Un disegno urbano per Salerno

ptcp-2012-ambiti-territoriali-e-unitc3a0-di-paesaggio1-e1499782196912.jpg
Ambiti identitari, fonte Ptcp Salerno.

Il cuore pulsante del disegno urbano è il quadro di conoscenza (analisi urbanistiche ed edilizie, uso del suolo, densità, morfologia, caratteristiche qualitative) costituito da storia, ambiente ed economia, e si rappresenta col disegno dello spazio pubblico, per dirla alla Bernardo Secchi un progetto di suolo. Nel caso salernitano sarebbe saggio ripensare la morfologia urbana; avviare percorsi di autocoscienza dei luoghi, e poi osservare la carenza dello spazio pubblico, un po’ ovunque. Si pensi al fatto che oggi esiste una città estesa, costituita da 11 comuni, mentre il comune centroide, Salerno, ha un centro storico organico intricato e compatto a grana grossa, da recuperare. Si osservi la parte moderna di prima espansione – via dei Principati, zona Carmine, via P. De Granita, via Nizza, via Dalmazia – che costituisce una forma compatta con tessuto reticolare; mentre nella zona orientale consolidata di seconda espansione – Torrione, Pastena, Mercatello – troviamo le forme aperte prive di una maglia urbana regolare, creando disordine e il fenomeno della disomogeneità dell’agglomerato urbano (colonie residenziali). Focalizzando l’attenzione su centro storicoprima espansione moderna con gli occhi della normativa urbanistica (DM 1444/68) scopriamo, un fatto già noto ma trascurato, che mancano gli standard inseriti in un raggio di influenza (area gioco bimbi, sport, verde pubblico). Continuando l’analisi con un approccio qualitativo riscontriamo l’assenza di una corretta forma urbana, e l’assenza di servizi culturali (biblioteche di quartiere, centri culturali) entro un raggio di influenza. L’assenza di un corretto disegno urbano e la disomogeneità degli agglomerati, è osservabile anche nelle aree periurbane: la dispersione del Carmine Alto, Sala Abbagnano, Matierno, e nel rururbano di Giovi e Ogliara. Con la chiave di lettura della corretta composizione urbana ci rendiamo conto dei danni causati da espansioni speculative. Partendo dalla città moderna arrivando sulle colline (Carmine Alto, Sala Abbagnano) e la zona orientale (Torrione, Pastena e Mercatello), notiamo un assetto morfologico spontaneo e disomogeneo ove non sussistono gerarchie di percorsi, un’assoluta irregolarità della trama urbana, l’assenza di polarità e la carenza di servizi adeguati. L’agglomerato urbano ha un’alta densità abitativa (il Carmine), costituito ad un aggregato di palazzine prive di qualità architettonica, e una carenza di spazi pubblici. Un adeguato rapporto fra spazio pubblico e privato, lo troviamo solo in determinati insediamenti (quartieri unitari pianificati), ad esempio: la prima espansione unitaria del piano Scalpelli (1945) a Torrione; poi alcuni piani di edilizia pubblica quali, l’insediamento INA-CASA progettato da Bruno Zevi a Pastena (anni ‘50), e gli altri due insediamenti INA-CASA, rione De Gasperi e via R. Mauri; i quartieri Italia ed Europa (anni ‘80), l’insediamento di via Premuda; e l’insediamento unitario del Parco Arbostella. Le recenti espansioni – San Eustacchio, Monticelli, Brignano e Casa Manzo – non integrate al tessuto urbano consolidato sono espressione delle dispersione urbana ma sono obbligate a rispettare un rapporto fra spazio pubblico e privato. Generalmente, un cattivo rapporto fra spazio pubblico e privato è rilevabile in tutta la struttura urbana estesa, ove anche qui troviamo la dispersione con disordine e carenza di spazi pubblici e servizi. Una seria amministrazione politica avrebbe favorito il disegno urbano e non i processi speculativi poiché la corretta pianificazione è un obbligo di legge che costruisce diritti agli abitanti (standard), ma finora negati. Solo un adeguato disegno urbano progetta la dotazione di servizi al fine di abbattere le disuguaglianze territoriali. Si pensi all’importanza fondamentale di scuole innovative e agli spazi verdi necessari per i bambini, che costituiscono il cuore della famosa “cellula urbana” (unità di vicinato). Si pensi all’importanza di una corretta geometria delle strade (larghezza) e delle piazze per offrire luoghi di convivialità e opportunità per inserire piste ciclabili. In tutti i quartieri non esistono né scuole adeguate agli standard previsti dal Miur (linee guida 2013), e né spazi verdi attrezzati (con l’eccezione degli interventi realizzati presso la lungoIrno ed a Mercatello), mentre in quasi tutte le strade salernitane, mal progettate, è impossibile inserire una pista ciclabile perché gli edifici occupano gli spazi che dovevano essere destinati ai marciapiedi, ai parcheggi, al verde pubblico e ai servizi. I danni più evidenti sono rappresentati dalla distruzione delle colline con le lottizzazioni situate lungo le famigerate via Seripando, via la Mennola, via Calenda, Sala Abbagnano. Gravi carenze di standard e disuguaglianze territoriali sono nella dispersione urbana percorrendo via Pio da Pietralcina che porta sulle colline di Casale, Giovi, Piegolelle. Queste disuguaglianze continuano nella valle dell’Irno, e negli ambiti rururbani lungo le conurbazioni dentro la città estesa, una verso Giffoni, un’altra verso Montecorvino, e un’altra lungo la linea costiera che conduce ad Agropoli.

