Inciviltà, nichilismo urbano e ribellione creativa


Buona parte della letteratura urbana condivide una considerazione sui nostri tempi: la decadenza culturale innesca una crisi civile della società che contribuisce a svuotare di senso le città, e l’espressione concreta di questa inciviltà sono le speculazioni immobiliari, la crescita incontrollata senza motivo alcuno che consuma suolo agricolo e l’assenza di architettura.

Urbanisti e architetti hanno strumenti culturali per leggere lo spazio e interpretarlo ma questa conoscenza civile (e tecnica) è inutilizzata da buona parte dei cittadini e dei decisori politici, i quali compiono scelte politiche per compiacere i ceti economicamente più forti e per mero tornaconto elettorale. Il risultato di queste scelte, da più di sessant’anni è la mercificazione del bene comune che ha costruito il nichilismo urbano.

Dal punto di vista della tecnica i progettisti sono consapevoli del fatto che la forma urbana influenza la psicologia delle persone, ma nell’attuale contemporaneità svuotata di senso questa sensibilità è completamente assente in buona parte dei processi di trasformazione urbana, e non è un caso se in Italia la crescita fisica delle città ci ha restituito quartieri mal costruiti, oggi espressione del degrado fisico e sociale nelle ex-periferie degli anni ‘60. Negli anni ’70, la crisi urbana era già aperta e molti tecnici proposero di ridisegnare lo spazio pubblico al fine di restituire luoghi di senso alla cittadinanza. L’esperienza di quella fase storica, come altre che riguardano la riqualificazione urbana, il recupero e il rinnovo urbano, possono insegnare approcci e modelli di sviluppo umano, rimuovendo gli errori del passato per giungere a processi di rigenerazione urbana che implicano il corretto uso delle risorse e l’inclusione sociale per rimuovere anche la marginalità economica. Qualunque cittadino intuisce l’importanza dello spazio collettivo ma l’esperienza passata ci racconta di progetti contestati e avversati poiché l’ideologia dominante che permea le idee delle persone è il capitalismo, sinonimo di avidità e materialismo. Un caso emblematico ma volutamente non ricordato dalla comunità salernitana, probabilmente per l’imbarazzo dei contestatori (esercenti e giornalisti), è la pedonalizzazione del Corso Vittorio Emanuele con un disegno di arredo urbano.  Per chi non è di Salerno, il Corso è una strada di circa 830 metri che va dalla Stazione ferroviaria a piazza Portanova (l’imbocco del centro storico), e fino a quando non è stata ripensata questa era una strada carrabile. Tutti gli esercenti e buona parte dei media più influenti (stampa e televisioni locali) aggredirono l’idea di costruire un salotto in pieno centro, perché era loro convinzione il fatto che il progetto avrebbe recato danno all’economia locale stimolando la chiusura delle attività commerciali. I lavori ultimati nel 1989 rispettando il cronoprogramma consegnarono alla cittadinanza un luogo di senso che favorisce convivialità, socialità e incontro. La realizzazione dell’intervento ha creato valore economico e sociale dando uno schiaffo morale all’ignoranza di esercenti e taluni media locali. Il Corso di oggi non è più quello progettato negli anni ‘80 poiché l’Amministrazione, senza un valido motivo, pochi anni dopo la consegna dei lavori, scelse di rimuovere le strutture presenti quali i padiglioni e le panchine-fiorire, e i pali dell’illuminazione pubblica sostituiti con altri. Oggi, l’Amministrazione si appresta a sostituire anche la pavimentazione in porfido con un altro materiale. Questa esperienza significativa per Salerno (analoga a molte altre città italiane) insegna tante cose: i conflitti politici, sociali e le polemiche speciose e infantili di chi ha carenze cognitive, e quindi è incapace di scegliere e valutare.

Corso Vittorio Emanuele Salerno
Salerno, Corso Vittorio Emanuele, l’arredo urbano secondo il progetto degli anni ’80.
8802 corso p 2
Locandina con la planimetria del disegno di arredo urbano.
8802 corso3
Il Corso e il nuovo arredo urbano nei pressi della Banca d’Italia.

