Capitalismo, città e disuguaglianze

In diversi “articoli” ho brevemente accennato alle “malattie sociali” causate dallo spirito del tempo: il capitalismo. Nelle mie riflessioni ho ricordato quanto e come il capitalismo influenzi la pianificazione urbana, ed ovviamente non è una mia riflessione originale, ma la mera osservazione della realtà. Su questo tema c’è molta letteratura, fra gli autori più importanti troviamo i precursori Marx ed Engels, poi Robert Park, Henri Lefebvre e David Harvey, e molti altri che narrano gli effetti del capitalismo sull’uomo, e ovviamente sull’urbanistica piegata ai capricci delle imprese private e del mero profitto, ignorando le conseguenze sociali e ambientali di scelte innescate dall’avidità di pochi.

Durante questi secoli di capitalismo, la società è stata trasformata e psico programmata al nichilismo. La pianificazione è una tecnica ingabbiata nel pensiero dominante ed oggi sembra che nessuno abbia il coraggio di ammettere un’ovvietà: è necessario uscire dal capitalismo se vogliamo restituire le città agli esseri umani e programmare lo sviluppo umano. La religione capitalista ha inventato criteri e metodi per l’accumulazione del capitale e le città sono il luogo ove questo accade. Negli anni dell’industrialismo abbiamo assistito a piani territoriali per agglomerare le industrie in luoghi precisi, e le città per consumare le merci, tutto qua. Il capitalismo che ha la necessità di sostenere e aumentare le vendite, sceglie le città come luoghi per auto rigenerarsi attraverso finanza e rendita (mercato immobiliare). E’ una delle regole o consuetudini del capitalismo stesso che inventa un meccanismo perverso poiché ha la necessità di avere un continuo surplus (o di profitto) produttivo di cui l’urbanizzazione ha bisogno. L’economia ha inventato la religione capitalista che ha spinto la crescita delle città e tale sistema non tiene conto delle prerogative degli esseri umani (diritti, sentimenti e natura), ma solo dell’auto referenzialità del profitto.

I criteri e i metodi tecnico-giuridici inventati per costruire le città, come ad esempio la famosa perequazione, sono processi complessi ma sono inventati per sostenere il capitalismo mentre implode su stesso (Minsky). Si tratta di un vero e proprio corto circuito sconosciuto ai cittadini, incompreso da buona parte delle classi dirigenti politiche locali, e sottaciuto da buona parte degli economisti ortodossi poiché responsabili. Anziché ragionare su come uscire dal capitalismo poiché distrugge la specie umana, un mondo di professionisti e intellettuali decide di restare sul piano ideologico sbagliato, che altro non è che un recinto, una gabbia psicologica che costringe tutti a rimare nell’epoca moderna e a conservare lo status quo, nonostante sia chiaro che questa società sia sbagliata poiché profondamente immorale e corrotta nei suoi paradigmi culturali.

Un punto di partenza concreto, un luogo per fare il salto culturale, sociale, politico e morale è proprio la città, per inventare nuovi criteri e metodi, per gestirla e trasformarla, per uscire dal capitalismo e approdare nell’epoca della bioeconomia. Tutti noi dobbiamo riconoscere e accettare un fatto: trarre profitto dalla proprietà privata – invenzione giuridica dell’epoca moderna – è un furto alla collettività. Si sa quanto ciò sia immorale ma abbiamo pensato e scelto di ignorare tale evidenza poiché ha arricchito la classe borghese, ma ha generato danni sociali e ambientali contro i ceti più poveri economicamente, puntualmente estromessi dai processi decisionali della politica sfruttando proprio il capitalismo che isola i poveri di denaro, includendo in questo processo di esclusione sociale anche le persone perbene dotate di capacità culturali e che vivono dignitosamente. Il capitalismo è una forma di razzismo. La mercificazione del territorio è un abuso, un’usurpazione, e quindi possiamo ritenere che sia anche un reato contro l’umanità. Liberando il territorio dalla mercificazione, liberiamo la pianificazione dagli interessi e gli abusi di soggetti privati capitalisti. Nonostante la sacrosanta giaculatoria contro la proprietà privata, bisogna riconoscere che rimane scoperto il tema ambientale, basti vedere la Cina ove non esiste proprietà privata, ma il partito ha sfruttato la pianificazione territoriale e urbanistica per accumulare capitali trascurando i problemi sociali, le identità e specificità locali, la povertà e gli ecosistemi. Anche i famosi piani delle nuove città cinesi che utilizzano le migliori tecnologie sono indirizzati ad accumulare capitale. La corretta pianificazione è figlia della cultura egualitaria ed ecologista, non dell’economia e non del capitalismo, sia esso liberale o socialista. Prima abbandoniamo l’idea stupida di voler trarre un profitto dall’urbanistica e prima torneremo a costruire luoghi e città ideali, abbiamo tutte le risorse culturali per fare questo salto culturale ma siamo sprovvisti di coraggio, e sprovvisti di soggetti politici capaci di osare tale salto. L’aspetto sociale ed economico più stimolante è che uscendo dal profitto ed entrando nella bioeconomia possiamo liberare risorse, e creare opportunità di impieghi utili in ogni luogo urbano da rigenerare. Intervenendo nelle città con piani bioeconomici al solo prezzo di costo, costruiamo vantaggi sociali e ambientali che il capitalismo non potrà mai e poi mai produrre per ovvie ragioni. E’ la bioeconomia che costruisce opportunità poiché ribaltando l’egoismo tipico del capitalismo, la nuova teoria favorisce l’altruismo applicando l’uso razionale dell’energia e indirizzando le “reti” allo scambio gratuito dei surplus costituendo contemporaneamente due elementi innovativi di un’epoca nuova: abbiamo (1) un sistema sinergico in quanto tale (edifici e quartieri auto sufficienti), e (2) si applicano gli indirizzi giuridici del concetto di “bene comune“. Nell’epoca che verrà e sfruttando le nuove tecnologie, né lo Stato e né il capitalismo determinano gli scambi economici, ma i cittadini uniti in comunità con lo Stato come garante dei diritti. Questa non è una visione nuova, ma la mera interpretazione e applicazione della Costituzione. Il conflitto sociale che subiamo consiste nell’ipocrisia (o disonestà intellettuale) di voler coniugare capitalismo ed ecologia, nella nostra realtà ideologica prevale l’egoismo capitalista.

