ove i ricchi hanno tutto, e usano gli umanoidi nell’esercito e nell’assistenza medica.

Nei prossimi vent’anni i computer potranno ridefinire il mondo dell’occupazione. E rendere obsoleto il 47% dei posti di lavoro. Le macchine stanno imparando a guidare e a riconoscere le emozioni dalle espressioni facciali. I droni effettuano consegne e il robot Brett è in grado di imparare le operazioni ripetitive delle catene di montaggio. I computer ormai sanno interpretare i contesti e a valutare le informazioni.

Entro i prossimi cinque anni, rivela uno studio del Forum economico mondiale, 5 milioni di persone rischiano di essere sostituiti da automi governati da sofisticati algoritmi.

Francamente sapere che un uomo non venga più sfruttato come un robot, ritengo sia un’evoluzione e un impiego corretto delle macchine, ma come preconizzò Heidegger l’uomo non sembra essere in grado di controllare la tecnica, col serio rischio che la tecnica prenderà il sopravvento sulla specie umana. Il fatto che le macchine sostituiscano le persone in impieghi troppo faticosi trova il favore anche di Chomsky, il più importante linguista del Novecento. Pallante direbbe che sarebbe utile «ridefinire il significato del lavoro nella sua complessità, superando la sua riduzione alla dimensione dell’occupazione, cioè della partecipazione alla produzione di merci in cambio di un reddito monetario, per ridare diritto di cittadinanza al lavoro finalizzato ad autoprodurre beni, all’economia del dono e al lavoro creativo».

Dal punto di vista economico l’aspetto inquietante è che la classe politica è del tutto inerte di fronte alla prospettiva di nuovi milioni di disoccupati, poiché il sistema che hanno inventato non prevede l’opportunità della fine della schiavitù. E pertanto dovrebbero pensare di accettare il fatto di ripensare il cosiddetto sistema sociale, sia ripristinando il potere di emettere moneta a credito nelle mani dello Stato, e sia partendo dalla teoria endogena della moneta, di fatto ribaltando l’obsoleto modello economico neoclassico su cui è costruita la religione neoliberale.

Che la tecnica abbia preso il sopravvento, in parte è già accaduto con la stupida finanza e la pubblicità che controllano l’economia globale e schiavizzano i popoli. Inoltre che il capitale si stia separando dal lavoro, è ampiamente documento da Piketty nel suo Il capitale nel XXI secolo, e inoltre basta osservare le borse telematiche e il valore di capitalizzazione rispetto alla tipologia delle imprese. E qui ricorro a un altro famoso film, Matrix, utile a osservare che viviamo già in una realtà virtuale e il software si chiama invenzione dell’economia. Il governo globale non è controllato dalla saggezza delle specie umana ma dai capricci delle imprese private, che fanno un ampio uso della telematica e dell’informatica per manipolare e nascondere. Il capitalismo è la peggiore religione che si possa ideare per schiavizzare i popoli facendo credere loro di dover vivere per lavorare, di dover rubare risorse alla natura per costruire e vendere merci inutili. L’evoluzione robotica delle imprese ha poi sostituito gli schiavi umani con le macchine. Creati nuovi disoccupati per la perdita degli schiavi, il problema per la religione capitalista è non ridurre i consumi di merci inutili. La risposta ha diversi titoli: “assegno universale di sostegno”, “assegno di disoccupazione”, o “reddito di cittadinanza”. Nel mondo privatizzato dal capitalismo che ha mercificato ogni cosa, la risposta è sempre banale, cioè distribuire mance alla servitù entro la soglia di sopravvivenza sostenendo i consumi che interessano alle imprese e alle multinazionali. Fateci caso, chi chiede questa mancia al sistema immorale capitalista sono le cosiddette forze politiche di opposizione, ma tale idea di dare la mancia al popolo nacque nei pensatoi neoliberal consapevoli del fatto che prima poi le macchine avrebbero creato nuovi disoccupati. Ciò dimostra, se fosse ancora una volta necessario, che i soggetti politici che osserviamo nel teatro politico, non solo sono inutili allo sviluppo umano ma favoriscono la regressione culturale dei popoli.