salerno centro e città mderna
Salerno, il centro storico e la città moderna.

In assenza di un piano urbanistico intercomunale per governare l’area urbana estesa, l’attività edilizia appare completamente deregolamentata, cioè slegata da un corretto disegno urbano capace di dimensionare i servizi e applicare i valori dell’urbanistica. Osservando il Piano Urbanistico Comunale, le sue varianti e le revisioni, si osserva il cattivo dimensionamento del piano stesso, viziato sia da un’errata lettura degli standard esistenti e sia da previsioni errate. Nel piano non c’è un corretto disegno urbano mentre si preferisce l’urbanistica contrattata, e la deregolamentazione dei piani attuativi; infine si trascurano i problemi storici della città mentre si stimola l’aumento del consumo di suolo. Ricordiamo alcuni problemi urbani determinati durante lo sviluppo della città, sono due i danni urbani storici generati dall’assenza di urbanistica: il primo (1) fu quello di non approvare i piani Donzelli-Cavaccini prima e Guerra dopo. Tali piani avevano un corretto disegno urbano e sarebbero stati costruiti sfruttando il giusto approccio olandese al regime giuridico dei suoli, ma la rinuncia a quei piani favorì il disordine che subiamo oggi con una carenza di standard nelle zone consolidate (via dei Principati, zona Carmine, via P. De Granita, via Nizza, via Dalmazia); mentre l’altro (2) danno è la speculazione (via A. Romaldo, via Bottiglieri, via Posidonia, via Trento, via Madonna di Fatima, via Palinuro) che ha generato le rendite parassitarie, e infine la dannosa dispersione (colline) che oggi produce inquietudine urbana e alti costi a carico della comunità.