Il capitalismo contro il diritto alla città

Annunci

Agenda urbana? Consigli …

Avevo già accennato al percorso dell’UE circa l’elaborazione di una cosiddetta agenda urbana europea (Patto di Amsterdam), così come l’inevitabile inefficacia di tale approccio politico. Cos’è l’agenda urbana europea? Un insieme di buone pratiche e consigli dove le stesse amministrazioni politiche decidono cosa conviene realizzare rispetto al consenso politico. L’approccio è quello del politico che si parla addosso, mentre sceglie i temi che conviene proporre escludendo quelli più scomodi. Sono presenti argomenti che attirano l’attenzione come la sostenibilità, l’energia e la mobilità, ma manca la pianificazione urbana. Sembra assurdo ma nell’agenda urbana europea manca proprio la pianificazione e lo storico conflitto innescato dalle rendite. Sull’agenda urbana anche l’ONU ha le sue linee guida da suggerire (Conferenza Habitat III di Quito). Il tema della cosiddetta agenda urbana rispecchia il paradigma neoliberale attuale, e così l’agenda è declinata come l’ennesimo modello competitivo fra città e territori, tutti tesi a individuare temi e progetti da far competere per attrarre investitori privati e risorse finanziarie.

Problemi culturali e amministrativi dell’approccio sono proprio i meccanismi decisionali chiamati governance multilivello. In questo dibattito di governance multilivello ci sono varie visioni, ove sono state sviluppate proposte di politiche territoriali, di coesione territoriale e di policentrismo (SSSE – Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo). Non solo l’agenda europea è praticamente immatura, e appare come strumento di propaganda politica, ma distribuisce risorse in funzione di una crescita continua della produttività delle imprese, dove il profitto privato delle imprese multinazionali possa trarne i maggiori ricavi nello scegliere un territorio piuttosto che un altro, e in questa scelta un ruolo importante è rappresentato dalle politiche urbane. E’ sempre l’obsoleto PIL, l’indicatore preso in considerazione dai decisori politici. I cittadini sono allo scuro di queste riflessioni di geografia politica, nonostante gli argomenti coinvolgono direttamente i territori, poiché la coesione ha tre componenti come: la qualità territoriale (ambiente di vita e di lavoro, benessere, servizi, conoscenza), l’efficienza territoriale (utilizzo delle risorse naturali, paesaggistiche, energetiche, attrattività e competitività) e l’identità territoriale (presenza di capitale sociale, salvaguardia delle specificità e delle vocazione produttive). In quest’ottica si intuisce che la coesione è una politica territoriale quando fa gli interessi delle comunità e non l’esclusivo interesse delle multinazionali.

Siamo entrati nell’era urbana, e la classe politica sembra non essere interessata a cambiare le politiche urbane, sembra incapace di riconoscere l’importanza della pianificazione urbanistica. Le istituzioni fanno fatica a riconoscere la necessità di un cambiamento radicale, nonostante sia chiaro che le politiche urbane neoliberali distruggono risorse, territori e creano disoccupazione. Inoltre le classi dirigenti appaiono incapaci di ascoltare e valorizzare le voci autorevoli che propongono un cambiamento culturale anche nell’urbanistica. La scuola territorialista, molto nota all’estero, ha le capacità per proporre un cambiamento attraverso la proposta progettuale della bioregione urbana, così come la corretta interpretazione delle aree funzionali riclassificate nei sistemi locali del lavoro.

Ancora oggi le città sono considerate merce e le trasformazioni urbane sono realizzate per aumentare la produttività delle imprese, e non per sostenere lo sviluppo umano. Le città sono merce, nonostante questo non sia neanche il dettato costituzionale e neanche quello della legge urbanistica nazionale. Il capitalismo è una forma sofisticata di razzismo basata sulle opportunità economiche, ed ha sfruttato la tecnica della pianificazione urbanistica per usurpare e allontanare i ceti meno abbienti dai territori che l’élite sceglieva per se, ciò è sempre esistito, poi nell’Ottocento la finanza affinò la fattibilità delle trasformazioni urbane per scaricare i costi prima sul nascente stato moderno, e poi sul cosiddetto libero mercato perseguendo due vantaggi tipici per i razzisti, impedire ai ceti economicamente più deboli di vivere in luoghi urbani meglio progettati e guadagnare senza lavorare attraverso la rendita.

L’Italia ancora non ha sviluppato una propria agenda urbana, nonostante sia nota la crisi delle città, nonostante degrado e sottosviluppo creati dal capitalismo neoliberale sono ampiamente diffusi e realizzati dagli Enti locali, a danno della collettività e dei ceti meno abbienti. Solo un’organizzazione politica stupida e immorale può pensare di distribuire risorse prestandole secondo logiche di profitto. Le aree urbane italiane sono vulnerabili per una serie di motivi: rischio sismico e idrogeologico, ciclo vita degli edifici. Se fossimo cittadini ragionevoli saremmo capaci di selezionare una normale classe dirigente, per realizzare un cambiamento di scala amministrativa leggendo le aree urbane estese, le nuove città italiane, e poi utilizzeremo la bioeconomia per pianificare città e territorio.

Priorità e appunti per l’Agenda:

  • Cambiare la scala territoriale osservando le nuove città (aree urbane estese) costituite da comuni centroidi e conurbazioni.
  • Osservando le nuove città: adottare piani regolatori generali bioeconomici che applicano il metabolismo urbano e si occupano di recuperare i centri e rigenerare le zone consolidate, senza nuove espansioni.
  • E’ necessario un processo di riordino, di armonizzazione e di semplificazione di tutte le leggi che condizionano e determinano il governo del territorio affinché sia chiaro a progettisti e pubblica amministrazione come applicare l’articolo 9 della Costituzione e sviluppare nuovi piani che rigenerano gli ambienti costruiti secondo i principi della “sostenibilità forte”.
  • Il regolamento edilizio nazionale dovrà porre attenzione ai principi di bellezza e decoro urbano adottando anche “schede norma figurative” per comunicare efficacemente un’adeguata morfologia figlia della qualità urbana.
  • Riscrivere la legislazione sugli appalti pubblici con grande attenzione all’etica e alla trasparenza.
  • Sconfiggere la rendita di posizione attraverso tecniche di recupero del plusvalore fondiario, oppure cancellare il valore economico dei suoli (siano essi edificabili o non).
  • Avviare processi di partecipazione popolare per il governo del territorio e ricostruzione delle comunità attraverso esperienze di co-gestione fra Enti pubblici e cittadini (democrazia economica con l’azionariato diffuso popolare).
  • Sviluppare la resilienza urbana e territoriale.
  • Gestione dei processi attraverso l’aggiornamento culturale di dirigenti e funzionari pubblici, e liberi professionisti, al fine di garantire la realizzazione delle trasformazioni in tempi ragionevoli, e gestire i servizi realizzati nel rispetto della tutela delle risorse finite, applicando la trasparenza e la partecipazione popolare.
  • Valutazione dei progetti aggiornando i criteri estimativi distinguendo beni e merci nel solco della bioeconomia, dando priorità alla convenienza ecologica dei progetti, affinché il territorio non sia più gestito come una merce, e siano individuati beni da sottrarre alle logiche mercantili.
  • Pianificare i sistemi locali con l’approccio bioregionalista:
    • mettere in sicurezza il territorio dal punto di vista idrogeologico;
    • rifunzionalizzare i sistemi insediativi aumentando la biodiversità;
    • riusare e riciclare le acque in area urbana;
    • attrezzare i territori intermedi per il sistema agroalimentare locale;
    • attrezzare le aree interne e le aree montane;
    • valorizzare la mobilità sostenibile e lenta;
  • Trasformare i piani espansivi in “piani di quarta generazione”. Rigenerare i tessuti urbani esistenti e recuperare gli standard mancanti con l’approccio bioeconomico.
  • Recuperare i centri storici con l’approccio conservativo.
salerno-scenario-rigenerazione-prima-e-dopo
Salerno, scenario di rigenerazione urbana bioeconomica, tesi di laurea Giuseppe Carpentieri.

