Il consenso elettorale


Il risultato della gara elettorale ha confermato le previsioni. Adesso, il buon senso dovrebbe suggerire una discussione pubblica circa quanto accade e accadrà. «La costruzione identitaria di ogni individuo è una questione politica», scrivevo in “Capitalismo ed egoismo” il 1 dicembre 2015, e poi «l’agire politico dovrebbe costruirsi introno a due aspetti: la teoria (pratiche discorsive) e la pratica (pratiche materiali)» in “La ragione contro il nulla” il 19 febbraio 2018. Durante questi ultimi anni, gli elettori hanno confermato il fenomeno della volatilità dei voti, causa di un’evidente assenza di identità e cultura politica della maggioranza degli individui, i quali fanno scelte in base all’umore del momento, come scrivevo circa un anno fà, e non in base alla propria identità politica perché non la possiedono. Questo spiegherebbe i continui cambiamenti, e soprattutto l’evidente contraddizione politica di quell’individuo che in cabina elettorale vota contemporaneamente sia PD e sia Lega, mentre aumentano i meridionali che votano per i propri nemici capeggiati da Salvini, che adesso sfrutterà questo consenso per realizzare la famigerata secessione attraverso la cosiddetta “autonomia differenziata”; un disegno politico eversivo e incostituzionale a danno del Sud. Questo capolavoro politico lo si deve agli “statisti” del M5S, che come ha fatto Forza Italia in passato, hanno condotto la Lega Nord al potere ed ha sfruttato l’ignoranza e l’incapacità politica del ceto politico grillino per raddoppiare il proprio consenso. Osservando l’aumento delle disuguaglianze che si concentrano soprattutto nel meridione d’Italia, possiamo porci domande e perplessità: perché i meridionali sembrano incapaci di costruire un soggetto politico che faccia i propri interessi? Per quarant’anni hanno creduto alle promesse della vecchia Democrazia Cristiana, negli anni ‘90 hanno creduto a Berlusconi, e adesso votano per il M5S ma con la crescita sorprendente e scandalosa della Lega Nord, al Sud. La Lega cresce al Sud perché i notabili meridionali che erano in Forza Italia si sono trasferiti nel partito di Salvini.

Nel contesto decadente della nostra società capitalista ove le disuguaglianze sono immorali, è evidente l’assenza della sinistra politica, e proprio come accadeva nel Novecento, la destra sfruttò paure e debolezze dei poveri per conquistare il potere; ciò avvenne con l’incapacità della sinistra di leggere la società, e questo favorì la destra razzista e nazionalista. La storia non si ripete mai come nel passato, ma ci sono chiare analogie che dovrebbero suggerire riflessioni serie e approfondite in chi fa politica attivamente nei partiti. Gli interessi degli ultimi, e dei meridionali si dovrebbero coagulare in un partito sinceramente di sinistra perché uguaglianza, ambiente e lavoro sono identità e valori delle utopie socialiste. Oggi, questo strumento partito di sinistra non esiste perché a differenza delle destre che governano l’UE e l’Italia, chi è parte dei partiti di sinistra, sembra non avere quelle capacità di lettura e di comunicazione efficace; oltre al fatto che queste strutture non aggregano cittadini e talenti. Questo vuoto politico si concentra in maniera particolare in Italia, mentre altre comunità europee e persino negli USA, queste sono dotate di risorse umane migliori e pertanto raccolgono consensi elettorali. La polarizzazione dei consensi non è solo il merito della comunicazione politica dei capi: Berlusconi, Grillo, Renzi, Salvini e dei loro staff ma contestualmente è per demerito degli altri, Occhetto, D’Alema, Prodi, Di Maio incapaci di comunicare efficacemente.

All’interno della nostra società, l’assenza di valori politici e di sistemi democratici maturi conferma la prevalenza del leaderismo, ormai consolidato, e innesca la volatilità dell’elettorato facendo pesare molto caratteristiche come empatia, simpatia e antipatia nei confronti delle figure che sono espressione dei partiti. Nel nostro mercato politico, ormai degenerato, questo aspetto è attuale e reale; chi non lo capisce e non lo interpreta correttamente risulta incapace di attrarre consensi. Quando ci sarà la capacità e l’intelligenza di compiere queste semplici analisi, e l’ego di chi tira le fila verrà rimosso per fare spazio al nuovo e alla partecipazione, allora nascerà una sinistra capace di coniugare teoria e pratica politica, e questa sinistra avrà imparato a comunicare, coinvolgendo le persone in maniera creativa e propositiva.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...