MDF a Parma


Parma, alla presentazione del circolo territoriale Movimento per la Decrescita Felice (MDF) sono intervenute circa cento persone, la sala era piena. Siamo molto soddisfatti della pronta partecipazione e soprattutto dell’interesse del pubblico manifestato anche con una discreta permanenza e disponibilità al dialogo per avviare un percorso condiviso sui progetti suggeriti dai vari relatori: Pallante, Boschini, Dal Monte.

Come accennato durante la presentazione ufficiale il circolo punta molto sulla partecipazione attiva dei cittadini. Il circolo di Parma propone di avviare un processo di transizione energetica e questo può accadere anche attraverso metodi e strumenti di partecipazione. Intendiamo mettere in rete la realtà parmense dei GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) inventati proprio in provincia di Parma per un’ efficace approccio all’acquisto consapevole anche per mezzo della riscoperta dei mercati con l’uso dello SCEC. Intendiamo valorizzare le associazioni del territorio che adottano la filosofia del saper fare, in linea con l’Università ideata dal gruppo di Torino.

Una città in transizione adotta linee e condotte politiche per avere un impatto zero, cioè transitare dalla dipendenza del petrolio, che sta finendo, alla fonti energetiche rinnovabili. Questo significa avviare un cambio di paradigma culturale, quello consigliato da MDF. Molte comunità nel mondo, consapevoli del “picco del petrolio“, stanno già avviando questo cambiamento.

E’ previsto un secondo evento per il 21 maggio sul tema dell’uso razionale dell’energia e può essere l’occasione di avviare un dialogo partecipativo, cooperativo con la cittadinanza e le istituzioni col fine creare nuove forme di occupazione ed avviare l’indotto di professioni virtuose. Potranno beneficiarne tutti, primi i cittadini pagando bollette energetiche più giuste, prive degli sprechi attuali dovuti a volumi costruiti obsoleti.

Seguiranno corsi del circolo sulle buone pratiche amministrative ed altri eventi per la diffusione e la conoscenza di nuovi metodi e dinamiche di gruppo (Open Space Technology) col fine di raggiungere obiettivi in maniera sempre più efficace e creativa.

Il circolo punta non solo alla proposizione di soluzione etiche ma alla partecipazione reale dei cittadini per costruire una società migliore, come abbiamo suggerito dal titolo per vivere da esseri umani.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...