Urbanizzazione

In diversi appunti pubblicati su questo diario on-line, ho più volte espresso idee sul governo del territorio e la necessità di adottare un’unica agenda urbana bioeconomica. L’anno scorso, l’ISTAT pubblica un interessante documento per aggiornare i dati sull’urbanizzazione presente in Italia, e in generale per riconoscere la trasformazione dell’armatura urbana italiana, ormai consolidata, ma non governata. Anche il nostro istituto di statistica riconosce la necessità di una visione sulle nostre aree urbane, e denuncia l’assenza di un’agenda urbana italiana, mentre altri Paesi e organizzazioni discutono e propongono specifiche soluzioni su temi generali legati alle città. Dovrebbe apparire evidente che questa inerzia delle istituzioni politiche produce danni, mentre si ha l’impressione che l’idea dei nostri politici sul governo del territorio, sia la totale deregolamentazione a favore dell’ideologia neoliberale che applica la mercificazione di ogni cosa, e privatizza i processi decisionali politici per favorire gli interessi delle imprese private e degli investitori. Dal punto di vista del territorio, cosa significa urbanizzare e quali sono gli effetti? Le istituzioni politiche italiane smettono di pianificare l’economia e sottovalutano il governo del territorio favorendo le disuguaglianze di reddito, sociali e di riconoscimento, e infine trascurano un’efficace manutenzione dell’ambiente costruito lasciando che l’incuria faccia insorgere danni e morti, oltreché chiudere gli occhi sul famigerato fenomeno criminale dell’abusivismo edilizio. Nel corso dei decenni, la maggioranza degli amministratori ha adottato una condotta politica contra legem: non prendersi le responsabilità delle proprie scelte deregolamentando i processi, cioè Sindaci e Consiglieri lasciano fare ai soggetti privati, i quali sono ben lieti di influenzare le scelte di localizzazione e persino gli indici urbanistici. Questo aspetto è notoriamente fuori legge perché di competenza dei Comuni obbligati a fare gli interessi generali. La maggior parte dei Consigli regionali e comunali “affrontano” la manutenzione degli agglomerati urbani con logiche speculative sottovalutando la realtà dei problemi quali: il ciclo vita degli edifici, il rischio idrogeologico, il rischio sismico, il consumo di suolo agricolo, il degrado urbano in taluni quartieri e la povertà presente in determinate periferie con i noti fenomeni di criminalità. Una priorità politica dunque, è la riduzione delle disuguaglianze, e queste si concentrano sia nelle aree metropolitane e sia nei sistemi rurali in abbandono. L’aspetto contraddittorio è che, mentre le aree urbane concentrano ricchezza, questa non è affatto ridistribuita, pertanto esistono quartieri della marginalità con grandi problemi di inclusione sociale. Nel paradigma capitalista, le aree rurali non riescono a generare ricchezza come quelle urbane, e sono toccate dal fenomeno dell’abbandono. Entrambi gli ambiti territoriali – urbani e rurali – sono toccati dalla marginalità, dal disagio economico, e dalla vulnerabilità sociale e materiale. Il 33,8% (3,2 milioni) degli abitanti nelle aree urbane vive in uno stato potenziale di disagio economico. La maggior parte della popolazione italiana è si concentrata nelle aree urbane, e l’ISTAT ha individuato 611 Sistemi Locali, si tratta di sistemi urbani e funzionali rispetto al lavoro che hanno generato nuove forme urbane estese e frammentate. In queste nuove città troviamo sia il disordine urbano e sia veri e propri vuoti