Correggere la disciplina urbanistica regionale

La disciplina urbanistica è giovane e complessa ma chiara nei suoi principi e nelle sue regole compositive; e allora c’è da chiedersi: perché in Campania non si costruiscono gli standard minimi previsti dalle leggi? E perché i Comuni non adottano piani fatti bene? Le ragioni sono note e drammatiche: in Italia il ceto dirigente scelse di favorire l’avidità degli interessi privati stimolati dai soldi delle rendite fondiarie, mentre nel corso dei decenni, sotto i colpi della speculazione, la disciplina urbanistica lentamente sparisce per essere sostituita da dannosi piani edilizi caratterizzati da privilegi e rendite parassitarie. Solo in alcune Regioni italiane, con una cultura urbanistica più radicata nella tradizione europea, si è potuto contenere il danno di piani fatti male ma l’indirizzo generale è la privatizzazione dei processi urbanistici, cioè sfruttare i piani locali per creare profitti privati con scelte politiche, senza merito. Tutto ciò negli altri Paesi è considerato stupido poiché i processi di urbanizzazione sono un’occasione dello Stato per incassare tasse utili a costruire la città pubblica, con criteri fiscali ben studiati e progressivi, cioè criteri più equi e corretti che indirizzano le rendite differenziali verso l’interesse generale. Gli altri Paesi non hanno rinunciato all’esproprio e all’uso del diritto di superficie, anzi questo criterio molto noto e vecchio, è tutt’oggi utilizzato nei processi di rigenerazione urbana mentre in anni recenti si sono sviluppate anche tecniche di tassazione delle rendite differenziali generate dai processi di trasformazione urbana.

Il piano urbanistico, preferibilmente attraverso la perequazione diffusa e non quella di comparto, crea un valore economico (rendita) per chi investe ma viene tassato affinché quel contributo generato dal processo di trasformazione urbana creato per scelta politica costruisca l’interesse generale (standard e servizi pubblici) prefigurato nel piano stesso e indicato dalla Costituzione. Il principio di questa tassa è noto e antico: i valori economici sono creati dal nulla per mezzo di una scelta politica e non dal merito individuale, pertanto è logico che lo Stato incassi questo valore da redistribuire attraverso servizi sul territorio previsti dal piano (standard). In Italia, in generale, oltre alla rinuncia dell’uso del diritto di superficie che impedisce di incassare la rendita fondiaria, nei processi di urbanizzazione, i privati pagano gli oneri di costruzione/urbanizzazione (una tassa) mentre non esiste una tassa sulla rendita differenziale. La scelta politica italiana è nota: favorire la privatizzazione di un profitto parassitario togliendolo allo Stato attraverso la deregolamentazione del mercato edilizio rinunciando alla corretta pianificazione urbanistica.

Per l’Italia, è stato stimato che dal 1961 al 2011, se lo Stato avesse applicato la riforma del regime dei suoli proposta da Fiorentino Sullo, avrebbe incassato un’enormità di circa 800/1000 miliardi di euro (Blecic, Lo scandalo urbanistico 50 anni dopo, Franco Angeli, pag. 19).

Le istituzioni italiane, i cittadini e il ceto dirigente possono sempre imparare, maturare e applicare la corretta disciplina urbanistica per aggiustare gli errori del capitalismo, e quindi si possono adottare piani ben fatti per restituire diritti a tutti come indicano la Costituzione e i principi generali della legge urbanistica nazionale, entrambe rimaste inapplicate in molte aree del territorio italiano.

Numerosi politici locali hanno mostrato e dimostrato come non si pianificano i territori poiché questo ceto politico, spesso, o non ha adottato piani regolatori generali (in Campania solo il 13% dei Comuni – 71 su 550 – hanno un PUC vigente, secondo un’indagine svolta dall’ANCE nel 2017, altri hanno strumenti obsoleti; e infine ben 184 Comuni non hanno alcuna elaborazione di piano), oppure ha compiuto scelte sbagliate e stupide. Nei casi di adozione dei piani, questi strumenti spesso sono influenzati da scelte privatistiche che contrastano o trascurano l’interesse generale.