Presentata ingenuamente o abusivamente da alcuni attivisti con le connotazioni di un’idea di “sinistra”, questa rivendicazione sembra, in realtà, totalmente trasversale allo spartiacque tradizionale. Così l’assemblea costituente del “Movimento francese per un reddito di base” si è svolta sotto la direzione congiunta di una personalità come Patrick Viveret, classificato tra gli intellettuali alter-mondialisti, e quella di Christine Boutin, presidente del “Parti chrétien-démocrate (Partito Cristiano-democratico), di destra. In effetti, questo progetto di reddito incondizionato ha le sue radici molto più nel pensiero liberale e ultra-liberale, come vedremo. Recentemente, Laurent Joffrin, il famoso (in Francia) direttore del quotidiano Libérationsi è entusiasmato per questa idea di “reddito incondizionato”, sotto l’influenza di una stella ascendente dell’ultra-liberalismo in Francia, Gaspard Koenig, che è il creatore delthink tank liberale “GenerationLibre”(Generazione libera).

Il 22 luglio 2015, Laurent Joffrin ha spiegato nel suo giornale che la proposta è stata“originariamente concepita da Milton Friedman e destinata non solo a eliminare la grande miseria, ma anche di riformare da cima a fondo uno Stato-provvidenza che questi intellettuali considerano obeso e inefficace”. Ricordiamo che Milton Friedman è uno dei più famosi esponenti del liberalismo economico. È il fondatore della Scuola di Chicago, che ha diffuso le idee ultraliberali in tutto il mondo.

Sempre Pallante: «per migliorare il benessere dei bambini e dei genitori, per migliorare il benessere sociale derivante dal benessere delle famiglie, occorre ridurre il tempo che si dedica alla produzione di merci e aumentare il tempo che si dedica alle relazioni uma­ne. Il miglioramento del benessere individuale e sociale passa attraverso una decrescita del pil. Ma una decrescita selettiva, che distingua le merci in base alla loro utilità e al loro impatto ambientale». Se usciamo dalla schiavitù del produttivismo possiamo agevolmente comprende che al concetto di lavoro dobbiamo associare il concetto di utilità. La sopravvivenza della specie umana dipende dalla fotosintesi clorofilliana e dall’uso razionale delle risorse finite, non dalla finanza e tanto meno dal consumo di merci inutili. Il software della religione capitalista, inserito come credenza nei nostri programmi scolastici e universitari sta distruggendo la nostra specie. La tecnica, da un lato mostra opportunità e dall’altro lato mostra seri rischi. Per individuare percorsi evolutivi dobbiamo ricorrere a due teorie molto valide, la prima è notissima, scritta nei primi capitoli del Capitale di Marx  e riguarda la distinzione fra valore d’uso (beni) e valore di scambio (merci), aggiornandolo alla distinzione fra beni e merci, e suggerendo il fatto che i beni vanno sottratti alle logiche del mercato. La seconda teoria riguarda i sistemi sociali, cioè la società, che può evolversi imitando i processi auto poietici, cominciando a diffondere e praticare nuovi valori (la tutela dei beni, l’auto sufficienza energetica, la sovranità alimentare) e contaminare il resto della società per liberarla dal dogma della crescita continua. Possiamo usare le tecnologie (auto sufficienza energetica sfruttando le fonti alternative) per consentire ai cittadini di appropriarsi dei mezzi di produzione e ridurre lo spazio del mercato ma aumentare quello della comunità (scambio dei surplus energetici). Si tratta di un nuovo sistema sociale capace di auto regolarsi e auto gestirsi in maniera consapevole per tutelare le risorse locali e offrire prosperità. Il valore di questo sistema sociale non si misura col valore di scambio, e tanto meno con i soldi, ma si misura col valore d’uso che non si può comprare e vendere col denaro. E’ l’utilità sociale la misura delle azioni ma soprattutto è l’infrastruttura rigida del nuovo modello sociale auto poietico. In questo sistema biologico la prosperità è garantita dall’uso razionale delle limitate risorse naturali poste fuori dal mercato, non si possono comprare e vendere, e sono a disposizione delle comunità nella misura delle capacità auto rigenerative dettate dalle leggi naturali, dalla fisica. In questo tipo di società non si vive per lavorare, ma il contrario. Chi vuole lavorare lo fa per utilità sociale e per dare un contributo all’evoluzione della comunità attraverso la propria creatività, il lavoro è una forma di altruismo, cioè l’opposto della società capitalista dove il lavoro è merce e gli sfruttati sono condizionati per accumulare denaro come forma egoistica. Nella società prosperosa esiste ancora la moneta, ma non è ricchezza, non è lo scopo, ma è solo il metro di misura delle azioni di scambio, ed occupa un ruolo marginale. Nella società prosperosa non esiste l’economia del debito, non esistono titoli di stato da comprare e vendere, non esiste la speculazione finanziaria, e tanto meno i famigerati mercati delle borse telematica, è stato tutto cancellato e arrestati i criminali che truffavano i popoli attraverso l’invenzione di sistemi bancari occulti e offshore. La moneta è di proprietà dello Stato e viene creata per pubblica utilità, non esiste rischio di speculazione poiché la quantità è commisurata ai limiti delle risorse e alle esigenze di bisogni reali (non per i bisogni indotti), e non dei capricci delle imprese per favorire consumi inutili, e una parte viene bruciata dallo Stato in caso di eccesso, in questo modo i prezzi si tengono stabili poiché non c’è competitività o rincorsa alle vendite, nessuno produce per aumentare le vendite ma per offrire servizi e merci utili. Anche in questa società esiste l’effimero ma è contenuto, occupa un ruolo marginale ed è l’opposto del capitalismo dove l’effimero occupa un ruolo strategico per sostenere la produttività.

