La trasparenza svela gli imbroglioni


I politici sono degli imbroglioni, quante volte lo abbiamo detto e pensato? Sono incoerenti, promettono e non mantengono. Quanti cittadini hanno piena consapevolezza su come viene amministrato il proprio Comune, la Provincia o la Regione? Secondo me, qui le cose si complicano e spesso noi cittadini dimostriamo tutta la nostra cialtroneria, condizionati dall’ambiente (media e partiti) e poco informati. Eppure misurare la qualità dei nostri politici è davvero “facile”, sembra assurdo, ma è proprio così, non abbiamo bisogno di nessun articolo giornalistico o scandalistico per capire seriamente come i politici spendono i nostri soldi (Corte dei Conti). Il sito dell’ISTAT offre numerosi documenti per capire la nostra società, e ci sono altri centri che periodicamente pubblicano report utilissimi, anche la Banca d’Italia pubblica relazioni annuali. E’ indubbio che la semplice lettura di queste analisi non sia sufficiente, ma per lo meno iniziamo a comprendere il linguaggio delle istituzioni, ed in una fase successiva sviluppare valutazioni e confronti con persone esperte, amici e conoscenti (scomposizione della realtà complessa e semplificazione), ed in fine costruire il personale bagaglio di conoscenze (ricomposizione della realtà complessa).

L’intero processo politico del Parlamento è pubblicato sul sito internet ufficiale, c’è tutto. L’associazione openpolis offre persino una propria valutazione con tanto di indicatori di prestazione dei parlamentari. In buona sostanza l’informazione c’è ed il cittadino interessato può controllare i propri dipendenti presenti in Parlamento facendosi la propria opinione libera e non filtrata. Il problema dell’Italia è che la maggioranza degli italiani sembra non volersi fare una propria opinione, ma accetta passivamente quella dei politici che votano, una vera contraddizione poiché i controllati (politici) condizionano i controllori (cittadini).

In ambito locale possiamo fare altrettanto. Secondo gli articoli 53 e 54 del D. Lgs del 7 marzo 2005 n.82 denominato codice dell’Amministrazione digitale i siti pubblici devono essere accessibili da tutti, anche dai disabili, reperibili, facilmente usabili, chiari nel linguaggio, affidabili, semplici, omogenei tra loro.

Per cominciare a fare politica con una certa consapevolezza esiste una strada molto semplice: accedere al bilancio pubblico del proprio Comune, e successivamente scaricare dal sito istituzionale il Piano Esecutivo di Gestione (PEG) poiché è lo strumento redatto dalla Giunta comunale rispetto alle linee programmatiche di mandato approvate dal Consiglio. Nel PEG sono indicati nomi dei dirigenti responsabili e le attività da svolgere, per aree tematiche, e si trova il Piano Dettagliato degli Obiettivi (PDO) per misurare la performance dei dirigenti pubblici tramite indicatori, temporali, qualitativi e quantitativi. Questi documenti: linee programmatiche di mandato, bilancio, PEG e PDO, sono pubblici e spesso si trovano on-line sul sito del proprio comune. Oggi esiste il Documento Unico di Programmazione (DUP) economica che ha durata triennale, e prevede all’interno il mandato e gli obiettivi. Infine esiste lo schema della struttura amministrativa, un diagramma che indica i settori dell’Amministrazione con i nomi dei dirigenti responsabili e loro posizioni organizzative (PO), cioè i funzionari responsabili che sono obbligati ad applicare il DUP. In questo modo i cittadini possono sapere come e dove sono state destinate le risorse pubbliche. Il cittadino elettore, partendo dalle linee programmatiche può agilmente confrontarle con gli obiettivi indicati nel PEG e nel PDO e fare una verifica di coerenza, promesse elettorale e attività dei dirigenti, poiché ciò che non c’è scritto nel PEG non si farà. Studiare questi documenti è il modo per misurare correttamente e nel merito il mandato elettorale dei dipendenti eletti, e proporre una verifica politica utile a valutare politici e dirigenti pubblici. Un funzionario pubblico è in grado di aiutare i cittadini nella lettura di questi documenti ed è sufficiente studiarli una volta per condividere lo schema di lettura di questi atti, e avviare un processo virtuoso di comprensione dei metodi della pubblica amministrazione utili a far funzionare un comune. Questo processo libero ed incondizionato è determinante per qualsiasi società veramente democratica. Immaginate per un attimo se una buona fetta dei cittadini facessero quanto descritto nei confronti del proprio Sindaco, credete che sarebbero tutti riconfermati? Ritengo che ci sarebbero diversi scompensi emotivi nella cittadinanza poiché molti dovrebbero rivedere le proprie convinzioni politiche, colti in fallo dalla propria ignoranza. La verifica politica più efficace è quella che associa l’azione amministrativa alla Costituzione italiana, credo che le sorprese sarebbe tante, per i cittadini e per gli amministratori.

Il processo sopra descritto è un passo determinante per avviare una buona verifica del mandato elettorale da svolgere a metà del mandato, e proporre revoca o conferma del mandato. In Italia la revoca del mandato non esiste. E’ necessario modificare il Testo Unico degli Enti Locali (Tuel) per introdurre questo importante strumento di controllo delle moderne democrazie rappresentative. Nel Tuel è doveroso introdurre l’obbligo di istituire anche gli strumenti referendari e di iniziativa affinché i cittadini senza alcun filtro possano deliberare direttamente.

Annunci

Un pensiero riguardo “La trasparenza svela gli imbroglioni”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...