Per aiutare una crescita civile di una comunità è importante non rimuovere la storia locale perché gli individui maturano dagli errori. A parte l’imbarazzo di chi con forza, e a volte con veemenza, disse che quel progetto avrebbe recato danni, oggi qualunque salernitano sa bene quale sia l’importanza del “salotto” cittadino. Partiamo da questa consapevolezza, proviamo ad osservare il resto della città attraverso il filtro dell’analisi urbana ricordandoci delle scelte scellerate che hanno condotto alla dissoluzione della “forma urbis” e allo svuotamento dell’identità urbana. Nei momenti di crisi bisogna osare sperimentazioni volte a contrastare la decadenza culturale, poiché esempi e modelli possono stimolare una rinascita civile. Salerno è una città compatta nella sua parte storica ma si disperde nei processi speculativi che hanno distrutto le colline e la zona orientale (Torrione, Pastena, Mercatello) compromessa dal disordine urbano (fenomeno della disomogeneità). La crescita distruttiva non ha progettato luoghi e spazi per l’uomo e proviamo a rendercene conto stimolando confronti e riflessioni. Ad esempio, i centri storici sono luoghi complessi rispetto agli standard ed ai parametri delle norme tecniche urbanistiche (altezze e distanze fra gli edifici) ma rappresentano l’identità culturale delle comunità e sono percepiti come luoghi di senso e carichi di bellezza. Il centro storico di Salerno ha una sua innata complessità per l’orografia del territorio, innanzitutto, per l’intricato tessuto organico a grana grossa e per l’elevata densità di edifici, il suo impianto stradale di origine medioevale lo rende poco accessibile ma questo limite fisico è anche la sua caratteristica originale. Le strade, i vicoli e i viuzzi del centro rappresentano uno spazio chiuso, e la loro irregolarità ricorda gli impianti islamici piuttosto ché la tradizione classica [schema ippodameo]. Com’è noto il centro è stato aggredito, anch’esso, dai processi speculativi con evidenti edifici moderni che deturpano il paesaggio urbano, inoltre vi sono aree in declino che andrebbero recuperate. Un serio piano di recupero (L.457/78) può restituire vitalità al centro antico.

Salerno centro storico 03
Il centro storico perimetrato sull’impianto medioevale.

Riprendiamo il caso del Corso Vittorio Emanuele; essa è un semplice strada moderna ma il progetto di arredo urbano l’ha caricata di valore trasformandolo da spazio urbano in luogo di senso, oggi è un luogo identitario della città insieme al centro antico. I processi urbani influenzano i meccanismi percettivi delle persone influenzate dai sensi, e quindi l’idea soggettiva di città dipende da come l’uomo si muove nella città. Dall’episodio del Corso in poi, a Salerno sono aumentati i luoghi che sottraggono spazio alle automobili per favorire quelli pedonali, ma i pochi interventi realizzati non bastano per eliminare l’affollamento e l’inquinamento che hanno origine nella cattiva costruzione della città, e purtroppo continua a crescere in maniera disorganica e speculativa.

La percezione della luce, dei suoni, degli odori, la velocità di movimento influenzano la percezione della città. Ad esempio, il senso di appartenenza a un luogo è determinato dal giudizio personale, ognuno in base alla propria cultura, rispetto agli spostamenti nei tragitti casa-studio e casa-lavoro. Sapendo che i caratteri formali dello spazio influenzano la vita delle persone, adesso possiamo ragionare sulla qualità dello spazio pubblico e intuire il fatto che i percorsi casa-studio e casa lavoro ben progettati possono favorire convivialità, socialità e persino sviluppo umano, mentre in assenza di ciò si sviluppa l’opposto: alienazione, inquietudine urbana, isolamento, condizioni di stress, frustrazioni e conflitti. Passeggiando per la città sono visibili aree in declino ove si registrano fenomeni di abbandono, svuotamento o degrado. Altre aree sono in trasformazione nelle quali sono previsti interventi edilizi, e altre sono in sviluppo ove previste nuove espansioni. Oltre a questi fenomeni tipici delle città esiste una complessità determinata dall’assenza di pianificazione: l’inurbamento senza regole ha unito aree con destinazioni d’uso diverse e incompatibili (aree produttive e residenziali), e queste aree sono in conflitto ambientale e sociale determinando un peggioramento delle qualità della vita con ricadute economiche negative. Questi conflitti sono evidenti in tutta la valle dell’Irno e nella saldatura fra Salerno e Pontecagnano Faiano.