urbani. I Sistemi Locali principali  sono 21 (Roma, Milano, Napoli, Torino …); le città di media grandezza sono presenti in 86 Sistemi Locali, ed il resto, è rappresentato da 504 Sistemi delle aree rurali che sono sempre più abbandonate favorendo l’aumento del rischio idrogeologico. I Sistemi locali poi si dividono in attrattivi e perdenti (che cedono abitanti), mentre in quelli metropolitani e in quelli perdenti troviamo le disuguaglianze di riconoscimento che sono in aumento grazie alle politiche globali neoliberali. In questi contesti difficili, le persone escluse hanno sfiducia nelle istituzioni, e si sviluppano movimenti politici autoritari e intolleranti. Nei luoghi della marginalità, cioè i non luoghi, le persone escluse reagiscono anche con stili di vita illegali, ed è in questi contesti che la micro criminalità mette radici. Decenni di politiche neoliberaliste hanno prodotto tali problemi poiché è venuto meno il mandato costituzionale che chiede di costruire uno Stato sociale. Il ceto politico è del tutto autoreferenziale e conservativo dello status quo a trazione capitalista, ed a partire dagli anni ’80 ha smesso di promuovere politiche pubbliche socialiste. Questo ceto élitario non ha una visione culturale come la pianificazione bioeconomica per i Sistemi Locali, perché preferisce l’approccio liberista che oggi applica lo slogan dell’economia della conoscenza. Gli amministratori locali adottano politiche urbane inseguendo lo slogan liberista – l’economia della conoscenza – ma questo alimenta disuguaglianze fra i vari Sistemi Locali, poiché favorisce la concentrazione dei capitali presso i centri principali e le cosiddette città globali. Si tratta di un approccio più competitivo, e questa scelta ha innescato l’aumentato delle disuguaglianze economiche fra i territori e una nuova crescita dei flussi migratori, cioè abitanti che si spostano per cercare lavoro dal Sud al Nord. Il passaggio dall’economia pianificata all’economia liberista ha messo da parte la pianificazione, favorendo attività che generano rendite e speculazioni edilizie. E’ storia che nel 1962, il legislatore scelse di ignorare la famosa proposta di Fiorentino Sullo che riformava il regime dei suoli per consentire, finalmente, allo Stato di applicare l’interesse generale, come già facevano i paesi scandinavi, Olanda, Germania e Inghilterra. Una testimonianza drammatica della linea neoliberale è la recente approvazione della nuova legge urbanistica in Emilia Romagna, che ha profili di illegittimità poiché contra legem (avversa ai principi della legge urbanistica nazionale) e persino incostituzionale. Mentre il ceto politico italiano sottovaluta i temi urbani o addirittura strumentalizza i problemi del degrado urbano con Commissioni ad hoc; da decenni, nei Consigli  degli Enti locali si è affermata la consuetudine nel rinunciare alla pianificazione urbanistica anziché applicare la Costituzione. Accade che gli attori privati sono invitati a fare i propri interessi stimolando processi di accumulazione del capitale, ma a danno della collettività, sia perché si adottano trasformazioni del territorio espressione delle speculazione edilizia, e sia perché tali processi avviano fenomeni degenerativi come la gentrificazione, oltre il consumo di suolo agricolo e lo sprawl. In buona sostanza la maggioranza dei comuni italiani non adotta piani urbanistici ma piani edilizi, la differenza è sostanziale si tratta di scelte politiche che ignorano i problemi delle città per favorire gli interessi speculativi.

