Un piano intercomunale bioeconomico


Per Salerno è fondamentale ripensare le modalità sociali ed economiche della pianificazione urbanistica per una serie di ragioni che dovrebbero essere scontate, ma forse non lo sono. Il territorio è una risorsa finita e i famigerati meccanismi delle rendite e degli interessi privati non hanno migliorato le condizioni sociali degli abitanti, anzi l’aver perseguito e assecondato le regole di mercato ha fatto espellere i ceti meno abbienti generando una dannosa contrazione della città. Il Comune di Salerno e i comuni viciniori rappresentano un’area funzionale, ed è necessario creare un ufficio di pianificazione che disegni una visione futura dell’area urbana con regole bioeconomiche.

La bioeconomia è un nuovo modello culturale che genera prosperità e mira alla piena occupazione utile, cioè l’opposto di quello perseguito fino ad oggi. L’aver perseguito l’ideologia della crescita fino ad oggi ha prodotto danni sociali, ambientali ed economici e lo dimostrano gli impietosi dati ISTAT: Salerno ha la tendenza di perdere occupati (periodo 2008-2014 e 2013-14) e l’occupazione è medio bassa; il tasso di disoccupazione nel Comune di Salerno è 17,48%. Appare evidente la priorità di invertire la drammatica tendenza nel perdere occupati, favorendo la nascita di specializzazioni produttive[1] e terziarie (cultura, ricerca e innovazione), proprio attraverso la rigenerazione urbana bioeconomica che non consuma suolo ma interviene nel costruito (zona consolidata). Sotto l’Amministrazione deluchiana, mentre la città perdeva abitanti (il 18,4% dei residenti) il consumo di suolo aumentava del 31% (Dato Ispra, 2015), più di tutti i comuni limitrofi che ricevevano i cittadini espulsi dalle politiche urbane neoliberali. Questo dato non andrebbe sottovalutato sotto il profilo giuridico, poiché uno dei principi dell’urbanistica e della stessa legge nazionale è l’uso corretto del territorio, cioè il perseguimento dello scopo sociale e dell’interesse generale. Se invece i piani sono costruiti utilizzando esclusivamente la rendita è evidente la violazione di tale principio, poiché il territorio è considerato merce anziché risorsa finita indispensabile per la vita umana. Fare urbanistica non significa fare profitto ma tutelare il paesaggio, il patrimonio esistente e costruire diritti e servizi per tutti.

Inoltre, il congestionamento di Salerno è fotografato da un elevato indice di accentramento della popolazione residente (0,98) e un’elevata densità di abitazioni totali che da un lato favorisce le relazioni di prossimità, ma alti valori indicano affollamento e un probabile degrado, considerando anche il fatto che il 61% degli occupati vive e lavora nell’area urbana appesantita e addensata dagli spostamenti giornalieri del pendolarismo in ingresso.

La città di Salerno come la vediamo tutti noi, cioè l’area urbanizzata con tutti i problemi che ereditiamo è stata costruita fino alla fine degli anni ’80. Nel bene e nel male l’urbanistica salernitana appartiene ai piani che vanno dall’inizio del secolo Novecento sino al dannoso piano Marconi degli anni Cinquanta. Il motore che ha costruito la città è stata la rendita fondiaria e immobiliare, cercata e voluta dai cittadini salernitani che avevano la facoltà di influenzare gli Amministratori locali. Tutt’oggi è la rendita che muove le azioni dei piani del Sindaco. Il ruolo politico dell’attuale guida politica che dura da più di vent’anni è stato quello di ignorare i problemi urbanistici dei salernitani. Ciò che i salernitani sanno meno è che negli anni ’70 i progettisti salernitani incaricati di recuperare standard urbanistici fotografarono con precisione i danni sociali ed economici delle rendite di posizione costruite all’inizio del Novecento, e per l’assenza di un corretto uso del territorio. Il famoso e millantato processo di rinnovamento urbano è concretamente programmato e pianificato, durante gli anni ’70 e ’80, dai progettisti salernitani con ampi dibattiti pubblici. E’ in quegli anni di scontri che si costruisce l’alternativa politica alla vecchia democrazia cristiana, responsabile insieme ai fascisti della cattiva costruzione della città.