Ad esempio, la Regione Campania potrebbe approvare una corretta legislazione urbanistica imparando dalla storia e dall’approccio bioeconomico. La storia insegna quanto sia importante il ruolo pubblico nei processi di pianificazione, sia intervenendo con l’istituto dell’esproprio abbinato all’uso del diritto di superficie e sia proponendo aliquote progressive nei processi di rigenerazione urbana finalizzate a catturare adeguatamente le rendite differenziali create dalle scelte localizzative e dagli indici urbanistici. Inoltre, all’interno degli stessi piani, nei Paesi normali sono previste quote di mercato per i ceti economicamente più deboli (mixité sociale) dentro le zone consolidate e non ai margini delle aree suburbane o addirittura rururbane, come spesso accade in Campania, e non solo in Campania. Infine, sarebbe saggio adottare l’approccio bioeconomico che trasforma il modo di vedere le città, non più come merci di mera accumulazione capitalista ma sistemi metabolici costituiti da flussi di energia e materia in ingresso e in uscita, per correggere gli errori del capitalismo ed eliminare gli sprechi. L’approccio bioeconomico consente di stimolare la nascita di nuovi impieghi utili al territorio, dall’uso razionale dell’energia fino alla mobilità intelligente, dalla conoscenza scientifica delle risorse locali e il loro utilizzo, fino ai percorsi di autocoscienza dei luoghi per gli abitanti per scoprire e valorizzare il patrimonio storico e naturale (approccio territorialista).

Una seria legge urbanistica campana, oltre a creare efficaci sistemi fiscali per catturare la rendita, dovrebbe contrastare fenomeni sociali degeneranti molti noti: abusivismo e speculazioni edilizie. La Regione dovrebbe riconoscere i limiti culturali dei Comuni poiché spesso non adottano gli strumenti urbanistici, e intervenire con maturità per pianificare correttamente le aree urbane estese perché i confini amministrativi sono obsoleti mentre il ceto politico locale appare incapace di applicare le leggi. La Regione dovrebbe abbracciare il cambio di paradigma culturale e promuovere piani intercomunali bioeconomici favorendo un nuovo approccio, per far incontrare progettisti pianificatori con abitanti ponendo al centro, non solo la tutela del territorio che significa valorizzare le risorse locali, ma la rigenerazione urbana bioeconomica con processi di partecipazione popolare. E’ questa la direzione della maturità, fra l’altro in parte già avviata in alcune città europee che stanno realizzando ed hanno realizzato efficaci trasformazione urbanistiche con nuovi processi economici.

creative-commons

Istituire nuove ZES? C’è poco da gioire, a meno che …

Le ZES sono le zone economiche speciali, cosa sono? Sono un’invenzione politica della cultura neoliberale (è il laissez faire di Smith e Ricardo), sono aree geografiche dotate di un’autonomia giuridica e fiscale, affinché le imprese possano insediare i propri stabilimenti in ambiti dove non hanno valore legale le norme sindacali e la generale tassazione fiscale. Si tratta di luoghi con giurisdizioni speciali e segrete, come accade per il famigerato mondo off-shore. Le ZES sono istituite per favorire i capitali privati e sono ampiamente usate in Asia quando il WTO decise di spostare la fabbrica del mondo in aree ove realizzare maggiori profitti sfruttando meglio risorse materiali e umane. Le ZES sono gli spazi preferiti delle multinazionali e della globalizzazione neoliberista perché riducono i costi (minore costo dei salari e minore costo delle materie prime) facendo aumentare l’accumulo di capitale. Con questo approccio, cioè le disuguaglianze di riconoscimento, le imprese private possono aumentare i profitti anche senza aumentare i volumi di vendita, poiché abbassano i costi grazie alle ZES. E’ proprio l’ideologia neoliberista che governa il mondo.

La Giunta regionale della Campania, immagina di istituire due zone speciali presso i porti commerciali di Napoli e Salerno, come se questa prospettiva fosse positiva e avesse un collegamento diretto ai problemi sociali e culturali dei ceti meno abbienti e della povertà in aumento, generata dall’implosione del capitalismo.

Dal 1991, in Italia esiste persino una società, SIMEST, controllata da Cassa Depositi e Prestiti e partecipata da banche private, per favorire le ZES all’estero e gli interessi delle imprese italiane.