Osservando il nostro territorio, e soprattutto le strutture urbane, oggi sappiamo che non esistono più le città che tutti noi consideriamo, ma esistono nuove città costituite da comuni centroidi saldati alle loro conurbazioni. Il problema amministrativo è che tali strutture urbane non sono governate da un unico comune, ma dai comuni costituiti dal centroide e dagli altri limitrofi. Infine, il problema culturale del ceto politico che non adotta piani regolatori generali bioeconomici capaci di vedere le strutture urbane come sistemi metabolici, e i suoi territori come bio regioni urbane, secondo le indicazioni della scuola territorialista; ma si continua a stimolare sia il consumo di suolo con la dispersione urbana e sia l’aumentano dei carichi urbanistici anche negli spazi dove non è affatto necessario, tutto ciò perché è sparita l’urbanistica.

creative-commons

 

 

ISTAT popolazione per tipologia di località abitativa
ISTAT, 2017

L’urbanizzazione viene in genere definita principalmente in relazione a due categorie interpretative: da un lato quella demografica, legata a fenomeni quali l’aumento della popolazione nella aree definite urbane e la proportion urban, dall’altro quella territoriale, basata su indicatori quali il consumo di suolo, la diffusione e la concentrazione. Su queste due direttrici si e sviluppato gran parte del dibattito teorico che, nel tempo, ha cercato di definire, misurare e interpretare le dinamiche dell’urbanizzazione, dando luogo alle diverse accezioni con cui viene descritto l’urbano. Sebbene questa impostazione sia in fase di superamento, spesso l’urbanizzazione è stata associata al processo di trasformazione del territorio da rurale a urbano, allo sviluppo dei centri abitati e alla concentrazione della popolazione nelle aree urbane. Il tasso di urbanizzazione infatti si può misurare calcolando il rapporto tra popolazione urbana e popolazione rurale, anche se va distinto dalla crescita urbana (urban growth), che invece si riferisce solo alla crescita demografica della popolazione che risiede in aree urbane, e non all’espansione fisica. Il grande interesse nei confronti dell’urbanizzazione e, più in generale, dell’urbanità, è dovuto alle dimensioni del fenomeno su scala globale, dato che il 50 percento della popolazione vive nelle città e il trend è in costante crescita. Si prevede infatti che da adesso al 2030 ci saranno più di 41 mega-city (città con più di 10 milioni di abitanti) e che il 64 percento della popolazione mondiale vivrà in aree urbane nel 2050 (Un 2015). Praticamente si assisterà a un totale ribaltamento delle proporzioni rispetto al 1950, quando la popolazione urbana costituiva un terzo di quella globale.

Annunci

Massima confusione

pinocchio-sergio-romano-rizzato-02

La campagna elettorale che ci apprestiamo a subire è la plastica rappresentazione di una società culturalmente regredita e psicologicamente debole, in totale balia della propria  apatia, ignoranza e stupidità proiettando soggetti politici totalmente irresponsabili che esprimono il peggio e/o il nulla. E’ l’onda lunghissima che nacque dalla denuncia di Berlinguer circa la questione morale del 1981, e gli eventi successivi non hanno prodotto un’evoluzione ma una regressione, che sta trasformando la società da democrazia rappresentativa a quella feudale e autoritaria con rigurgiti fascisti. I partiti di massa non esistono più, la partecipazione politica attiva è scomparsa, sostituita da algoritmi ove gli individui sono chiamati a seguire la dittatura della maggioranza psico programmata dalla pubblicità. Gli effetti combinati di apatia e ignoranza dovrebbero essere evidenti, un Paese di straordinaria bellezza non governato, ma predato da multinazionali e imprese private. Una parte importante di italiani si astiene dal voto, non partecipa attivamente alla politica, delega e favorisce incapaci e corrotti alla guida delle istituzioni. I mediocri sono al potere e i risultati negativi sono evidenti. A mio modesto parere è necessario focalizzare un aspetto noto ma ignorato dalla propaganda: esistono due Italie, il Nord che produce con tassi di disoccupazione normali, e poi il meridione d’Italia, in totale abbandono con tassi di disoccupazione che superano la soglia di preoccupazione, e rientrano nel degrado sociale che favorisce l’incertezza, la povertà relativa e assoluta. A tali drammi non esistono programmi seri e strutturali della classe dirigente.