I problemi sopra elencati non devono farci arrendere, anzi è necessario introdurre nel linguaggio politico la visione bioeconomia come approccio culturale per risolverli. I problemi dovrebbero sollecitare un dibattito pubblico aperto teso a raccogliere idee e progetti.

Un’esperienza convincente da ricordare fu quando i salernitani percorsero, durante gli anni ’80, numerosi momenti di dibattiti e proposte dove professionisti, di qualsiasi colore politico, presentarono pubblicamente le idee per cambiare la città, e tale percorso favorì la cosiddetta svolta di sinistra. A quella esperienza concreta i cittadini potrebbero ispirarsi, per riappropriarsi della democrazia come metodo per far confluire le progettualità e consentire una crescita culturale.

Salerno schema territoriale progetto di città 1978.png
Salerno progetto di schema territoriale, 1978.

 

Diversamente da allora, la città non è più il territorio comunale di Salerno, ma la città è la regione funzionale classificata nel sistema locale che comprende 22 comuni ove vivono circa 400 mila abitanti. E’ questa la regione urbana ove è necessario ripensare la gestione amministrativa dei servizi e la pianificazione urbanistica poiché gli abitanti usano il territorio e stabiliscono relazioni in un’area che va oltre gli attuali confini amministrativi. E’ salernitano chi vive nella valle dell’Irno così come chi vive a Paestum o sulle colline giffonesi, ci bagniamo tutti nello stesso golfo. Riorganizzare le competenze amministrative come bioregione urbana di tanti comuni offre la straordinaria opportunità di avere un enorme peso politico, di centralizzare e razionalizzare il sistema fiscale e di restituire agli abitanti servizi migliori, se ben pianificati s’intende. Quando accetteremo il fatto che il territorio è fonte della nostra esistenza, allora prenderemo atto che in quest’area urbana ci vuole un unico strumento urbanistico che introduca il metabolismo urbano, con un unico regolamento edilizio che introduce la bellezza, la qualità architettonica e la qualità urbanistica. Credo sia del tutto auspicabile che lo Stato si riprenda il ruolo attivo ed efficace di controllare adeguatamente l’attività urbanistico-edilizio sia per pianificare correttamente e sia per fare prevenzione sul rischio sismico e idrogeologico. Come ho già scritto fare urbanistica non significa fare profitto ma tutelare il paesaggio, il patrimonio esistente e costruire diritti e servizi per tutti.

In quest’area geografica è necessario ripensare la complementarietà, la trasferibilità e l’accessibilità in chiave bioeconomica, cioè dare prevalenza alle leggi della natura attribuendo valore ai beni che non sono merci, e sono necessari per la vita umana: energia, cibo, cultura. Si tratta di ripensare la politica delle risorse materiali e immateriali per accrescere l’economia locale cambiando il mercato in funzione di bisogni reali e non dei capricci. Non è l’accumulo del capitale a indicare la direzione, ma il soddisfacimento di bisogni rispetto all’equilibrio ecologico e sociale, ridistribuendo opportunità per tutti e perseguendo attività economiche portatrici di valori. Se il neoliberismo favorisce il nichilismo, la bioeconomia favorisce l’etica e la costruzione di comunità. In termini di complementarità possiamo valorizzare i beni auto prodotti fuori dal mercato e quelli di qualità inseriti nel mercato ma prodotti e consumati a breve distanza. In termini di trasferibilità possiamo favorire il consumo di merci che hanno un valore etico e qualitativo piuttosto che inseguire il prezzo più basso che non è detto sia sinonimo di garanzia in termini di sicurezza; e in fine per l’accessibilità è auspicabile una riprogettazione dei servizi affinché siano facilitati i tempi di accesso e migliorati i luoghi degli abitanti circa gli spazi di relazione, dei servizi culturali e sanitari. Ripensare l’interazione spaziale come sopra è accennato significa produrre occupazione utile. Un esempio può aiutare a comprendere il discorso: in un luogo urbano, lo spazio relazionale è costituito dalle percezioni soggettive e dalle relazioni umane, ed è uno spazio mutevole condizionato dalle contingenze, cioè dagli abitanti e dagli “oggetti” considerati; se un piano urbanistico preferisce favorire l’inserimento nei quartieri di non luoghi (centri commerciali) [“oggetto”] piuttosto che introdurre servizi mancanti quali piazze, biblioteche e teatri, è evidente che si condizionano gli stili di vita verso il consumo piuttosto che verso lo sviluppo umano. I nostri tratti culturali sono il frutto dei rapporti territoriali e se riusciamo a valorizzare i saperi locali creiamo valore, e possiamo migliorare il senso d’identità fino a creare una nuova regione bioeconomica.

