Feeds:
Articoli
Commenti
urbanismi Spinosa 02

Urbanismi, fonte immagine Spinosa.

Negli interventi passati sulla questione urbanistica, proponevo la necessità di aprire un dibattito pubblico su progetti bioeconomici, capaci di pensare gli insediamenti urbani come sistemi metabolici per eliminare sprechi e finalizzare le attività verso l’efficienza creando nuova occupazione utile. La scommessa è porre al centro del piano l’identità culturale del territorio. Osservavo che la realtà urbana da pianificare riguarda la “nuova” struttura urbana della città salernitana, che comprende ben 11 comuni, dalla conurbazione Nord esistente nella valle dell’Irno, fino a quella a Sud verso Battipaglia. In questa città salernitana estesa vivono circa 300 mila abitanti, in un ambiente urbano che soffre di degrado degli edifici esistenti (rischio sismico), affollamento e congestionamento del traffico, abbandono e non governabilità dei processi di agglomerazione e decentramento (rischio idrogeologico). Ricordiamoci che l’obiettivo dell’urbanistica è progettare diritti a tutti i cittadini tutelando il territorio, mentre la consuetudine sbagliata è favorire il profitto. I Consigli comunali, adottando piani che favoriscono prioritariamente le rendite dei privati, non si sono preoccupati di attuare gli scopi dell’urbanistica che indicava di progettare bene gli insediamenti urbani, non solo rispettando gli standard minimi ma realizzando una corretta morfologia delle città. Nell’area urbana estesa salernitana non ci sono né le quantità minime e tanto meno esiste una corretta forma urbana. La scelta politica è preferire processi privatizzati con la famigerata “urbanistica contrattata” e la perequazione di comparto, cioè ignorare l’intero territorio e intervenire solo in quelle aree più appetibili per soddisfare l’interesse economico dei privati, prima di tutto. I nostri processi urbanistici sono tutti viziati dallo scandalo urbanistico italiano, quando nel 1962 fu evitata la riforma del regime dei suoli, e oggi stiamo pagando le conseguenze politiche di quella scelta scellerata. Decenni di non corretta pianificazione hanno costruito l’area estesa salernitana, gravemente ammalata di dispersione urbana (sprawl), assenza di standard (verde di quartiere, parcheggi, servizi culturali), assenza di qualità architettonica, carichi urbanistici mal distribuiti, affollamento nelle aree centrali e assenza di mobilità sostenibile. L’economia reale della nostra specie dipende esclusivamente dal territorio, e l’area urbana non può continuare a crescere. La realtà territoriale indica la necessità di rigenerare i tessuti esistenti arrestando la dispersione urbana che alimenta danni ambientali, economici e sociali. Per rimediare ai disastri realizzati è necessario ripensare i paradigmi della società per favorire l’adozione di piani bioeconomici seguendo le indicazioni della scuola territorialista.

Nei paesi ove si è realizzata e diffusa una migliore pratica urbanistica, i piani sono centralizzati sull’interesse generale affinché il sapere tecnico possa indirizzare i soggetti attuatori nel realizzare, prima di tutto, i diritti per tutti i cittadini e risolvere i problemi esistenti, e non il contrario com’è nella prassi italiana. E’ noto che in Olanda, paesi scandinavi, Germania e Spagna le rendite sono tassate, e che addirittura si recupera il plusvalore fondiario per costruire la cosiddetta città pubblica (standard e servizi). Questi sono alcuni nodi politici, abbastanza noti in Italia, che impediscono di favorire una corretta pianificazione urbanistica secondo i dettami dei principi costituzionali come la rimozione degli ostacoli economici, e la realizzazione dello sviluppo umano rispettando le risorse limitate. Su questi temi, le nostre istituzioni politiche, anziché imitare le migliori esperienze sinceramente socialiste, hanno preferito inseguire l’ideologia liberale e neoliberale regalando facili profitti ai soggetti privati, che ancora oggi vivono e si alimentano di vecchie e nuove rendite senza dare un contributo allo sviluppo umano. Questa prassi politica italiana, cioè lasciar fare solo al mercato è divenuta normale, ma se pensiamo ai diritti e al territorio, ciò è sia immorale e sia illegale se osserviamo le regole di altri Paesi. Se ancora oggi non riusciamo a finanziare una corretta programmazione di manutenzione del territorio e di rigenerazione delle aree urbane, la motivazione è insita nell’approccio culturale delle istituzioni politiche e della maggioranza dei cittadini. Tutti immersi nel mondo economico liberale e neoliberale che ha favorito il nichilismo, la competitività, l’egoismo e di conseguenza la regressione culturale, che oggi mostra la decadenza di una società profondamente sbagliata e stupida poiché distruggendo il territorio elimina se stessa, la propria storia e la propria identità. La risposta culturale alla corretta pianificazione è altrettanto nota, persino scritta nella nostra Costituzione; manca la consapevolezza collettiva della maggioranza delle persone, manca una classe politica responsabile, seria e capace, manca un movimento politico che riconosca la priorità vitale per la nostra specie di tutelare le risorse naturali da cui prendiamo l’energia per vivere.