Osservando la comunicazione dei nostri politicanti, i verbi più utilizzati sono abolire e ridurre, modificare qualcosa (ovviamente si parla di norme e leggi), mentre i più triviali vorrebbero abolire proprio qualcuno. Tutti promettono di ridurre le tasse, chi soprattutto ai ricchi oltre che ai poveri, e tutti promettono di aiutare i poveri con qualche sostegno. E’ incredibile ma non c’è alcuna differenza fra i politicanti in gara, tranne per il tema migranti che per la destra estrema vanno per l’appunto “aboliti”. La promessa più ridicola, forse spetta a Berlusconi, condannato per frode fiscale promette di promulgare norme severe per chi evade il fisco. Berlusconi con una storia politica incredibile per i noti aspetti immorali e illegali, non è candidabile ma coordina la coalizione di destra. Tutti i soggetti politici in campo si dichiarano critici con l’euro zona e la distinzione è insita solo sulle misure da cambiare, anche chi parlava di uscire dall’euro, poi si rimangia la promessa, vedesi l’M5S. Nella coalizione di destra i razzisti della Lega vorrebbero uscire dall’euro, e per “coerenza” si coalizzano con Berlusconi, che tutela grandi imprese e lo status quo dell’euro zona. Tutti hanno già cambiato idea diverse volte sui temi che discutono, e durante la propaganda aggiustano il tiro delle promesse, i propri annunci, utilizzando i sondaggi, al fine di intercettare il maggior consenso elettorale. Molti cambiano idea più volte su temi come lo ius soli, l’aiuto ai ceti meno abbienti (il famigerato reddito di cittadinanza) e la riduzione delle tasse. Insomma il periodo post ideologico con la morte dei partiti si traduce in mera pubblicità, dimmi cosa vuoi che te lo vendo! Un’altra menzione particolare va al M5S, un partito non democratico che ha raggiunto grandi consensi elettorali non per meriti propri ma per demeriti altrui, e che alla sua seconda gara elettorale, si presenta con estrema arroganza proponendo un vero salto nel buio, poiché guidato da individui culturalmente inadeguati e scelti attraverso pratiche di delazione interne a quel partito. L’assenza di regole e controlli interni al M5S favoriscono gli impresentabili. Tale partito senza identità copia incolla le proposte altrui, raccogliendole in un elenco. Questo elenco presenta temi di stampo liberale e liberista, con qualche accorgimento ecologista. Costoro si focalizzano più sulla demagogia cercando di attrarre i consenti di tutti, degli ultimi e dei ricchi (Di Maio:«Io non ce l’ho con i ricchi: non faremo una patrimoniale»).

Visto che l’attuale propaganda è pubblicità, e i politicanti sono commedianti, dal punto di vista della filosofia politica, tutti i contendenti più popolari – Forza Italia, PD, Lega e M5S – avanzano proposte liberali e neoliberali. Tutti questi liberali e liberisti sono presenti in ogni partito, nella coalizione reazionaria berlusconiana vi sono due partiti razzisti come Fratelli d’Italia – persino nostalgici del fascismo – e Lega di tradizione persino antimeridionalista; mentre in altri partiti ritroviamo altre forze reazionarie e collaborazioniste del berlusconismo che hanno partecipato al disfacimento della Repubblica italiana, come gli ex democristiani che guidano l’attuale PD, tutti liberisti, e gli ex di sinistra raccolti in LeU, fra liberali e liberisti. Discorso particolare spetta per la lista di Grasso, LeU, che sembra dare l’impressione di essere nata con l’obiettivo di far perdere la gara elettorale a Renzi, allo scopo di sostituirlo alla segreteria del PD. Insomma i fuori usciti dal PD vorrebbero riprendersi la “ditta”. Nessuno di questi prevede riforme strutturali socialiste per applicare la Costituzione e ridistribuire la ricchezza che si concentra nelle mani di pochi, e nessuno ha avanzato politiche industriali presentando investimenti in settori specifici e diversificati, per favorire nuova occupazione. Com’è noto e banale la ridistribuzione si può favorire e avere solo tassando la concentrazione della ricchezza che si trova nelle mani dei pochi, e poi investendo attività nelle aree geografiche più povere creando nuova occupazione, e ampliando i diritti dei lavoratori; questo è il socialismo che tutti i contendenti disprezzano. Inoltre è noto che gli ultimi Governi di stampo neoliberale hanno favorito la delocalizzazione produttiva e ignorato il famigerato fenomeno off shore, di fatto favorendo l’elusione e l’evasione fiscale. Tutti i soggetti politici propongono di restare nell’attuale paradigma culturale neoliberale, e consigliano aggiustamenti attraverso incentivi e leva fiscale come fossero amministratori di condominio, anziché veri e propri politici che dovrebbero dettare una linea politica. In buona sostanza tutti i politicanti si pongono l’obiettivo di conservare lo status quo, e di agire su piccoli aggiustamenti per garantire continuità ai profitti privati delle imprese controllate dall’élite degenerata occidentale.