La premessa fondamentale alla teoria sociale è che l’uomo sia razionale e auto cosciente. In questa premessa c’è il nostro problema. La maggioranza degli uomini non è affatto auto cosciente poiché manipolata e psico programmata dalla religione capitalista. La recessione che stiamo subendo per l’implosione del sistema offre spunti di riflessione, e libera le persone dalla schiavitù poiché vanno in conflitto con se stesse e col sistema. Il serio rischio è che le forze politiche trovino soluzioni per tenere in vita il cancro capitalista attraverso vecchi sistemi. C’è chi ipotizza il reimpiego delle politiche keynesiane, e chi ritiene di conservare lo status quo. Esiste anche un’altra ipotesi, molto più coraggiosa e radicale e cioè cogliere l’opportunità di programmare una transizione politica, economica e sociale per uscire dal capitalismo sfruttando le nuove tecnologie e approdare sul piano della bioeconomia.

Sarà la fine del lavoro, come preconizzò Rifkin? No, secondo il mio modesto parere, sarà la fine di determinati lavori, e l’inizio di altri impieghi. Nella società della prosperità non esistono disoccupati, poiché non c’è la necessità di cercare un posto di schiavitù come accadeva per la religione capitalista. Qui le persone sono libere di scegliere i propri percorsi di crescita spirituale e materiale, e sono stimolate a scoprire i propri talenti, poiché ognuno ha il suo talento e deve solo investire il proprio tempo per scoprirlo e mostrarlo. L’intero sistema educativo, una volta ideato dall’industria per favorire la produttività, è stato ripensato per favorire lo sviluppo umano, non esistono più classi dove le persone irregimentate e divise per età, ma si incontrano per sviluppare i propri interessi e le potenzialità creative. Sono gli stimoli e gli interessi che formano i corsi di studio e si avanza per idoneità su gradi di conoscenza e di consapevolezza; non esistono voti o punteggi. Con questo sistema le persone accedono a livelli di conoscenza in maniera più veloce.