Le famigerate Fonderie Pisano sono il problema di una vecchia zonizzazione, e mentre i Consigli comunali favorivano l’inurbamento delle abitazioni nella valle dell’Irno modificando le destinazioni d’uso dei suoli, i politici non consideravano gli effetti negativi delle attività produttive esistenti. Questo dimostra la miopia di una classe dirigente insensibile sui temi della sostenibilità. Quando i politici delocalizzavano il cementificio (oggi Italcementi) dalla foce del fiume Irno in zona periferica, si “dimenticavano” degli altri stabilimenti produttivi che troviamo in valle. La miopia dei politici fu quella di non scegliere di recuperare un’area storicamente sfruttata dall’industria mentre cresceva l’area urbana, per questo motivo confliggono attività produttive e abitanti a stretto contatto. In termini di variazione spaziale alcune aree salernitane, un tempo zone industriali/produttive sono diventate luogo di consumo, mentre altre restano abbandonate. Questa variazione spaziale è l’espressione di un riflesso pavloviano che mostra il mantra dominante: vendere, vendere, vendere; e che riproduce una regressione culturale largamente diffusa. La valle d’Irno dovrebbe diventare una bio regione urbana e dovrebbe essere una priorità per tutte le amministrazioni esistenti sul territorio. Così come l’area delle colline giffonesi e picentini con i comuni insediati nella piana del Sele, dovrebbero essere maggiormente valorizzati, e soprattutto è necessario progettare la rete di città che costituisce l’area urbana che gravita intorno a Salerno. Un’altra complicazione frutto della sottovalutazione e del non governo del territorio è l’attuale area ASI da molti anni compressa fra due aree urbane densamente abitate.

All’interno di questo sistema locale è auspicabile elaborare un lungo e articolato percorso di partecipazione teso a realizzare il primo piano intercomunale bioeconomico, dove emergono gli ambiti ecosistemici e funzionali, uno della valle dell’Irno e l’altro delle colline salernitane (i picentini). Per realizzare questo progetto bioeconomico sono necessarie tutte le risorse umane progettuali dei salernitani e non solo. Questo approccio semina un’incredibile e straordinaria opportunità di occupazione utile che va dalla valorizzazione delle risorse boschive e silvo-pastorali, artigiane, culturali e turistiche, fino all’innovazione tecnologica, si tratta di attivare un formidabile mix di tradizioni, identità culturali, ed efficienza energetica che stimola le migliori imprese che lavorano nel settore della sostenibilità, dell’agricoltura e della manifattura oltre che dei servizi intellettuali della progettazione.

[1] L’identità culturale agricola salernitana è un ambito produttivo in cui investire aumentando le attività eno-gastronomiche tipiche.

consumo-del-suolo
Consumo di suolo, fonte immagine: PRIN.

creative-commons

Annunci

2 pensieri riguardo “Un piano intercomunale bioeconomico”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...