creative-commons

La sfida urbana

rigenerazione-urbana-bioeconomica

La sfida della nostra società è cambiare il paradigma culturale che guida gli stili di vita degli abitanti nelle città esistenti. Una sterminata letteratura straniera parla di rigenerazione urbana, ma gli interventi di trasformazione realizzati in occidente hanno avuto conseguenze contraddittorie. Spesso hanno fatto prevalere gli interessi degli investitori e innescato processi di gentrificazione, sostituendo l’identità dei luoghi con persone più ricche e hanno cambiato gli stili di vita delle persone, limitandosi a cambiare l’aspetto dei quartieri. Viviamo nell’epoca urbana e le città italiane continuano ad essere luoghi ignorati dalla classe dirigente e mal pianificati. Nei pochi interventi urbani che si realizzano, i meccanismi economici delle trasformazioni escludono i ceti più poveri preferendo quelli economicamente più forti, mentre le città continuano a sprecare energie contribuendo a distruggere le risorse finite del pianeta, e lasciando un pianeta peggiore alle future generazioni. Abbiamo una sola certezza: l’aumento degli individui nelle aree urbane con stili di vita consumistici produrrà un aumento dell’impronta ecologica. Per rimediare a ciò è necessario un lungo e consapevole percorso nel ridurre gli sprechi (consumi inutili) e nel ridurre la dipendenza dagli idrocarburi. Questo percorso può funzionare solo col sostegno di politiche pubbliche e solo condizionando gli editori dei media che hanno una grande responsabilità politica attraverso la pubblicità.

Il territorio italiano si caratterizza con insediamenti urbani vulnerabili: disordine urbano; densità; scarsa accessibilità; carenza di servizi; disoccupazione ed esclusione sociale; dipendenza dagli idrocarburi; rischio sismico e idrogeologico; ciclo vita degli edifici. In Italia esistono 611 Sistemi Locali del Lavoro individuati dall’ISTAT.

Le comunità esistenti nelle aree urbane stanno perdendo la sfida di rigenerarsi per ragioni culturali. La popolazione non conosce l’urbanistica e non partecipa alla vita di comunità, è psico programmata dalla religione capitalista che ha saputo diffondere egoismo, apatia, nichilismo, ignoranza funzionale e di ritorno, favorendo la regressione della specie umana, oggi facilmente guidata dai capricci indotti dalla pubblicità.

Inoltre le istituzioni locali, Comuni e Regioni, sono del tutto obsolete ad affrontare i cambiamenti sociali consolidatisi negli ultimi trent’anni. L’industrialismo abbandonava le città mentre i politicanti locali deliberavano obsoleti piani di crescita urbana attraverso le speculazioni per inseguire i capricci delle imprese, e in questo modo hanno fatto esplodere le città italiane favorendo la cosiddetta dispersione urbana (sprawl) e consumando inutilmente suolo agricolo. Eleggere Sindaci e Consigli comunali è inutile. sia perché gli individui vivono e consumano in un’area più vasta chiamata “sistema locale”, cioè un’area funzionale dove si sviluppano le relazioni sociali ed economiche, e sia perché la religione liberale ha esternalizzato la gestione dei servizi a società di profitto. I veri Sindaci delle città sono amministratori delegati di SpA. Una seria riforma dovrebbe eliminare poltrone politiche inutili osservando l’esistenza dei “sistemi locali”, introdurre e sperimentare forme di partecipazione popolare diretta, e riorganizzare la pubblica amministrazione per deliberare piani urbanistici bioeconomici e sviluppare bioregioni urbane da rigenerare. Cittadini e pianificatori dovrebbero sperimentare la democrazia per costruire le bioregioni urbane dentro i sistemi locali per rigenerarli. Gli attuali strumenti di pianificazione, frutto di Enti obsoleti, sono previsioni inutili sia perché sono ancora pensati nella speranza di far crescere l’area urbana convinti che un mercato possa assorbire un’offerta di immobili non richiesti, e sia poiché rispecchiano un limite territoriale amministrativo ormai anacronistico. Anche per questo motivo stiamo perdendo la sfida urbana.

Nella migliore delle ipotesi, politici illuminati potrebbero proporre piani intercomunali bioeconomici fra i comuni centroidi e le loro conurbazioni all’interno dei sistemi locali. E’ un processo fattibile poiché i Comuni hanno l’autonomia per promuovere unioni, consorzi e ridisegnare il proprio territorio proiettandosi verso una bioregione urbana e seguire il bene comune. Questo percorso politico virtuoso può diventare un tema politico per rigenerare aree urbane e territori. E’ percorso lungo, dove le persone in maniera consapevole avviano processi di rigenerazione morale, politica e quindi urbana.