creative-commons

La Città 11 settembre 2017

 

Annunci
evans21

Foto di Walker Evans, anni ’30.

Il concetto più utilizzato da media, politici ed economisti per indicare un miglioramento è la crescita. La crescita è un mantra che viene ripetuto in maniera ossessiva compulsiva, tutti i giorni nei TG, ed è utilizzato per psico programmare i cittadini alla religione economica. La crescita è quella del Prodotto Interno Lordo, il famigerato PIL che misura l’aumento della produttività in denaro, scambiato in un anno solare. Questo indicatore economico è messo in rapporto con l’altrettanto famigerato debito pubblico. I tradizionali fattori della produzione capitalista sono quattro: natura, lavoro, capitale, e organizzazione. L’evoluzione tecnologica e informatica stanno trasformando nuovamente la società, prefigurando l’ipotesi di transitare in un’epoca nuova. L’economista Piketty mostra che il capitalismo odierno si sgancia dal lavoro, mentre informatica e umanoidi consentono l’accumulazione di capitali senza il contributo tradizionale dei lavoratori, ciò avviene in tutti gli ambiti lavorativi. In questa dinamica, il capitalismo italiano continua a voler accumulare capitale attraverso i tradizionali processi di urbanizzazione, con l’incongruenza dovuta al fatto che l’aumento della disoccupazione rende le famiglie più fragili, e incapaci di assorbire i costi delle stesse urbanizzazioni. In questo contesto, i tradizionali fattori della produzione subiscono scompensi e disequilibri, nel senso che natura, lavoro e organizzazione perdono il loro “peso” facendo spazio al solo capitale che si auto alimenta dal nulla. Questo processo auto referenziale è nelle mani delle imprese private: istituti finanziari; che hanno il potere di ricattare quegli Stati che hanno abdicato alla sovranità monetaria. La crescita aumenta senza il lavoro, e si realizza in quei paesi emergenti attraverso gli accordi commerciali transnazionali. La disoccupazione aumenta in quei paesi divenuti periferici per volontà politica, e così i territori indeboliti dipendono maggiormente dal sistema globale controllato dalle imprese private. Per essere ancora più chiari, le scelte politiche sono condizionate dalla infrastrutture fisiche e sociali presenti sul territorio, determinando le urbanizzazioni e le città regioni; tutto ciò influenza la produttività e quindi l’occupazione. Le politiche urbane condizionano gli investimenti e la distribuzione ineguale di ricchezza poiché le regioni sono in concorrenza fra loro, ciò favorisce anche la bancarotta di talune città o le condanna a ruoli di marginalità, cioè di periferia economica. L’ideologia liberale e neoliberale con l’ausilio delle giurisdizioni segrete (il sistema off-shore), le nuove tecnologie e l’informatica, sta favorendo un aumento delle disuguaglianze mai avvenuto nella storia dell’umanità, e svuota di senso le democrazie rappresentative occidentali. Circa 1,4 miliardi di persone vive negli slums e più della metà della popolazione mondiale è povera, mentre più del 60% della popolazione mondiale si sposta nelle aree urbane contribuendo un aumento dell’impronta ecologica. In Occidente le aree urbane sono