Diversi osservatori hanno già rilevato l’inconsistenza delle proposte politiche dei soggetti candidati alla guida del Paese, sia per le evidenti incongruenze, se non addirittura per i loro aspetti ridicoli, poiché le proposte riproducono numeri e cifre a caso, senza alcuna attinenza alla realtà del bilancio dello Stato (il programma del PD: disavanzo di 56 mld, il programma del M5S: disavanzo di 63 mld; Forza Italia e Lega: disavanzo per 130 mld). L’impressione è che i candidati siano consapevoli dell’ignoranza funzionale della maggioranza degli italiani votanti, cioè circa 30 milioni di individui, e che quindi non sia affatto necessario presentare programmi seri, ma promesse da marinaio credili e convincenti in termini di comunicazione, parlando alla pancia delle persone e non alla loro testa, tanto non capirebbero, proprio come accade nella pubblicità. Stiamo assistendo a una gara di bugie e probabilmente ciò che spinge i politicanti a dirle sempre più grosse, forse sono due condizioni: la prima è che aumentano apatia e non voto, e la seconda è che, probabilmente, nessuno raggiungerà la maggioranza necessaria per formare un Governo. Un risultato di pareggio non obbligherebbe i partiti a mantenere le promesse, costretti a formare la maggioranza all’interno del Parlamento, e quindi potrebbero rimangiarsi le promesse mettendo in discussione i propri programmi con quelli altrui. In questo contesto di recessione e di incertezza i politicanti e gruppi in gara non esprimono il meglio ma il peggio, e così premono sulle emozioni e sui vizi degli italiani, meno tasse, condoni fiscalievasione, razzismo, e persino su temi delicati come la povertà anziché presentare programmi industriali per creare lavoro, promettono soldi in cambio di voti.

E tutto ciò osservando solo gli inconsistenti programmi elettorali, mentre il peggio è dentro le dinamiche dei soggetti in gara, tutti occupati a scegliere galoppini e personaggi inadeguati ma utili agli interessi del proprio capo e/o degli interessi particolari delle imprese. Queste dinamiche immorali, che durano ormai da troppi decenni, esistono e si rinnovano poiché in Italia, come annunciò Berlinguer c’è carenza di condotta morale all’interno delle organizzazioni di partito. Tali soggetti sociali spesso sono privi di approccio e cultura democratica, e non coltivano classe dirigente attraverso il merito. Le forze politiche attuali preferiscono selezionare individui fedeli e incapaci poiché addomesticati. Nel nostro Paese, non esistono né scuole politiche pubbliche e tanto meno una legge che obblighi i partiti ad usare la trasparenza per la selezione dei candidati attraverso le primarie utili a stimolare il merito e l’inclusione. Infine non esiste una selezione che stimoli l’indipendenza e l’autonomia dei politici dai cosiddetti poteri forti (imprese, banche …). Secondo Bobbio, il Parlamento italiano era diventato un luogo di registrazione delle decisioni prese altrove, mentre il cosiddetto potere invisibile (i poteri forti), invece era molto visibile, riferendosi alla progressiva erosione dello Stato sociale e alla appropriazione delle risorse pubbliche a vantaggio delle imprese private. Infine la cancellazione dei partiti massa, cosicché il ceto politico è sostituito con personale più ignorante e incapace rispetto al passato; e in questo modo consorterie e potere invisibile governano con maggiore efficacia.

ISTAT BES 2017 indici e ripartizione geografica
ISTAT, BES 2017.