La stragrande maggioranza delle persone che usano il territorio salernitano si muove con mezzi privati e la frustrazione è legata a due evidenze: le persone non hanno a disposizione un mezzo di trasporto pubblico efficace e la città non è stata costruita per ospitare le automobili. Chi ha la fortuna di muoversi a piedi è altrettanto frustrato poiché la città non è costruita per i pedoni e neanche per i ciclisti, e quindi subisce l’inquinamento dell’affollamento automobilistico. La realtà crea inquietudine urbana per l’assenza di qualità urbanistiche e architettoniche. Da queste evidenze abbastanza facili da riconoscere, i cittadini possono mobilitarsi per chiedere un disegno dello spazio pubblico e favorire la mobilità dolce e sostenibile, partendo proprio dai tragitti casa-studio e casa lavoro. Un modello di ricostruzione della città, già avviato da molti anni nel mondo anglosassone e statunitense è quello chiamato TOD (Transict Oriented Development), ed è usato anche in Europa. Molte aree urbane europee hanno realizzato sistemi di trasporto pubblico efficienti e le persone sono invogliate a spostarsi con la bicicletta; e lungo questi percorsi è stato ben curato il disegno urbano con servizi e luoghi di convivialità. I tentativi italiani, a volte maldestri, di questa strategia sono le trasformazioni delle stazioni centrali inserendo le attività commerciali, e nulla di più per ridistribuire i carichi urbanistici, anzi l’esistente è trascurato. La realizzazione migliore si trova a Napoli col rifacimento delle stazioni metropolitani in opere d’arte.

La struttura urbana salernitana si è sviluppata principalmente in due conurbazioni: una valliva nell’Irno con diramazioni collinari e l’altra conurbazione pianeggiante lineare verso Sud (Battipaglia-Eboli), con altrettante diramazioni lungo le strade secondarie. L’approccio del TOD è molto semplice, per ridurre drasticamente l’uso dei mezzi privati si concentrano i carichi urbanistici (con mixité funzionale e sociale) lungo le stazioni ferroviarie, della metropolitana, dei tram, e dei filobus. Salerno aveva una rete estesa di tram (elettrici) ma è stata completamente smantellata; quella rete poteva essere l’infrastruttura per realizzare la strategia TOD. L’area funzionale salernitana è tutt’oggi molto vasta e disorganizzata ed incentiva il mezzo privato, ma all’interno di questa area sarebbe saggio progettare un efficiente sistema di trasporto pubblico. I recenti piani urbanistici dell’Amministrazione salernitana hanno pianificato strategie opposte all’approccio TOD, e cioè sono state previste lottizzazioni private nelle aree periurbane e rururbane favorendo l’aumento del consumo di suolo agricolo, stimolando nuova inquietudine urbana continuando a stimolare l’uso dei mezzi privati, così come l’aumento dei carichi urbanistici attraverso nuove lottizzazioni in taluni vuoti urbani ma senza recuperare l’edilizia esistente e senza progettate gli standard mancanti nei quartieri preesistenti arrivati fine ciclo vita. Tutt’oggi non esiste un’idea che sappia copiare le migliori esperienze delle aree urbane occidentali al fine di abbandonare progressivamente la mobilità privata a favore di quella pubblica e non inquinante.

creative-commons

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...