Dal 1996, esistono anche le zone franche urbane (ZFU), mentre in Italia approdano dal 2007 e sono state sperimentate col “piano città” del CIPU, ad oggi sono 22 le città dotate di ZFU. Le ZFU possono essere declinate in diversi modi, cioè possono essere quartieri da recuperare oppure aree produttive specializzate, in tal senso si potrebbe favorire il recupero di aree degradate ma è difficile, se non impossibile, che il capitale privato possa trovare un interesse nell’investire se non c’è la garanzia del profitto. Per recuperare un’area degradata di una città c’è bisogno di un altro tipo di interesse: etico e sociale, e le società che si occupano di questo sono quelle non profit. Le zone franche per lo sviluppo sociale e la rigenerazione non esistono, ma si potrebbero inventare. In tal senso si esce dal concetto stesso di zona franca e si entra in quello di coesione e sviluppo umano, e per questo dovrebbero esserci incentivi, programmi e piani ad hoc, con finanziamenti a fondo perduto. Questa è un’altra storia che riguarda le politiche socialiste (sviluppo sociale).

Se nell’immaginario della classe politica la zona speciale è sinonimo di sviluppo allora tutto il meridione dovrebbe essere dichiarato zona speciale, e se ciò non accade allora significa che si sceglie di favorire piccole aree lasciando indietro il resto dei territori. E’ evidente che non è così, ma ahimé le zone speciali servono a favorire altri interessi e non lo sviluppo delle comunità.

Se l’obiettivo è lo sviluppo umano possiamo evitare l’uso di ZES o ZFU  poiché  possono creare danni sociali ed economici. Credere che una ZES possa favorire lo sviluppo umano è un ossimoro poiché il capitalista usa la zona per profitto poiché sceglie quell’area privilegiata dal punto di vista fiscale, non gli interessa la filantropia. Usare i propri profitti per il bene della comunità si può fare senza le ZES, Adriano Olivetti lo dimostrava tutti i giorni. Nei paesi ove sono nate le ZFU, in ambito urbano si sono avuti i famigerati problemi di gentrificazione, poiché si sono venute a creare nuove rendite di posizione, divenute parassitarie, e i ceti meno abbienti sono stati espulsi grazie alle leggi del mercato, distruggendo l’identità e la cultura dei luoghi urbani. In Italia, nelle grandi città come Milano, Roma, Napoli si è avuto un risultato analogo anche senza le ZFU, ma attraverso la deregulation e la perequazione dei privati con lo zoning funzionale. Le ZSE e ZFU sono aree di deregulation.

E’ evidente che i politici, rimanendo nel paradigma culturale che ha distrutto la nostra società, cercano di attrarre capitali privati illudendosi, o mentendo, di indirizzare l’interesse privato verso un “bene comune”. In quasi trecento anni di storia il capitalismo è servito solo a se stesso, e determinati annunci pubblicitari sono finalizzati a manipolare l’opinione pubblica, come spesso accade per i media, altoparlanti del potere. Tali zone, non solo non risolvono i problemi sociali, culturali del meridione ma servono solamente a far girare le merci delle multinazionali e sostenerle nell’elusione fiscale. In Campania ci sono già nove ZFU.

In generale, il capitalismo e le imprese hanno deciso, da diverso tempo, di investire i propri capitali nei paesi emergenti, ed è questa la ragione della recessione europea, oltre all’evidente idiozia del sistema monetario e fiscale che favorisce aree geografiche come la Germania mentre distrugge altre aree come i paesi “periferici”. L’UE sta funzionando come un sistema di vasi comunicanti ove si accumula ricchezza in un’area mentre in altre diminuisce. L’unico modo per arrestare la recessione è riscrivere i Trattati cancellando l’austerità e ripristinando la sovranità, sinonimo di libertà e auto determinazione.

Se l’obiettivo è favorire l’occupazione bisogna osservare, che la classe dirigente meridionale, anziché inseguire obsoleti paradigmi finanziari, dovrebbe semplicemente investire nelle ricchezze che possiedono con politiche bioeconomiche, ma che non riescono a vedere per limiti culturali. Per creare occupazione utile è necessario uscire dall’ossessione della crescita e programmare piani di conservazione e recupero. E’ la crescita che ha distrutto paesaggio e benessere in diverse città meridionali, da Napoli a Taranto, passando per Priolo e le puglie. E’ la crescita che mira a distruggere le risorse naturali del meridione, basti vedere il recente caso degli ulivi pugliesi. Se la classe dirigente continua a puntare all’aumento dei volumi di vendita per generare profitto, dimenticando degli evidenti limiti naturali e del mercato, commetteranno gli stessi errori del mondo immobiliare più offerta rispetto alla domanda.