Pensiamo ad un esempio concreto: il sistema locale salernitano. La città capoluogo (comune centroide) ha una popolazione di circa 135.000 abitanti, mentre il SLL salernitano è costituito da 22 comuni con circa 500.000 abitanti. La nuova struttura urbana, la nuova città, è costituita dal comune centroide e le sue conurbazioni, e conta 11 comuni con circa 300 mila abitanti; ed è l’ambito territoriale da amministrare e gestire con un piano regolatore generale bioeconomico. I Piani urbanistici di questi comuni sono del tutto obsoleti di fronte agli stili di vita degli abitanti, e così c’è una sistematica carenza di servizi, dalla mobilità ai servizi di quartiere, dal consumo del suolo agricolo all’inquinamento, dalla disoccupazione alla qualità di vita. Per conoscere le difficoltà di un’area del Sud come Salerno, dobbiamo osservare e pensare in funzione del cambiamento culturale, e cosi non solo conoscere e analizzare il territorio con gli occhi della bioeconomia, ma possiamo anche osservare i nuovi indicatori come il Benessere Equo e Sostenibile. E’ con questo approccio che si produce nuova occupazione utile e restituisce vitalità ai luoghi urbani applicando i principi costituzionali di tutela e di valorizzazione del proprio patrimonio storico e ambientale.

bioeconomy-figure

Politiche territoriali bioeconomiche

rigenerazione-urbana-bioeconomica

A partire degli anni ’90, si è sviluppato il dibattito dei meccanismi decisionali chiamato governance multilivello per ragioni che possono essere ovvie: l’affermazione dell’UE e il rapporto con gli Stati membri. In questo dibattito di governance multilivello ci sono varie visioni, ove sono state sviluppate proposte di politiche territoriali, di coesione territoriale e di policentrismo (SSSE – Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo).

La visione dominante è sempre quella globalista neoliberale, cioè la distribuzione delle risorse in funzione di una crescita continua della produttività delle imprese, dove il profitto privato delle imprese multinazionali possa trarne i maggiori ricavi nello scegliere un territorio piuttosto che un altro, e in questa scelta un ruolo importante è rappresentato dalle politiche urbane. E’ sempre l’obsoleto PIL, l’indicatore preso in considerazione dai decisori politici. I cittadini sono allo scuro di queste riflessioni di geografia politica, nonostante gli argomenti coinvolgono direttamente i territori, poiché la coesione ha tre componenti come: la qualità territoriale (ambiente di vita e di lavoro, benessere, servizi, conoscenza), l’efficienza territoriale (utilizzo delle risorse naturali, paesaggistiche, energetiche, attrattività e competitività) e l’identità territoriale (presenza di capitale sociale, salvaguardia delle specificità e delle vocazione produttive). In quest’ottica si intuisce che la coesione è una politica territoriale quando fa gli interessi delle comunità e non l’esclusivo interesse delle multinazionali.

Possiamo osservare che gli Enti locali (Regioni e Comuni), negli ultimi trent’anni hanno deliberato e normato scelte politiche suggerite dai think tank liberal che sono opposte alle politiche di coesione territoriale e sociale. Le politiche urbane di crescita continua deliberate dalle classi dirigenti hanno peggiorato le dimensioni (salute, istruzione e formazione, ambiente, benessere economico, paesaggio e patrimonio culturale …) misurate nel Rapporto BES 2016. In che modo? Applicando una miscela “esplosiva” capitalista, sia facendo scelte frutto degli egoismi privati e sia dell’ignoranza (danni ambientali e biologici). Facendo prevalere l’ideologia capitalista le classi dirigenti hanno favorito un diffuso nichilismo e svuotato di senso l’identità e la spiritualità umana. La cosiddetta “società liquida” raccontata da Bauman è ampiamente diffusa in tutto l’Occidente. Il paradigma neoliberale è stato interpretato da tutti i Governi e Parlamenti tant’è che il risultato è stato il peggioramento delle condizioni sociali e lavorative attraverso le famigerate privatizzazioni, le svalutazioni salariali (abolizione articolo 18 e job act), la distruzione di interi ecosistemi e la negazione di servizi e standard minimi (welfare urbano), lo spreco delle risorse energetiche e la delocalizzazione delle specificità di manifatture italiane. La scelta di un investimento non può essere influenzato dalla crescita, cioè del PIL, ma dovrebbe seguire le indicazioni del BES (Benessere Equo e Sostenibile).

Regioni e Comuni hanno commercializzato i territori per assecondare i capricci di grandi imprese e multinazionali, facendo l’opposto di politiche di coesione territoriale e sociale, ma le politiche di coesione non sono sufficienti per uscire dalla recessione poiché è necessario cambiare il paradigma culturale, e ciò avviene rinunciando all’economia neoclassica e introducendo politiche territoriali bioeconomiche.

Inoltre è indispensabile sperimentare la partecipazione dei cittadini e avviare piani urbanistici intercomunali di “quarta generazione” uscendo dalla commercializzazione dei suoli e introducendo la bioeconomica in ambito urbano. E’ necessario costruire cluster del cambiamento culturale oltre che rilocalizzare la manifattura leggera. In sostanza, bisogna cambiare le politiche urbane poiché quelle recenti forgiate nell’ideologia della crescita hanno contribuito a deperire il territorio italiano e reso le persone più povere. Ci vuole un’agenda urbana bioeconomica che sappia leggere e interpretare le aree urbane italiane, e rigenerare l’ambiente costruito valutando gli impatti sociali e ambientali. Bisogna avere il coraggio di predisporre piani non sulla base del ritorno economico degli investitori privati, ma sulla base di progetti che favoriscono lo sviluppo umano, poiché l’economia neoclassica utilizzata dalle istituzioni per compiere scelte non è utile alla specie umana.

Il Rapporto BES 2016 indica le dimensioni da migliorare nel Mezzogiorno d’Italia poiché le prestazioni misurate mostrano un peggioramento delle dimensioni stesse, dopo decenni di politiche neoliberali; e pertanto è necessario migliorare: la soddisfazione per la vita; l’occupazione; il reddito; l’istruzione e la formazione; le condizioni economiche; le relazioni sociali e la qualità del lavoro.

Il miglioramento può essere favorito applicando l’interesse generale di uno Stato sovrano e con una riorganizzazione amministrativa degli Enti locali nei sistemi locali, elaborando il progetto bioeconomico che genera occupazione utile. Le aree urbane sono contemporaneamente il motore della vita e i luoghi del fallimento. Concentrarsi nella rimozione del fallimento, ad esempio risolvendo l’esclusione sociale, le crisi ambientali, il rischio sismico, il recupero dei centri storici e delle periferie si potranno innescare processi virtuosi, poiché affrontare i problemi nelle aree urbane crea opportunità di lavoro utile.

