La parola “sinistra”


Edoardo Salzano, rispondendo ad Enzo Scandurra, narra una sintesi politica circa il dissenso sul termine “sinistra”. La sua sintesi è condivisibile, e nel fondo del suo intervento scrive: «l’errore di fondo della sinistra è stato quello di non aver compreso che per contrastare quelle tragedie con qualche efficacia, e con quel tanto di fiducia nell’avvenire che è necessario per alimentare la speranza, era necessario fare esattamente l’opposto di quello che si stava facendo. Occorreva riprendere la lotta per il superamento integrale del capitalismo, e non consumarsi in qualche guerriglia contro l’una o l’altra delle sue incarnazioni. Lottare per un’altra economia in un’altra società. Una prospettiva comunista? Forse, ma non solo parolaia». Sono pienamente d’accordo con Salzano, e vorrei aggiungere che quando Occhetto decise la svolta, chiudendo di fatto il Partito comunista, nessun dirigente di allora pensò di raccogliere la denuncia di Berlinguer circa la questione morale dei partiti. Era necessario fare l’opposto di quello fatto finora. Nessuno si organizzò per divulgare etica e partecipazione democratica nei partiti stessi, di fatto aprendoli alle nuove generazioni. La “sinistra” ha rinnegato se stessa scegliendo di farsi infiltrare dall’ideologia liberale, e dare il proprio contributo insieme alla destra liberale nel perseguire tornaconti personali, e l’avidità professata dalla religione delle SpA. Durante gli ultimi quarant’anni, a mio modesto parere la religione liberale è ben presente in tutte le accademie, formando generazioni di giovani, e far credere loro che non esista un altro mondo oltre a quello capitalista. L’élite finanziaria e imprenditoriale, aderendo al credo del liberalismo, ha psico programmato le menti delle classi dirigenti occidentali creando una vera e propria religione economica. Nella realtà questo è il mondo peggiore che le vecchie generazioni lasciano ai propri figli; di fatto violando il patto sociale generazionale. I soldi sono creati da nulla e gestiti dagli algoritmi. E’ altrettanto noto che sin dagli anni ’80, la famigerata deregolamentazione finanziaria consente di accumulare e creare moneta dal nulla attraverso gli strumenti finanziari, le scommesse e le speculazioni. Questi capitali sono nelle “mani” di algoritmi che non dormono mai, e tali flussi finanziari possono essere occultati nei paradisi fiscali, per apparire nei luoghi scelti dall’élite finanziaria come le città globali e i paesi emergenti (sfruttamento delle risorse finite del pianeta). In una società stupidamente capitalista dove la moneta è la forza che da energia al sistema politico e industriale, accade che la concentrazione della ricchezza fittizia creata dal nulla, e gestita dalle mani dei pochi, trasforma le democrazie rappresentative in regimi autoritari e feudali. E’ storia che l’Europa sia stata inserita nel sistema geopolitico statunitense e pertanto i nostri territori sono una regione colonizzata (sovranità limitata), mentre l’Italia nel corso dei decenni è diventata periferia economica per scelta politica. La recessione dipende da fattori storici (guerra), politici (delocalizzazione industriale) e culturali (prevalenza della religione neoliberale).