Osservando la città salernitana estesa con l’approccio del metabolismo urbano riscontriamo tutti gli sprechi evitabili. Si tratta di costruire un complesso sistema di flussi di energia e materia che entrano ed escono, e applicare il concetto di ciclo vita. I flussi da considerare riguardano le attività industriali e commerciali (agricoltura, attività produttive …), i servizi che si svolgono (turismo, ristoro, istruzione, servizi sociali, sanitari, sport …), le infrastrutture, e le risorse (attività estrattive, la dotazione di risorse naturali, il verde e i parchi). Il corretto disegno urbano parte dall’analisi della morfologia urbana esistente e suggerisce un riequilibrio dei rapporti fra spazio pubblico e privato. Nel caso salernitano, c’è la necessità di un piano di recupero per la parte alta del centro storico, mentre servono piani di rigenerazione per le zone consolidate e per le periferie. I piani di rigenerazione possono prevedere diradamenti, recupero e conservazione dell’ambiente costruito. Riperimetrando le zone omogenee si possono proporre scenari di rigenerazione urbana bioeconomica nelle zone consolidate, e operare trasferimenti di volumi al fine di recuperare standard mancanti. Riprendendo i caratteri della composizione urbana: isolato e cellula urbana, in taluni casi, è possibile proporre un diradamento edilizio per aprire nuove strade, disegnare nuove piazze, progettare isolati e inserire i servizi mancanti come uffici pubblici, biblioteche, centri culturali, scuole innovative, verde pubblico. Questo approccio è possibile per numerosi casi ove troviamo disordine urbano, abbandono di volumi non utilizzati e/o sottoutilizzati, degrado, e isolamento. Un processo di autocoscienza dei luoghi aiuta a valorizzare l’esistente, e ridisegnare l’urbanità ove manca. Nei processi di trasformazione che prevedono la rigenerazione urbana, le soluzioni tecnologiche suggeriscono l’efficienza energetica e l’uso delle fonti alternative, mentre i nuovi isolati possono essere pensati come isole energetiche che generano e accumulano energia, e possono scambiare i surplus col tessuto edilizio esistente. Questo è l’esempio già in uso delle nuove costruzioni che possono ridurre la domanda energetica da fonte fossile e sfruttare le fonti alternative, ma si può fare anche per l’edilizia esistente.

creative-commons

Annunci

Salerno e la revisione decennale del PUC

puc revisione 2018 trasformazione urbana
tavola P0 trasformazione urbana, proposta revisione decennale PUC 2018.

L’Amministrazione comunale di Salerno si appresta ad aggiornare il proprio strumento di controllo sul governo del territorio: il Piano Urbanistico Comunale (PUC), già piano regolatore generale. In Italia, procedure e consuetudine amministrativa non prevedono efficaci strumenti di partecipazione popolare quando i Consigli comunali adottano il proprio documento amministrativo complesso, che determina la vita cittadina, dall’economia al benessere dei cittadini attraverso i servizi, il diritto alla casa, la mobilità, il verde pubblico … In questa fase, l’Amministrazione prevede che soggetti attenti (associazioni e cittadini) possano presentare osservazioni circa la proposta di revisione decennale del PUC di Salerno, e si tratta di mere osservazioni niente affatto vincolanti che l’organo politico può trascurare. I piani regolatori generali, in Campania chiamati PUC, sono considerati strumenti giuridici complessi in tutti sensi, e sono costituiti da disegni che indicano localizzazioni e zonizzazioni (destinazioni d’uso, indici urbanistici …), tematizzazioni, funzioni e attività, vincoli e patrimonio storico e naturale, agglomerazioni produttive, e norme tecniche che regolano l’attività edilizia che l’organo politico vuole adottare per governare il territorio. Nonostante questi atti siano molto importanti per gli abitanti, la partecipazione popolare dei cittadini non esiste, mentre l’assenza di processi partecipativi standardizzati scoraggia la partecipazione. Possiamo riconoscere che la pianificazione urbana è una disciplina completamente sconosciuta alle persone, mentre le istituzioni locali italiane non hanno alcun interesse nell’incoraggiare la comprensione e la partecipazione. Nel disinteresse generale, le Amministrazioni rinnovano i propri piani urbanistici e grazie a questa consuetudine poco edificante all’ombra dell’apatia cittadina si consumano i conflitti e gli interessi specifici delle classi dirigenti locali, abili nel condurre il gioco della pianificazione e nel cercare di trarre il maggior profitto possibile attraverso le localizzazioni delle proprie attività, cioè sfruttando le solite rendite fondiarie e immobiliari. Il territorio è considerato merce dai Consigli comunali, ma la Costituzione non lo considera tale e prevede che i piani adottino l’uso sociale dei suoli e la tutela del patrimonio storico e naturale.