instabili e il capitalismo tradizionale sembra essere incapace di sostenere l’occupazione. Le città occidentali (già industriali) si contraggono e diventano aree urbane, queste anziché essere i luoghi del cambiamento dei paradigmi culturali di una società sbagliata nel profondo, sono ancora pianificate da istituzioni politiche che favoriscono stili di vita dannosi per la salute umana. La gestione urbana si realizza in maniera contraddittoria, a seconda delle culture e tradizioni locali; nel Nord Europa c’è un maggiore controllo della pianificazione territoriale e urbana senza prevenire i fenomeni di gentrificazione sociale, e nonostante l’ideologia liberale, la pianificazione è indirizzata dallo Stato, tassando le rendite urbane, mentre nel Sud Europa il neoliberismo preda il territorio e ruba le risorse limitate a norma di legge, applicando un razzismo economico senza limiti. La geografia economica mostra i luoghi ove si sviluppano i modelli industriali concentrati nei paesi centrali. In buona sostanza, crescita economica e miglioramento non hanno lo stesso significato. L’unica strada per far aumentare l’occupazione e creare nuovi posti di lavoro, è compiere una scelta culturale consapevole rispetto all’identità dei luoghi, alla storia e alle risorse, e utilizzare le tecnologie per manutenere il territorio, sia per l’ambiente costruito e sia per la tutela dei suoli agricoli ripristinando la sovranità alimentare. Questi obiettivi non possono esser priorità delle imprese private sostenute dall’ideologia liberale. Non è interesse del mercato finanziare investimenti indispensabili per le comunità umane (prevenzione del rischio sismico e idrogeologico), se lo fosse staremmo a discutere di filantropia e altruismo, che non sono prerogative degli imprenditori ma di individui civili e democratici, cioè caratteristiche tipiche di uno Stato sovrano che non c’è più. Ripristinando la Repubblica, questa dovrebbe sostenere la sostenibilità poiché crea occupazione. Uscendo dal modello industriale del Novecento finalizzato alla crescita, la Repubblica dovrebbe favorire la diffusione di modelli autarchici e collegati in rete, copiando la natura. L’invenzione illuminista e liberale della crescita continua della produttività non è compatibile né con la natura, e né con la democrazia, poiché distrugge ecosistemi e specie umana. Anche l’ideologia socialista, venuta dopo quella liberale, nacque per sostenere l’aumento della produttività ma per ridistribuire il capitale. Oggi sappiamo che la crescita ha distrutto specie viventi e favorito il superamento dei limiti del nostro pianeta, oltre al fatto di non risolvere le disuguaglianze economiche ma crearne di nuove. L’obiettivo della specie umana è la felicità che si ottiene costruendo relazioni sociali (non mercantili), con la conoscenza, e con la gestione razionale delle risorse, ed oggi abbiamo le conoscenze per aggiustare i territori distrutti dal capitalismo. Un nuovo paradigma culturale suggerisce di ripristinare la democrazia in Europa, lasciando l’approccio feudale, e conducendo la macro economica sul piano della bioeconomia che preferisce approcci e valutazioni scientifiche e sociali.

