Chi cerca trova


Il teatro della politica sta ancora “cercando” i soldi per far quadrare il bilancio dello Stato, nel farlo ruba ricchezza ai ceti meno abbienti (tasse e leva fiscale), cioè i lavoratori dipendenti che reggono la maggioranza della spesa pubblica non le imprese, basta leggere il bilancio per scoprire l’acqua calda.

Mentre il teatro della politica sta ancora “cercando”, sappiamo che le larghe maglie della finanza globale consente di occultare ingenti capitali ovunque si desidera farlo, basta creare un’associazione per delinquere composta da un banchiere, un broker, un commercialista, un politico, un giudice, un finanziarie ed imprenditore, ed il gioco è fatto.

Nel 2006 un tecnico della banca HSBC, Hervé Falciani, decise di trafugare una lista di correntisti fra i quali anche tanti italiani. Nel 2010 la lista fini nella mani di giudici francesi di Nizza, e poi trasmessa alla Procura di Torino, e trasmessa alla Guardia di Finanza. In questo modo si seppe dell’esistenza di 7 mila grandi evasori. Sono trascorsi tre anni per discutere se quella lista fosse utilizzabile o meno, questo è il senso di  giustizia dei dipendenti pubblici italiani (giudici e polizia giudiziaria), mentre i Governi spremono i lavoratori salariati. Non è un paradosso, ma è andata proprio così: mentre lo Stato è sorretto da lavoratori dipendenti che stanno perdendo la libertà (economia del debito, pressione fiscale, MES, fiscal compact), accade che i controllori pubblici (giudici e polizia giudiziaria) di fronte all’opportunità di affrontare e risolvere l’enorme disuguaglianza sociale ed economica prende del tempo per riflettere se perseguire gli evasori. Ci stanno ancora pensando! C’è persino chi, fra i giudici, chiede di distruggere la lista Falciani. C’è sempre chi da priorità all’etica ed al senso di giustizia! Intanto i Governi fanno crescere la disoccupazione e spremono i lavoratori, è giusto così!

impero_della_vergogna

Tutti i politici più avveduti sanno bene che il sistema è progettato per consentire ad un’élite agiata di conservare lo status quo (offshore leaks), mentre buona parte della cittadinanza chiusa in se stessa, apatica, egoista, con questi comportamenti, aiuta l’élite ad auto rigenerarsi mentre i lavoratori subiscono ingiustizie e furti a norma di legge. Il caso della lista Falciani è l’ennesimo esempio che il partito degli evasori ha sostenitori importanti, agiati e molto potenti, un partito trasversale senza separazioni di classe dal piccolo commerciante ai colletti bianchi dell’alta finanza. Non c’è alcun dubbio che il comportamento immorale dei colletti bianchi rappresenta un pericolo pubblico e sociale vista l’enorme quantità di denaro elusa ed evasa allo Stato, che oggi fa fatica a sostenere istruzione, sanità e servizi pubblici essenziali. Solo la lista Falciani stimava un’evasione di circa 5 miliardi, e tutte le altre banche estere? Ed i paradisi fiscali?

Se da un lato bisogna concentrare energie pulite, nuove, per combattere seriamente l’immoralità diffusa, da un altro bisogna costruire una società opposta a questa, per rendere il sistema immorale obsoleto, inutile e senza valore. Gli italiani onesti dovranno usare i propri risparmi per progettare, costruire e mostrare un sistema diverso fondato sulla cooperazione e la reciprocità che consente di produrre lavoro in impieghi virtuosi.

Annunci

Un pensiero riguardo “Chi cerca trova”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...