Le scelte di investimento vanno compiute sulla base di piani bioeconomici nei sistemi locali per migliorare le dimensioni osservate nei Rapporti BES e sulla base di peculiarità che sono bene comune come il patrimonio culturale, la riduzione del rischio sismico e idraulico. Una saggia riforma delle istituzioni, osserva i sistemi locali e aggrega i Comuni per promuovere piani intercomunali bioeconomici, e in funzione di tali piani è possibile concentrare gli investimenti per lo sviluppo umano.

bes-2016-indici-composti
Fonte immagine, Rapporto BES 2016.

L’era urbana

ISTAT grado di urbanizzazione 2001
Grado di urbanizzazione, ISTAT, 2001.

Tutti le istituzioni accademiche e di ricerca evidenziano e mostrano come e quanto sia aumentata la popolazione urbana mondiale. Questa fase di trasformazione è molto importante poiché cambia la vita delle persone, la loro cultura e l’uso delle risorse finite del pianeta. Le città sono il luogo più importante dell’esperienza umana e alcuni governi ne sono consapevoli. L’Italia è ancora priva di una propria agenda urbana, attenta alla propria realtà e sensibile alle disuguaglianze emergenti e ai problemi ambientali innescati da una cattiva organizzazione spaziale e da un’assenza di pianificazione.

LSE cities è un centro internazionale che svolge indagini sulle città globali, monitora e misura le loro attività: popolazione, economia, società, amministrazione, pianificazione,, trasporti e ambiente.

howcitiesperform_2014-4096
Fonte immagine LSE cities.

Le nostre priorità sono: mettere in sicurezza il territorio dal punto di vista idrogeologico; rifunzionalizzare i sistemi insediativi aumentando la biodiversità; riusare e riciclare le acque in area urbana; attrezzare i territori intermedi per il sistema agroalimentare locale; attrezzare le aree interne e le aree montane; valorizzare la mobilità sostenibile e lenta; e rigenerare le aree urbane per conservare i centri storici e le zone consolidate per impedire il consumo del suolo agricolo. Per vedere realizzati questi obiettivi è necessario entrare negli storici interessi che hanno costruito un’Italia peggiore: il capitalismo delle rendite di posizione e la proprietà privata. Se desideriamo uscire dalla schiavitù mentale del capitale dobbiamo necessariamente ripensare le fondamenta di una società costruita sull’egoismo e sull’avidità, e quindi uscire dalla stupida economia neoclassica che ha condizionato negativamente il disegno urbano e territoriale. E’ noto che l’economia ignora l’entropia, e per questo motivo andrebbe messa da parte per usare il modello figlio della bioeconomia di Roegen-Georgescu.

Priorità e appunti per l’Agenda:

  • Cambiare la scala territoriale osservando le nuove città (aree urbane estese) costituite da comuni centroidi e conurbazioni.
  • Osservando le nuove città: adottare piani regolatori generali bioeconomici che applicano il metabolismo urbano e si occupano di recuperare i centri e rigenerare le zone consolidate, senza nuove espansioni.
  • E’ necessario un processo di riordino, di armonizzazione e di semplificazione di tutte le leggi che condizionano e determinano il governo del territorio affinché sia chiaro a progettisti e pubblica amministrazione come applicare l’articolo 9 della Costituzione e sviluppare nuovi piani che rigenerano gli ambienti costruiti secondo i principi della “sostenibilità forte”.
  • Il regolamento edilizio nazionale dovrà porre attenzione ai principi di bellezza e decoro urbano adottando anche “schede norma figurative” per comunicare efficacemente un’adeguata morfologia figlia della qualità urbana.
  • Riscrivere la legislazione sugli appalti pubblici con grande attenzione all’etica e alla trasparenza.
  • Sconfiggere la rendita di posizione attraverso tecniche di recupero del plusvalore fondiario, oppure cancellare il valore economico dei suoli (siano essi edificabili o non).
  • Avviare processi di partecipazione popolare per il governo del territorio e ricostruzione delle comunità attraverso esperienze di co-gestione fra Enti pubblici e cittadini (democrazia economica con l’azionariato diffuso popolare).
  • Gestione dei processi attraverso l’aggiornamento culturale di dirigenti e funzionari pubblici, e liberi professionisti, al fine di garantire la realizzazione delle trasformazioni in tempi ragionevoli, e gestire i servizi realizzati nel rispetto della tutela delle risorse finite, applicando la trasparenza e la partecipazione popolare.
  • Valutazione dei progetti aggiornando i criteri estimativi distinguendo beni e merci nel solco della bioeconomia, dando priorità alla convenienza ecologica dei progetti, affinché il territorio non sia più gestito come una merce, e siano individuati beni da sottrarre alle logiche mercantili.
  • Pianificare i sistemi locali con l’approccio bioregionalista.
    • mettere in sicurezza il territorio dal punto di vista idrogeologico;
    • rifunzionalizzare i sistemi insediativi aumentando la biodiversità;
    • riusare e riciclare le acque in area urbana;
    • attrezzare i territori intermedi per il sistema agroalimentare locale;
    • attrezzare le aree interne e le aree montane;
    • valorizzare la mobilità sostenibile e lenta;
  • Trasformare i piani espansivi in “piani di quarta generazione”. Rigenerare i tessuti urbani esistenti e recuperare gli standard mancanti con l’approccio bioeconomico.
  • Recuperare i centri storici con l’approccio conservativo.

 

 

Cambiare le politiche urbane

In tutta la letteratura urbanistica, gli autori raccontano i cambiamenti avvenuti nei nostri territori, in particolar modo l’aumento della popolazione urbana e il fenomeno della contrazione nelle città che ha fatto crescere i comuni limitrofi ai grandi centri favorendo la nascita di aree urbane. A partire dagli anni ’70, le imprese abbandonano l’Europa e le città sono deindustrializzate, in Italia c’è un’accelerazione del fenomeno che va dagli anni ’80 fino all’inizio del nuovo millennio. Due scelte politiche favoriscono la delocalizzazione: la deregolamentazione dei mercati finanziari e la fine del socialismo in Russia, e l’apertura della Cina al neoliberismo. I cambiamenti del capitalismo incidono anche sulle migrazioni, tant’è che l’Europa perde abitanti qualificati a favore di USA e ASIA. Dentro l’Europa i paesi “centrali” attraggono migranti qualificati mentre la “periferia” perde abitanti. All’interno di questa lettura territoriale centro-periferia, nel corso degli anni sono emerse le città regioni e i super cluster (agglomerazioni) come Silcon valley, Hollywood, la City di Londra, capaci di generare accumulazione capitalista. Le città regioni sono agglomerazioni socio-economiche più competitive, i casi più efficaci sono Portland, Toronto, San Diego-Tiujana, le regioni transfrontaliere della Manica, quella dell’Øresund, la pianura Padana, la zona Singapore-Johore-Batam, quella di Hong Kong-Shenzen. Recentemente si è avviato un esperimento di unire Shangai con Jiangsu e Zhejiang per creare una gigantesca città regione di circa 90 milioni di abitanti. Nel 1988, in Europa in quattro motori del capitalismo, Baden-Württemberg, Catalogna, Lombardia e Rhône-Alpes, hanno cercato accordi per assicurarsi vantaggi competitivi.