A monte della crisi dell’urbanistica c’è una lunga decadenza della cultura politica italiana che ha abbracciato la religione capitalista liberista, ed ha rinunciato ad applicare la Costituzione repubblicana e i principi della legge urbanistica nazionale. Un’altra nota dolente è la famigerata riforma costituzionale che ha devoluto competenze alle Regioni, e così il governo del territorio ha diritti e regole diverse fra Milano, Bologna, Roma e Napoli. A Bologna lo standard minimo è di 30 mq/ab, mentre a Salerno è di 20 mq/ab, di fatto realizzando disuguaglianze territoriali. Le disuguaglianze continuano: il diritto a edificare di un cittadino salernitano è misurato diversamente dal cittadino bolognese, così come il contributo che viene dato per costruire i servizi pubblici; a Bologna si realizzano (attraverso una perequazione efficace) mentre a Salerno le previsioni attuative spesso non si realizzano. L’urbanistica nasce per costruire diritti a tutti i cittadini, migliorare la vita di chiunque, ma in Italia numerose Amministrazioni usano questa disciplina per creare profitto a favore delle solite élites locali, trascurando la complessità dei problemi esistenti, trascurando le disuguaglianze economiche e sociali, e facendo scelte che allontanano i ceti economicamente più deboli, cioè spesso i piani interpretano il tipico razzismo dei capitalisti. In Campania, la legge urbanistica prevede che i piani possano adottare una perequazione di comparto e non quella diffusa. L’effetto di questa scelta politica, nella realtà, si traduce nell’impossibilità dell’Ente pubblico di raccogliere efficacemente soldi per costruire la cosiddetta città pubblica, cioè i servizi che mancano. Solitamente, i Comuni risultano abbastanza negligenti nel compiere il proprio dovere e costruire gli standard mancanti, lasciando questo compito ai soggetti privati come prevede il laissez faire al mercato. Nel caso salernitano, è già accaduto che le previsioni di piano fossero sbagliate e ottimistiche, e così le fasi attuative, spesso sono rimaste sulla carta, come mere promesse elettorali, in altri casi, altrettanto frequentemente i tempi di realizzazione si solo allungati, del doppio, del triplo, del quadruplo, trascurando il principio temporale della pianificazione. In altri casi, i piani attuativi si sono dimostrati dei fallimenti d’impresa. La costruzione della città è senza dubbio una procedura complessa e difficile, ma nel nostro paese non esiste un efficace controllo sul governo del territorio e sull’attività edilizia, e da troppi anni i Consigli comunali, ormai camere di registrazione di decisioni prese altrove, adottano piani edili e non più piani urbanistici. In Italia e in Campania, non esistono strumenti giuridici efficaci per finanziare la città pubblica, sia perché si rinunciò nel controllare il regime dei suoli (mancata riforma urbanistica, 1962 e il caso Sullo) e sia perché non esiste il recupero del plusvalore fondiario delle trasformazioni urbanistiche, cioè le istituzioni non controllano il mercato e non tassano la rendita immobiliare. Nella proposta di revisione decennale del piano urbanistico 2018 restano gli atavici problemi di una Salerno costruita dalla speculazione, fra gli anni della ricostruzione post bellica fino agli anni ’80. Ai vecchi problemi si aggiungono quelli “nuovi” circa i rischi degli investimenti edilizi apparentemente trasparenti, legati al riciclaggio nel mondo immobiliare e alle attività commerciali che riciclano denaro illecito. Affollamento, alta densità, carenza di servizi adeguati nelle aree centrali (disordine urbano e uso intensivo del territorio) e consolidate, e dispersione urbana sulle colline e sulle aree periurbane e rururbane restano dove sono. Persiste l’errata contabilità degli standard esistenti circa il verde pubblico (assegnazione impropria di aree a verde pubblico esistente, ad esempio il Corso, piazza Portanova …) per evitare di rispettare l’obbligo di costruire quelli mancanti, di fatto violando l’elementare cultura urbanistica, e questa cattiva interpretazione favorisce la rendita dei privati, che possono edificare nelle aree libere. Nel dimensionamento del piano ci si accontenta di far quadrare i numeri (viziati dall’assegnazione impropria) in maniera formale riportando i dati quantitativi, ma la complessa realtà urbana salernitana ci mostra tutti i limiti di una struttura urbana costruita male e carente di servizi adeguati. Nella relazione illustrativa sono esplicitati gli obiettivi della revisione: si punta al prolungamento nel tempo degli obiettivi precedenti (reiterazione dei vincoli espropriativi), e alla scommessa di una totale