creative-commons

Istat tasso di disoccupazione giovanile per Regione 2015

Edoardo Salzano, rispondendo ad Enzo Scandurra, narra una sintesi politica circa il dissenso sul termine “sinistra”. La sua sintesi è condivisibile, e nel fondo del suo intervento scrive: «l’errore di fondo della sinistra è stato quello di non aver compreso che per contrastare quelle tragedie con qualche efficacia, e con quel tanto di fiducia nell’avvenire che è necessario per alimentare la speranza, era necessario fare esattamente l’opposto di quello che si stava facendo. Occorreva riprendere la lotta per il superamento integrale del capitalismo, e non consumarsi in qualche guerriglia contro l’una o l’altra delle sue incarnazioni. Lottare per un’altra economia in un’altra società. Una prospettiva comunista? Forse, ma non solo parolaia». Sono pienamente d’accordo con Salzano, e vorrei aggiungere che quando Occhetto decise la svolta, chiudendo di fatto il Partito comunista, nessun dirigente di allora pensò di raccogliere la denuncia di Berlinguer circa la questione morale dei partiti. Era necessario fare l’opposto di quello fatto finora. Nessuno si organizzò per divulgare etica e partecipazione democratica nei partiti stessi, di fatto aprendoli alle nuove generazioni. La “sinistra” ha rinnegato se stessa scegliendo di farsi infiltrare dall’ideologia liberale, e dare il proprio contributo insieme alla destra liberale nel perseguire tornaconto personali, e l’avidità professata dalla religione delle SpA. Durante gli ultimi quarant’anni, a mio modesto parere la religione liberale è ben presente in tutte le accademie, formando generazioni di giovani, e far credere loro che non esista un altro mondo oltre a quello capitalista. L’élite finanziaria e imprenditoriale, aderendo al credo del liberalismo, ha psico programmato le menti delle classi dirigenti occidentali creando una vera e propria religione economica. Nella realtà questo è il mondo peggiore che le vecchie generazioni lasciano ai propri figli; di fatto violando il patto sociale generazionale. I soldi sono creati da nulla e gestiti dagli algoritmi. E’ altrettanto noto che sin dagli anni ’80, la famigerata deregolamentazione finanziaria consente di accumulare e creare moneta dal nulla attraverso gli strumenti finanziari, le scommesse e le speculazioni. Questi capitali sono nelle “mani” di algoritmi che non dormono mai, e tali flussi finanziari possono essere occultati nei paradisi fiscali, per apparire nei luoghi scelti dall’élite finanziaria come le città globali e i paesi emergenti (sfruttamento delle risorse finite del pianeta). In una società stupidamente capitalista dove la moneta è la forza che da energia al sistema politico e industriale, accade che la concentrazione della ricchezza fittizia creata dal nulla, e gestita dalle mani dei pochi, trasforma le democrazie rappresentative in regimi autoritari e feudali. E’ storia che l’Europa sia stata inserita nel sistema geopolitico statunitense e pertanto i nostri territori sono una regione colonizzata (sovranità limitata), mentre l’Italia nel corso dei decenni è diventata periferia economica per scelta politica. La recessione dipende da fattori storici (guerra), politici (delocalizzazione industriale) e culturali (prevalenza della religione neoliberale).

Poiché il capitalismo agisce su aspetti psicologici immorali come l’avidità e l’egoismo, dovremmo cominciare a rifletter sul fatto che una società capitalista non è compatibile con la democrazia, che invece prevede altruismo, dialogo e lo sviluppo di qualità morali. Capitalismo e specie umana non possono convivere, poiché il credo dell’ideologia capitalista è scientificamente sbagliato, come dimostrò egregiamente Georgescu-Roegen, e per l’ovvia e banale osservazione che il Sole da energia alla vita sul nostra pianeta, e non la crescita della produttività come sostiene un’economista o un politicante. L’energia che da vita alla nostra specie è gratuita! Parafrasando una teoria di sinistra, cioè di Marx, i popoli hanno la possibilità di appropriarsi degli strumenti tecnici che consentono loro di auto produrre ciò di cui hanno bisogno (abitare, nutrirsi, muoversi). Un partito sinceramente di sinistra dovrebbe porsi questo come obiettivo: dare al popolo gli strumenti per raggiungere l’auto determinazione in armonia con le risorse limitate della natura. L’aspetto direi grottesco, è che si può fare, poiché esistono le tecnologie per farlo ma non esistono né la volontà politica e né la consapevolezza collettiva della maggioranza dei popoli, poiché culturalmente regrediti (ignoranza funzionale) e apatici alla politica. Oltre ai percorsi di sinistra, cioè l’appropriazione dei mezzi di produzione, è necessario percorrere strade bioeconomiche e comunitarie, per ripristinare valori umani e solidali. Inoltre, possiamo osservare che noi siamo l’unica specie vivente a inventarsi la moneta, la banca e poi l’economia neoclassica, ottenendo effetti abbastanza stupidi: (1) disuguaglianza economica e sociale, e (2) “occultamento” delle leggi di natura (biologia, termodinamica e meccanica quantistica). Nei secoli le élite (monarchie e borghesia liberale) hanno sfruttato i più deboli per avidità e potere, muovendo guerre idiote. Nell’epoca moderna le élite al potere sfruttano l’invenzione degli Stati e della finanza, favorendo la distruzione degli ecosistemi, morte, schiavitù e disuguaglianza sociale pianificata. I ricchi hanno vinto la guerra contro gli ultimi, e mai come oggi la società è profondamente feudale, regolata dal vassallaggio. La specie umana dovrebbe risvegliare se stessa e lottare per qualcosa di puro, puntando a cambiare i paradigmi culturali dell’Occidente poiché sono profondamente sbagliati.