Dunque in questi anni di globalizzazione neoliberista le amministrazioni territoriali hanno innescato processi competitivi per accentrare capitali, con evidenti conseguenze economiche e sociali. Le istituzioni politiche scelgono di non avere una politica urbana nazionale per favorire l’accumulazione capitalista nelle città regioni, considerate i luoghi trainanti del capitalismo neoliberista. In questo contesto degenerato grazie all’assenza di politica nel rispetto dei principi costituzionali emergono e crescono le disuguaglianze sociali, di reddito e di riconoscimento. Aumentano povertà e degrado, anche nelle aree urbane estese scelte dai neoliberisti. L’osservazione della nuova realtà urbana suggerisce la necessità di riorganizzare competenze e funzioni dei Comuni per adeguare le istituzioni ai cambiamenti sociali già consolidati. Sarebbe saggio realizzare un cambiamento di scala territoriale unendo i comuni centroidi a quelli limitrofi che insieme rappresentano un’unica struttura urbana. Inutile ricordare l’incapacità del legislatore nel servire seriamente il popolo, sia perché i politici non cambiano le dannose regole fiscali e monetarie dell’UE, sia perché i problemi delle aree urbane vanno affrontati con urgenza per la necessità di fare prevenzione dal rischio sismico e idrogeologico, ma il nostro legislatore non ha né il coraggio e né la consapevolezza di interpretare correttamente la realtà territoriale e urbana, per applicare la Costituzione e programmare investimenti per rigenerare le città.

Gli abitanti non vivono più entro i confini amministrativi delle città ma vivono nei cosiddetti Sistemi Locali, che rinchiudono più comuni. In Italia sono 611 i Sistemi Locali del lavoro. Fino ad oggi tutti i Consigli comunali hanno inseguito il paradigma culturale sbagliato e cioè la crescita urbana, per attrarre investitori privati. I politici locali, interpretando male la Costituzione e la legge urbanistica nazionale, hanno chiesto ai pianificatori di mercificare le trasformazioni urbane, affinché i piani attuativi rispondessero alle esigenze di fare profitto, e riempire i vuoti urbani lasciati dal processo di disurbanizzazione, con interventi speculativi. La classe dirigente politica è cresciuta nell’idea sbagliata di sviluppo, convinta che le città potessero crescere all’infinito ma non è così, poiché le città possono anche decrescere, come accade per 26 città italiane, tutte le più importanti, da Milano a Roma. La popolazione urbana è dinamica e dipende dalle attività economiche che alimentano la vita in città.

Poiché il capitalismo abbandona la vecchia Europa per motivazioni “banali”, come l’opportunità di aumentare i ricavi riducendo i costi (salari più bassi in Asia e assenza di diritti sindacali), è altrettanto evidente che se tutti i Consigli comunali puntano all’inutile competitività per attrarre gli speculatori privati, solo alcune trasformazioni diventano realtà che si concentrano nelle città più importanti. Il capitalismo è sinonimo di razzismo, e la pianificazione urbanistica è stata utilizzata dalla borghesia italiana, i privati economicamente più forti, per soddisfare i propri interessi e i propri capricci cacciando i ceti meno abbienti dai centri urbani. Oggi è la finanza globale che entra direttamente nella pianificazione locale di alcune città globali, sceglie dove riciclare il danaro, mentre le multinazionali costruiscono i non luoghi e distruggono l’economia locale rendendo le attività sempre più dipendenti al sistema globale (deterritorializzazione). E’ un processo vizioso che distrugge sempre più le opportunità delle generazioni presenti e future. Un sistema stupido e dannoso poiché ha deindustrializzato l’Italia nei settori ove era leader mondiale, e dannoso poiché impoverendo le famiglie, si distrugge il presente e futuro di diverse generazioni, mentre i neolaureati sono costretti a emigrare per inseguire i propri sogni.

Le politiche urbane sono fondamentali per programmare e costruire un eventuale Rinascimento italiano poiché tali strumenti (i piani) localizzano le attività cultuali, sociali, ambientali e industriali nei nostri territori e possono favorire coesione sociale e sviluppo locale, ma è necessario cambiare il paradigma culturale della società. Se l’Italia non ha un’adeguata agenda urbana, è evidente che Governo e Parlamento non svolgono il proprio ruolo, mentre la Costituzione ordina fedeltà alla Repubblica e lo sviluppo di politiche industriali per realizzare l’interesse generale: tutela del patrimonio e dell’ambiente, ricerca e innovazione, costruzione dei diritti, favorire lo sviluppo umano.

Le attuali politiche urbane neoliberali non funzionano per le ragioni prima accennate, allora la risposta alla soluzione: favorire l’occupazione e ridurre la povertà, non è proporre di riempire i vuoti con progetti speculativi, come le ZES copiando l’ASIA, poiché sono gli strumenti delle multinazionali che predano le risorse locali e omogeneizzano i territori privandoli della propria identità. La soluzione è nella direzione opposta e cioè territorializzare. La soluzione è nella nostra identità, nelle nostre specificità, è nella cultura; basta applicare la Costituzione italiana per creare occupazione utile. La soluzione è nella cooperazione fra Comuni dentro i sistemi locali. Ad esempio, costruendo programmi, piani, e progetti di bioregioni urbane per l’ambito territoriale, e in rigenerazioni bioeconomiche in ambito attuativo, cittadino. C’è la necessità di fare manutenzione dell’intero patrimonio edilizio esistente e di intervenire nei quartieri per cambiare gli isolati, e la morfologia urbana. Cultura e bellezza sono i principi che dovremmo applicare. Basterebbe introdurre la democrazia, favorendo processi di pianificazione partecipata coinvolgendo i cittadini al processo decisionale della politica, e chiedere loro di riempire i vuoti creati dalla disurbanizzazione e cioè dalla fine del capitalismo industriale nelle città. Molti esempi sono presenti in Europa, in tutte quelle città dove gli amministratori hanno saputo raccogliere investimenti privati non per speculare, ma favorire l’agglomerazione delle attività locali nelle aree da rigenerare. Il problema delle nostre città è la cattiva cultura dei nostri dipendenti eletti, che preferiscono inseguire l’ideologia neoliberale piuttosto che rispondere ai bisogni delle persone e applicare la Costituzione rimuovendo gli ostacoli di ordine economico e aiutare i ceti meno abbienti, solitamente espulsi dalle città e relegati nelle periferie degradate. Sindaci, Consigli comunali e cittadini possono fermare questa predazione continua se capiscono di dover uscire dalla religione capitalista poiché il territorio non è merce, ma la fonte della nostra vita e rappresenta anche la nostra identità. Le politiche urbane devono ispirarsi alla bioeconomia poiché è l’approccio culturale che ci consente di avviare piani attuativi misurando l’etica delle scelte, e i flussi di energia e di materia. L’impatto sociale delle scelte è più importante degli indici di borsa di un mercato senza morale.