Vogliamo vedere un esempio di corretto uso delle tecnologie per favorire impieghi utili? Oltre alla rigenerazione urbana bioeconomica, esiste un altro indotto straordinario, è la mobilità privata che dovrebbe perseguire diversi obiettivi parallelamente per prevenire l’inquinamento: pubblicizzare la vendita di biciclette, migliorare i trasporti pubblici, ridurre il numero di auto circolanti (sono decisamente troppe) e in fine sostituire tutti i motori a scoppio con quelli elettrici. La sostituzione dei motori favorisce gli artigiani meccanici e non l’industria delle auto mobili, che invece riduce le vendite attraverso una saggia politica di sostenibilità.

La descrizione di questa nuova società si può realizzare pianificandola. I sistemi locali del lavoro sono gli ambiti territoriali idonei a questa trasformazione del pensiero, e possiamo colpire il distruttivo sistema capitalista modificando i poteri dello Stato e la natura giuridica della moneta, programmando la rigenerazione dei territori e delle aree urbane. Lo scopo della nostra specie non è l’accumulo compulsivo di denaro e merci, questo è noto a chiunque, ma ci vuole il coraggio di prendere una decisione epocale. Se ai decisori manca questo coraggio, e questo coraggio manca altrimenti avrebbero già avviato la transizione, allora vanno sostituiti al più presto, senza perdere altro tempo. Parallelamente bisogna creare movimenti e raccogliere aiuti finanziari per costruire la transizione realizzando comunità auto sufficienti.

creative-commons

Read Full Post »

Estratto da “Qualcosa” che non va, pag.90.

Esiste una straordinaria opportunità di reale sviluppo per gli esseri umani. Un esempio: il territorio del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano (SA), circa 181.000 ettari ormai depopolati poiché ha una densità di 84 ab/kmq. Questo territorio potrebbe essere un primo esempio di reale crescita applicando la sovranità alimentare e l’indipendenza energetica con l’uso di fonti alternative e tutto questo può accadere anche con un piccolo incremento di popolazione, circa 20-30 mila abitanti provenienti da ogni regione d’Italia o d’Europa per integrare la cultura contadina col know-how di nuovi modelli organizzativi, gestionali e comunicativi (biblioteche civiche comunali, nuove agorà, Esco, reti libere, autoproduzioni …). L’integrazione culturale può arrestare l’abbandono delle terre e di territori non considerati dalla cultura demolitrice della crescita infinita e dell’ossimoro sviluppo sostenibile. L’integrazione culturale può aiutare gli abitanti locali nel saper conservare e tutelare il territorio alimentando la speranza di comunità non più isolate, ma vive, genuine e più felici grazie alla prospettiva di un ritorno a casa di giovani emigrati abbagliati da un finto sviluppo e più felici per le nascite di nuovi esseri umani in famiglie unite nei reali valori (etica).

Bisogna evidenziare che tale prospettiva ribalta totalmente la cultura dominante che scambia la crescita industriale, materialista, come progresso e disprezza la natura e la vita di campagna. Questa prospettiva indica lo sviluppo fra le piccole comunità, in armonia con la natura ma tecnologicamente avanzate grazie all’uso di un mix-tecnologico e di reti di comunicazione avanzate per scambiarsi e donare le conoscenze socialmente utili. Comunità che vivono la polis e decidono direttamente. Comunità che si alimentano di cibi sicuri ed autoprodotti rispetto ai cittadini-metropolitani che possono essere intossicati da cibi industriali e meno controllabili.

Nel 1891 (cioè dopo trent’anni di furti, tasse maggiorate al Sud, spesa statale solo al Nord) il reddito pro-capite della Campania è ancora superiore a quello nazionale. […] «Da quasi tredici secoli i Meridionali sono uniti, essi sono pacifici come i popoli veramente civili, il loro sistema economico mira più al benessere sociale che al profitto di pochi, l’amministrazione pubblica è oculata e ponderata, la pratica religiosa colora i loro caratteri» riassume Vincenzo Gulì (Il saccheggio del Sud). […] I prodotti pregiati dell’agricoltura meridionale, per dire, son troppo cari per il resto d’Italia. Solo 11,8% delle esportazioni e l’8,5% delle importazioni delle Due Sicilie è con gli altri stati preunitari, perché «l’economia meridionale apparteneva al circuito commerciale che la ricollegava saldamente ai paesi del Nord e del Centro Europa». Soltanto dopo l’occupazione, il saccheggio e l’inutile resistenza armata, i meridionali cominceranno a emigrare, a milioni.[1]