deregolamentazione del mercato immobiliare con la speranza di attrarre investimenti privati, ad esempio, in talune aree (marina di Arechi) si cambia la destinazione d’uso, perché sono scaduti i vincoli e i proprietari chiedono un ristoro, e si scommette per favorire attività turistiche ricettive lungo la fascia costiera, oppure impianti sportivi privati. Le scelte politiche dimostrano che il territorio è considerato merce per la mera accumulazione capitalista, nient’altro, e così manca un disegno di piano, manca l’urbanistica. Un’Amministrazione responsabile, che ha a cuore l’interesse pubblico, agisce per migliorare la morfologia urbana esistente poiché sbagliata, e costruisce standard adeguati alla città estesa (11 comuni). Nella relazione illustrativa la revisione di piano si rifà ancora a idee progettuali degli anni ’80 (la metropolitana comunale, il ripascimento delle spiagge, da Pastena al nuovo porto del Marina d’Arechi, il nuovo tratto della copertura del trincerone ferroviario), poi ritroviamo i vecchi comparti edificatori presentati come PUA (Piano Urbanistico Attuativo), 35 sono d’iniziativa privata e 10 sono d’iniziativa pubblica. Tutta l’attività di edilizia libera e pubblica si concentra in aree periurbane (Matierno, Rufoli, Sordina, Brignano, stadio Arechi, San Leonardo, Fuorni, Giovi), con l’eccezione di interventi previsti ai Picarielli e via Parmenide (cantieri in corso d’opera). Ancora una volta, come nella peggiore e cattiva consuetudine, all’aumento di carichi urbanistici in zone da lottizzare/te manca la pianificazione urbanistica della famosa cellula urbana (Neighbourhood unit) per garantire insediamenti a misura d’uomo. La revisione del piano è lo specchio della cultura capitalista liberista, in continuità con i piani edilizi degli anni trascorsi, incapace di interpretare il cambiamento avvenuto nella società e sul territorio, completamente trasformato dal capitalismo liberista durante gli ultimi trent’anni. La revisione, come nel PUC del 2005, auspica di attrarre investimenti privati e utilizza tutti i mezzi tipici del liberismo, dalla deregolamentazione alle famigerate zone economiche speciali. La classe dirigente locale non sceglie un piano che costruisce un disegno di suolo e l’assetto del territorio, ed ignora il significato culturale di una rigenerazione urbana bioeconomica, il ceto politico locale non prevede una strategia di lungo termine per rimediare agli errori del passato. E’ necessario un salto culturale, un cambiamento dei paradigmi della società per approdare sul piano territorialista (la scuola di Alberto Magnaghi), cioè bioeconomico (di Georgescu) e leggere la città come sistema metabolico per riequilibrare il rapporto fra uomo e natura, fra città e campagna, e offrire nuove opportunità economiche agli abitanti. L’Amministrazione ignora anche l’opportunità di una visione attinente alla realtà urbana, che dovrebbe suggerire la strada di avviare processi e piani intercomunali bioeconomici per governare la città urbana estesa, perché Salerno non è più la città dentro i confini amministrativi, ormai obsoleti e dannosi, ma è la struttura urbana esistente dentro il proprio Sistema Locale del Lavoro. La Salerno “descritta” nella revisione di piano non esiste da molti decenni, e questa nuova proposta del 2018 si limita a prorogare le scelte precedenti, si limita a scommettere su talune realizzazioni edilizie lasciando insoluti i problemi della città, esistenti da circa 40 anni. Probabilmente, questo ceto politico non vuole ammettere che il capitalismo liberista ha favorito la crisi del mercato edile salernitano, e continuare sulla vecchia strada non aiuterà un settore che dovrebbe puntare alla bioeconomia, cioè dovrebbe affidarsi alla cultura urbanistica capace di leggere i territori e le città come sistemi metabolici, perché tale cultura produce piani che rigenerano i tessuti urbani esistenti con piani realizzabili senza speculazioni. Le piccole trasformazioni urbane immaginate negli anni ’70 sono state realizzate durante gli ultimi vent’anni, e se a Salerno non si apre una fase nuova riportando il tema dell’urbanistica e del territorio al centro di un dibattito pubblico sarà difficile immaginare di cambiare la città estesa, che si potrà migliorare interpretando correttamente la bioregione urbana, e adottando piani attuativi rigenerativi bioeconomici che prevedono conservazione, recupero e trasferimenti di volumi per migliorare la morfologia urbana esistente. Confrontando gli atti politici con la realtà salernitana possiamo capire l’assenza di pianificazione: la sostituzione edilizia di scuole ormai obsolete per costruire scuole innovative.