Se l’obiettivo è favorire l’occupazione basta osservare i dati: non è la globalizzazione neoliberista che produce lavoro, ma lo Stato e la cooperazione. Negli anni recenti le SpA che hanno aumentato i propri profitti senza lavorare sono quelle informatiche e cioè Apple, Google, Microsoft attraverso il valore di capitalizzazione, l’elusione e l’evasione fiscale concessa dal mondo offshore. Il capitalismo neoliberista sta mostrando che attraverso la finanza e le borse telematiche non serve lavorare per accumulare ricchezza. In questo modo si segna la fine del lavoro e si realizza una nuova trasformazione del rapporto capitale/lavoro e cioè uno scollegamento. Wal-Mart che vale molto meno di Apple, è la più grande multinazionale in termini di lavoro, ha circa 2,2 milioni di occupati. Se l’obiettivo è favorire l’occupazione basta osservare i dati di Legacoop: attraverso l’Alleanza delle coop raccolgono circa 12 milioni di soci e danno lavoro a circa 1,2 milioni di persone, con un fatturato di circa 127 miliardi di euro. Se raffrontiamo Facebook con Legacoop ci rendiamo che il software di Mark Zuckerberg, utilizzato per spiare e commercializzare i gusti delle persone, da lavoro a circa 5 mila persone. Lo Stato italiano, secondo i dati raccolti dal Commissario Cottarelli ha circa 3,4 milioni di dipendenti. Ergo, la cooperazione e lo Stato creano più lavoro delle SpA. In Italia gli occupati totali sono circa 22.566.000 su una popolazione di 60.795.612 di abitanti, nel 1968 gli occupati erano circa 20 milioni e gli abitanti circa 50 milioni, e questo cosa dimostra? Una classe dirigente che si concentra sulla crescita del PIL non crea più occupati. Se l’obiettivo è favorire l’occupazione, i dati dicono chiaramente che la strada giusta è quella della cooperazione e non della competitività o della crescita attraverso il neoliberismo, poiché la crescita crea disoccupati mentre le zone economiche speciali possono aprire nuove opportunità alla criminalità dei colletti bianchi.

Ops, Italia candannata per i rifiuti!

Che gli italiani fossero incapaci sulla gestione dei rifiuti lo sapevamo già, e che un organo sovranazionale accerti quanto il popolo già sapesse è un esercizio di ripetizione che può tornare utile. Il Corriere on-line titola: l’accusa è di «non aver creato una rete adeguata di recupero e smaltimento» Rifiuti in Campania, Italia condannata «Messi in pericolo l’uomo e l’ambiente» La Corte di giustizia Ue accoglie il ricorso presentato dalla Commissione nel 2008: congelati 500 milioni.

Quello che tutti non sanno però è che pochi giornalisti fanno, è chiarire come sia stato possibile arrivare a questi danni sanitari ed ambientali. “Ignoranti si ma stupidi no”, potremmo sintetizzare.

La Campania è stata oggetto di un particolare laboratorio politico, ampiamente usato all’estero e denominato economica dello shock. La magistratura inquirente ha dimostrato quello che una stretta minoranza della cittadinanza ha ben compreso e cioè la cattiva fede dei dipendenti eletti per rubare le casse dello Stato. Nella sostanza, per favorire gli interessi delle SpA si erano adottate misure politiche molto particolari, partendo dalla struttura del Commissariato che prendeva decisioni in deroga alle norme vigenti per impedire un’efficace trasparenza che poteva infastidire la spartizione degli appalti e degli incarichi. Analogie di questo tipo si possono notare nelle inchieste di oggi sui lavori affidati per il G8, la Maddalena e l’Aquila. Il primo diktat per rubare a norma di legge è cancellare la democrazia. Insomma, i disastri producono profitti per pochi se vengono gestiti con estrema celerità e con procedure speciali per l’affidamento dei lavori “necessari” da eseguire.