Per misurare e capire l’inefficacia di politiche urbane proposte da un’idea sbagliata di sviluppo, è sufficiente osservare gli indicatori economici (tasso di povertà), quelli socio-demografici (alfabetizzazione, l’aspettativa di vita), gli indicatori ambientali (vulnerabilità e resilienza) e gli indici di sviluppo umano (BES: salute, ambiente, benessere economico, istruzione e formazione, relazioni sociali, paesaggio e patrimonio culturale, qualità dei servizi …). L’ISTAT abbonda di dati.

creative-commons

Un piano intercomunale bioeconomico

Per Salerno è fondamentale ripensare le modalità sociali ed economiche della pianificazione urbanistica per una serie di ragioni che dovrebbero essere scontate, ma forse non lo sono. Il territorio è una risorsa finita e i famigerati meccanismi delle rendite e degli interessi privati non hanno migliorato le condizioni sociali degli abitanti, anzi l’aver perseguito e assecondato le regole di mercato ha fatto espellere i ceti meno abbienti generando una dannosa contrazione della città. Il Comune di Salerno e i comuni viciniori rappresentano un’area funzionale, ed è necessario creare un ufficio di pianificazione che disegni una visione futura dell’area urbana con regole bioeconomiche.

La bioeconomia è un nuovo modello culturale che genera prosperità e mira alla piena occupazione utile, cioè l’opposto di quello perseguito fino ad oggi. L’aver perseguito l’ideologia della crescita fino ad oggi ha prodotto danni sociali, ambientali ed economici e lo dimostrano gli impietosi dati ISTAT: Salerno ha la tendenza di perdere occupati (periodo 2008-2014 e 2013-14) e l’occupazione è medio bassa; il tasso di disoccupazione nel Comune di Salerno è 17,48%. Appare evidente la priorità di invertire la drammatica tendenza nel perdere occupati, favorendo la nascita di specializzazioni produttive[1] e terziarie (cultura, ricerca e innovazione), proprio attraverso la rigenerazione urbana bioeconomica che non consuma suolo ma interviene nel costruito (zona consolidata). Sotto l’Amministrazione deluchiana, mentre la città perdeva abitanti (il 18,4% dei residenti) il consumo di suolo aumentava del 31% (Dato Ispra, 2015), più di tutti i comuni limitrofi che ricevevano i cittadini espulsi dalle politiche urbane neoliberali. Questo dato non andrebbe sottovalutato sotto il profilo giuridico, poiché uno dei principi dell’urbanistica e della stessa legge nazionale è l’uso corretto del territorio, cioè il perseguimento dello scopo sociale e dell’interesse generale. Se invece i piani sono costruiti utilizzando esclusivamente la rendita è evidente la violazione di tale principio, poiché il territorio è considerato merce anziché risorsa finita indispensabile per la vita umana. Fare urbanistica non significa fare profitto ma tutelare il paesaggio, il patrimonio esistente e costruire diritti e servizi per tutti.

Inoltre, il congestionamento di Salerno è fotografato da un elevato indice di accentramento della popolazione residente (0,98) e un’elevata densità di abitazioni totali che da un lato favorisce le relazioni di prossimità, ma alti valori indicano affollamento e un probabile degrado, considerando anche il fatto che il 61% degli occupati vive e lavora nell’area urbana appesantita e addensata dagli spostamenti giornalieri del pendolarismo in ingresso.

La città di Salerno come la vediamo tutti noi, cioè l’area urbanizzata con tutti i problemi che ereditiamo è stata costruita fino alla fine degli anni ’80. Nel bene e nel male l’urbanistica salernitana appartiene ai piani che vanno dall’inizio del secolo Novecento sino al dannoso piano Marconi degli anni Cinquanta. Il motore che ha costruito la città è stata la rendita fondiaria e immobiliare, cercata e voluta dai cittadini salernitani che avevano la facoltà di influenzare gli Amministratori locali. Tutt’oggi è la rendita che muove le azioni dei piani del Sindaco. Il ruolo politico dell’attuale guida politica che dura da più di vent’anni è stato quello di ignorare i problemi urbanistici dei salernitani. Ciò che i salernitani sanno meno è che negli anni ’70 i progettisti salernitani incaricati di recuperare standard urbanistici fotografarono con precisione i danni sociali ed economici delle rendite di posizione costruite all’inizio del Novecento, e per l’assenza di un corretto uso del territorio. Il famoso e millantato processo di rinnovamento urbano è concretamente programmato e pianificato, durante gli anni ’70 e ’80, dai progettisti salernitani con ampi dibattiti pubblici. E’ in quegli anni di scontri che si costruisce l’alternativa politica alla vecchia democrazia cristiana, responsabile insieme ai fascisti della cattiva costruzione della città.

I problemi sopra elencati non devono farci arrendere, anzi è necessario introdurre nel linguaggio politico la visione bioeconomia come approccio culturale per risolverli. I problemi dovrebbero sollecitare un dibattito pubblico aperto teso a raccogliere idee e progetti.

Un’esperienza convincente da ricordare fu quando i salernitani percorsero, durante gli anni ’80, numerosi momenti di dibattiti e proposte dove professionisti, di qualsiasi colore politico, presentarono pubblicamente le idee per cambiare la città, e tale percorso favorì la cosiddetta svolta di sinistra. A quella esperienza concreta i cittadini potrebbero ispirarsi, per riappropriarsi della democrazia come metodo per far confluire le progettualità e consentire una crescita culturale.

Salerno schema territoriale progetto di città 1978.png
Salerno progetto di schema territoriale, 1978.