Ptcp 2012 ambiti territoriali e unità di paesaggio

La struttura urbana salernitana, fonte immagine Ptcp 2012.

Nei miei interventi precedenti ho avuto modo di accennare alla necessità di un salto culturale per approdare sul piano bioeconomico, capace di interpretare il territorio e le città come bioregioni urbane e creare occupazione utile attraverso processi di territorializzazione delle produzioni locali. Da circa un paio di decenni, Salerno non è più la città amministrata dal Consiglio comunale e dal Sindaco eletti, ma è una struttura urbana costituita da ben 11 comuni con una popolazione di circa 300 mila abitanti su una superficie di 272,4 Km2 (Salerno, Vietri, Pontecagnano F., Bellizzi, Battipaglia, San Mango Piemonte, Castiglione dei Genovesi, Pellezzano, Baronissi, Mercato San Severino, e Fisciano). Questa struttura urbana è interna al Sistema Locale del Lavoro (SLL) salernitano costituito da 22 comuni con circa 500 mila abitanti. Sono questi i territori urbani e funzionali, con attività e dimensioni che vanno governate con piani urbanistici intercomunali bioeconomici capaci di interpretare le città come sistemi metabolici, riducendo gli sprechi e adottando piani attuativi conservativi, cioè di recupero e rigenerazione urbana. La Regione Campania dovrebbe rinnovare la propria legislazione urbanistica per introdurre la rigenerazione urbana bioeconomia e approvare un piano territoriale paesaggistico regionale figlio della scuola territorialista. Tali atti normativi sarebbero capaci di favorire un’evoluzione culturale utile allo sviluppo umano, per tutelare la nostra ricchezza costituita dal patrimonio storico culturale e ambientale. Sarebbero atti capaci di creare occupazione utile e aggredire il drammatico tasso di disoccupazione (Campania 19,8%, Provincia di Salerno 16,6%). Due Regioni italiane hanno già approvato piani paesaggistici figli della scuola territorialista, la Toscana e la Puglia, mentre da alcuni anni la letteratura urbanistica mostra i cambiamenti delle nostre città, trasformate in aree urbane estese. Salerno non sfugge a questo cambiamento ed è necessario che le istituzioni politiche abbiano il coraggio di riformarsi e adottare strumenti urbanistici adeguati, al fine di governare i processi di agglomerazione, decentramento, e pianificare la rigenerazione dei tessuti urbani esistenti. L’implosione del capitalismo e le delocalizzazioni industriali che hanno innescato l’aumento della disoccupazione, il degrado territoriale e un’economia dipendente dagli idrocarburi, sono elementi che dovrebbero far riflettere e accelerare l’avvento delle politiche urbane bioeconomiche.

Nella città estesa salernitana sono leggibili i problemi ambientali, sociali ed economici che richiedono un approccio più efficace al fine di essere governati e affrontati, e per farlo è necessario un cambio di scala delle istituzioni, transitando da 11 Comuni a un solo Comune. Ciò costituirebbe un vantaggio politico straordinario. Sono altresì leggibili problemi quali: la dispersione urbana (lo sprawl) sia nella conurbazione Nord della valle dell’Irno, e sia nella conurbazione Sud verso Battipaglia. Entrambe le conurbazioni mal governate hanno consumato suolo agricolo favorendo l’aumento dell’inquinamento atmosferico e l’inquietudine urbana che danneggia particolarmente anziani, giovani e ceti meno abbienti. Secondo il Rapporto ISPRA 2017, Salerno e Foggia sono le città dove sono avvenuti i maggiori processi di trasformazione del territorio dovuti ad aree industriali e commerciali. Questa contraddizione, costituita dall’aumento di agglomerazioni commerciali e l’alto tasso di disoccupazione, spiega in parte come le classi dirigenti politiche non siano state capaci di affrontare i problemi sociali ed economici dell’area salernitana. Com’è noto, la scelta delle imprese private di delocalizzare le produzioni, coltivando il neoliberismo, lascia numerosi vuoti urbani che potrebbero essere riutilizzati e trasformati. Tali processi andrebbero affrontati con l’approccio bioeconomico che parte dall’analisi dell’esistente per intervenire sui suoli già urbanizzati, e ponendo priorità su obiettivi sociali e ambientali, anziché inseguire l’avidità dei privati innescata dalla rendita fondiaria e immobiliare. Sul piano bioeconomico il motore dell’economica è la cultura.