Per il caso Campania sono emerse le prove di un disastro pianificato in quanto esistevano e ci sono ancora tutti gli impianti necessari per riciclare e trattare i rifiuti urbani. Partendo dalla base, i Comuni sono responsabili della raccolta dei rifiuti, e vi sono da molti anni le direttive per eseguire una raccolta differenziata “porta a porta” a regola d’arte e non è un caso che in Campania vi siano territori senza problemi ed altri, come la città di Napoli, abbandonati all’inciviltà. Gli amministratori sono politicamente e penalmente responsabili. La soluzione più idonea, a tutela della salute umana è conosciuta ed applicata un po’ ovunque: ridurre, riusare e riciclare. Oltre il 90% dei rifiuti prodotti dall’industria è riciclabile, il restante non è pericoloso e diventerà illegale progettarlo poiché non compatibile con la natura. Il concetto stesso di rifiuto non esisterà più. Quindi non esisteranno più le discariche e neanche gli obsoleti e pericolosissimi inceneritori.

Non ci vuole una Corte europea per individuare i responsabili ma solo cittadini informati, civili e consapevoli.

Per la prima volta in Campania, forse, le cose sono ben chiare: il Commissariamento alle dipendenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Prodi-Berlusconi) ha pianificato il disastro che ha portato profitti ai vari soggetti politici ed imprenditoriali interessati a rubare, di vario colore politico, il dogma era ed è: opprimere il popolo per aumentare i profitti.

Dovrebbe essere chiaro a tutti che gli attuali soggetti politici nominati in Parlamento non curano gli interessi del popolo sovrano ma eseguono scelte deliberate altrove (club Bilderberg, Commissione Trilaterale e “BCE+SpA”), il legislatore è una solo una camera di registrazione e non più di dibattito politico.

Uccidete l’ignoranza

Non è accettabile per un Paese che pretende di definirsi democratico e civile, ascolare in televisione dipendenti che fanno un uso sfrenato della propria ignoranza, con arroganza e presunzione inaudite coprendo di ridicolo una comunità intera, Salerno, agli occhi di tutti. Al di là della buona fede o della mala fede, un Sindaco disinformato deve avere la dignità di tacere.

In questo video ci sono interventi di Lorenzo Tomatis, Gennaro Valerio, Stefano Montanari, e Patrizia Gentilini.

Lorenzo Tomatis: Di origine triestina e laureato a Torino nel 1953, dopo periodi di tirocinio in igiene e anatomia patologica a Torino e in cancerogenesi sperimentale a Chicago, iniziò a lavorare alla Agenzia Internazionale per le Ricerche sul Cancro dell’OMS (IARC) di Lione alla fine degli anni 60. Dirigeva l’Unità di Cancerogenesi e si pose subito il problema della socializzazione delle osservazioni scientifiche sui rischi di cancro ambientale, per lo più sepolte nelle biblioteche universitarie. Nacquero cosi le autorevoli Monografie IARC per la valutazione dei rischi cancerogeni. Nella produzione delle monografie Renzo – avant la lettre – seppe introdurre due grosse novità: l’approccio multidisciplinare e la coesistenza del rigore con trasparenza e comunicazione ai non addetti ai lavori di certezze e incertezze scientifiche. Renzo divenne successivamente direttore della IARC, e la sua direzione segnò una vera e propria esplosione (anche in istituzioni che collaboravano con la IARC, tra cui diverse italiane) di ricerche per produrre nuove conoscenze per la prevenzione primaria dei tumori e per convertire le nozioni acquisite in intervento operativo. La produzione letteraria di Renzo – a cavallo tra la saggistica e il romanzo – descrive le contraddizioni, le debolezze e i vizi del milieu scientifico. I contenuti si evolvono linearmente da Il Laboratorio (Einaudi 1965) a Il fuoriuscito (Sironi 2005). Il primo è centrato sulle contraddizioni del giovane scienziato schiacciato tra la melmosa pigrizia culturale dell’accademia italiana e le ambigue lusinghe del sistema scientifico americano. I libri più recenti raccontano le pressioni del potere economico sulla ricerca nel mondo della tossicologia e della epidemiologia e gli irrisolti conflitti di interesse dei ricercatori.