creative-commons

 

 

Civiltà e sostituzione edilizia delle scuole

hangzhou-haishu-school-of-future-sci-tech-city-lycs-architecture-01.jpg
Hangzhou Haishu School of Future Sci-Tech City, strada Haishu, distretto Yuhang, Hangzhou, Zhejiang, China.

Nel 2013, il Miur pubblica le nuove linee guida per le scuole italiane, si tratta di un vero e proprio aggiornamento per la progettazione architettonica al fine di stimolare un miglioramento dei nostri edifici sotto tutti i punti di vista: dalla sicurezza sismica ovviamente ma soprattutto per le attività della didattica e per l’integrazione degli edifici con la comunità, attraverso funzioni e attività “aperte”.

Miur: “Oggi emerge la necessità di vedere la scuola come uno spazio unico integrato in cui i microambienti finalizzati ad attività diversificate hanno la stessa dignità e presentano caratteri di abitabilità e flessibilità in grado di accogliere in ogni momento persone e attività della scuola offrendo caratteristiche di funzionalità, comfort e benessere. La scuola diventa il risultato del sovrapporsi di diversi tessuti ambientali: quello delle informazioni, delle relazioni, degli spazi e dei componenti architettonici, dei materiali, che a volte interagiscono generando stati emergenti significativi. La struttura spaziale è interpretabile anche come una matrice con alcuni punti di maggiore specializzazione, cioè gli atelier e i laboratori, alcuni di media specializzazione e alta flessibilità, cioè le sezioni / classi e gli spazi tra la sezione e gli ambienti limitrofi (solo a volte annessi alla sezione) e altri generici, cioè gli spazi connettivi che diventano relazionali e offrono diverse modalità di attività informali individuali, in piccoli gruppi, in gruppo. La sequenzialità di momenti didattici diversi che richiedono setting e configurazioni diverse alunni-docente o alunni-alunni sta alla base di una diversa idea di edificio scolastico, che deve essere in grado di garantire l’integrazione, la complementarietà e l’interoperabilità dei suoi spazi”.

La sfida richiede impegno nel tempo ma è una grande opportunità perché, in generale la maggioranza degli edifici italiani sta arrivando a fine ciclo vita, e le scuole, molte di queste, non passerebbero l’esame circa la verifica di vulnerabilità sismica. Consapevoli dell’età e del ciclo vita, le Amministrazioni comunali possono valutare la sostituzione per costruire scuole innovative o l’adeguamento degli edifici esistenti. Osservando il patrimonio edilizio esistente, l’adeguamento funzionale e spaziale secondo le linee guida del Miur è difficile da realizzare perché le norme prevedono un’adeguata accessibilità urbanistica, spazi flessibili, laboratori, atelier, auditorium, agorà, civic center, cucine e mense, attrezzature sportive. Si tratta di funzioni e attività impossibili da realizzare in taluni edifici esistenti, difficili da realizzare nelle zone consolidate urbane (a meno che non esista un piano di rigenerazione urbana) ma facilmente realizzabili per le scuole periferiche periurbane e rururbane.

