Referendum: conoscere per deliberare


Siamo in piena campagna referendaria e considero gli approfondimenti proposti da Openpolis il miglior servizio di informazione che un cittadino possa auspicare. Un servizio civile eccellente come ogni cittadino dovrebbe desiderare e ricevere. L’Associazione attraverso il suo sito ha divulgato quattro approfondimenti che chiariscono concetti, argomenti e i temi legati alla riforma Costituzionale proposta dalla maggioranza di Governo.
I quatto speciali proposti da Openpolis hanno la virtù di fare chiarezza sui temi usati e abusati da politici e media, e soprattutto svelano tutta la retorica e la demagogia degli attori politici, mostrando una realtà politica parlamentare diversa da come narrata dai media.
Ad esempio, almeno due argomenti di scontro politico emergono con forza dalla realtà smentendo entrambe le posizioni avverse: il bicameralismo perfetto non è un ostacolo per approvare leggi in tempi brevi o considerati normali, mentre la paura del premierato o dell’oligarchia contro la rappresentanza è anacronistica poiché è già realtà. Il nostro Parlamento da diversi anni ha scelto di violare il principio di separazione dei poteri. In fine, il cambiamento dell’art. 81 circa il famigerato pareggio di bilancio incide negativamente sulla prima parte della Costituzione relativa ai principi e ai valori, e non ci fu alcuna rivolta. E’ proprio in virtù del nuovo articolo 81 che i Governi, inseguendo i dogmi della religione neoliberale e attraverso scelte immorali, riducono opportunità di sviluppo umano violando i principi sanciti negli articoli (1) – sovranità -, (2) – diritti inviolabili dell’uomo – e (3) – uguaglianza e sviluppo della persona.
La società che i liberal stanno costruendo in questi decenni è quella feudale, dove le istituzioni moderne sono piegate e riformate secondo schemi sociali forgiati nel vassallaggio, e cioè da rapporti di servitù, mercantili e finanziari. Il famigerato sistema elettorale maggioritario fu introdotto per seguire questo schema, e cioè i pochi che governano sui molti. Nel sistema attuale gli organi esecutivi decidono ogni cosa, e se usiamo la lente d’ingrandimento nei Comuni, c’è da spaventarsi o fare una rivoluzione la mattina seguente. Solitamente nei Consigli comunali eletti si rappresenta una finzione scenica della democrazia rappresentativa, e si chiama la morte della politica. Il copione è il seguente: le maggioranze deliberano su atti della Giunta che non conoscono, a volte si tratta di atti scritti e suggeriti da gruppi di interesse – imprese, associazioni – esterni all’organo politico. E’ questo l’esperimento meglio riuscito e che tutti elogiamo, ma forse pochi hanno osservato alcune conseguenze: una diffusa corruzione, sprechi nella pubblica amministrazione, danni al territorio e la privatizzazione dei servizi per garantire profitti ai privati. Le persone eleggono direttamente Sindaci e Consigli nella convinzione che costoro siano la guida politica del loro Comune, ma ci sono dei piccoli dettagli: (1) costoro sono solo degli amministratori, non fanno leggi, ma applicano quelle normate da Parlamento e Regioni; (2) gli atti che deliberano sono spesso suggeriti e scritti da organizzazioni esterne e loro si limitano a pubblicizzarle, e approvarle per sperimentare gli effetti sul territorio e sugli abitanti. I casi in cui i politici eletti decidono con la propria testa sono davvero pochi, e quando accade spesso ne pagano le conseguenze politiche e cioè l’isolamento economico, poiché il sistema istituzionale è progettato per ricattare gli amministratori “ribelli”. Solo una comunità democratica, coesa e consapevole potrebbe ribaltare questa farsa, poiché sarebbe capace di esprimere una classe dirigente politica responsabile e matura.
Non è un caso che i gruppi politici abbiano smesso di fare formazione per la propria classe dirigente, e che nei Consigli comunali e regionali ci siano persone ignoranti e inadeguate, poiché gli indirizzi politici e gli atti sono preparati altrove, e tale processo degenerativo esiste sin negli anni ’80 giacché spinse il senatore Bobbio ad affermare che il Parlamento era una camera di registrazione di decisioni prese altrove. Oggi nelle istituzioni può (e deve) sedere un cialtrone qualsiasi ma deve avere delle caratteristiche: oltre all’implicita ignoranza e incapacità, quella principale è di risultare simpatico, credibile ed essere fotogenico, televisivo e “smanettone” in internet. L’intelligenza è una prerogativa odiata da tutti i gruppi politici poiché innesca invidia sociale. L’attuale modello è stato copiato incollato dal mondo anglosassone, fase uno distruzione dei partiti e dei sindacati, fase due partiti azienda, nel frattempo i think tank neoliberali preparano i contenuti.
Fatta attenzione alle considerazioni sulle dinamiche che si svolgono nei Consigli comunali, allora è facile un raffronto coi dati forniti da Openpolis, poiché emerge un’evidenza: la finzione scenica de la morte della politica si svolge da tempo anche nel Parlamento (…l’utilizzo dei decreti legge nel corso degli anni è stato molto ricorrente. I 4 governi delle ultime due legislature hanno emanato in totale 197 decreti legge, circa 2 ogni mese). Il combinato disposto fra proposta di riforma costituzionale e legge elettorale italicum vuole legalizzare e legittimare una condotta politica oligarchica ma che è prassi legale degli Enti locali, ed è consuetudine nel Parlamento.

3 pensieri riguardo “Referendum: conoscere per deliberare”

Rispondi a Referendum: conoscere per deliberare – Redvince's Weblog Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...