Secondo i dati ISTAT nelle quote di occupati per settore di attività economica[2], in Italia, solo il 3,8% si occupa di agricoltura, il 29,2% è nell’industria e ben il 67% è occupato nei servizi. In Campania il dato è diviso così: 4,1% agricoltura, 23,5 industria e 72,4% servizi. I dati sono ancora più drammatici se andiamo a verificare le fasce di età. Esiste il serio rischio che fra 10 anni e poi fra 20 anni nessuno si occuperà della nostra alimentazione perché non sembra esserci un ricambio nel settore agricolo. Il dato è drammatico sia per l’evidente squilibrio nelle proporzioni degli impiegati nel mondo del lavoro e sia per la tipologia di attività a volte superflua, quella dei servizi. I dati dicono che i cittadini non curano la propria alimentazione, preferiscono il superfluo (servizi) e soprattutto non sanno prodursi il cibo. Questo dato inquietante può diventare la scommessa positiva del presente-futuro avviando un processo culturale che conduca le comunità locali ed i cittadini verso l’approccio permaculturale e trasformare i disagi in opportunità. Infatti è possibile creare società agricole ad azionariato diffuso dove i cittadini possono acquistare terreni con vecchie cascine per sperimentare orti sinergici[3] e scambiare le eccedenze in una “rete sociale rurale”. Con le odierne tecnologie è concretamente possibile progettare intere comunità, partendo anche dai piccoli comuni abbandonati, indipendenti dal punto di vista energetico ed economico applicando anche la sovranità alimentare, si può partire dai bisogni primari: cibo, casa, energia, acqua, istruzione (diritti dell’uomo). Oggi esiste anche una Rete nazionale per lo sviluppo rurale[4] che potrebbe aiutare qualche cittadino seriamente intenzionato nell’innovare la propria azienda agricola.

Inoltre, esiste una rete denominata wwoof[5]: lo scopo di wwoof è di creare conoscenza e interesse verso uno stile di vita biologico e biodinamico. Oltre a ciò wwoof offre la possibilità di viaggiare in tutto il mondo in modo economico ed allo stesso tempo di dare un aiuto dove è richiesto e dove se ne presenta la necessità.

In fine, per le comunità, intese come quartieri, piccoli centri abitati o intere città esistono i circoli del Movimento per la Decrescita Felice che propongono il cambiamento di paradigma culturale, riappropriarsi del territorio, trascorre più tempo con le persone che si amano, usare le tecnologie della decrescita (quelle che fanno calare il PIL ma migliorano la qualità della vita), vivere reciprocamente, riscoprire il saper fare, praticare la cultura della transizione energetica, cioè liberarsi dalla dipendenza degli idrocarburi e vivere in armonia con la natura, sempre con un approccio olistico e permaculturale.

Maria Concetta Manfredi nella relazione introduttiva circa le fattorie didattiche come modello di economia sociale tra formazione e relazionalità[6], cita: il Consiglio dei Giovani Agricoltori, attraverso un’indagine, ha fornito dei dati inerenti la percezione da parte dei giovani riguardo l’agricoltura e i prodotti della terra: il 50% dei giovani non sa da dove viene lo zucchero, il 75% ignora l’origine del cotone, il 40% collega il pane al grano e alla farina. Nel caso dei ragazzi italiani, quest’ultima percentuale scende al 12%. Inoltre il lavoro dell’agricoltore viene considerato dal 75% dei ragazzi come un lavoro duro, sporco, anche se, di fatto, non sono mai stati in fattoria. Per cui lo scenario che emerge da questo quadro è che le nuove generazioni, nate e cresciute in ambiente urbano, ignorano quali siano le origini degli alimenti, quale sia il ruolo dell’agricoltore, non colgono il legame che unisce ambiente, agricoltura, alimentazione e salute e non hanno il senso fisico della conoscenza, ovvero quell’approccio sensoriale che consente di attuare esperienze concrete con la realtà che ci circonda.