woodland elementary school 01
Woodland scuola elementare, Milford, MA, United States

Qual è la situazione delle scuole primarie di Salerno? Un adeguamento sismico e funzionale delle scuole è doveroso, ma taluni edifici esistenti, a causa della densità urbana e per la carenza di spazi, non consentono di realizzare quel progetto di “scuole innovative” promesso dal Miur, pertanto sarebbe ragionevole programmare un’attenta sostituzione edilizia per offrire ai bambini salernitani le scuole innovative. Le Amministrazioni locali dovranno occuparsi di garantire luoghi rispondenti alle nuove norme. Si tratta di applicare la Costituzione e favorire la costruzione di edifici aperti alla comunità perché aiutano un adeguato sviluppo umano, un’opportunità per ridurre le disuguaglianze territoriali e garantire luoghi più sicuri a insegnanti e bambini. Secondo i dati raccolti, fra il 2016 e il 2018 l’Amministrazione ha realizzato interventi di adeguamento funzionale e manutenzione straordinaria per 9 plessi scolastici (A. Pirro, M. Luciani, C. Tafuri, G. Barra, G. Rodari, Mons. g. Prione, C A Alemagna, Sala Abbagnano, N. Abbagnao), poi ha programmato l’adeguamento sismico per altri quattro edifici: M. Mari costruita nel 1958, Medaglie d’Oro del 1955, Abbagnano del 1960, Mariconda del 1965, infine l’adeguamento funzionale per altri quattro edifici: Luciani del 1960, Barra del 1920, Montevergine del 1960, Rodari del 1968. Esistono altri 13 edifici costruiti fra il 1913 e il 1978 che necessitano di interventi di adeguamento strutturale, funzionale e tecnologico. A giugno 2018 l’Amministrazione ha chiesto finanziamenti per realizzare la verifica di vulnerabilità sismica per circa 29 plessi scolastici, e ciò riguarda gli edifici antecedenti al 1970, solo alla fine di tale ricognizione sarà possibile ragionare sulla convenzione economica di un’eventuale sostituzione edilizia di edifici ormai obsoleti. In generale, l’Amministrazione ha programmato l’adeguamento sismico per tutti gli edifici arrivati a fine ciclo vita. Gli edifici periferici sono in condizioni peggiori, abbandonati e obsoleti, ma la localizzazione offre le migliori opportunità per l’esistenza di spazi capaci di ospitare nuovi edifici a norma, secondo le regole del Miur (accessibilità urbanistica, spazi flessibili, laboratori, atelier, auditorium, agorà, civic center, cucine e mense, attrezzature sportive).

In tal senso, dopo un censimento degli immobili introducendo il fascicolo del fabbricato (idoneità statica, prestazione tecnologica e funzionale/spaziale), e avendo inserito i dati in un sistema territoriale informatico, è determinante aumentare la spesa pubblica per la sostituzione edilizia degli edifici scolastici: scuole materne, primarie e secondarie per tendere verso i più alti livelli di qualità architettonica e urbana dei servizi educativi. E’ noto che avere ottime scuole consente buoni livelli di qualità della vita degli abitanti, mentre una carenza di servizi educativi, un’assenza di manutenzione, un’assenza di adeguamento agli standard e persino l’abbandono, negano opportunità di sviluppo ai bambini e quindi agli abitanti, che vivono in condizioni di degrado e di sottosviluppo nei confronti di territori più attrezzati.

Alcuni esempi di scuole primarie: Hangzhou Haishu School of Future Sci-Tech City / LYCS Architecture; Lishin Elementary School Library / TALI DESIGN; Woodland Elementary School / HMFH Architects ; Primary School Gartenhof / BUR Architekten;

creative-commons

 

elenco scuole primarie Salerno