Poiché il capitalismo agisce su aspetti psicologici immorali come l’avidità e l’egoismo, dovremmo cominciare a rifletter sul fatto che una società capitalista non è compatibile con la democrazia, che invece prevede altruismo, dialogo e lo sviluppo di qualità morali. Capitalismo e specie umana non possono convivere, poiché il credo dell’ideologia capitalista è scientificamente sbagliato, come dimostrò egregiamente Georgescu-Roegen, e per l’ovvia e banale osservazione che il Sole da energia alla vita sul nostra pianeta, e non la crescita della produttività come sostiene un’economista o un politicante. L’energia che da vita alla nostra specie è gratuita! Parafrasando una teoria di sinistra, cioè di Marx, i popoli hanno la possibilità di appropriarsi degli strumenti tecnici che consentono loro di auto produrre ciò di cui hanno bisogno (abitare, nutrirsi, muoversi). Un partito sinceramente di sinistra dovrebbe porsi questo come obiettivo: dare al popolo gli strumenti per raggiungere l’auto determinazione in armonia con le risorse limitate della natura. L’aspetto direi grottesco, è che si può fare, poiché esistono le tecnologie per farlo ma non esistono né la volontà politica e né la consapevolezza collettiva della maggioranza dei popoli, poiché culturalmente regrediti (ignoranza funzionale) e apatici alla politica. Oltre ai percorsi di sinistra, cioè l’appropriazione dei mezzi di produzione, è necessario percorrere strade bioeconomiche e comunitarie, per ripristinare valori umani e solidali. Inoltre, possiamo osservare che noi siamo l’unica specie vivente a inventarsi la moneta, la banca e poi l’economia neoclassica, ottenendo effetti abbastanza stupidi: (1) disuguaglianza economica e sociale, e (2) “occultamento” delle leggi di natura (biologia, termodinamica e meccanica quantistica). Nei secoli le élite (monarchie e borghesia liberale) hanno sfruttato i più deboli per avidità e potere, muovendo guerre idiote. Nell’epoca moderna le élite al potere sfruttano l’invenzione degli Stati e della finanza, favorendo la distruzione degli ecosistemi, morte, schiavitù e disuguaglianza sociale pianificata. I ricchi hanno vinto la guerra contro gli ultimi, e mai come oggi la società è profondamente feudale, regolata dal vassallaggio. La specie umana dovrebbe risvegliare se stessa e lottare per qualcosa di puro, puntando a cambiare i paradigmi culturali dell’Occidente poiché sono profondamente sbagliati.

Annunci

Un pensiero riguardo “La parola “sinistra””

  1. […] C’era una volta la scuola del partito che si preoccupava e si occupava di alfabettizzare e istruire iscritti e dirigenti del movimento politico. Subito dopo la guerra, per il partito comunista, come per altri movimenti politici, era del tutto incompresibile non preoccuparsi della formazione culturale dei propri dirigenti. In quegli anni, era del tutto scontato formare la classe dirigente politica per svolgere al meglio il proprio ruolo politico nella Repubblica appena nata. Lo stesso popolo italiano, sin dal primo Novecento soffriva di analfabetismo e quindi di ignoranza funzionale, e così si affidava ai partiti per amministrare gli Enti locali e governare il Paese. Come il PCI anche la Democrazia Cristiana, il primo partito italiano, aveva la propria scuola di formazione interna al partito. All’inizio del nuovo millennio il popolo italiano soffre ancora di ignoranza funzionale, come dimostrano ricerche e studi linguistici condotti nel nostro Paese, ma con l’aggravante di non avere più partiti strutturati e organizzati per formare nuova classe dirigente. La formazione non è più richiesta, e la cultura politica è persino disprezzata da taluni movimenti politici presenti in Parlamento che hanno costruito il proprio consenso propagandando una non cultura contro i partiti che erano già scomparsi, e contro la “professione” politica. Nel ’94 questa demagogia politica fu sfruttata prima da Berlusconi e poi da tutti gli altri che lo seguirono. Ancora oggi, millantare il disprezzo per i partiti e la politica produce consenso. Tutto ciò produce un successo elettorale grazie all’ignoranza funzionale della maggioranza degli individui che votano. E’ l’incivilità che alimenta il consenso elettorale dei partiti stessi e della presente e futura “classe dirigente” del Paese, costituendo un corto circuito a danno delle collettività dei valori costituzionali ampiamente traditi. In questo modo sprovveduti, cialtroni e avventurieri occupano le istituzioni recando incalcolabili danni economici e sociali per la collettività, e favorendo le disuguaglianze. Da circa un quarto di secolo, questo ceto politico di cialtroni è ampiamente presente in tutti i livelli istituzionali, i peggiori siedono nei Consigli comunali e regionali facendo mercimonio delle res pubblica, mentre ai Governi si alternano professionisti capaci si governare ma di promuovere anzitutto gli interessi delle imprese private, prima di applicare la Costituzione italiana. Oggi, l’eventuale formazione della classe dirigente è organizzata e finanziata dalle imprese e dalle fondazioni politiche espressione di gruppi politici. Questo approccio è il modello introdotto in Italia e importato dagli USA, ed è espressione del mondo culturale liberale e neoliberale, ove la filantropia privata auto promuove se stessa formando la classe dirigente. In questo modello partecipa anche il mondo accademico specializzato in scienze politiche. […]

Rispondi a Il merito, c’era una volta … | diario di Peppe Carpentieri Annulla risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...