Contro l’ingiustizia e le disuguaglianze


All’inizio del nuovo millennio, indagini e studi evidenziano maggiormente le contraddizioni tipiche del capitalismo che favorisce l’aumento delle disuguaglianze. Nel caso italiano si evidenzia un’altra contraddizione abbastanza sottaciuta mentre i Governi, tutti, hanno imposto un paradigma culturale razzista che probabilmente non ha eguali nella storia d’Europa, e cioè, a partire dall’Unita d’Italia si è costruita una percezione collettiva di un Sud che non merita investimenti, mentre nel secondo dopoguerra nasce e si legittima un partito razzista pubblicamente antimeridionale – la Lega Nord –  che viene prima legittimata (da Berlusconi) e poi condotta al potere, favorendo l’aumento del divario economico e sociale, Nord contro Sud. In questa percezione collettiva ci sono due verità: una classe dirigente meridionale incapace e una programmazione economica sbilanciata a favore degli interessi delle imprese localizzate in pianura padana. Un corto circuito tipico del capitalismo che costruisce “centri” e “periferie”, cioè concentra i capitali in determinate aree e crea sottosviluppo nelle altre che diventano colonie sfruttate e da sfruttare. Nonostante il contesto culturale tipico delle società feudali, è possibile rimuovere queste disuguaglianze attraverso la costruzione di programmi, piani e progetti di rigenerazione dei territori osservando i Sistemi Locali del Lavoro. Le attuali classi dirigenti meridionali vanno sostituite con persone formate sull’approccio bieconomico, al fine di ripensare le agglomerazioni industriali e favorire la manifattura leggera, e le tecnologie a più alto valore aggiunto. Opportunità di impieghi utili si realizzano con piani bioeconomici che osservano le aree urbane estese, cioè i comuni centroidi con le loro conurbazioni, e si interpretano con l’approccio metabolico e le indicazioni della scuola territorialista. Sono i piani che programmano e attraggono investimenti pubblici e privati. Persone, università e imprese, dovrebbero conoscere e sviluppare piani bioeconomici per rigenerare i territori, perché solo in questo modo si inverte il drammatico flusso di risorse umane verso il Nord e fuori dall’Italia.

ilmattino4novembre2019

2 pensieri riguardo “Contro l’ingiustizia e le disuguaglianze”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...