Dalla crisi alla rinascita


Sette anni fa scrivevo, in “Qualcosa che non va”, che i temi della politica contemporanea si sarebbero concentrati sui rapporti di forza e di potere relativi alla moneta, la sua sovranità, e poi sulle forme di partecipazione e sull’energia. Un processo di riforma radicale dell’UE è doveroso ma non penso che ciò accadrà perché la maggioranza dei soggetti politici presenti non hanno valori e idee socialiste.

La teoria liberale aveva la necessità di affermare una credenza strategica, e cioè raccontare la favola della “neutralità delle politiche monetarie” per sottrarre potere allo Stato di creare moneta, e assegnare tale potere a istituti privati. In un sistema capitalista quale il nostro, una volta gambizzato lo Stato dei propri arti naturali è chiaro che l’obiettivo dei liberali è raggiunto, poiché popoli e comunità sono tutti sotto il ricatto del mercato, controllato da banche private e imprese che possono accumulare capitali e distribuirli a chi lo desiderano.

Per evitare errori del passato realizzati anche dallo Stato, oggi possiamo integrare l’approccio post-keynesiano con la bioeconomia, che trasforma l’economia in un sistema di flussi in entrata e in uscita per misurare gli errori della produzione e suggerire la costruzione di un sistema ecologico. In tal senso, le teorie migliori, cioè quelle che leggono e interpretano efficacemente l’attuale capitalismo neoliberista, emergono dalla scuola marxista che ha sviluppato la scuola ecologica, ed è capace di leggere correttamente sia le variazioni spaziali e quindi la circolazione del capitale, ma soprattutto la critica sociale e ambientale sui territori “centrali” e “periferici”.

La crisi economica innescata dalle politiche di destra, dal famigerato neoliberismo, ha favorito le destre estreme, cioè il sepolto nazionalismo con nuove e vecchie immagini. Fra questi temi, l’energia è quello più trascurato, e sostituito dalle migrazioni innescate da guerre e capitalismo. Questi temi [immigrazione, povertà, razzismo] oggi polarizzano i voti, e non sono trattati dai partiti e dai media in maniera seria ma sono strumenti di speculazioni per contendersi il consenso. I media, corresponsabili della costruzione del linguaggio politico hanno voluto introdurre il termine “sovranismo” nell’uso corrente, sostituendo ed edulcorando il concetto di “sovranità”. In questo modo i media hanno accelerato la polarizzazione dei voti, favorendo il successo elettorale dei partiti nazionalisti. Un contribuo sostanziale per questa confusione politica, è fornito dalle stesse istituzioni politiche, europee e nazionali, perché occupate da soggetti politici poco responsabili; da un lato c’è l’ottusità dell’élite europea che non vuole ridiscutere regole palesemente sbagliate, e dall’altro gli speculatori nazionalisti che per sete di potere pensano ai propri affari sfruttando il sistema off shore.

I nazionalisti hanno elaborato una semplificazione dei temi ed hanno scommesso su un calcolo elettorale, già usato in passato (Mussoli e Hitler), stimolare rabbia e paure delle comunità concentrandosi su due temi: “attaccare l’UE” e “chiudere i confini” per evitare l’ingresso di altri extracomunitari, “criminali”. Tutto il linguaggio è volto a deresponsabilizzare elettori e ceto politico. La prima paura è volta a narrare il fatto che i problemi economici degli italiani siedono nell’UE e non in Italia, agendo sulla deresponsabilizzazione delle classi politiche locali e dei cittadini, cioè la colpa della tua condizione economica non è tua, ma di Bruxelles. Medesimo schema è stato utilizzato per cavalcare i preesistenti problemi di sicurezza nelle periferie urbane: il tuo problema non è dovuto dall’assenza di politiche socialiste che garantiscono alta istruzione, nuovi impieghi, integrazione e presenza di forze dell’ordine, ma dalla presenza di stranieri arruolati dalla criminalità organizzata. In questo modo, buona parte dei cittadini disinformati, non si è accorta delle politiche delle destre (Lega Nord, Forza Italia e PD) che hanno ridotto i sistemi di welfare e le forze dell’ordine.

Da circa venticinque anni prevale la mediatizzazione coniugata alla personalizzazione della politica, trasformata in show e apparenza, in principio fu Berlusconi con Mediaset (potere mediatico e politico) che oggi incide tantissimo, e questo processo degenerativo di fatto ha svuotato di senso la democrazia rappresentativa, scadendo nell’inciviltà. La carta vincente della Lega è stata quella di costruire un’efficace campagna pubblicitaria agendo sull’immagine del proprio leader, che spesso, attraverso i social non comunica in chiave politica ma si sforza di risultare simpatico a qualunque cittadino. Salvini, forse memore dell’esperienza Grillo, ha usato un linguaggio teatrale, perché la battuta, lo scherno, il dileggio, l’insulto hanno maggiore efficacia nei confronti di milioni di individui privi di un’identità politica, ed usa i social media per esprimere un’opinione su tutto, è un tuttologo. Questa insistenza ha saputo celare un dato politico, la Lega è un partito dell’establishment neoliberale, proprio come il PD, ed ha un grave problema di corruzione interna. Salvini è riuscito a diventare credibile narrando mezze verità sfruttando l’incapacità di milioni di elettori nel capire la realtà, molto più complessa. La sinistra, banalmente, non esiste più ed anche in questo contesto le televisioni e i giornali hanno contribuito in maniera determinante ad aprire autostrade alle destre estreme, in che modo? Continuando a etichettare di sinistra il Partito Democratico, che non è mai stato un partito di sinistra, ma è palesemente espressione dell’establishment neoliberale. Come avvenne nel 2013 per il partito di Grillo, quando tutti i media attaccavano i grillini, l’effetto fu quello di aprire autostrade alla novità del momento. Il contesto è cambiato poiché oggi i grillini sono molto più noti, e questa notorietà messa alla prova del governo, li ha fatti conoscere meglio svelando la loro inconsistenza e cattiva fede.