Controllo ed oppressione

Leggi, Statuti e norme mutate nel tempo hanno cancellato lo Stato di diritto, opprimono il popolo sovrano. L’assenza di etica e morale nelle nuove regole scritte è la caratteristica di queste norme.

la pubblica amministrazioneMASSIMO VILLONE- Senatore DS
Allora supponiamo che io sia uno eletto a funzione di governo, un sindaco, un presidente di provincia, un governatore, ho avuto una campagna elettorale complicata, difficile, costosa, ho avuto i miei ambienti di riferimento, amici, sostenitori, squadre di volontari, imprenditori vicini a me, adesso si aspettano che io dia delle risposte, niente di illecito, beninteso, ma c’è l’imprenditore che vuole il sostegno all’impresa, l’associazione di volontari che vuole l’affidamento del servizio sociale, tutta allora io che faccio, mi rivolgo al dirigente, dirigente messo là da una giunta precedente, persona per bene, rigorosa, onesta, pignolo, spacca il capello in quattro, osserva le virgole, dice che la Pubblica Amministrazione non deve fare nessun favoritismo, dirigente come tutti i cittadini vorrebbero naturalmente, però per me è un problema. Che cosa posso fare? Lascio lì il dirigente però riorganizzo l’amministrazione. Prendo pezzi degli uffici, li sposto, faccio un altro dipartimento, un’altra area. Le cose che mi interessano le metto da un’altra parte quindi il dirigente sta là ma non si occupa più delle cose mie. A capo di questa nuova struttura metto un nuovo dirigente, un esterno assunto a contratto, naturalmente un amico mio. Nei procedimenti che mi interessano, che producono gli atti che mi interessano metto un comitato di esperti. Naturalmente, nel comitato di esperti lì sono tutti amici miei. Posso fare ancora un’altra cosa: prendo un pezzo di attività che mi interessa, lo esternalizza per così dire. Lo metto in una società a partecipazione pubblico -privato, in una spa nella quale io partecipo come ente. Mi nomino il presidente, mi nomino i consiglieri di amministrazione, in tutto o in parte, revisori, sindaci e quindi sempre amici miei, beninteso, gente di cui mi fido e poi come effetto collaterale se devono svolgere questa attività magari fanno un pò di assunzioni, faccio assumere quei 30/40 giovanotti che mi hanno dato una mano ad attaccare i manifesti in campagna elettorale. In tutto questo non c’è nessun illecito diciamo. Io non firmo una carta, non tocco nessuno, non ci sono tangenti, non ci sono mazzette, si orienta l’amministrazione verso un risultato che quello della produzione del consenso.

Dalle dichiarazioni fuorvianti e ricche di informazioni errate, e dalle denunce (“non c’è nessuno che controlla le emissioni“) del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca emerge uno sconcertante atteggiamento di impunità e di scarica a barile; egli crede di non essere responsabile dell’ambiente e che non debba essere il Comune a controllare il territorio, ma qualcun altro. Ricordiamoci tutti che il sig. De Luca comanda a Salerno sin dalla riforma degli statuti e dalle elezione diretta del Sindaco, con una parentesi del suo “braccio destro” Mario De Biase, malamente liquidato prima delle ultime elezioni amministrative che hanno fatto vincere nuovamente l’attuale Sindaco del PD, insomma una sorta di feudo incontrastato.

Le ragioni per la revoca del mandato ci sono tutte…

Tutti ricorderete, spero, del “terremoto politico” del dicembre 2005, allora vi era la Giunta De Biase, seguace di De Luca, dove ci fu uno scossone “forte” da parte della magistratura e vi ricordate come chi indagava ed indaga era controllato dai colleghi, con violazioni nel computer del Pubblico Ministero, per spiare le attività investigative ed avvisare gli amici politici circa le mosse dell’accusa.

Il business dei rifiuti in Campania aumenta il PIL

La tragedia campana aiuta il PIL.

I disastri creati dalla Impregilo SpA sta facendo aumentare il prodotto interno lordo, lo Stato pagherà i danni creati e poche aziende SpA dovranno fornire il servizio di bonifica.

Le “ecoballe” aiutano il PIL.

Lo “smaltimento” delle “ecoballe” create dalla Impregilo SpA aiuteranno le casse di qualche azienda che dovrà risolvere il problema e quindi il prodotto interno lordo salirà.