creative-commons

scandalo urbanisticoSono trascorsi molti anni quando si consumò il più grande scandalo urbanistico italiano. Nel corso dei decenni, il tema è stato rimosso dal dibattito pubblico contribuendo a far perdere consapevolezza di un argomento politico fondamentale per il capitalismo italiano, poiché il regime giuridico dei suoli condiziona la vita delle persone mostrando il conflitto fra l’interesse generale dello Stato e l’avidità dei privati che sfruttano la rendita. Quando negli anni ’60 si scelse di cancellare la proposta di riforma urbanistica sul regime dei suoli, di fatto, l’Italia divenne il paese più liberista d’Europa. Si abdicò l’interesse generale favorendo l’interesse dei proprietari privati che hanno saputo condizionare la pianificazione assecondando i propri capricci, e incassare l’accumulazione del capitale senza lavorare (plusvalore fondiario). La conseguenza di questa scelta politica scellerata è sotto gli occhi di tutti: urbanistica contrattata, rinuncia alla pianificazione e consumo del suolo agricolo, speculazioni edilizie. Tutto ciò ha alimentato l’inquietudine urbana, i processi di gentrificazione con le gated community, e i danni ambientali irreversibili.

Dal secondo dopo guerra in poi, il partito comunista fu il soggetto politico scelto dai pianificatori per introdurre una riforma sul regime dei suoli, e fra il 1962 e il 1963 la proposta di Fiorentino Sullo (democristiano) fu scarta e neanche discussa. Anche il PCI ripiegò su stesso, e non seppe sostenere una riforma degna di questo nome. Il nostro Paese aprì le porte al liberalismo con conseguenze sociali, economiche e ambientali disastrose.

Oggi non esiste alcun partito interessato a riprendere il tema del regime dei suoli, nonostante questo tema sia una priorità. Ciò assume aspetti ambientali e politici drammatici, poiché la realtà territoriale e urbana mostra evidenti segnali di degrado che necessitano interventi di rigenerazione e manutenzione, per arrestare le speculazioni adottate da ignobili Consiglieri comunali, totalmente incapaci di interpretare un piano urbanistico e di applicare la Costituzione che ordina di conseguire l’interesse generale e non l’avidità di soggetti privati.

Un Paese civile ha il dovere morale e politico di riprendere il tema e riformare il regime giuridico dei suoli per applicare la Costituzione. L’urbanistica ha il dovere di tutelare il territorio e costruire diritti a tutti i cittadini, e non quello di fare profitto.

ISPRA consumo di suolo Campania 01

Fonte immagine ISPRA, 2017.