[1] PINO APRILE, Terroni, Piemme 2010, pagg. 103, 106

[2] ISTAT, rivelazione sulle forze lavoro, media 2009, 28 aprile 2010 http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20100428_00/testointegrale20100428.pdf

[3][3] L’ Orto Sinergico è un metodo elaborato dall’ agricoltrice spagnola Emilia Hazelip, attiva soprattutto nel centro ”Las Encantadas”, sui monti Pirenei, in Francia. L’ idea di creare un orto sinergico si ricollega al filone della Permacoltura (coltura permanente, eterna, equilibrata ed inesauribile, non consumistica) ed alle ricerche relativamente recenti sull’ impoverimento del suolo a causa dell’abuso-uso agricolo meccanico-chimico da parte dell’ uomo (per esempio quelle dell’ agronomo giapponese Masanobu Fukuoka). Hazelip ha strutturato un metodo di coltivazione che promuove meccanismi di autofertilità del terreno, senza bisogno di arare oppure di concimare, ne di separare le piante (pur facendo attenzione a collegarle in modo compatibile e collaborativo tra loro).

A differenza delle usuali coltivazioni agricole industriali, in un orto sinergico le piante perenni convivono con le piante stagionali, e la stessa verdura e’ presente contemporaneamente a diversi stadi (persino decomposta a nutrire uno stesso esemplare in fiore).

[5] http://www.wwoof.it/it/aboutit.html

[6] RETE NAZIONALE PER LO SVILUPPO RURALE, l’altra agricoltura… verso un’economia rurale sostenibile e solidale, Quaderni, ATI INEA Agriconsulting, maggio 2009, pag. 97

Read Full Post »

Milioni di cittadini stanno svolgendo incontri, dibatti creativi, alcuni di essi stanno producendo esempi, modelli e buone pratiche, questa immensa socialità, convivialità è accomunata da un valore: iniziare a vivere da esseri umani secondo nuovi modelli di sviluppo, un nuovo paradigma culturale. Le relazioni sociali degli incontri sono basate sulla condivisione e sull’approccio olistico, essi stanno producendo il cambiamento di cui ha bisogno la società umana e stanno producendo un’evoluzione spontanea accelerata anche dai contenuti presenti nella rete di internet. Una nuova società può nascere, ed in alcune comunità sta già accadendo, praticando nuovi stili di vita più vicini all’economia ideata da Aristotele.

Il singolo individuo non basta a sé stesso. La sua natura lo porta ad unirsi sia con la donna sia con altri suoi simili. L’unione con la donna fa nascere la famiglia, che ha il fine di soddisfare i bisogni quotidiani. Ma nemmeno la famiglia basta a sé stessa ed è quindi naturale che più famiglie si associno per dar vita ad un villaggio. […] Alla base di questa tendenza comune, secondo Aristotele, è la natura dell’uomo, che è socievole, e che è fatto per vivere nelle città. Per questo lo chiama anche animale politico. La parola che lega ed insieme da un senso alla vita in città è lògos: ragione e discorso, ragione discorsiva e dialettica; diverso è il lògos dal muggito e dal grugnito di un animale, una ‘voce’ che può esprimere solo piacere e dolore. Il lògos consente di discutere su cosa è giusto ed ingiusto, bene o male. […] Il capofamiglia è la figura centrale della società politica descritta da Aristotele. Essendo la massima autorità della famiglia egli deve provvedere al suo mantenimento e conoscere a fondo l’arte degli acquisti, la crematistica (da chrèmata, che significa gli averi). Questa sapienza particolare è indispensabile per il buon vivere e regge l’indispensabile attività dello scambio dei beni che è uno dei motivi principali del costituirisi delle città. Ma a questo tipo di sana crematistica, si oppone la sua degenerazione che è l’accumulazione di beni e denaro, che Aristotele considera ingiusta e vergognosa, indegna di uomini liberi ed equilibrati. E’ questa crematistica la vera economia moderna, che tuttavia origina proprio dalle città, dallo sviluppo dei mercati e dalla nascita di un capitalismo mercantile antico.
Non tutti lo sanno, ma la prima distinzione tra valore d’uso e valore di scambio di un oggetto, categorie ampiamente usate da Marx, risalgono ad Aristotele, che ne svolse un acutissimo esame.