Il triangolo della morte aiuta il PIL.

italia-sotto-rifiutiLo sversamento illecito delle imprese del Nord in aree agricole, fra Nola, Acerra e Marigliano, ha prodotto danni ambientali e biologici. Nello specifico la nascita di neoplasie, cancri, tumori e morte; tutto ciò sta facendo aumentare il prodotto interno lordo delle aziende farmaceutiche che vendono la “cura” contro queste malattie.

La stampa vende la tragedia e sale il PIL.

La stampa ed i media parlando della tragedia aumenta le vendite e sale il prodotto interno lordo. Gli editori sono collegati alle aziende che trattano il business dei rifiuti e quindi guadagnano doppio.

Lo smaltimento illecito nelle discariche aiuta le aziende del Nord.

Alcune aziende con l’aiuto della criminalità organizzata, proprietaria di suoli destinati al disastro, trattenendo miliardi di euro dal risparmio del lecito smaltimento dei rifiuti tossici hanno visto lievitare notevolmente le loro casse.

Insomma il PIL sale ed i cittadini stanno peggio!

dal blog di Beppe Grillo

Ho parlato con Walter Ganapini, presidente di Greenpeace e consulente a Napoli per l’emergenza rifiuti.
Ganapini ha scoperto una discarica realizzata nel 2003 (con vasche di sfogo per il percolato, argille in regola e tutto quanto) e mai utilizzata a Parco Saurino presso Santa Maria La Fossa (Caserta) della capacità di 400.000 metri cubi pari a 800.000 tonnellate (con pochi lavori estendibile ad un milione di tonnellate) in pratica il quantitativo prodotto dalla Campania in 5 mesi (differenziata inclusa). E’ la terza vasca di due già usate.
Se utilizzata in questi anni in un sistema funzionante al “minimo” con differenziata non si sarebbe mai avuta un’emergenza rifiuti. A regime, con un sistema di differenziata può durare diversi anni per tutta la Campania.
Se questa discarica esiste perché non viene usata? Perché nessuno ne parla? Chi ha interesse a coprire Monnezzopoli con il silenzio dei magistrati e l’intervento dell’esercito? Se questa discarica esiste perchè utilizzare Chiaiano?

Paul Krugman non ha portato a Trento un tipico messaggio di ottimismo americano: “Non è scritto da nessuna parte che il progresso economico porti necessariamente alla democrazia. E dunque il futuro non sta tanto nel Pil pro capite del mondo, quanto nel tipo di persone che vivono in questo mondo“.

Intanto è De Mita che ha bloccato i siti alternativi già indicati da tempo

Chiaiano, Stato di polizia/3

età dei dirittiLa dittatura stile sud-america continua, cambia il Governo da Prodi a Berlusconi e continua l’oppressione contro i cittadini sovrani.

Berlusconi viola palesemente i diritti fondamentali dell’uomo sanciti dalla Costituzione, totale assenza di democrazia e rispetto per regole

Stato di polizia 1 Serre (SA)Stato di polizia 2 Savignano Irpino

Questa è la ragione per cui il Governo usa la violenza su cittadini inermi e perché intende aprire discariche più del necessario.

Abbiamo spiegato e “tradotto” l’allucinante decreto che decide di uccidere i Campani; segnalato da Fabio il decreto, poi è stato “tradotto”

DECRETO-LEGGE 23 maggio 2008, n. 90. Misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania e ulteriori disposizioni di protezione civile. testo in vigore dal: 23-5-2008

per tradurre la classificazione dei rifiuti (CER): Paola Ficco Maurizio Santoloci, diritto all’ambiente parte 02

in biblioteca on-line

catalogo europeo rifiuti Cer

Nuovo CER

  • i rifiuti che vanno inceneriti…

entrando nel merito si legge negli articoli 8 e 9 […]e’ autorizzato nella regione Campania, per un triennio rispetto al termine di cui al citato articolo 2, l’esercizio degli impianti in cui i rifiuti, aventi codice CER 19.12.10, 19.12.12, 19.05.01, 19.05.03, 20.03.01, sono scaricati e stoccati al fine di essere preparati per il successivo trasporto in un impianto di recupero, trattamento o smaltimento.
3. E’ prorogato per un triennio rispetto al termine di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, lo stoccaggio dei rifiuti aventi codice CER 19.12.10, 19.12.12, 19.05.01, 19.05.03, 20.03.01, in attesa di smaltimento, nonchè il deposito dei rifiuti stessi presso qualsiasi area di deposito temporaneo. […]

tradotto col Nuovo Cer

19 12 10 rifiuti combustibili (CDR: combustibile derivato da rifiuti)
19 12 12 altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 19 12 11
19 12 11 * altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose
19 05 01 parte di rifiuti urbani e simili non compostata
19 05 03 compost fuori specifica
20 03 01 rifiuti urbani non differenziati