L’ISPRA pubblica il rapporto 2017 sul consumo di suolo agricolo, e i dati non sono affatto confortanti poiché mostrano un peggioramento nel territorio italiano. Chi ha la responsabilità politica di questa distruzione? Sindaci e Consiglieri comunali, cioè la classe “dirigente” meno istruita per gravi problemi di ignoranza funzionale. A questi individui incapaci, dobbiamo aggiungere i Consiglieri regionali che promulgano le leggi urbanistiche regionali, e i funzionari pubblici che hanno responsabilità di controllare i piani adottati dai Comuni per verificarne la congruenza con la Costituzione e la legge urbanistica nazionale (secondo la legge 1150 del 1942, gli scopi dell’urbanistica riguardano: «l’assetto e l’incremento edilizio dei centri urbani e lo sviluppo urbanistico»; «assicurare il rispetto dei caratteri tradizionali»; «favorire il disurbanamento e di frenare la tendenza all’urbanesimo»). L’impostazione del sistema giuridico urbanistico-edilizio indica che l’attività edilizia è finalizzata all’interesse pubblico e al corretto uso del territorio. In fine, da diversi anni il nostro legislatore ha assunto una condotta incostituzionale e immorale tutte le volte che ha favorito un condono edilizio. Il Parlamento è rimasto inerte di fronte ai cambiamenti delle città italiane trasformatesi in aree urbane, evitando di assumere decisioni responsabili e importanti per togliere poteri a irresponsabili amministratori locali che hanno distrutto il territorio. E’ necessario legiferare un cambio di scala territoriale e introdurre processi decisionali politici democratici e trasparenti, coinvolgendo direttamente cittadini e il sapere tecnico capace di pianificare bioregioni urbane. Sin dall’Ottocento, e poi con l’apice della battaglia persa nel 1962, il regime dei suoli è condizionato dalle politiche liberali affinché proprietà privata e i politici locali potessero accumulare ricchezza dal nulla, mercificando la risorsa non rinnovabile del territorio (rendita fondiarie e immobiliare). Questa stupidità criminale, nel continuare a distruggere il territorio che ci da vita, non può trovare una guarigione restando sul piano culturale liberale.

E’ noto che negli altri paesi, quali l’Olanda, la Germania e persino l’Inghilterra, lo Stato ha un ruolo fondamentale nella pianificazione territoriale e urbanistica, limitando la proprietà privata e tassando la rendita fondiaria e urbana.

Pianificatori, urbanisti, architetti e ingegneri che studiano le città sanno bene quali sono i problemi lasciati insoluti da una classe politica degenerata e incapace. Da un lato è necessario un cambio di scala territoriale per adottare piani bioeconomici osservando le aree urbane; e dall’altro lato, il problema del consumo di suolo trova soluzione facendo un salto culturale, approdando sul piano bioeconomico capace di produrre piani che creano valore culturale a tutela del territorio, e orientando l’economia verso l’uso razionale delle risorse. Per fare questo, è necessaria una volontà politica oltre che un’evoluzione culturale delle persone.

ISPRA consumo di suolo Campania 04

Decadenza

Lewis Hine main_900

Foto di Lewis Hine, giovane minatore in Brown, West Virginia, 1908.

Non è la prima volta che mi esprimo scrivendo che viviamo una crisi sociale che si caratterizza anche per la decadenza politica. Le recenti elezioni amministrative evidenziano ciò che scrivo da molto tempo, e cioè la crescente regressione culturale delle masse e la mediocrità della classe dirigente politica, condizioni sociali collegate fra loro. Ormai l’astensionismo è così alto che mette in discussione il senso proprio della democrazia rappresentativa, forse è giunto il momento di parlare di neofeudalesimo. Sembra che sia il vassallaggio il rapporto politico che domina gli Enti locali. I pochi controllano le risorse pubbliche senza un’ampia legittimazione democratica. Noi cittadini siamo diventati individui, e come tali non partecipiamo alla vita sociale delle comunità. Una di queste conseguenze, quando si rinnovano le cariche elettive, è che siamo così stupidi da non pretendere capacità culturali ai candidati, e tanto meno osserviamo se taluni candidati abbiano qualità morali per ricoprire ruoli istituzionali. Cultura, capacità democratiche e qualità umane non sono prerogative che richiediamo ai candidati, così favoriamo i mediocri dentro le istituzioni. Il risultato? Un Paese mal governato, con enormi disuguaglianze economiche e sociali, saldamente nelle mani del reale potere che si trova fuori le istituzioni e nelle assemblee degli imprenditori più influenti.

Non solo la maggioranza degli individui si mostra fiera nel disprezzare la politica, ma ammira i personaggi dello sport, gli stessi che se possono eludono il fisco per evitare di pagare le tasse. Soldi necessari alla costruzione dei servizi e dei diritti dei cittadini. Secoli di capitalismo hanno divulgato efficacemente il nichilismo nelle persone trasformate in individui che non vivono la vita ma consumano merci inutili, fregandosene delle conseguenze degli acquisti compulsivi che distruggono gli ecosistemi e alimentano il nulla dentro se stessi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: