Regimi feudali e cambio di rotta


Spesso ho preferito soffermarmi sul fatto che la società attuale è così iniqua, immorale poiché siamo noi cittadini a sostenere questo status quo, e non mi discosto da questa autocratica. E’ assolutamente vero che la nostra ignoranza e il nostro nichilismo sono le fondamenta dei nostri problemi, ma è altrettanto vero che la possibilità di ribaltare lo status quo risiede nel nostro cervello dotato di neuroplasticità. Negli ultimi tre secoli il capitalismo si è radicato nei nostri pensieri, ma abbiamo la capacità di elaborare nuovi schemi mentali (neuroplasticità) che rispecchiano una società diversa da quella attuale. Osservando la nostra società fondata su vizi e credenze obsolete possiamo attingere alla nostra coscienza e proporre nuovi paradigmi.

Soffermiamoci su alcune di queste credenze: i partiti. Il modello predominante è chiamato modello Easton (comportamentismo politico), cioè dotato di regolatori di accesso (gatekeepers) attraverso cui selezionare le domande che entrano nel sistema stesso, la scatola nera (black box) dove vengono prese le decisioni. I regolatori di accesso sono sia di tipo strutturale, i partiti, che culturale ossia l’insieme di quelle norme, regole e procedure che connotano la società politica (la televisione). Il flusso di domande così filtrato giunge alla black box (centro decisionale del sistema) dove operano tre componenti: la comunità politica, il regime, l’autorità. Oggi la manipolazione politica è più efficace poiché potenti algoritmi sono capaci di profilare gli utenti dei social media. Queste informazioni sono merce e sono vendute ai partiti, che assoldano altre aziende capaci di influenzare in maniera subdola ignari utenti dei social media, soprattutto chi soffre di ignoranza funzionale. Nella società feudale l’ignoranza era un’arma fondamentale per i sovrani.

Tale modello viene adoperato da tutti i regimi, compresi quelli non democratici, e nel corso degli ultimi anni le élite racchiuse nel WTO stanno favorendo e sostenendo un efficace processo di rifeudalizzazione della società tramite organizzazioni politiche autoritarie, la televisione, e l’istruzione. Esempi concreti sono presenti anche in Europa, è sufficiente osservare i partiti e sedicenti movimenti alternativi che usano il modello Easton con derive autoritarie. Ad esempio, si stanno sviluppando movimenti populisti con leader carismatici caratterizzati da un’ideologia non ben definita, con l’obiettivo di raggiungere una mobilitazione di massa, l’impiego di una politica di “paura” mista a ricompense, decisioni arbitrarie e l’assenza del pluralismo. Questi movimenti rientrano palesemente nei regimi autoritari poiché si caratterizzano sul pluralismo limitato e non responsabile, e l’assenza di un’ideologia ma con la presenza di una mentalità, ossia l’insieme di credenze, valori ed atteggiamenti “rivoluzionari” che vengono coltivati per giustificare e sostenere il leader ed il movimento stesso. Le nuove tecnologie informatiche sono ampiamente usate da certi movimenti, ma non per diffondere la democrazia, ma per consultare e testare la fede dei partecipanti e giustificare le scelte determinate dai regolatori di accesso nella black box (followership). Nella sostanza l’attuale panorama politico è fermo agli anni ’50 ed è regredito in oligarchie tecnologiche (Forza Italia, PD e M5S adoperano le stesse dinamiche e gli stessi strumenti).

Aristotele, Platone, Socrate, Machiavelli, Montesquieu, Bodin, Weber, Heidegger, Arendt potrebbero ridere e/o dispiacersi osservando la nostra società totalmente avvolta e travolta dal capitalismo, e regredita allo stato infantile per essere facilmente plasmata dalla pubblicità. Socrate e Platone sapevano benissimo che bisognava stare attenti a coloro i quali parlavano alla pancia del popolo, così com’è noto che solo la cultura ci consente di compiere scelte consapevoli, mentre l’etica è la guida delle scelte.

Uscendo dalla retorica dei demagoghi dovremmo focalizzare un fatto: l’élite che controlla e governa l’Occidente ha una sua ideologia: capitalismo, ed il suo contrario si chiama bioeconomia. La bioeconomia è soprattutto un’evoluzione del sistema produttivo che rispetta le leggi della natura consentendoci di prosperare; dunque è necessario costruire un movimento politico capace di rappresentare tale evoluzione. Un aspetto sottovalutato dal sistema, dallo status quo, è il dissenso consapevole che sta crescendo, cioè il cosiddetto partito del non voto che dovrebbe organizzarsi anziché lasciare indisturbata l’élite. Dissentire nei confronti di una società iniqua è corretto, ma è altrettanto fondamentale pensare un nuovo paradigma per costruire la società che desideriamo, in questa transizione è necessario sostituire le credenze basate su vizi e capricci, e introdurre un sistema di valori ben riconoscibili, chiari e basati su razionalità e diritti umani.

creative-commons

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...