  • secondo il decreto rifiuti che vanno nelle discariche…

dei siti da destinare a discarica presso i seguenti comuni: Sant’Arcangelo Trimonte (BN) – localita’ Nocecchie; Savignano Irpino (AV) – localita’ Postarza; Serre (SA) – localita’ Macchia Soprana; nonche’ presso i seguenti comuni: Andretta (AV) – localita’ Pero Spaccone (Formicoso); Terzigno (NA) – localita’ Pozzelle e localita’ Cava Vitiello; Napoli localita’ Chiaiano (Cava del Poligono – Cupa del cane); Caserta localita’ Torrione (Cava Mastroianni); Santa Maria La Fossa (CE) – localita’ Ferrandelle; Serre (SA) – localita’ Valle della Masseria.

nei siti su citati possono essere conferiti rifiuti tossici
[…]2. Gli impianti di cui al comma 1 sono autorizzati allo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.12.12; 19.05.01; 19.05.03; 20.03.01; 19.01.12; 19.01.14; 19.02.06; presso i suddetti impianti è inoltre autorizzato lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai seguenti codici CER: 19.01.11*; 19.01.13*; 19.02.05*, nonchè 19.12.11* per il solo parametro «idrocarburi totali», provenienti dagli impianti di selezione e trattamento dei rifiuti urbani, alla stregua delle previsioni derogatorie di cui all’articolo 18.[…]

tradotto col Nuovo Cer

19 01 12 ceneri pesanti e scorie, diverse da quelle di cui alla voce 19 01 11
19 01 11 * ceneri pesanti e scorie, contenenti sostanze pericolose
19 01 13 * ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose
19 02 05 * fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, contenenti sostanze pericolose

La democrazia che non c’è

La democrazia che non c’è, è anche il titolo di un libro emblematico di Paul Ginsborg, la democrazia che non c'èe chiarisce immediatamente come sia possibile usurpare i diritti fondamentali dei cittadini, per opprimere e realizzare scelte contro il popolo.

La Campania è stata ed, è la vittima sacrificale della violazione della sovranità popolare.

Le banche e le corporations SpA sono i poteri che governano partiti, decidono i candidati alle elezioni, decidono i candidati degli Enti locali e nazionali, nominano Presidenti di ogni genere, e controllano i Governi.

La violenta dittatura si manifesta con dei provvedimenti palesemente illegittimi.

Sono stati i Presidenti del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi e Romano Prodi ad arrogarsi la nomina dei Commissari sulla gestione rifiuti in Campania. Sono loro al vertice istituzionale di un sistema piramidale che cala le scelte dall’alto, e le impone anche con l’uso della violenza.

E’ stato Romano Prodi a scrivere e firmare due provvedimenti illegittimi, il primo riguarda l’ordine di bruciare le famose “ecoballe” veri rifiuti tossico nocivi, per tanto messi sotto sequestro dalla Magistratura, ed il secondo riguarda l’ordine di costruire un inceneritore a Salerno.

In questo caso il Presidente del Consiglio dei Ministri, violando palesemente l’articolo 1 della Costituzione si è arrogato, come fosse un monarca, il diritto di scavalcare le istituzione rappresentative della Regione Campania ed ha deciso al posto del popolo sovrano.

I cittadini hanno il diritto di opporsi a questi provvedimenti denunciando la violazione presso gli organi competenti.

I danni causati dalla dittatura:

il contratto fra il Commissariato di Governo ed Impregilo SpA ha recato danni all’erario, disastrati ambientali e danni biologici.

Nel drammatico caso di pessima amministrazione pubblica sul fronte dei rifiuti urbani, per anni si è tenuta nascosta la parallela drammaticità delle società del Nord Italia, in accordo con la camorra locale, che hanno sversato tonnellate di rifiuti tossici diventando autrici di omicidi colposi, con la responsabile assenza delle amministrazioni locali.