In Italia il Movimento per la Decrescita Felice coi suoi circoli locali e l’Arcipelago Scec rappresentano il concreto cambiamento verso stili umani, analoghi gruppi stanno avviando lo stesso percorso che si muove su tre passi complementari: gli stili di vita, la politica e le nuove tecnologie. Le persone auto producono e vivono applicando la sostenibilità ambientale considerando le risorse e non la moneta. Diverse amministrazioni politiche locali hanno elaborato piani e proposte riconsiderando l’attuale modello di sviluppo sapendo che l’energia è vita e che le attuali trasformazioni energetiche sono obsolete e non sono compatibili con gli esseri umani. Nuove tecnologie stanno entrando nell’uso quotidiano, motori elettrici figli del genio di Tesla, sistemi di mobilità realmente ecologici come il treno a lievitazione magnetica e le auto elettriche condivise (car-sharing) sono il presente e non più il futuro. Le comunità riscoprono l’importanza vitale dell’agricoltura sinergica e non si fidano più dei prodotti commerciali delle SpA poiché usano semenze modificate geneticamente per ragioni di profitto. Nel settore delle costruzioni vengono applicati standard sull’uso razionale dell’energia e crescono i progetti di case in legno (fonte rinnovabile). Una nuova coscienza comprende di agire direttamente raccogliendo informazioni indipendenti e condividendo le conoscenze socialmente utili per creare una rete empatica, viva, che poggia su valori etici e non più sull’avarizia dell’obsoleto capitalismo. Non è un sistema monetario ma un sistema umano fatto per gli esseri umani.

Svelati l’invenzione, l’inganno del debito pubblico e del sistema di “creazione della moneta debito dal nulla” accade che le comunità si riappropriano del reale concetto di valore e di ricchezza: le capacità creative umane, l’amore, la passione, l’ambiente. La ricchezza è l’insieme di valori che gli individui condividono. Singoli cittadini e comunità decidono di cooperare perché sentono di saperlo fare e possono abbandonando il nichilismo e il cinismo indotto a scuola e nelle università. Nuovi approcci e dinamiche di gruppo consentono di far crescere il livello culturale delle comunità (open space technology). I cittadini acquistano capacità creative che erano dei singoli ed elaborano efficienti piani di gestione secondo i reali bisogni umani non più indotti dalle pubblicità consumistiche che psico-programmano le persone a sviluppare capricci (acquisti compulsivi) ma secondo le coscienze risvegliate. I cittadini elaborano piani responsabili che misurano le risorse locali a tutela degli ecosistemi ed a tutela della sopravvivenza umana messa a rischio dalle degenerate organizzazioni sovranazionali (Commissione Trilaterale, club Bilderberg, CFR, WTO, FMI, BCE), tutela resa necessaria dall’attuale regime autoritario mascherato da finte democrazie rappresentative. Finora i politici non hanno risolto problemi, sono i tecnici che risolvono problemi, non i politici. I cittadini hanno tutte le risorse per risolvere problemi.

Liberati dai condizionamenti psicologici della moneta debito e del ricatto del lavoro, le comunità comprendono che hanno tutti i mezzi necessari per progettare città sostenibili occupando tutti i ruoli in maniera armonica. Applicando la politica delle risorse i cittadini decidono di scambiare le sovrapproduzioni in una rete sociale. Questa nuova dimensione che si avvicina alla democrazia reale dove i cittadini sono co-creatori della propria vita è l’effetto del cambiamento interno frutto della consapevolezza. Noi possiamo sapere chi siamo e dove stiamo.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: