Ripensare la ricchezza


Il concetto di ricchezza che si è diffuso nella nostra società è senza dubbio obsoleto e fuorviante e il Movimento per la Decrescita Felice da anni si batte affinché anche nel nostro paese inizi un dibattito ampio e diffuso per cambiare paradigma culturale. Finalmente dopo decenni di dibattiti, contrasti e litigi, anche in Italia, nel silenzio del mainstream, l’Istat e il Cnel stanno dando informazioni e risultati sui “nuovi” indicatori applicando “nuovi” parametri e criteri di valutazione.

E’ molto prabibile che ogni cittadino riconosca che i soldi non rappresentano la reale ricchezza, leggendo anche i primi risultati che considerano lo stato di salute l’indicatore più rivelante. L’importanza delle dimensioni del benessere per i cittadini, novembre 2011.

I primi risultati sono davvero confortanti poiché ci informano circa l’opinione del “pensiero collettivo” su tanti temi trascurati dai media. I cittadini pensano in maniera diversa dai loro governanti e usano parole diverse dal mainstream. Sembra che i cittadini siano più concreti e più semplici, nel senso che badano più agli aspetti quotidiani dei bisogni reali piuttosto che alle preoccupazioni dei mercati finanziari. Bhè, queste ipotesi sarebbero state semplici da individuare, ma il Benessero Equo e Sostenibile (Bes) ci conforta poiché finalmente ci da informazioni importanti su ciò che conta veramente per gli esseri umani. Finalmente si discute di vera politica, della polis.

In fine è molto importante apprendere che numerosi Comuni stanno rilanciando l’iniziativa del Bes e queste scelte politiche sono determinanti per avviare il cambio di paradigma culturale poiché dal basso si incomincia a dare peso e valore a iniziative che antepongono i diritti all’inutile finanza virtuale, così come prescrive la nostra Costituzione.

E’ noto che gli indicatori attuali, PIL, espansione monetaria e  petrolio, sono del tutto inadeguati e sbagliati e che i “mercati” usano tali strumenti come arma di ricatto per controllare e opprimere i popoli. E’ altrettanto noto che i “nuovi” indicatori, se fossero sinceramente, impiegati e considerati, mostrerebbero una società molto diversa col fine di ridistribuire la reale ricchezza applicando un minimo di giustizia sociale; oggi, ahimé, assente.

3 pensieri riguardo “Ripensare la ricchezza”

  1. […] La felicità dipende da vari fattori: concentrarsi su ciò che abbiamo, piuttosto su ciò che non abbiamo. Autostima e disporre delle abilità necessarie per avere successo nel proprio ambiente. Fare una vita materiale semplice e quindi competere poco uno con l’altro. Passare più tempo a fare ciò che ci piace e migliorare le relazioni con amici e familiari. Se l’attuale sistema istituzionale, sociale e politico ha regole che impediscono di esser felici è lecito cambiare tale sistema per adeguarlo ai fattori che creano la felicità. Share this:Like this:Mi piaceBe the first to like this. […]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...