Il teatro di media e partiti ha saputo, ancora una volta, nascondere la complessa realtà italiana divisa in due mondi: la pianura padana industrializzata “semi-periferia” dell’euro zona, strettamente connessa al “centro” cioè Austria, Sud della Germania e Francia; e poi il meridione “periferia economica” con alta disoccupazione destinato a consumare le merci prodotte dal “centro”. La nota disuguaglianza territoriale fra Nord e Sud, forse in pochi l’hanno compreso, ma è una disuguaglianza parassitaria del Nord contro il Sud costretto a consumare merci prodotte dal “centro”. In completa analogia è il medesimo processo capitalista ideato dalla globalizzazione neoliberista in tutto il pianeta. Il modello crea centri di accumulazione del capitale, oggi nelle aree urbane con le cosiddette “capitali mondiali” a danno dei territori depredati, altre aree urbane e rurali, e messi in condizione di non produrre per assenza di investimenti pubblici e privati, e per concorrenza sleale attraverso le famigerate zone economiche speciali, luoghi dello sfruttamento. Inoltre, non bisogna dimenticare il disegno eversivo della Lega Nord con la famigerata “autonomia differenzia”, uno slogan incomprensibile che nasconde l’egoismo della solita vecchia secessione per rubare legalmente risorse pubbliche ai poveri e concentrarle al Nord, ma si tratta di un disegno incostituzionale che oggi è persino “appoggiato” dai voti meridionali concentrati nel M5S, un partito di incapaci, e nella Lega stessa che mette presidi nel Sud, un paradosso incredibile.

Il voto insegna che i meridionali non sono rappresentati, cambiano idea velocemente e risultano esser incapaci di organizzare un proprio strumento politico per fare i propri interessi scegliendo politiche pubbliche socialiste bioeconomiche, capaci di stimolare lo sviluppo umano e favorire attività e funzioni caratteristiche dei propri territori. La realtà italiana dovrebbe insegnare agli elettori che per uscire dalla regressione e dalla crisi, tutti noi dovremmo costruire politiche di sinistra perché sono le uniche che ripristinano un ruolo dello Stato nella programmazione economica, e dovremmo suggerire un salto culturale per condurre tale intervento sul piano della bioeconomia, che suggerisce soluzioni dando priorità agli effetti sociali e ambientali, di programmi, piani e progetti.

La narrazione dei media e dei partiti, espone mezze verità (le regole europee sbagliate) e nessuno ha il coraggio di dire che l’UE o diventa socialista oppure il nazionalismo favorirà lo status quo, quindi non è un cambiamento ma il capriccio di cinici demagoghi. L’UE a trazione neoliberista ha generato il nazionalismo, e la soluzione politica si trova in un lungo percorso di auto determinazione e scambio reciproco di risorse riducendo il ruolo del mercato, perché crea danni, sottosviluppo e sprechi, e poi è necessario aumentare lo spazio delle comunità capaci di auto produrre beni. Aggiustate le regole europee (chissà se saranno capaci di farlo), dobbiamo riconoscere che il capitalismo è il problema politico. Il cambiamento, l’alternativa si produce abbracciando la bioeconomia che interpreta correttamente i territori e di conseguenza ci insegna come investire nelle aree marginali ma imparando a spendere. Si spende meglio valorizzando le caratteristiche dei territori, cioè rimuovendo le disuguaglianze di riconoscimento favorendo le risorse umane capaci di innovare attraverso nuovi processi di partecipazione e creazione del valore circa il capitale umano. Questa visione non appartiene a nessuno dei partiti liberisti: Lega, PD, Forza Italia e M5S. Avere il coraggio di promuovere queste politiche bioeconomiche significa fare l’opposto dei nazionalisti, e cioè responsabilizzare le persone prendendosi cura di promuovere azioni politiche e valorizzare il territorio per creare occupazione. Può apparire strano ma non lo è, questo approccio crea consenso.

Piani e progetti per rigenerare i territori creano occupazione, ciò è noto, ma funzionano solo se tali programmi nascono dal basso coinvolgendo le persone e creano un’efficacie sinergia fra imprese, istituzioni, professionisti e cittadini. Nel meridione, si è riscontrato il problema dell’élites locali, che disperdono risorse o risultano incapaci di spendere e coinvolgere le persone. Consapevoli di ciò, determinate élites vanno rimosse e sostituite, mentre piani e progetti di rigenerazione sono gli strumenti necessari per creare lavoro.

creative-commons

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...