 

Diversamente da allora, la città non è più il territorio comunale di Salerno, ma la città è la regione funzionale classificata nel sistema locale che comprende 22 comuni ove vivono circa 400 mila abitanti. E’ questa la regione urbana ove è necessario ripensare la gestione amministrativa dei servizi e la pianificazione urbanistica poiché gli abitanti usano il territorio e stabiliscono relazioni in un’area che va oltre gli attuali confini amministrativi. E’ salernitano chi vive nella valle dell’Irno così come chi vive a Paestum o sulle colline giffonesi, ci bagniamo tutti nello stesso golfo. Riorganizzare le competenze amministrative come bioregione urbana di tanti comuni offre la straordinaria opportunità di avere un enorme peso politico, di centralizzare e razionalizzare il sistema fiscale e di restituire agli abitanti servizi migliori, se ben pianificati s’intende. Quando accetteremo il fatto che il territorio è fonte della nostra esistenza, allora prenderemo atto che in quest’area urbana ci vuole un unico strumento urbanistico che introduca il metabolismo urbano, con un unico regolamento edilizio che introduce la bellezza, la qualità architettonica e la qualità urbanistica. Credo sia del tutto auspicabile che lo Stato si riprenda il ruolo attivo ed efficace di controllare adeguatamente l’attività urbanistico-edilizio sia per pianificare correttamente e sia per fare prevenzione sul rischio sismico e idrogeologico. Come ho già scritto fare urbanistica non significa fare profitto ma tutelare il paesaggio, il patrimonio esistente e costruire diritti e servizi per tutti.

In quest’area geografica è necessario ripensare la complementarietà, la trasferibilità e l’accessibilità in chiave bioeconomica, cioè dare prevalenza alle leggi della natura attribuendo valore ai beni che non sono merci, e sono necessari per la vita umana: energia, cibo, cultura. Si tratta di ripensare la politica delle risorse materiali e immateriali per accrescere l’economia locale cambiando il mercato in funzione di bisogni reali e non dei capricci. Non è l’accumulo del capitale a indicare la direzione, ma il soddisfacimento di bisogni rispetto all’equilibrio ecologico e sociale, ridistribuendo opportunità per tutti e perseguendo attività economiche portatrici di valori. Se il neoliberismo favorisce il nichilismo, la bioeconomia favorisce l’etica e la costruzione di comunità. In termini di complementarità possiamo valorizzare i beni auto prodotti fuori dal mercato e quelli di qualità inseriti nel mercato ma prodotti e consumati a breve distanza. In termini di trasferibilità possiamo favorire il consumo di merci che hanno un valore etico e qualitativo piuttosto che inseguire il prezzo più basso che non è detto sia sinonimo di garanzia in termini di sicurezza; e in fine per l’accessibilità è auspicabile una riprogettazione dei servizi affinché siano facilitati i tempi di accesso e migliorati i luoghi degli abitanti circa gli spazi di relazione, dei servizi culturali e sanitari. Ripensare l’interazione spaziale come sopra è accennato significa produrre occupazione utile. Un esempio può aiutare a comprendere il discorso: in un luogo urbano, lo spazio relazionale è costituito dalle percezioni soggettive e dalle relazioni umane, ed è uno spazio mutevole condizionato dalle contingenze, cioè dagli abitanti e dagli “oggetti” considerati; se un piano urbanistico preferisce favorire l’inserimento nei quartieri di non luoghi (centri commerciali) [“oggetto”] piuttosto che introdurre servizi mancanti quali piazze, biblioteche e teatri, è evidente che si condizionano gli stili di vita verso il consumo piuttosto che verso lo sviluppo umano. I nostri tratti culturali sono il frutto dei rapporti territoriali e se riusciamo a valorizzare i saperi locali creiamo valore, e possiamo migliorare il senso d’identità fino a creare una nuova regione bioeconomica.

Le famigerate Fonderie Pisano sono il problema di una vecchia zonizzazione, e mentre i Consigli comunali favorivano l’inurbamento delle abitazioni nella valle dell’Irno modificando le destinazioni d’uso dei suoli, i politici non consideravano gli effetti negativi delle attività produttive esistenti. Questo dimostra la miopia di una classe dirigente insensibile sui temi della sostenibilità. Quando i politici delocalizzavano il cementificio (oggi Italcementi) dalla foce del fiume Irno in zona periferica, si “dimenticavano” degli altri stabilimenti produttivi che troviamo in valle. La miopia dei politici fu quella di non scegliere di recuperare un’area storicamente sfruttata dall’industria mentre cresceva l’area urbana, per questo motivo confliggono attività produttive e abitanti a stretto contatto. In termini di variazione spaziale alcune aree salernitane, un tempo zone industriali/produttive sono diventate luogo di consumo, mentre altre restano abbandonate. Questa variazione spaziale è l’espressione di un riflesso pavloviano che mostra il mantra dominante: vendere, vendere, vendere; e che riproduce una regressione culturale largamente diffusa. La valle d’Irno dovrebbe diventare una bio regione urbana e dovrebbe essere una priorità per tutte le amministrazioni esistenti sul territorio. Così come l’area delle colline giffonesi e picentini con i comuni insediati nella piana del Sele, dovrebbero essere maggiormente valorizzati, e soprattutto è necessario progettare la rete di città che costituisce l’area urbana che gravita intorno a Salerno. Un’altra complicazione frutto della sottovalutazione e del non governo del territorio è l’attuale area ASI da molti anni compressa fra due aree urbane densamente abitate.

All’interno di questo sistema locale è auspicabile elaborare un lungo e articolato percorso di partecipazione teso a realizzare il primo piano intercomunale bioeconomico, dove emergono gli ambiti ecosistemici e funzionali, uno della valle dell’Irno e l’altro delle colline salernitane (i picentini). Per realizzare questo progetto bioeconomico sono necessarie tutte le risorse umane progettuali dei salernitani e non solo. Questo approccio semina un’incredibile e straordinaria opportunità di occupazione utile che va dalla valorizzazione delle risorse boschive e silvo-pastorali, artigiane, culturali e turistiche, fino all’innovazione tecnologica, si tratta di attivare un formidabile mix di tradizioni, identità culturali, ed efficienza energetica che stimola le migliori imprese che lavorano nel settore della sostenibilità, dell’agricoltura e della manifattura oltre che dei servizi intellettuali della progettazione.

[1] L’identità culturale agricola salernitana è un ambito produttivo in cui investire aumentando le attività eno-gastronomiche tipiche.

consumo-del-suolo
Consumo di suolo, fonte immagine: PRIN.

creative-commons