La fine e l’inizio


Siamo a cavallo di un’epoca storica e stiamo assistendo a cambiamenti politici, sociali, culturali ed economici nuovi e straordinari. Una religione – neoliberismo – sta morendo, essa implode (PIL, petrolio, espansione monetaria) da sola mentre un’altra potrebbe nascere. Il clima di incertezza che vivono i popoli è direttamente proporzionale al loro grado di coscienza, più i popoli sono apatici e disinformati maggiore è l’insicurezza, più c’è resilienza minore è l’insicurezza con la possibilità di progettare nuove comunità. L’accesso a internet offre una straordinaria opportunità ai popoli connessi: conoscere le esperienze altrui e prevedere scenari a seconda del grado di conoscenze acquisite.

Qualsiasi cittadino europeo può conoscere in che modo la religione neoliberista ha distrutto paesi africani e sudamericani e come questi abbiano reagito a questa guerra, denominata globalizzazione.

Fino a qualche anno fa i cittadini subivano la disinformazione dei media tradizionali e grazie ad essi costruivano  la “propria” opinione.

L’inganno psicologico della creazione del valore dal nulla e l’invenzione dell’economia del debito frutto dell’usurpazione monetaria, la religione della crescita infinita e la produzione di merci inutili, la truffa aggravata delle borse telematiche e la combina con le agenzie di rating, l’insieme di legge immorali per rubare risorse naturali e distruggere le famiglie, ecco, l’insieme di queste scelte politiche sbagliate, e preparate a tavolino da un’élite degenerata, stanno mostrando gli effetti di una guerra contro i popoli.

Una maggioranza politica intellettualmente onesta e a servizio del popolo può intraprendere la strada legale del debito odioso. L’Italia può valutare l’azione legale nei confronti di chi ha truffato e rubato ricchezza al popolo sovrano e “congelare” il debito estero per negoziare la giusta somma da pagare.

Per intenderci ancora meglio, semplifichiamo e schematizziamo l’attuale sistema produzione lineare: 1. estrazione delle risorse – materia prima – 2. trasformazione e 3. vendita. Come suggerivano Soddy e Georgescu-Roegen, quando un sistema di produzione non tiene conto dell’entropia e la moneta viene artificialmente diffusa da regolamenti che ignorano la fisica è logico attendersi squilibri sociali, povertà e ricchezza. Questo sistema obsoleto e inefficiente, è imposto anche con l’uso della forza militare – accaparramento ed accumulo delle materie prime – e diffuso con l’aiuto di borse telematiche per produrre profitti artificiosi. Le multinazionali grazie alle maglie larghe dei sistemi fiscali non pagano tasse, o versano percentuali ridicole (globalizzazione). Gli Stati (scuole, ospedali, ambiente, beni culturali) sono mantenuti dalle tasse dei lavoratori dipendenti, molto meno dalle imprese, mentre le società transnazionali violando i diritti umani sprecano risorse finite distruggendo gli ecosistemi. Queste SpA scambiano ricchezze per trasferirle nei paradisi fiscali utili a pagare campagne elettorali, e sostenere le famiglie delle oligarchie partitiche (destra e sinistra = divide et impera).

In estrema sintesi, le comunità dovranno immaginare e ripartire dal basso costruendo reti intelligenti di economie reali: cibo (sovranità alimentare), tessile, mobilità intelligente e autoproduzione di energia con fonti alternative.

La migliore soluzione politica è uscire dall’economia del debito, uscire dall’obsoleta competitività – avidità – per entrare nella cooperazione. Riprendersi la sovranità monetaria e realizzare l’autosufficienza energetica cancellando gli sprechi; progettare con ecoefficienza; diventare produttori e consumatori e gestori diretti dei beni comuni; applicare la prevenzione primaria sanitaria e del territorio realizzando interventi per ridurre il rischio idrogeologico e sismico; avviare le bonifiche dei siti inquinati e riciclare tutte le merci non utilizzate; iniziare una riconversione delle trasformazioni energetiche nel settore industriale così l’Italia potrebbe diventare il giardino d’Europa; sostituire tutti i motori a combustione con quelli elettrici e ridurre il parco auto; riqualificare energeticamente l’intero patrimonio edilizio esistente e realizzare reti intelligenti (smart grid).

L’insieme delle sfide socialmente utili sopra descritte è cosi ampio che non solo è paradossale pensare di essere in crisi di idee, ma dovrebbe far riflettere su una piccola ovvietà: la crisi è un’invenzione del pensiero dominante per sottrarre altra sovranità ai popoli e consegnarla ad un oligarchia di poteri senza coscienza, oggi ben rappresentata nell’Unione Europea.

Hans Magnus Enzensberger: «Come ai tempi dei vecchi regimi coloniali, questi burocrati si chiamano Governatori e, allo stesso titolo dei Direttori delle banche centrali, non sono affatto obbligati a giustificare davanti alla pubblica opinione le loro decisioni. Al contrario, loro sono espressamente vincolati al segreto. Ciò che ricorda molto il principio dell’omertà, ossia quel codice d’onore a cui la mafia ubbidisce. I nostri “Padrini” europei sono quindi oggi politici sottratti ad ogni controllo giuridico e ad ogni istanza legale. Anzi, godono ormai di un privilegio che non spetta neanche a un boss della camorra: e cioè, l’assoluta immunità giuridica (così almeno è scritto negli articoli 32 bis 35 del Trattato-Esm).» (in L’Espresso, 30 agosto 2012, pag.34)

Annunci

4 pensieri riguardo “La fine e l’inizio”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...